Clicks6.5K

«Cosa dobbiamo fare adesso?» – Viganò risponde ad un urgente appello

Carissimi Stilumcuriali, Come vi ricorderete Pezzo Grosso ha rivolto una lettera aperta a mons. Carlo Maria Viganò, chiedendogli: che cosa dobbiamo fare, in questi tempi così difficili per la Chiesa e la fede? Ecco la risposta. Buona lettura.

* * *

15 Giugno 2020

Caro Tosatti,

ho letto con interesse l’Appello che Pezzo Grosso mi ha rivolto dalle pagine di Stilum Curiae. Trattandosi di una questione molto grave, che sta giustamente a cuore e preoccupa molti Suoi lettori, mi affretto a rispondere.

La risposta che si impone immediatamente al mio animo è quella che troviamo nel Vangelo: “Estote parati, quia nescitis diem, neque horam” (Mt 24, 44). Dobbiamo essere preparati non solo alla venuta del Figlio dell’uomo, ma anche alla prova che la precederà e che ci obbligherà a scegliere da che parte stare: o con Cristo, o contro Cristo.

Se è vero che “Colui che bada al vento non semina mai e chi scruta le nuvole non miete” (Eccle 11, 4), è altrettanto vero che il tempo a nostra disposizione non ci permette di attendere né che cali il vento, né che le nubi che offuscano la Chiesa si diradino, se vogliamo seminare un po’ di bene e raccoglierne il frutto, con la grazia di Dio. Possiamo comportarci come le vergini prudenti: attendere con le lampade accese la venuta dello Sposo – con le lampade della Fede e della Santa Messa, dei Sacramenti e della preghiera. Le vergini stolte, che non si preoccupano di alimentare le loro lampade con l’olio della vita di grazia e della virtù, troppo tardi scopriranno di non poter andare incontro al Signore che viene.

Un’altra cosa importante è saper decifrare quello che sta accadendo in questo momento storico. Dobbiamo imparare a conoscere e valutare i fatti, non soltanto presi in se stessi come singole tessere, ma anche nella loro collocazione nel mosaico complessivo che, alla luce della Fede, ci permette di scoprire l’intero disegno.

Decenni di parole inflazionate che hanno enfatizzato una generica dimensione escatologica dell’esistenza, trascurando la predicazione sui Novissimi, non ci hanno certo preparato a fronteggiare la prova finale, lasciandoci impreparati a difenderci dal nemico, e persino nell’incapacità di riconoscere lui e i suoi subdoli inganni. Alle vuote frasi di chi cerca di circuirci, opponiamo con ferma determinazione le parole eterne del Verbo di Dio contro le quali si schiantano i discorsi politically correct delle vergini stolte. Secondo alcuni, quella del Vangelo è una visione semplicistica che fa orrore a chi, amando il mondo e la sua mentalità falsa e ipocrita, non può amare il Signore, Verità sfolgorante che non ammette deroghe, divisiva come lo è la luce rispetto alle tenebre, il bene rispetto al male.

Impariamo a chiamare le cose con il loro nome, con semplicità e pacatezza; smettiamola di assecondare per quieto vivere le illusioni di chi ci parla di tolleranza e accoglienza solo quando si tratta di far spazio all’errore e al vizio; smettiamola di far nostre le parole magiche come dialogo, solidarietà e libertà, che nascondono l’inganno dell’avversario e celano lo sfruttamento, la tirannide e la persecuzione dei dissenzienti.

Siamo Cristiani, parliamo la lingua di Cristo! “Sia il vostro parlare: Sì, sì. No, no. Il resto viene dal Maligno”. Ci troviamo in guerra contro un nemico che vuole persino decidere le armi con cui eventualmente possiamo resistergli. Lo abbiamo lasciato penetrare fino a profanare i nostri altari, i sacramenti, la SS.ma Eucarestia! Le regole ci sono state imposte per favorire spudoratamente la parte avversa. È venuto il momento di rifiutarci di accettare questa oscena invasione e quanto rende impossibile qualsiasi azione efficace da parte nostra per cacciarlo fuori!

Ecco, la prima cosa da fare è avere la consapevolezza di essere in guerra contro il mondo, la carne e il diavolo. In questa guerra non possiamo rimanere neutrali, né negarla, né tanto meno schierarci col Nemico. Ci troviamo nell’assurda situazione in cui lo stesso nostro comandante pare rifiutarsi di guidarci, anzi sembra quasi flirtare con l’avversario, additandoci come nemici della concordia e fomentatori di scismi, mentre i nostri generali si alleano con l’avversario e ordinano alle truppe di deporre le armi. È evidente che, senza l’aiuto di Dio, cade ogni speranza. Eppure dobbiamo combattere, essere pronti, tenere le lampade accese e i fianchi cinti, certi che con Cristo abbiamo già vinto. Tutto quello che possiamo fare – la preghiera, specialmente il Santo Rosario, la fedeltà ai propri doveri di stato, le responsabilità verso le persone a noi affidate, la testimonianza di Fede e di Carità, l’impegno sociale – si deve attuare secondo le possibilità di ciascuno e conformemente a quanto la Provvidenza avrà voluto disporre. Lasciamoci guidare con totale fiducia dal Signore e comprenderemo cosa ci è richiesto, giorno dopo giorno, momento per momento.

Con Pezzo Grosso riprendo la bellissima Oratio universalis di Clemente XI: Redde me prudentem in consiliis, constantem in periculis, patientem in adversis, humilem in prosperis. Rendimi prudente nei consigli, forte nei pericoli, paziente nelle avversità, umile nella riuscita. Discam a Te quam tenue quod terrenum, quam grande quod divinum, quam breve quod temporaneum, quam durabile quod aeternum. Che io impari da Te quanto è fragile ciò che è terrestre, quanto è grande ciò che è divino, quanto breve ciò che accade nel tempo, quanto durevole ciò che è nell’eternità.

+ Carlo Maria Viganò

Fonte:

www.marcotosatti.com/…/vigano-che-fare…
Carlo D.A.
A.M. Io sono completamente vicino alla linea di pensiero, a quanto pubblica e ai contenuti sempre sostenuti , dal carissimo Don Carlo Maria Viganò.... Che il Signore lo benedica, lo protegga sempre e in ogni sua cosa !. Carlo D.A. 😇
Benedetto 69
Che Dio Benedica Mons. Viganò
Pietro da Cafarnao
Siamo giunti alla separazione dei figli delle tenebre e dai figli della luce. E guardate tale separazione non la fa Gesù Cristo, ma noi stessi, con le nostre azioni quotidiane. Poi noi che laviamo le nostre vesti "nel sangue dell'Agnello" attraverso del sacramento della S.Confessione, realmente pentiti dei nostri peccati, ci possiamo presentare al Banchetto alla vita eterna, ma chi ha imbrattato …More
Siamo giunti alla separazione dei figli delle tenebre e dai figli della luce. E guardate tale separazione non la fa Gesù Cristo, ma noi stessi, con le nostre azioni quotidiane. Poi noi che laviamo le nostre vesti "nel sangue dell'Agnello" attraverso del sacramento della S.Confessione, realmente pentiti dei nostri peccati, ci possiamo presentare al Banchetto alla vita eterna, ma chi ha imbrattato le proprie vesti e non le purifica nel sangue dell'Agnello non può degnamente presentarsi davanti a Dio. La conoscete quella Parabola di Gesù in cui radunate le persone ai crocicchi delle strade, di ogni categoria sociale di persone, se ne presenta una che non ha la veste adatta. È stata buttata nelle tenebre. Fate voi i conti che due operazioni occorre fare: essere figli della luce, seguendo in tutto l'insegnamento del Vangelo e avvalersi dei sacramenti, in modo particolare del sacramento della S.Confessione, ben sapendo che un cuore puro e ben vigile, è attento anche a non procurar offese a Dio nel Santissimo Sacramento.
manto di maria
Un dono del Signore nostro Dio SS Trinità ♰🙏
SoniaDm
Dio benedica grandemente monsignor Viganò e con lui tutti coloro che senza timore testimoniano la bellezza di essere cristiani
MoSa75
Per non schierarci col nemico non dovremmo partecipare alle messe Una Cum, non fare la comunione ne confessione perché è tutto una truffa visto che il papa non é bergoglio mammamia che caos🙏🙏🙏madonnina aiutaci
emilia maria
Dio Benedica Monsignor Viganò ,tutti i sacerdoti e tutti gli uomini di buona volontà e ci liberi da i suoi e nostri nemici
ANNACARMELA
Che ci continui a guidare visto che chi ne era stato deputato ha abdicato al suo ruolo di pastore e ha fatto si che lo facessero anche tanti, troppi sacerdoti e consacrati. Amen!
Sirio
Sempre limpido e chiaro...non si può non capire o fraintendere. Anche un bambino potrebbe ascoltare e trarre conseguenze.