Clicks1.7K

Riflessione con domande

Scrivo qui su gloria.tv per porre qualche semplice domanda. Se ci fosse qualcuno in grado di darmi risposte convincenti sarei felice di “ascoltarlo”.

Come può Jorge Mario Bergoglio essere considerato Papa quando anche il Catechismo ricorda che «Il Magistero ordinario e universale del Papa e dei vescovi in comunione con lui insegna ai fedeli la verità da credere, la carità da praticare, la beatitudine da sperare» (CCC, n. 2034)?
J. M. Bergoglio insegna forse la verità da credere? Insegna forse la carità da praticare e la beatitudine da sperare?
Ricordo che, al di là delle tante oggettive bestemmie proferite in vari discorsi e omelie, il “vescovo vestito di bianco” avrebbe firmato a nome della Chiesa Cattolica la dichiarazione apostata di Abu Dhabi; avrebbe cambiato la dottrina della Chiesa a riguardo della pena di morte, facendo così passare la Chiesa per crudele avendo insegnato per secoli ad attentare «all’inviolabilità e dignità della persona» (CCC n. 2267 modificato); avrebbe cambiato la morale cattolica (Amoris laetitia docet); avrebbe stabilito che la Messa tridentina non sarebbe espressione della lex orandi del Rito Romano.
Per non parlare di tanti altri “piccoli” cambiamenti che stanno “destrutturando” l’edificio cattolico. Ma che senso avrebbe, giusto per fare un paio di esempi, introdurre la lavanda dei piedi a donne e per di più non cattoliche? Da quando in qua i non cattolici possono partecipare ai santi misteri? E che senso avrebbe la novità del voto di un laico al sinodo dei vescovi?
Quindi, anche volendo soprassedere qui sul fatto che abbiamo due Papi e alla inevitabile domanda sul come possa essere questo possibile, come può essere riconosciuto Bergoglio come Principio di unità nella fede e celebrare senza problemi in comunione con lui?
E poi, abbiate pazienza, ma come fate a pregare il Signore con una preghiera diversa da quella che lui stesso ci ha insegnato? Come potete pensare che questo possa essere qualcosa che gli sia gradito? Tra l’altro, permettersi il “lusso” di non pregarlo affinché non ci metta alla prova proprio nel momento in cui già siamo particolarmente e duramente sotto pressione non è forse da masochisti? Come si può sperare in tal modo di uscirne vittoriosi?
Io apprezzo generalmente gli scritti e le dichiarazioni di personalità come il card. Burke o mons. Schneider, ma non capisco come si faccia a non capire che alcune soluzioni proposte sono anch’esse moderniste/relativiste. Faccio un esempio: ho letto qualche tempo fa il bel volume di mons. Schneider dal titolo Christus vincit. Ebbene, le sue riflessioni ed analisi sono a mio avviso ottime e confesso di aver provato gioia nel “sentire parlare” così un vescovo oggi.
Ma ad un certo punto, a proposito del cambiamento del catechismo a riguardo della pena di morte, afferma che «non c’è dubbio che un futuro successore di papa Francesco o un futuro Concilio Ecumenico correggeranno questo drastico cambiamento dell’insegnamento costante della Chiesa» (p. 230).

E allora io mi chiedo e vi chiedo: a parte il fatto che sarebbero ormai parecchie le cose da correggere, ma non è questo un pensare relativista? In questo modo, infatti, la verità insegnata dalla Chiesa cambierebbe a seconda di chi sia il Papa. E allora perché io fedele non potrei pensare che un domani un altro Papa o Concilio Ecumenico possa legittimamente cambiarla di nuovo?
In altre parole, a me fedele chi mi assicura oggi di quale sia la verità da credere? Tanto più che viene detto esplicitamente che la Chiesa è indietro di duecento anni e solo ora sta iniziando finalmente a recuperare...
A volte si sente dire che anche Pietro ha rinnegato il Signore. Vero, ma quando Pietro rinnega il Signore non è ancora nata la Chiesa. Quest’ultima, di cui “Pietro” è il capo visibile, nasce soltanto a Pentecoste quando gli stessi apostoli sono rivestiti di forza per iniziare la predicazione apostolica. La Chiesa, infatti, è concepita all’Annunciazione ma si forma lentamente e soltanto il Giovedì Santo è completa nella sua “struttura”. Come anche lei ben sa, è il Giovedì Santo che viene istituito il sacerdozio.
Prima di Pentecoste la Chiesa è dunque ancora in formazione e in essa le sue fondamenta. Che senso ha, pertanto, parlare del comportamento di Pietro prima di tale evento?
Prima di Pentecoste lui e gli altri apostoli erano sbarrati in casa per paura. «Avrete forza dallo Spirito Santo - dice loro Gesù dopo essere risorto - che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra» (At 1,8). Dice: «mi sarete».
Ho anche letto la giustificazione secondo la quale l’assistenza speciale di cui gode il Sommo Pontefice (cf. CCC n. 892) vale «a condizione che il destinatario, chiunque sia, non opponga resistenza». Ma se così fosse, dove sarebbe allora il carattere speciale di questa assistenza? Tanto varrebbe dire che non ha un’assistenza speciale.
Simili giustificazioni e il pressoché totale silenzio dei vescovi sull’impostura in corso è per me più sconcertante del comportamento stesso di J. M. Bergoglio.
Ma allora, ecco la mia riflessione, come spiegare teologicamente la situazione che stiamo vivendo?
Provo qui ad offrirne una possibile lettura. Noi sappiamo, e il CCC lo ricorda al n. 677, che la Chiesa «entrerà nella gloria del Regno» seguendo «il suo Signore nella sua morte e Risurrezione». D’altronde, se la Chiesa è il Corpo Mistico di Cristo non può non seguire il Capo. Anche la Chiesa dovrà dunque morire.
Ma cos’è la morte?
La morte è la separazione dell’anima, che è il principio di unità, dal corpo (cf. CCC n. 366). Ora, in Gesù di Nazareth, in quanto uomo, mai la Persona divina del Figlio si è separata dall’uno e dall’altro (cf. CCC, n. 626) e così anche la Chiesa non sarà mai priva dello Spirito Santo, che è «come l’anima del Corpo Mistico, principio della sua vita, dell’unità» (CCC, n. 809). Ma come in Gesù di Nazareth l’anima si è separata dal corpo facendogli perdere la visibile unità, in modo analogo anche la Chiesa sarà chiamata a perdere per qualche tempo l’unità visibile.

Ma chi è nella Chiesa principio visibile di unità?
Principio visibile di unità è appunto il Papa. Egli «vescovo di Roma e successore di san Pietro, “è il perpetuo e visibile principio e fondamento dell’unità sia dei vescovi sia della moltitudine dei fedeli” (LG 22)» (CCC, n. 882)
La morte della Chiesa potrebbe dunque essere data proprio dal ritrovarsi costituita per “breve” tempo da membra (piccoli gruppi) sparse e in qualche modo scollegate tra loro, isolate, seppellite in vari “sepolcri”, ma non prive della linfa divina e perciò unite nel loro rimanere fedeli al vero Magistero della Chiesa.
Tale situazione catacombale terminerà nel momento in cui, in modo analogo al Capo, ci sarà la risurrezione e l’ingresso «nella gloria di Dio» (CCC. n. 656).

un sacerdote già nelle catacombe
AvisObservans
E allora teniamoci Papa Benedetto. L'unica scelta logica.
Giorgio Tonini
Fra pasqualino è molto permaloso e vendicativo: mi ha bloccato solo perché all’Omelia dell’Assunta gli avevo chiesto di commentare il Magnificat invece di ripetere cose arcinote sull’Assunta. Non dovrebbe essere il modo di fare di un frate.
Joshua.
@padrepasquale
Profezia di Isaia 56, 10-12 riguardo ai Pastori è sempre attuale. Guardate agli scandali nella chiesa: pedofilia, corruzione nelle alte sfere. Soldi investiti nelle operazioni finanziarie da parte dei più stretti collaboratori di Bergoglio. Riguardo ai pastori Isaia:
"I suoi guardiani sono tutti ciechi,
non si accorgono di nulla.
Sono tutti cani muti, incapaci di abbaiare; sonnec…More
@padrepasquale
Profezia di Isaia 56, 10-12 riguardo ai Pastori è sempre attuale. Guardate agli scandali nella chiesa: pedofilia, corruzione nelle alte sfere. Soldi investiti nelle operazioni finanziarie da parte dei più stretti collaboratori di Bergoglio. Riguardo ai pastori Isaia:
"I suoi guardiani sono tutti ciechi,
non si accorgono di nulla.
Sono tutti cani muti, incapaci di abbaiare; sonnecchiano accovacciati,
amano appisolarsi.
Ma tali cani avidi, che non sanno saziarsi, sono i pastori incapaci di comprendere.
Ognuno segue la sua via, ognuno bada al proprio interesse, senza eccezione.
«Venite, io prenderò vino e ci ubriacheremo di bevande inebrianti.
Domani sarà come oggi; ce n'è una riserva molto grande».
padrepasquale
Perché parlare di morte della Chiesa? La Chiesa è viva, nonostante tutte le persecuzioni. E Papa Francesco la guida con sapienza. Tanti interrogativi e perplessità semplicemente non li condivido, perché inconsistenti.
warrengrubert
@padrepasquale Perché il discepolo non è più grande del maestro.
Il ccc al numero 675 parla dell'ultima tentazione della chiesa
L'ultima prova della Chiesa. (643) Cf Ap 13,8. (644) Cf Ap 20,7-10. (6…
Come non vedere questa tentazione in atto?
Come non vedere in Francesco un falso pastore?
Le domande fatte da @Dio è tutto sono le domande che molti fedeli si fanno e che da tempo ho smesso di …More
@padrepasquale Perché il discepolo non è più grande del maestro.
Il ccc al numero 675 parla dell'ultima tentazione della chiesa
L'ultima prova della Chiesa. (643) Cf Ap 13,8. (644) Cf Ap 20,7-10. (6…
Come non vedere questa tentazione in atto?
Come non vedere in Francesco un falso pastore?
Le domande fatte da @Dio è tutto sono le domande che molti fedeli si fanno e che da tempo ho smesso di porle ai sacerdoti, visto che le risposte più gentili erano solo un invito a fidarsi di Francesco... Fideismo puro!
La risposta che mi sono dato è quella del catechismo al numero 675, con il vat.II la chiesa è caduta in pieno in questa tentazione avendo posto l'uomo al centro e relegato (anche materialmente, basta vedere nelle chiese lo scempio fatto ai tabernacoli relegati in anfratti defilati come sgabuzzini) Cristo ad una comparsa, accessorio non indispensabile nella vita dell'uomo.
Risultato inevitabile è l' okkupazione della chiesa da parte dei traditori modernisti che hanno in Francesco un papa secondo i loro piani per demolire la chiesa cattolica.
N.S.dellaGuardia
Non vi è più cieco e sordo di chi non vuol vedere né sentire... il problema è quando ciechi e sordi sono i cosiddetti "pastori" o coloro che dovrebbero essere "guide"...
N.S.dellaGuardia
Buongiorno Padre
Mi permetto di aggiungere poche riflessioni, a quelle già riccamente esposte:
- bergoglio e le Cose Sacre, la Santa Messa, la Santa Eucarestia, la Santissima Trinità, Maria Santissima Nostra Madre, i Sacramenti, le Pie devozioni. La sua azione primaria è di riduzione: sminuire, ridurre (con la scusa del semplificare o avvicinare), quando non modificare agendo con superficialità …More
Buongiorno Padre
Mi permetto di aggiungere poche riflessioni, a quelle già riccamente esposte:
- bergoglio e le Cose Sacre, la Santa Messa, la Santa Eucarestia, la Santissima Trinità, Maria Santissima Nostra Madre, i Sacramenti, le Pie devozioni. La sua azione primaria è di riduzione: sminuire, ridurre (con la scusa del semplificare o avvicinare), quando non modificare agendo con superficialità e presunzione, quindi senza averne le necessarie competenze né in materia di conoscenze, né di ispirazione, né lui né chi dovrebbe consigliarlo.
- Il carattere di divisione quando non di vendicatività della maggior parte delle sue azioni o dichiarazioni "pastorali", segno di qualcuno che oltre a non avere lo spessore morale adatto, non ha proprio le qualità umane che nessun datore di lavoro approverebbe per un ruolo di guida e comando, figuriamoci lo Spirito Santo...
- l'accelerazione che le forze al soldo di satana hanno impresso alla loro ostentazione e messa in atto del potere, sono accompagnate dalla scomparsa dell'unica fonte di resistenza spirituale sulla terra, la Chiesa Cattolica, causata in gran parte dall'azione negativa o totalmente assente, quando non di dialogo o collaborazione (fiancheggiamento?), dei suoi pastori, in primis colui che dovrebbe esserne il capo in terra.
Tutto ciò sulla scia delle scellerate rivoluzioni impresse dalla fase postconciliare. Che ai nostri giorni sta avendo pieno compimento.
Veritasanteomnia
E a tutto questo aggiungerei che costui non crede alla Divinità di Cristo, come ha detto coram populo, affermando che nelle vene di Gesù scorre sangue pagano. Non è difficile capire chi sia realmente, egli stesso, irridente, fa di tutto per rammentarlo
ILDEGARDA .
Aggiungo altre domande..
Perché su Radio Maria si cambiano le parole del padre nostro e perché non ho mai sentito bergoglio pronunciare sia lodato Gesù Cristo?
Perché Mattarella parla al meeting come i Cattolici si è convertito lui o il meeting di Rimini si è convertito al mondo?
Veritasanteomnia
Non riesce a fare nulla che possa dar lode a Cristo: mai lo si è visto in Adorazione del Santissimo Sacramento
Veritasanteomnia
"Chi è l'anticristo se non colui che si oppone a Cristo?"
Joshua.
Pastore-idolo che interpretando, cambia la stessa Parola di Dio. O falso profeta. Quanti ne sentiamo dal pulpito: ne dicono magari 7 di buone, ma ne aggiungono 3 di cattive fuorvianti la gente. Non è perché si sbagliano a proferirle. Noo. È perché loro invece di chiarire e portare la Verità nei credenti, generano confusione, divisione. La parola diavolo deriva dal greco dia-ballo. "Ballo" in …More
Pastore-idolo che interpretando, cambia la stessa Parola di Dio. O falso profeta. Quanti ne sentiamo dal pulpito: ne dicono magari 7 di buone, ma ne aggiungono 3 di cattive fuorvianti la gente. Non è perché si sbagliano a proferirle. Noo. È perché loro invece di chiarire e portare la Verità nei credenti, generano confusione, divisione. La parola diavolo deriva dal greco dia-ballo. "Ballo" in greco significa gettare e "dia" è una preposizione che significa dividere, seminare odio e confusione.
Infatti la divisione è dovuta a una diversa interpretazione della Parola di Dio, che genera due gruppi di credenti: i fedeli a Cristo e all'insegnamento della Chiesa e coloro che seguendo le interpretazioni dei cattivi pastori, accettano gli errori dottrinali profusi apposta.
Joshua.
Intervengo qui non come canonista ed esperto in diritto, di cui non ho competenza, ma come uno che adopera la logica, la morale.
Sappiamo dalla storia che vi fu un Papa indegno nei comportamenti e nelle azioni, che fu destituito da un imperatore che convocò un concilio. Qui abbiamo un papa che molto probabilmente per via della mafia di S.Gallo si dovrebbe almeno giudicare il suo operato. Credo …More
Intervengo qui non come canonista ed esperto in diritto, di cui non ho competenza, ma come uno che adopera la logica, la morale.
Sappiamo dalla storia che vi fu un Papa indegno nei comportamenti e nelle azioni, che fu destituito da un imperatore che convocò un concilio. Qui abbiamo un papa che molto probabilmente per via della mafia di S.Gallo si dovrebbe almeno giudicare il suo operato. Credo che anche un gruppo di cardinali, anche se non fossero maggioranza potrebbero invocare un Concilio in forza sia del sospetto di accordi invalidi prima del Conclave, fatto grave anche il solo sospetto. Sospetto suffragato anche dal fatto che Bergoglio stesso non ha mai affrontato l'argomento. Secondo punto per la convocazione vi sono anche tutti i motivi addotti dal sacerdote, precisando le eresie presenti in Amoris Laetitia, che con l'Eucaristia e l'Assoluzione data da un sacerdote a una persona che convive con una concubina , di fatto s'invalidano tre sacramenti: matrimonio, confessione, Eucaristia. I porporati non si rendono conto della gravità delle azioni e degli scritti di Bergoglio nella Chiesa, ma se non convocano un Concilio mentre sono ancora in vita sono corresponsabili con la Pastorale di Bergoglio, con i documenti da lui emanati, con le nomine di vescovi e cardinali da lui operate, con la distruzione della Chiesa, anche se non in toto, perché una parte sopravvivera', grazie ai suoi consacrati al Cuore Immacolato di Maria, pur nelle catacombe, aspettando il suo completo rinnovamento, quando il Signore interverrà a far precipitare i potenti dai troni e ad innalzare i veri apostoli, umili (Magnificat di Maria) e devoti servi di Cristo e del suo Regno d'Amore.
Giorgio Tonini
Il papa deve essere al servizio di Cristo e della Chiesa. Non è Cristo che appartiene al papa o alla Chiesa, ma sono il papa e la Chiesa che appartengono a Cristo, quindi a Lui devono uniformarsi. Esercitando questo servizio, il papa deve sempre inserirsi perfettamente nel solco della Tradizione, senza creare fratture o discontinuità. Parlando a titolo personale, a braccio, esprime solo una sua …More
Il papa deve essere al servizio di Cristo e della Chiesa. Non è Cristo che appartiene al papa o alla Chiesa, ma sono il papa e la Chiesa che appartengono a Cristo, quindi a Lui devono uniformarsi. Esercitando questo servizio, il papa deve sempre inserirsi perfettamente nel solco della Tradizione, senza creare fratture o discontinuità. Parlando a titolo personale, a braccio, esprime solo una sua opinione personale, non la posizione della Chiesa (“…Chi sono io per giudicare?…”.). Nel suo servizio, il papa ha dei vincoli precisi: non può modificare la morale e la dottrina: può solo dare una sua interpretazione su fatti o avvenimenti attuali ponendo l’accento ora su questo, ora su quel tema, ma supportando il tutto sempre con precisi riferimenti alla Bibbia, in coerenza sia con l’A.T. che N.T. Il papa non può modificare i Dogmi o i 10 Comandamenti: insomma, la sua discrezionalità di manovra e’ strettissima, ed in pratica non deve fare altro che rassicurare e confermare tutto quanto dalla Chiesa è stato detto e fatto in duemila anni. Quanto al CCC 2267, la modifica non rinnega la precedente posizione della Chiesa, essendo che nel testo precedente si era già fatto presente che, in considerazione delle altre attuali pene detentive alternative della società’, si suggeriva di non praticare più la pena di morte.
Marziale
Reverendo,
il Benedetto Salvatore ci comanda di saper riconoscere i tempi.
Per riconoscere i tempi è necessario, come per tutte le altre cose, scrutare la Scrittura.
Ora, nella Apocalisse non c'è la figura del Papa e di nessun altro buono che prenda il suo posto.
E il tempo dell'Apocalisse riguarda un numero imprecisato di anni, e non di pochi mesi.
Nessun Principe cristiano combatte contro le …More
Reverendo,
il Benedetto Salvatore ci comanda di saper riconoscere i tempi.
Per riconoscere i tempi è necessario, come per tutte le altre cose, scrutare la Scrittura.
Ora, nella Apocalisse non c'è la figura del Papa e di nessun altro buono che prenda il suo posto.
E il tempo dell'Apocalisse riguarda un numero imprecisato di anni, e non di pochi mesi.
Nessun Principe cristiano combatte contro le tre uniche figure , che sono tutte malvagie, che appaiono in Apocalisse:
il Falso profeta, la Prima Bestia e la Seconda Bestia.
Delle tre figure solo il Falso profeta è una persona.
Ora, dato che il Benedetto Redentore ha assicurato imperitura assistenza alla sua Sposa( la Chiesa) è lecito dedurre che se non c'è la figura del Papa la soluzione non può che esser che il Falso profeta non è altro che un falso Papa. Infatti il profeta è sempre uno che parla a nome di Dio: ma questo è falso, finto, abusivo.
Se vuole si metta comodo, si attovagli e legga:

1.L'AntiCristo svelato.
2.“ Chi parla da se stesso ( l’AntiCristo) cerca la propria gloria.” Gv.7,18 Esegesi e commento.
3.L'AntiCristo, come viene descritto nella Scrittura.
4.Ecco chi è Abominio della desolazione o Distruzione.

5.Falso profeta/AntiCristo, la profezia finale: come riconoscerlo fisicamente. Una ipotesi.

6."Dovrà esser rivelato l'uomo iniquo." Esegesi e commento di san Tommas…

7.Come riconoscere fisicamente l'AntiCristo/Falso profeta.Una ipotesi. E…

8.Perché il Falso profeta/AntiCristo sarà un Papa, falso. Infatti: “Fig…

9.L'AntiCristo svelato. Ne segue che “Il consenso moralmente unanime de…
10. Una ipotesi teologica sulla biblica figura del Falso profeta o AntiCri
11.L'utilità della venuta dell'AntiCristo e il Cristianesimo senza più la Croce.

Un rispettoso saluto.
Testimone82
Purtroppo nella chiesa non esiste organo che può giudicare e destituire il Pontefice o ufficializzare che non è Papa e che è un eretico o antipapa. Ci sono tante supposizioni anche di uomini Santi del passato ma non c'è una "procedura". Il Papa è capo assoluto indiscusso specialmente da quando si è proclamata la sua infallibilitá (anche se fraintesa nei termini).
Oggi è palese che si è creato un …More
Purtroppo nella chiesa non esiste organo che può giudicare e destituire il Pontefice o ufficializzare che non è Papa e che è un eretico o antipapa. Ci sono tante supposizioni anche di uomini Santi del passato ma non c'è una "procedura". Il Papa è capo assoluto indiscusso specialmente da quando si è proclamata la sua infallibilitá (anche se fraintesa nei termini).
Oggi è palese che si è creato un paradosso proprio con Bergoglio.
La luce della fede ci indica se un uomo viene da Dio o no, al fedele rimane solo questo criterio nel cuore.
Diodoro
Mi scusi, vorrei precisare una cosa. La non-giudicabilità del papa non è un paradosso, ma una logica condizione dello status giuridico del Papato.
Se il Papa è Vicario di Cristo, o Cristo-in-terra mentre Cristo si trova in Cielo (Corpo, Sangue, Anima e Divinità), è ovvio che nessuna persona e nessun organismo può metterLo sul banco degli imputati, e neppure "in osservazione per trarre …More
Mi scusi, vorrei precisare una cosa. La non-giudicabilità del papa non è un paradosso, ma una logica condizione dello status giuridico del Papato.
Se il Papa è Vicario di Cristo, o Cristo-in-terra mentre Cristo si trova in Cielo (Corpo, Sangue, Anima e Divinità), è ovvio che nessuna persona e nessun organismo può metterLo sul banco degli imputati, e neppure "in osservazione per trarre ulteriori conclusioni".
Questa struttura, profondamente sana, ha trovato piena conferma nella storia. Non certo perché i Papi siano stati impeccabili (cosa esclusa dalla retta teologia), ma perché il Papato è esistito -fino al 2013- confermando che Gesù è il Cristo, il Figlio del Dio Vivente.
Non era previsto -ma era chiaramente adombrato nella Universi Dominici Gregis degli anni '90- che dei congiurati potessero fare il colpaccio, piazzando sul Luogo Inattingibile uno dei loro. E la medesima Universi dava la definizione della tremenda situazione ("Sarebbero tutti scomunicati"), ma non la via opertaiva per gestirla, perché essa è effettivamente ingestibile.
Propongo di gestirla, per ciò che spetta a noi, semplicemente vivendo-senza (il regime e il suo Capo)
Marziale
Caro amico Diodoro,
della Universi Dominici Gregis , e di tante e tante altre cose, ne scrissi il 28 Febbario del 2019.

Una ipotesi teologica sulla biblica figura del Falso profeta o AntiCri…
Andrea Mancinella
Caro confratello, ti prego di non cadere anche tu, come don Minutella ad esempio, nella trappola.
Di Papi indegni ce ne sono stati già alcuni, nella lunga storia della Chiesa, ma non per questo la Chiesa non li ha considerati Papi.
Pensiamo anche solo a Papa Liberio, che 'cincischiava' con la Fede trattando illegittimamente con gli eretici ariani (e che osò scomunicare Sant'Atanasio di Alessandri…More
Caro confratello, ti prego di non cadere anche tu, come don Minutella ad esempio, nella trappola.
Di Papi indegni ce ne sono stati già alcuni, nella lunga storia della Chiesa, ma non per questo la Chiesa non li ha considerati Papi.
Pensiamo anche solo a Papa Liberio, che 'cincischiava' con la Fede trattando illegittimamente con gli eretici ariani (e che osò scomunicare Sant'Atanasio di Alessandria che invece resisteva loro), o all'arcinoto comportamento immorale, sia pure nella vita privata, di Papa Alessandro VI. Di quest'ultimo correva pure voce che si fosse 'comprato' il Papato corrompendo Cardinali, rendendo così invalida la sua elezione.

Certo Papa Bergoglio impressiona di più, e in realtà sembra piuttosto un gran maestro della Massoneria che un Papa cattolico, ma il discorso è lo stesso.
Coraggio, Papa Bergoglio pur facendo enormi danni non è la Chiesa, non si identifica con essa, e noi possiamo santificarci e salvarci nonostante lui.
don Andrea Mancinella, eremita della Diocesi di Albano
Giorgio Tonini
Don Mancinella concordo. Pace e Bene!
gianlub2
Bergoglio è un antipapa
gianlub2
Come si sono "risolte" le situazioni come questa nel passato?
One more comment from gianlub2
gianlub2
La differenza è che questo è l'ultimo antipapa della storia della Chiesa.......poi si "chiude tutto" The end
Diodoro
@Andrea Mancinella Il Biancovestito attuale, Reverendo, mette a morte migliaia di persone: materialmente tramite gli effetti letali del "Vaccino", e moralmente imponendo un Marchio che si può discutere se è quello di Satana dell'Apocalisse, ma certamente è satanico: prodotti industriali ottenuti inserendo nella catena di montaggio esseri umani piccoli e innocenti.
Il Papa non è la Chiesa, ma è …More
@Andrea Mancinella Il Biancovestito attuale, Reverendo, mette a morte migliaia di persone: materialmente tramite gli effetti letali del "Vaccino", e moralmente imponendo un Marchio che si può discutere se è quello di Satana dell'Apocalisse, ma certamente è satanico: prodotti industriali ottenuti inserendo nella catena di montaggio esseri umani piccoli e innocenti.
Il Papa non è la Chiesa, ma è tutto per la Chiesa, perché è Cristo in terra. Papa, Immacolata, Eucarestia: i Tre Biancori, presenti e accessibili, che ci anticipano il Cielo e ci portano al Cielo.
Se il figurante-Papa ci predica la Terra e dice che Dio non sarebbe Dio senza l'uomo, la sola possibilità è salvarsi SENZA di lui, ignorandolo. Sicut ille non esset
Diodoro
Buongiorno Reverendo.
Senza volersi inoltrare in un possibile inquadramento apocalittico della situazione presente (e non certo perché la situazione presente non sia apocalittica: è in corso la Soluzione Finale del problema cristiano, dal punto di vista degli ambienti anticristici!), vorrei limitarmi a dire che il Soglio di Pietro è occupato da un abusivo. Si tratta di qualcosa di molto …More
Buongiorno Reverendo.
Senza volersi inoltrare in un possibile inquadramento apocalittico della situazione presente (e non certo perché la situazione presente non sia apocalittica: è in corso la Soluzione Finale del problema cristiano, dal punto di vista degli ambienti anticristici!), vorrei limitarmi a dire che il Soglio di Pietro è occupato da un abusivo. Si tratta di qualcosa di molto simile alle occupazioni di appartamento: tu, proprietario, affitti una casa. L'inquilino entra, cambia la serratura e se ti presenti ti dice al citofono: "Chi sei? Non ti conosco".
Di conseguenza, mentre l'inquilino spadroneggia ("Io sono il Capo Assoluto, giusto? Sono infallibile e venerabile, giusto?"), in attesa di soluzione lo si ignora. Mentre lui fa danni, si preserva almeno la libertà e la limpidezza del proprio animo
Andrea Mancinella
@ Diodoro: ha ragione, ma appunto, allora, ignoriamo completamente quegli atti e quelle parole di Papa Bergoglio che sono contrari alla Fede e alla morale cattoliche.
don Andrea Mancinella