Clicks34
25 luglio 2021 L’Arcivescovo ha visitato l’Autodromo di Monza: intervista a mons. Delpini «Un’occasione unica – in un luogo dove si viene per altri spettacoli – per vivere un momento che non è uno …More
25 luglio 2021 L’Arcivescovo ha visitato l’Autodromo di Monza: intervista a mons. Delpini
«Un’occasione unica – in un luogo dove si viene per altri spettacoli – per vivere un momento che non è uno spettacolo, ma la possibilità di ricevere la benedizione del Signore». Dice così l’Arcivescovo che entra a piedi nella pista del circuito più “cult” del mondo, l’Autodromo di Monza. Anche per lui è una sorta prima volta, infatti il vescovo Mario non aveva mai visitato la struttura che, per la festa del patrono degli automobilisti e di tutti coloro che guidano veicoli a motore – San Cristoforo – si tinge dei colori, appunto, di una grande festa popolare cui partecipano i soci degli Automobile Club della Lombardia, ma anche tanti appassionati, gli agricoltori della Coldiretti, i volontari, le famiglie con i bambini. Insomma, un evento atteso per una tradizione che torna dopo 30 anni, come ricorda il presidente dell’Autodromo, Giuseppe Redaelli, accogliendo, con i vertici del circuito, l’Arcivescovo presso lo spazio riservato alla mostra che Caritas ambrosiana ha realizzato per l’occasione e che in 50 fotografie racconta l’impegno dei volontari nel periodo del Covid. Una scelta significativa voluta anche per sottolineare gli obiettivi di solidarietà e ripartenza per i quali l’Autodromo ha inteso promuovere l’iniziativa il cui ricavato va proprio a Caritas per le sue attività. Dopo aver visitato la rassegna fotografica, accompagnato dal direttore di Caritas, Luciano Gualzetti e aver brevemente dialogato con Mario Alparone, direttore generale dell’ospedale San Gerardo – presso la struttura sono stati allestiti due Centri vaccinali che hanno somministrato oltre 85.000 dosi -, via, sulla pista per la benedizione dei mezzi, con alla testa del corteo i trattori della Coldiretti, che da subito ha aderito alla giornata tra le tradizionali bandiere, i suoni di clacson, l’entusiasmo degli associati e delle loro famiglie e anche uno dei trattori più “anziani! su cui viene posta una stata lignea di San Cristoforo. A seguire i mezzi delle Forze dell’ordine e di soccorso, tante auto di privati cittadini e le motociclette. --------- chiesadimilano.it/…sta-e-guardando-al-futuro-con-speranza-466911.html