Clicks84

Padre Cristoforo nel lazzaretto. Tratto dal Romanzo "I Promessi Sposi"

gioiafelice
Renzo, al pensiero di non trovar viva Lucia, cambia improvvisamente espressione e, con viso stravolto, dice di essere pronto a cercare la ragazza in ogni luogo, ma nel caso in cui non ci fosse più …More
Renzo, al pensiero di non trovar viva Lucia, cambia improvvisamente espressione e, con viso stravolto, dice di essere pronto a cercare la ragazza in ogni luogo, ma nel caso in cui non ci fosse più sarà pronto a cercare qualcun altro a Milano, o nel suo palazzotto, o in capo al mondo, a cercare quel prepotente a causa del quale lui e la sua promessa sposa sono stati separati e non hanno avuto la consolazione di morire insieme, se a ciò erano destinati. Padre Cristoforo capisce che Renzo manifesta il proposito di uccidere don Rodrigo e afferra il giovane per un braccio, guardandolo severamente: Renzo non se ne dà per inteso e prosegue dicendo che, nel caso in cui il signorotto non sia morto di peste, ci penserà lui a fare giustizia e a impedire a un tiranno di spadroneggiare coi suoi bravi a danno della povera gente. A questo punto il frate sembra riprendere l'antico vigore e rimprovera duramente Renzo, con una voce che ha ripreso l'empito e la sonorità di un tempo: mostra al giovane tutta la sofferenza che li circonda e gli ricorda, scuotendolo per il braccio, che solo Dio può giudicare e che quella di Renzo non sarebbe giustizia, ma solo un'inutile vendetta. Lucia, aggiunge, è sicuramente morta, perché Dio non l'avrebbe lasciata in vita per darla in moglie a uno sciagurato che pensa ad uccidere, che coltiva propositi sanguinosi: gli lascia il braccio e gli volta le spalle in modo quasi sprezzante, dicendo che ha ben altro da fare che dar retta a lui, incamminandosi verso una capanna di malati. Renzo, costernato, supplica il padre di non lasciarlo in quella maniera, ma il religioso ribatte che non può certo sottrarre tempo ai sofferenti per ascoltare i progetti di vendetta del giovane, che ha ascoltato quando gli chiedeva consolazione e aiuto, mentre adesso non ha davvero più nulla da dirgli.

promessisposi.weebly.com/capitolo-xxxv.html