Clicks843
it.news
1

Cardinale di Curia vuole fusione liturgica

Il cardinale per l'Ecumenismo Kurt Koch spera che in futuro ci sarà solo "una" forma di Rito Romano.

Sul numero di giugno della rivista tedesca Herder-Korrespondenz, Koch ha detto che Nuovo Rito e Rito Romano non possono coesistere alla lunga come "due forme", perché (secondo lui) l'Eucarestia è la "celebrazione centrale dell'unità della Chiesa."

Però Koch ha aggiunto che non può avere questo significato se ci sono "dispute e discussioni" su di esso. Così, invece di avere due diverse forme, serve "una forma come sintesi" per il futuro, crede Koch.

La sua idea è contradetta dal fatto che il Nuovo rito, come steso nel Messale di Paolo VI, non è mai stato accettato generalmente, ma ogni prete fa come gli pare.

Quindi il Nuovo Rito continuerà nel percorso verso la secolarizzazione fino al suo completo scioglimento, mentre l'immutabile Rito Romano rimarrà.

Foto: © Joseph Shaw, CC BY-NC-ND, #newsOycnpgfkjk
il vandea
Su una cosa concordo. Nella Chiesa Cattolica ci deve essere un solo rito santo e immutabile: quello di San Pio V. Tutto il resto (modernismo, N.O., partecipazione attiva , ecumenismo, spirito del CVII, falsi papi e falsi santi ecc..) e' solo rifiuto.