Clicks348
notiziario
3
Minoritenkirche: sfondo - controversia con l'arcidiocesi Nella festa dell'Assunzione della Beata Vergine Maria, il 12 settembre, la Fraternità San Pio X ha celebrato la prima grande messa solenne …More
Minoritenkirche: sfondo - controversia con l'arcidiocesi

Nella festa dell'Assunzione della Beata Vergine Maria, il 12 settembre, la Fraternità San Pio X ha celebrato la prima grande messa solenne pubblica nella sua nuova sede viennese, la Minoritenkirche. La chiesa nel centro della città fu donata alla Confraternita dalla Congregazione Italiana. Un migliaio di fedeli hanno partecipato alla Messa e alla processione nella festa della Beata Vergine Maria. I video sono disponibili su Gloria.tv.

L'arcidiocesi ha voluto la chiesa Minoritenkirche per la messa in discoteca

L'Österreichischer Rundfunk ha riferito il 15 settembre che la Fraternità Saan Pio X ha celebrato il suo debutto nella Minoritenkirche con grande pompa e gloria. La ORF (la televisione nazionale austriaca) ha fatto , ca cusa dell'epidemia, ridurre i fedeli da 1000 a 600 e si è sorpresa di scoprire che i fedeli erano borghesi, consulenti fiscali, avvocati e, cosa più sorprendente, famiglie con bambini. Un credente ha detto alla ORF che la chiesa era piena. Era storico, ha detto, che nel mezzo del centro di Vienna, vicino alla Cancelleria Federale, ci fossero così tante preghiere in corso. La ORF sapeva che l'arcidiocesi voleva rilevare la chiesa nel 2005 per utilizzarla per le messe in discoteca che si tenevano allora sotto il nome di "Find Fight Follow".

I cattolici lo sapevano, il cardinale Schönborn lo "ignorava completamente".

L'arcidiocesi di Vienna sottolinea sul suo sito web di non essere stata coinvolta nella transazione della chiesa. Il cardinale Schönborn ha detto in un servizio televisivo per w24.at che come vescovo era responsabile della cura pastorale nella Minoritenkirche. Tuttavia, la donazione lo aveva: "completamente superato". Schönborn non vuole un conflitto permanente, ma un modo decente di trattare con l'altro. Il responsabile padre Wegner della Fraternità San Pio X ha fatto notare alla ORF che la bandiera arcobaleno era stata recentemente srotolata su diverse chiese di Vienna e nessuno aveva parlato di obbedienza o disobbedienza. A differenza della ORF, la televisione viennese W24 ha ammesso che c'erano 1000 fedeli alla processione.

L'arcidiocesi ha tolto il sacerdote dalla congregazione italiana

Il precedente proprietario della chiesa, la Congregazione Italiana, ha spiegato in un comunicato stampa che aveva donato la chiesa per assicurare la continuità delle celebrazioni della messa italiana per la propria congregazione nella Minoritenkirche.
Alla base della donazione vi era un conflitto con l'arcidiocesi. L'arcidiocesi aveva diviso gli italiani nel gennaio 2019 senza consultare la congregazione. Una parte della congregazione fu fusa in una nuova associazione chiamata Missione Cattolica Italiana e trasferita nella chiesa del convento dell'Ordine dei Frati Minori nella parrocchia di Alser Vorstadt. Gli italiani della Minoritenkirche rimasero senza sacerdoti. La Congregazione parla di una "grave mancanza" di negligenza dell'arcidiocesi, di una "situazione surreale" e di un "comportamento ostile". La situazione si era aggravata e la congregazione doveva trovare una soluzione per la sua stessa esistenza.
ricgiu
La brace della Fede Cattolica sotto la cenere non si spegne, alimentata dalla Preghiera dello zoccolo duro dei Fedeli....in attesa che il Vento dello Spirito riprenda a soffiare per risvegliare la Fiamma Viva.
il vandea
Magnifica notizia. Rendiamo grazie a Dio. 😍 😍