Clicks28

Benedict Is Still The Pope

A Canonical Explanation of how Pope Benedict is still the pope. I am looking for an Italian who is willing to do the voice for this video in Italian and who can work with me to translate the English …More
A Canonical Explanation of how Pope Benedict is still the pope.

I am looking for an Italian who is willing to do the voice for this video in Italian and who can work with me to translate the English into good Italian. Contact me for more information...
Frà Alexis Bugnolo and 2 more users like this.
Frà Alexis Bugnolo likes this.
Marziale likes this.
AvisObservans likes this.
Ecco il testo inglese:

Benedict XVI is still the pope and here's why.
Hello, I’m Brian Murphy speaking to you from my office in southern California.

The purpose of this video is to provide a clear and irrefutable demonstration that Pope Benedict XVI did not validly renounce the office of the papacy in February 2013 and is therefore still the pope.

As Catholics we have always believed and still…More
Ecco il testo inglese:

Benedict XVI is still the pope and here's why.
Hello, I’m Brian Murphy speaking to you from my office in southern California.

The purpose of this video is to provide a clear and irrefutable demonstration that Pope Benedict XVI did not validly renounce the office of the papacy in February 2013 and is therefore still the pope.

As Catholics we have always believed and still do believe that there is a God, that He is the Creator of all, that His Son became incarnate to save mankind, that He died and rose from the dead and that He founded the one true religion for the salvation of all, the Catholic Church. Jesus is our Lord and Savior. He is the only Head of the Church. However, to protect His flock from false shepherds and ravenous wolves, He gave to Simon Bar Jonah a most stupendous gift, the Office of being His Vicar on Earth, and He promised to the man who holds that office that he would never lose the faith and that whatsoever he bound on Earth would be bound in Heaven. These are tremendous promises from a tremendous God. The office of Peter, therefore, is not something customary, traditional or merely useful. It is a gift from the Mouth of the Living Incarnate God to help us keep faithful and to protect the Church from the Gates of the nether world. To know who the Pope is, therefore, is a necessity of faith and communion. For if we get that wrong, we will end up following a false shepherd. This is why the Church gives us Canon Law - to tell us when and under what conditions a man becomes the true pope, and when and under what conditions a true pope resigns.

Perhaps you are mystified about there being two popes in the Vatican, about Benedict's continued wearing of white, wearing the Papal ring, bearing and signing the papal name Benedict, living in the Vatican, giving Apostolic blessings which only the pope can do, and so on. At the same time you may be looking on in dismay as the man who appears to be the current pope, Francis (or Cardinal Bergoglio) is driving the Catholic Church over a cliff with his promotion of sacrilegious Communions, denial of the natural law validity of the death penalty, promotion of pagan idolatry, and his overall globalist Freemasonic one-world-religion agenda instead of the Gospel of Jesus Christ.

This is a serious issue! It is a great affront to the Divine Justice, and a danger to souls, to believe the pope is not the pope, and to follow someone else as if he were pope. Every Catholic needs to get their allegiance right.

It is demonstrable from Canon Law that Benedict never validly resigned the office in February 2013. The ministry, yes, but not the office of the papacy. We shall see that this distinction is crucial to understand why Benedict is still pope, and Francis (Cardinal Bergoglio) is thereby an antipope with no authority whatsoever in the Church.

Why is Pope Benedict XVI’s resignation invalid?

To understand this, we need to look at Benedict's Act of Renunciation of 11 Feb 2013. The principal problem with this Act is that at no point does Benedict announce that he is renouncing the office of the papacy. The Latin word for office is "munus" which also translates to honor or duty. In contrast, he only announces that he is renouncing the ministry.

Why is this distinction important? Because what you do not renounce you still keep. For the renunciation of the papacy to be valid, the man who is pope has to explicitly renounce the office by name. This is stated quite explicitly in the 1983 Code of Canon Law (canon 332.2)

Hence, Benedict's act of renunciation does not fulfill the conditions of a resignation of the papacy and is therefore invalid. Being invalid, Benedict remains pope until he renounces the office or departs this life.

Now you may be wondering, why speak like this in 2019? Why did nobody speak about it in 2013 before Bergoglio was elected? Is our assertion perhaps a contrived retreat from the horrors of an evil but valid pope?

No. In fact as soon as Benedict's Act of renunciation came out on Feb 11, 2013, the Italian and French press within a day both printed doubts about the validity of the resignation text. Additionally Prof Radaelli in Italy wrote to Benedict warning him that an antipope would be elected in his place if he went through with this step. So our assertion is in no way a contrived retreat from reality as the defenders of the Bergoglian regime would accuse.

Let's look at some popular objections to our assertion of invalidity, put forward in defense of the validity of Benedict's resignation.

Probably the most common error put forward to claim that Benedict validly resigned is the assertion that the "munus" (office) is to all intents and purposes the same as the "ministerium "(ministry). So, they say that Benedict did in fact resign validly.

This position is demonstrably wrong from Canon Law, which defines ministry and office in two distinct canons. We will point out that apologists for Bergolgio will never address these canonical definitions, appealing instead to popular Latin dictionaries. However, the only valid definitions are those defined within Canon Law.

Another objection to our claim is to say that the Pope is above Canon Law and can resign any way he likes. There are two errors here. The first error is to disregard the mind of the legislator in promulgating canon law. The canon covering papal resignation was codified by Pope John Paul II in 1983. Now it is true that Benedict as pope is the supreme legislator of the Church, but first he has to actually legislate. Since in this case he did not, canon 332.2 remains valid. Benedict could have issued a derogation from this canon in resigning but again he did no such thing, and as such he remains subject to its ruling. Note too that the act of renunciation was the act of Benedict as the man who is pope, not a juridical act of the pope.

The second error is the disregard for the nature of the Office as established by Christ. The Son of God established the Petrine office upon one man, not to be divided or split among more than one. Canon Law, based as it is on Divine Law, must for validity, reflect the will of Christ. Benedict created the situation where there are two Popes, one holding the office and the other delegated to ministry. This is contrary to the will of Christ.

So, the Pope can't just resign any way he likes.

Detailed canonical explanations are available for anyone who is interested, at this website. ppbxvi.org (this will be posted on the screen).

In contrast to these objections, the clear canonical tradition indicates a mention of munus (or one of its synonyms) in the renunciation of an office, but no mention of ministry.

Given this information, a Catholic is required to submit to Canon Law and presume Benedict never in fact resigned the office of pope and is therefore still pope.

Another objection to our assertion is to say that the Cardinals act as if the resignation were valid. However, acting as if it were valid does not make it valid. Acting as if a canon (here, canon 332.2) were fulfilled does not mean it was fulfilled.

A similar objection to our assertion proposes that the fact that a conclave took place in March 2013 is proof that Benedict's resignation was valid.

No. Firstly, that the cardinals met in March 2013 does not mean the conclave was valid. Indeed, by Canon Law a conclave may not be convoked while the seat of Peter is still occupied. Thus, merely having a group of cardinals gathered in secret does not mean the conclave is valid, and obviously a conclave of dubious validity can't be used to validate Benedict's resignation as this is circular reasoning. "Benedict's resignation was valid because there was a conclave, and the conclave was valid because Benedict resigned." Rather we must look to Canon Law. Canon 188 says Benedict's resignation was invalid, because of substantial error, so any conclave convoked while he still lives is invalid.

Another objection to our assertion: Benedict called for a conclave in his Act of Renunciation, so he must have resigned.

No. For validity according to Canon Law, Benedict had to renounce the munus, which he did not do. He also, being still the occupant of the Seat of Peter, could not by divine law call for a conclave to be held in his lifetime.

Yes, he consented to this but this has no bearing on the invalidity of his renunciation, since the munus was omitted from the resignation statement.

We point out another error here of the Bergoglian apologists who say Benedict resigned in such a way that a conclave be called, thereby showing intent. However, something as important as a resignation cannot be reliably judged based on intent. Who will judge intent? Canon Law makes no provision for someone to judge intent. Such a process would be mischievously invisible to the world wide Church. Intent does not make the seat vacant. Words are required. Similarly the intent to give up the active ministry does not vacate the seat either.

Many people wonder how rigorously Canon Law should be applied. They think, oh well, Benedict intended to resign. The Holy Spirit was there. Everything worked out. We got a new Pope and all is well. One ought not to get caught up in the rigorous details of law. We say, be careful. The Holy Spirit does not condone breaking the law. Circumventing law is an act of man – not the Holy Spirit.

So, a fundamental question is: how much legal rigor should be applied to processes that change the Papacy? We can gain insight into this question by looking at a parallel example from an entirely different field. I am an entrepreneur working in a business that manages clinical trials for new drugs being manufactured and tested by a pharmaceutical company. The principal guiding document in any clinical trial is the clinical protocol. Just like Canon Law has been edited and adjusted for centuries, the protocol is edited and adjusted for months by many subject experts, MD’s, PhDs, statisticians and various professionals. It is considered crucial by all those involved that the protocol be followed rigorously during the clinical trial. Before and during the execution of the clinical trial, we send out monitors to the clinical sites whose job it is to make sure that those sites comply with every detail of the protocol. A monitor will spend one, two or three days at a site, sifting through records to verify compliance. Any minor deviation from the protocol is written up with complete transparency. The pharmaceutical company has to ascertain the impact and re-do portions of the clinical trial if deemed necessary. All of this information is thoroughly documented in preparation for a potential audit by the Food and Drug Administration (FDA). Intention, or universal acceptance by clinical site staff is never accepted as a substitute for sloppy work. If the FDA finds serious irregularities, approval of the drug may be denied which can cost the Sponsor $100 million or more in sunk costs.

Shouldn’t the processes for governing God’s Church be even more rigorous that those required for clinical trials? Didn’t Canon Law evolve out of painful historical failings? If there is a papal renunciation, shouldn’t a commission of Canon Law experts be immediately convened to analyze the renunciation document and the events surrounding it for any irregularities? Shouldn’t they report any irregularities with transparency to the world wide Church? When Benedict XVI resigned, why did this not happen? When Cardinal Godfried Danneels reported in his autobiography that a group of cardinals who called themselves the St. Galen Mafia canvassed for votes and colluded to get Cardinal Jorge Bergoglio elected, in strict violation of known procedures for conclaves, with a penalty of excommunication for violators, why was this allowed to happen without correction? Where was the oversight commission?

Mother Mary in the Church-approved prophecies of Our Lady of Good Success has provided the crucial answer. In the early 17th century, she told Mother Mariana that toward the end of the 20th century, which is our time, “Freemasonry, which will then be in power, will enact iniquitous laws with the aim of doing away with this Sacrament (referring to the Sacrament of marriage), making it easy for everyone to live in sin and encouraging the procreation of illegitimate children born without the blessing of the Church.” Finally, this message jibes perfectly with her message in the Third Secret of Fatima where she said “Satan will reign over the highest places and succeed in infiltrating to the top of the Church.” So, it is reasonable to conclude that the Freemasons are in power in the Vatican and that they deliberately or sloppily dispensed with canonical controls in order to get their man elected. Why bother with the irregularities? Just forge ahead as though everything was and is normal. Hence, despite various calls for addressing these issues, we see no serious attempt to do so. In fulfillment of Mary’s warning, two iniquitous laws that do away with the Sacrament of Marriage are 1) Bergoglio’s acceptance of re-marriage after divorce in Amoris Laetitia and 2) Bergoglio’s acceptance of contraception, the great destroyer of marriage.

As Christians we are obliged to read the signs of the times. We know by Faith that Jesus will always be faithful and always give us a faithful shepherd as His Vicar. It is no exaggeration, however, to say that what we are seeing is a strong sign that this man whom many think is the Pope, is not the Pope, because he does not act like someone who has received the gift of Peter's office.

Events surrounding the papacy will continue to get worse. At some point, when all seems lost, Mary promised to restore the Church “in a marvelous way.” As this disastrous regime unfolds, millions are praying for this to happen soon. She can fix it. We cannot do it alone. However, we can lay the groundwork for her eventual intervention by prayer, especially the Rosary and courageous deeds. In the meantime, it behooves one to maintain allegiance to the true Pope. Maintaining allegiance to a heretic and a schismatic makes one a heretic and a schismatic.

We close with a prayer for Pope Benedict XVI – in the name of the Father, the Son and the Holy Spirit, Amen. Almighty and everlasting God, have mercy upon Your servant, Benedict, Your Vicar on Earth, and direct him, according to Your loving-kindness, in the way of eternal salvation for the entire Church. With Your gift, may he ever desire that which is pleasing to you and may he accomplish it with all his might, through Christ Our Lord. Amen.

Question: email me at brian@godsplanforlife.org. (This will appear on the screen.)
Ecco la traduzione di deepl.com : Benedetto XVI è ancora il papa ed ecco perché.
Salve, sono Brian Murphy e vi parlo dal mio ufficio nel sud della California.

Lo scopo di questo video è quello di fornire una chiara e inconfutabile dimostrazione che papa Benedetto XVI non ha rinunciato validamente all'ufficio del papato nel febbraio 2013 ed è quindi ancora il papa.

Come cattolici abbiamo sempre…More
Ecco la traduzione di deepl.com : Benedetto XVI è ancora il papa ed ecco perché.
Salve, sono Brian Murphy e vi parlo dal mio ufficio nel sud della California.

Lo scopo di questo video è quello di fornire una chiara e inconfutabile dimostrazione che papa Benedetto XVI non ha rinunciato validamente all'ufficio del papato nel febbraio 2013 ed è quindi ancora il papa.

Come cattolici abbiamo sempre creduto e crediamo ancora che c'è un Dio, che Egli è il Creatore di tutti, che Suo Figlio si è incarnato per salvare l'umanità, che è morto e risorto dai morti e che ha fondato l'unica vera religione per la salvezza di tutti, la Chiesa cattolica. Gesù è il nostro Signore e Salvatore. Egli è l'unico Capo della Chiesa. Tuttavia, per proteggere il Suo gregge da falsi pastori e lupi famelici, Egli ha dato a Simon Bar Giona un dono stupendo, l'Ufficio di essere il Suo Vicario sulla terra, e ha promesso all'uomo che ricopre quell'incarico che non avrebbe mai perso la fede e che qualsiasi cosa avesse legato sulla terra sarebbe stato legato in cielo. Queste sono promesse tremende da parte di un Dio tremendo. L'ufficio di Pietro, quindi, non è qualcosa di consueto, tradizionale o semplicemente utile. È un dono della Bocca del Dio Incarnato vivente per aiutarci a rimanere fedeli e a proteggere la Chiesa dalle Porte del mondo inferiore. Sapere chi è il Papa, quindi, è una necessità di fede e di comunione. Se ci sbagliamo, infatti, finiremo per seguire un falso pastore. Per questo la Chiesa ci dà il diritto canonico - per dirci quando e a quali condizioni un uomo diventa il vero papa, e quando e a quali condizioni un vero papa si dimette.

Forse siete mistificati per l'esistenza di due papi in Vaticano, per il fatto che Benedetto continua ad indossare il bianco, ad indossare l'anello papale, a portare e firmare il nome papale Benedetto, a vivere in Vaticano, a dare benedizioni apostoliche che solo il papa può fare, e così via. Allo stesso tempo si può guardare con sgomento mentre l'uomo che sembra essere l'attuale papa, Francesco (o il cardinale Bergoglio) sta spingendo la Chiesa cattolica su una scogliera con la sua promozione delle sacrileghe Comunicazioni, la negazione della validità della legge naturale della pena di morte, la promozione dell'idolatria pagana, e la sua agenda globale massonica monomonassonica mondiale al posto del Vangelo di Gesù Cristo.

Questo è un problema serio! E' un grande affronto alla Giustizia Divina, e un pericolo per le anime, credere che il papa non sia il papa, e seguire qualcun altro come se fosse papa. Ogni cattolico ha bisogno di ottenere la giusta fedeltà.

È dimostrabile dal diritto canonico che Benedetto non ha mai validamente rassegnato le dimissioni dall'incarico nel febbraio 2013. Il ministero, sì, ma non l'ufficio del papato. Vedremo che questa distinzione è fondamentale per capire perché Benedetto è ancora papa, e Francesco (il cardinale Bergoglio) è quindi un antipapa senza alcuna autorità nella Chiesa.

Perché le dimissioni di papa Benedetto XVI non sono valide?

Per capire questo, dobbiamo guardare all'Atto di rinuncia di Benedetto XVI dell'11 febbraio 2013. Il problema principale di questo atto è che Benedetto non annuncia mai che sta rinunciando all'ufficio del papato. La parola latina per ufficio è "munus" che si traduce anche in onore o dovere. Al contrario, egli annuncia solo che sta rinunciando al ministero.

Perché questa distinzione è importante? Perché ciò che non si rinuncia si conserva ancora. Perché la rinuncia al papato sia valida, l'uomo che è papa deve rinunciare esplicitamente all'ufficio per nome. Ciò è dichiarato esplicitamente nel Codice di Diritto Canonico del 1983 (can. 332.2).

Quindi, l'atto di rinuncia di Benedetto non soddisfa le condizioni di una rinuncia del papato ed è quindi invalido. Essendo invalido, Benedetto rimane papa finché non rinuncia all'ufficio o lascia questa vita.

Ora vi state chiedendo, perché parlare così nel 2019? Perché nessuno ne ha parlato nel 2013 prima che Bergoglio fosse eletto? La nostra affermazione è forse un ritiro forzato dagli orrori di un papa malvagio ma valido?

No. Infatti, non appena l'atto di rinuncia di Benedetto è uscito l'11 febbraio 2013, la stampa italiana e quella francese, nel giro di un giorno, hanno entrambi espresso dubbi sulla validità del testo delle dimissioni. Inoltre il Prof. Radaelli in Italia ha scritto a Benedetto per avvertirlo che un antipapa sarebbe stato eletto al suo posto se avesse fatto questo passo. Quindi la nostra affermazione non è in alcun modo un artificioso ritiro dalla realtà come accuserebbero i difensori del regime bergamasco.

Guardiamo ad alcune obiezioni popolari alla nostra affermazione di invalidità, avanzata a difesa della validità delle dimissioni di Benedetto.

Probabilmente l'errore più comune addotto per sostenere che Benedetto si è validamente dimesso è l'affermazione che il "munus" (ufficio) è a tutti gli effetti lo stesso del "ministerium" (ministero). Così, dicono che Benedetto si è di fatto dimesso validamente.

Questa posizione è palesemente sbagliata dal diritto canonico, che definisce il ministero e l'ufficio in due canoni distinti. Segnaliamo che gli apologeti di Bergolgio non affronteranno mai queste definizioni canoniche, facendo invece appello ai dizionari latini popolari. Tuttavia, le uniche definizioni valide sono quelle del diritto canonico.

Un'altra obiezione alla nostra affermazione è di dire che il Papa è al di sopra del diritto canonico e può dimettersi in qualsiasi modo gli piaccia. Ci sono due errori. Il primo errore è quello di ignorare la mente del legislatore nel promulgare il diritto canonico. Il canone che copre le dimissioni papali è stato codificato da Papa Giovanni Paolo II nel 1983. Ora è vero che Benedetto come papa è il legislatore supremo della Chiesa, ma prima deve effettivamente legiferare. Poiché in questo caso non l'ha fatto, il canone 332.2 rimane valido. Benedetto avrebbe potuto emanare una deroga a questo canone dimettendosi, ma ancora una volta non ha fatto una cosa del genere, e come tale rimane soggetto alla sua sentenza. Si noti anche che l'atto di rinuncia è stato l'atto di Benedetto come l'uomo che è papa, non un atto giuridico del papa.

Il secondo errore è il disprezzo per la natura dell'Ufficio come stabilito da Cristo. Il Figlio di Dio ha stabilito l'ufficio petrino su un uomo, da non dividere o dividere tra più di uno. Il diritto canonico, basato com'è sul diritto divino, deve, per la sua validità, riflettere la volontà di Cristo. Benedetto ha creato la situazione in cui ci sono due Papi, uno che ricopre l'ufficio e l'altro delegato al ministero. Questo è contrario alla volontà di Cristo.

Quindi, il Papa non può dimettersi in qualsiasi modo gli piaccia.

Spiegazioni canoniche dettagliate sono disponibili per chiunque sia interessato, in questo sito web. ppbxvi.org (che sarà pubblicato sullo schermo).

In contrasto con queste obiezioni, la chiara tradizione canonica indica una menzione di munus (o di uno dei suoi sinonimi) nella rinuncia ad un ufficio, ma nessuna menzione di ministero.

Date queste informazioni, un cattolico è tenuto a sottomettersi al diritto canonico e presumere che Benedetto non ha mai di fatto rassegnato le dimissioni dalla carica di papa ed è quindi ancora papa.

Un'altra obiezione alla nostra affermazione è di dire che i Cardinali agiscono come se le dimissioni fossero valide. Tuttavia, agire come se fosse valido non lo rende valido. Agire come se un canone (qui, canone 332.2) fosse soddisfatto non significa che sia stato soddisfatto.

Un'obiezione simile alla nostra affermazione propone che il fatto che un conclave abbia avuto luogo nel marzo 2013 è la prova della validità delle dimissioni di Benedetto.

No. In primo luogo, che i cardinali riuniti nel marzo 2013 non significa che il conclave era valido. Infatti, per diritto canonico un conclave non può essere convocato mentre la sede di Pietro è ancora occupata. Quindi, avere semplicemente un gruppo di cardinali riuniti in segreto non significa che il conclave è valido, e ovviamente un conclave di dubbia validità non può essere utilizzato per convalidare le dimissioni di Benedetto, poiché si tratta di un ragionamento circolare. "Le dimissioni di Benedetto erano valide perché c'era un conclave, e il conclave era valido perché Benedetto si è dimesso". Dobbiamo piuttosto guardare al diritto canonico. Il Canone 188 dice che le dimissioni di Benedetto non erano valide, a causa di un errore sostanziale, quindi ogni conclave convocato mentre è ancora in vita non è valido.

Un'altra obiezione alla nostra affermazione: Benedetto ha chiesto un conclave nel suo atto di rinuncia, quindi deve essersi dimesso.

No. Per la validità secondo il diritto canonico, Benedetto ha dovuto rinunciare al munus, cosa che non ha fatto. Inoltre, essendo ancora l'occupante della sede di Pietro, non poteva per legge divina invocare un conclave da tenere in vita.

Sì, ha acconsentito a questo, ma ciò non ha alcuna attinenza con l'invalidità della sua rinuncia, poiché il munus è stato omesso dalla dichiarazione di dimissioni.

Segnaliamo qui un altro errore degli apologeti bergogliani che dicono che Benedetto si è dimesso in modo tale che si chiami un conclave, mostrando così l'intenzione. Tuttavia, qualcosa di così importante come le dimissioni non può essere giudicato in modo affidabile sulla base dell'intenzione. Chi giudicherà l'intenzione? Il diritto canonico non prevede che qualcuno possa giudicare l'intenzione. Un tale processo sarebbe maliziosamente invisibile alla Chiesa mondiale. L'intento non rende il posto vacante. Le parole sono necessarie. Allo stesso modo l'intenzione di rinunciare al ministero attivo non libera il seggio.

Molte persone si chiedono quanto rigoroso debba essere applicato il diritto canonico. Pensano, oh bene, che Benedetto intendesse dimettersi. Lo Spirito Santo era lì. Tutto si è risolto. Abbiamo un nuovo Papa e tutto va bene. Non bisogna lasciarsi coinvolgere nei dettagli rigorosi della legge. Noi diciamo, fate attenzione. Lo Spirito Santo non permette di infrangere la legge. Eludere la legge è un atto dell'uomo - non dello Spirito Santo.

Quindi, una domanda fondamentale è: quanto rigore giuridico dovrebbe essere applicato ai processi che cambiano il Papato? Possiamo approfondire questa questione guardando un esempio parallelo da un campo completamente diverso. Sono un imprenditore che lavora in un'azienda che gestisce sperimentazioni cliniche per nuovi farmaci prodotti e testati da un'azienda farmaceutica. Il principale documento guida in ogni sperimentazione clinica è il protocollo clinico.

Proprio come il diritto canonico è stato modificato e adattato per secoli, il protocollo viene modificato e adattato per mesi da molti esperti del settore, medici, dottori di ricerca, statistici e professionisti vari. Tutti i soggetti coinvolti ritengono fondamentale che il protocollo sia seguito rigorosamente durante la sperimentazione clinica. Prima e durante l'esecuzione della sperimentazione clinica, inviamo monitor ai siti clinici il cui compito è quello di verificare che tali siti rispettino ogni dettaglio del protocollo. Un monitor trascorrerà uno, due o tre giorni in un sito, vagliando le registrazioni per verificare la conformità. Qualsiasi deviazione minore rispetto al protocollo viene redatta in piena trasparenza. L'azienda farmaceutica deve accertare l'impatto e rifare parti della sperimentazione clinica se ritenuto necessario. Tutte queste informazioni sono accuratamente documentate in preparazione di un potenziale audit da parte della Food and Drug Administration (FDA). L'intenzione, o l'accettazione universale da parte del personale del sito clinico non è mai accettata come sostituto del lavoro trascurato. Se la FDA trova gravi irregolarità, l'approvazione del farmaco può essere negata, il che può costare allo Sponsor 100 milioni di dollari o più in costi sommersi.

I processi per governare la Chiesa di Dio non dovrebbero essere ancora più rigorosi di quelli richiesti per gli studi clinici? Il diritto canonico non si è evoluto per dolorose mancanze storiche? Se c'è una rinuncia papale, non dovrebbe essere immediatamente convocata una commissione di esperti di Diritto Canonico per analizzare il documento di rinuncia e gli eventi che lo circondano per eventuali irregolarità? Non dovrebbero segnalare le irregolarità con trasparenza alla Chiesa mondiale? Quando Benedetto XVI si è dimesso, perché non è successo? Quando il cardinale Godfried Danneels ha riportato nella sua autobiografia che un gruppo di cardinali che si chiamavano la mafia di San Galeno ha chiesto voti e si è accordato per far eleggere il cardinale Jorge Bergoglio, in stretta violazione delle note procedure conclave, con una pena di scomunica per i trasgressori, perché è stato permesso che ciò avvenisse senza correzione? Dov'era la commissione di sorveglianza?

Madre Maria, nelle profezie di Nostra Signora del Buon Successo approvate dalla Chiesa, ha fornito la risposta cruciale. All'inizio del XVII secolo, disse a Madre Mariana che verso la fine del XX secolo, che è il nostro tempo, "la Massoneria, che sarà poi al potere, emanerà leggi inique con lo scopo di eliminare questo sacramento (riferendosi al sacramento del matrimonio), rendendo facile per tutti vivere nel peccato e incoraggiando la procreazione di figli illegittimi nati senza la benedizione della Chiesa". Infine, questo messaggio è perfettamente in sintonia con il suo messaggio del Terzo Segreto di Fatima, dove diceva: "Satana regnerà sui luoghi più alti e riuscirà a infiltrarsi in cima alla Chiesa". Quindi, è ragionevole concludere che i Massoni sono al potere in Vaticano e che hanno deliberatamente o meno frequentemente rinunciato ai controlli canonici per far eleggere il loro uomo. Perché preoccuparsi delle irregolarità? Basta andare avanti come se tutto fosse ed è normale. Quindi, nonostante i vari inviti ad affrontare questi problemi, non vediamo alcun serio tentativo di farlo. In adempimento dell'ammonimento di Maria, due leggi inique che eliminano il sacramento del matrimonio sono: 1) l'accettazione di Bergoglio del nuovo matrimonio dopo il divorzio in Amoris Laetitia e 2) l'accettazione di Bergoglio della contraccezione, il grande distruttore del matrimonio.

Come cristiani siamo obbligati a leggere i segni dei tempi. Sappiamo per Fede che Gesù sarà sempre fedele e ci darà sempre un pastore fedele come Suo Vicario. Non è esagerato, però, dire che quello che vediamo è un forte segno che quest'uomo che molti pensano sia il Papa, non è il Papa, perché non si comporta come qualcuno che ha ricevuto il dono dell'ufficio di Pietro.

Gli eventi che circondano il papato continueranno a peggiorare. Ad un certo punto, quando tutto sembra perduto, Maria ha promesso di restaurare la Chiesa "in modo meraviglioso". Mentre questo regime disastroso si dispiega, milioni di persone stanno pregando perché questo accada presto. Lei può risolvere il problema. Non possiamo farlo da soli. Tuttavia, possiamo gettare le basi per il suo eventuale intervento con la preghiera, specialmente il Rosario e le azioni coraggiose. Nel frattempo, è necessario mantenere la fedeltà al vero Papa. Mantenere la fedeltà a un eretico e a uno scismatico rende un eretico e uno scismatico.

Chiudiamo con una preghiera per il Papa Benedetto XVI - nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, Amen. Dio onnipotente ed eterno, abbi misericordia del tuo servo Benedetto, tuo Vicario in terra, e indirizzalo, secondo la tua bontà, sulla via della salvezza eterna per tutta la Chiesa. Con il Tuo dono, desideri sempre ciò che ti è gradito e lo compia con tutta la sua forza, per mezzo di Cristo nostro Signore. Amen.

Domanda: mandatemi un'e-mail all'indirizzo brian@godsplanforlife.org. (Questo apparirà sullo schermo.)
Cerco primo un italiano per corregere la traduzione di deepl.com, e incolla la traduzione giusta qui in seguito. Poi, un italiano per registrare la lettera a voce della traduzione giusta e farlo entro 17 minuti in un formato .wav Cosi, Brian possa inserire la traduzione Italiana sopra la sua voce per fare una versione italiana di questo video importantissimo.
AvisObservans
Native Italian here. Not a good voice translator, but I took up to fix a few things in the text translation:

Benedetto XVI è ancora il papa ed ecco perché.
Salve, sono Brian Murphy e vi parlo dal mio ufficio nel sud della California.

Lo scopo di questo video è quello di fornire una chiara e inconfutabile dimostrazione che papa Benedetto XVI non ha rinunciato validamente all'ufficio del papato …More
Native Italian here. Not a good voice translator, but I took up to fix a few things in the text translation:

Benedetto XVI è ancora il papa ed ecco perché.
Salve, sono Brian Murphy e vi parlo dal mio ufficio nel sud della California.

Lo scopo di questo video è quello di fornire una chiara e inconfutabile dimostrazione che papa Benedetto XVI non ha rinunciato validamente all'ufficio del papato nel febbraio 2013 ed è quindi ancora il papa.

Come cattolici abbiamo sempre creduto e crediamo ancora che c'è un Dio, che Egli è il Creatore di tutti, che Suo Figlio si è incarnato per salvare l'umanità, che è morto e risorto dai morti e che ha fondato l'unica vera religione per la salvezza di tutti, la Chiesa cattolica. Gesù è il nostro Signore e Salvatore. Egli è l'unico Capo della Chiesa. Tuttavia, per proteggere il Suo gregge da falsi pastori e lupi famelici, Egli ha dato a Simon Bar Giona un dono stupendo, l'Ufficio di essere il Suo Vicario sulla terra, e ha promesso all'uomo che ricopre quell'incarico che non avrebbe mai perso la fede e che qualsiasi cosa avesse legato sulla terra sarebbe stato legato in cielo. Queste sono promesse tremende da parte di un Dio tremendo. L'ufficio di Pietro, quindi, non è qualcosa di consueto, tradizionale o semplicemente utile. È un dono dalla Bocca del Dio Vivente Incarnato per aiutarci a rimanere fedeli e a proteggere la Chiesa dalle porte degli inferi. Sapere chi è il Papa, quindi, è una necessità di fede e di comunione. Se ci sbagliamo, infatti, finiremo per seguire un falso pastore. Per questo la Chiesa ci dà il Diritto Canonico - per dirci quando e a quali condizioni un uomo diventa il vero papa, e quando e a quali condizioni un vero papa si dimette.

Forse siete perplessi per l'esistenza di due papi in Vaticano, per il fatto che Benedetto continua ad indossare il bianco, ad indossare l'Anello papale, a portare e firmare il nome papale Benedetto, a vivere in Vaticano, a dare benedizioni apostoliche che solo il papa può dare, e così via. Allo stesso tempo si può guardare con sgomento mentre l'uomo che sembra essere l'attuale papa, Francesco (o il cardinale Bergoglio) sta spingendo la Chiesa cattolica su una scogliera con la sua promozione delle Comunioni sacrileghe, la negazione della validità della pena di morte secondo la legge naturale, la promozione dell'idolatria pagana, e il suo progetto globalista-massonico di religione mondiale al posto del Vangelo di Gesù Cristo.

Questo è un problema serio! E' un grande affronto alla Giustizia Divina, e un pericolo per le anime, credere che il papa non sia il papa, e seguire qualcun altro come se fosse papa. Ogni cattolico ha bisogno di praticare la giusta fedeltà.

È dimostrabile dal Diritto Canonico che Benedetto non ha mai validamente rassegnato le dimissioni dall'incarico nel febbraio 2013. Il ministero sì, ma non l'ufficio del papato. Vedremo che questa distinzione è fondamentale per capire perché Benedetto è ancora papa, e Francesco (il cardinale Bergoglio) è quindi un antipapa senza alcuna autorità nella Chiesa.

Perché le dimissioni di papa Benedetto XVI non sono valide?

Per capire questo, dobbiamo guardare all'Atto di rinuncia di Benedetto XVI dell'11 febbraio 2013. Il problema principale di quest'atto è che Benedetto non annuncia mai che sta rinunciando all'ufficio del papato. La parola latina per ufficio è "munus" che si traduce anche in onore o dovere. Al contrario, egli annuncia solo che sta rinunciando al ministero.

Perché questa distinzione è importante? Perché ciò a cui non si rinuncia si conserva ancora. Perché la rinuncia al papato sia valida, l'uomo che è papa deve rinunciare esplicitamente all'ufficio per nome. Ciò è dichiarato esplicitamente nel Codice di Diritto Canonico del 1983 (can. 332.2).

Quindi, l'atto di rinuncia di Benedetto non soddisfa le condizioni di una rinuncia del papato ed è quindi invalido. Essendo invalido, Benedetto rimane papa finché non rinuncia all'ufficio o non lascia questa vita.

Ora vi starete chiedendo, perché parlare così nel 2019? Perché nessuno ne ha parlato nel 2013 prima che Bergoglio fosse eletto? La nostra affermazione è forse un distacco forzato dagli orrori di un papa malvagio ma valido?

No. Infatti, non appena l'Atto di rinuncia di Benedetto è uscito l'11 febbraio 2013, sia la stampa italiana che quella francese, nel giro di un giorno, hanno espresso dubbi sulla validità del testo delle dimissioni. Inoltre il Prof. Radaelli in Italia ha scritto a Benedetto per avvertirlo che un antipapa sarebbe stato eletto al suo posto se avesse fatto questo passo. Quindi la nostra affermazione non è in alcun modo un artificioso distacco dalla realtà come accuserebbero i difensori del regime bergogliano.

Guardiamo ora a certe comuni obiezioni alla nostra asserzione di invalidità, avanzate a difesa della validità delle dimissioni di Benedetto.

Probabilmente l'errore più comune addotto per sostenere che Benedetto si è validamente dimesso è l'affermazione che il "munus" (ufficio) è a tutti gli effetti lo stesso del "ministerium" (ministero). Così, dicono che Benedetto si è di fatto dimesso validamente.

Questa posizione è dimostrabilmente sbagliata per il Diritto Canonico, che definisce il ministero e l'ufficio in due canoni distinti. Segnaliamo che gli apologeti di Bergoglio non affronteranno mai queste definizioni canoniche, facendo invece appello ai comuni dizionari latini. Tuttavia, le uniche definizioni valide sono quelle del Diritto Canonico.

Un'altra obiezione alla nostra affermazione è di dire che il Papa è al di sopra del diritto canonico e può dimettersi in qualsiasi modo gli piaccia. Vi sono due errori. Il primo errore è quello di ignorare l'intenzione del legislatore nel promulgare il diritto canonico. Il canone che copre le dimissioni papali è stato codificato da Papa Giovanni Paolo II nel 1983. Pur se è vero che Benedetto, in quanto papa, è il legislatore supremo della Chiesa, tuttavia deve prima legiferare effettivamente. Poiché in questo caso non l'ha fatto, il canone 332.2 rimane valido. Benedetto avrebbe potuto emanare una deroga a questo canone dimettendosi, ma ancora una volta non ha fatto una cosa simile, e come tale rimane soggetto alla sua sentenza. Si noti anche che l'atto di rinuncia è stato l'atto di Benedetto come l'uomo che è papa, non un atto giuridico del papa.

Il secondo errore è il disprezzo per la natura dell'Ufficio come stabilito da Cristo. Il Figlio di Dio ha stabilito l'ufficio petrino su un singolo uomo, da non condividere o dividere tra più di uno. Il diritto canonico, basato com'è sulla Legge Divina, deve, per la sua validità, riflettere la volontà di Cristo. Benedetto ha creato la situazione in cui ci sono due Papi, uno che detiene l'ufficio e l'altro delegato al ministero. Questo è contrario alla volontà di Cristo.

Quindi, il Papa non può dimettersi in qualsiasi modo gli piaccia.

Spiegazioni canoniche dettagliate sono disponibili per chiunque sia interessato, in questo sito web: ppbxvi.org (che sarà pubblicato sullo schermo).

In contrasto con queste obiezioni, la chiara tradizione canonica indica una menzione di munus (o di uno dei suoi sinonimi) nella rinuncia ad un ufficio, ma nessuna menzione di ministero.

Date queste informazioni, un cattolico è tenuto a sottomettersi al diritto canonico e presumere che Benedetto non ha mai di fatto rassegnato le dimissioni dalla carica di papa ed è quindi ancora papa.

Un'altra obiezione alla nostra affermazione è di dire che i Cardinali agiscono come se le dimissioni fossero valide. Tuttavia, agire come se fosse valido non lo rende valido. Agire come se un canone (qui, canone 332.2) fosse soddisfatto non significa che sia stato soddisfatto.

Una similare obiezione alla nostra affermazione propone che il fatto che un conclave abbia avuto luogo nel marzo 2013 è la prova della validità delle dimissioni di Benedetto.

No. In primo luogo, che i cardinali si siano riuniti nel marzo 2013 non implica che il conclave sia stato valido. Infatti, per il Diritto Canonico un conclave non può essere convocato mentre la sede di Pietro è ancora occupata. Quindi, avere semplicemente un gruppo di cardinali riuniti in segreto non significa che il conclave è valido, e ovviamente un conclave di dubbia validità non può essere utilizzato per convalidare le dimissioni di Benedetto, poiché si tratta di un ragionamento circolare. "Le dimissioni di Benedetto erano valide perché c'era un conclave, e il conclave era valido perché Benedetto si è dimesso". Dobbiamo piuttosto guardare al diritto canonico. Il Canone 188 dice che le dimissioni di Benedetto non erano valide, a causa di un errore sostanziale, quindi ogni conclave convocato mentre è ancora in vita non è valido.

Un'altra obiezione alla nostra affermazione: Benedetto ha chiesto un conclave nel suo atto di rinuncia, quindi deve essersi dimesso.

No. Per la validità secondo il diritto canonico, Benedetto ha dovuto rinunciare al munus, cosa che non ha fatto. Inoltre, essendo ancora l'occupante della Sede di Pietro, non poteva per legge divina indire un conclave mentre è ancora in vita.

Sì, ha acconsentito a questo, ma ciò non ha alcuna attinenza con l'invalidità della sua rinuncia, poiché il munus è stato omesso dalla dichiarazione di dimissioni.

Segnaliamo qui un altro errore degli apologeti bergogliani che dicono che Benedetto si è dimesso in modo tale da indire un conclave, mostrando così l'intenzione. Tuttavia, qualcosa di così importante come le dimissioni non può essere giudicato in modo affidabile sulla base dell'intenzione. Chi giudicherà l'intenzione? Il diritto canonico non prevede che qualcuno possa giudicare l'intenzione. Un tale processo sarebbe maliziosamente invisibile alla Chiesa nel mondo. L'intenzione non rende vacante la sede. Una dichiarazione è necessaria. Allo stesso modo, neanche l'intenzione di rinunciare al ministero rende vacante la sede.

Molte persone si chiedono quanto rigorosamente debba essere applicato il diritto canonico. Pensano: beh, Benedetto intendeva dimettersi. Lo Spirito Santo era lì. Tutto si è risolto. Abbiamo un nuovo Papa e tutto va bene. Non bisogna impelagarsi nei dettagli rigorosi della legge. Noi diciamo, fate attenzione. Lo Spirito Santo non permette di infrangere la legge. Eludere la legge è un atto dell'uomo - non dello Spirito Santo.

Quindi, una questione fondamentale è: quanto rigore giuridico dovrebbe essere applicato ai processi che cambiano il Papato? Possiamo approfondire tale questione guardando un esempio parallelo da un campo completamente diverso. Sono un imprenditore che lavora in un'azienda che gestisce sperimentazioni cliniche per nuovi farmaci prodotti e testati da un'azienda farmaceutica. Il principale documento-guida in ogni sperimentazione clinica è il protocollo clinico. Proprio come il diritto canonico è stato modificato e adattato per secoli, il protocollo viene modificato e adattato per mesi da molti esperti del settore, medici, dottori di ricerca, statistici e professionisti vari. Tutti i soggetti coinvolti ritengono fondamentale che il protocollo sia seguito rigorosamente durante la sperimentazione clinica. Prima e durante l'esecuzione della sperimentazione clinica, inviamo controllori ai siti clinici il cui compito è quello di verificare che tali siti rispettino ogni dettaglio del protocollo. Un controllore trascorrerà uno, due o tre giorni in un sito, vagliando le registrazioni per verificarne la conformità. Qualsiasi deviazione minore rispetto al protocollo viene redatta in piena trasparenza. L'azienda farmaceutica deve accertare l'impatto e rifare parti della sperimentazione clinica se ritenuto necessario. Tutte queste informazioni sono accuratamente documentate in preparazione di una potenziale verifica da parte della Food and Drug Administration (FDA). L'intenzione, o l'accettazione universale da parte del personale del sito clinico non è mai accettata come sostituto del lavoro trascurato. Se la FDA trova gravi irregolarità, l'approvazione del farmaco può essere negata, il che può costare allo sponsor 100 milioni di dollari o più in costi sommersi.

I processi per governare la Chiesa di Dio non dovrebbero essere ancora più rigorosi di quelli richiesti per gli studi clinici? Il diritto canonico non si è evoluto a seguito di dolorose mancanze storiche? Se c'è una rinuncia papale, non dovrebbe essere immediatamente convocata una commissione di esperti di Diritto Canonico per analizzare il documento di rinuncia e gli eventi che lo circondano per eventuali irregolarità? Non dovrebbero segnalare con trasparenza le irregolarità alla Chiesa nel mondo? Quando Benedetto XVI si è dimesso, perché ciò non è successo? Quando il cardinale Godfried Danneels ha riportato nella sua autobiografia che un gruppo di cardinali, che si definirono la Mafia di San Gallo, tramò per ottenere voti e si accordò per far eleggere il cardinale Jorge Bergoglio, in stretta violazione delle note procedure dei conclavi, con una pena di scomunica per i trasgressori, perché è stato permesso che avvenisse senza correzione? Dov'era la commissione di vigilanza?

La Madre Maria, nelle profezie di Nostra Signora del Buon Successo riconosciute dalla Chiesa, ha fornito la risposta cruciale. All'inizio del XVII secolo, disse a Madre Mariana che verso la fine del XX secolo, il nostro tempo, "la Massoneria, che sarà poi al potere, emanerà leggi inique con lo scopo di mettere da parte questo Sacramento (riferendosi al Sacramento del matrimonio), rendendo facile per tutti vivere nel peccato e incoraggiando la procreazione di figli illegittimi nati senza la benedizione della Chiesa". Infine, questo messaggio è perfettamente in sintonia con il suo messaggio nel Terzo Segreto di Fatima, dove disse: "Satana regnerà nei luoghi più alti e riuscirà a infiltrarsi fino in cima alla Chiesa". Quindi, è ragionevole concludere che i Massoni sono al potere in Vaticano e che hanno deliberatamente o trascuratamente rinunciato ai controlli canonici per far eleggere il loro uomo. Perché preoccuparsi delle irregolarità? Basta andare avanti come se tutto fosse normale. Quindi, nonostante i vari inviti ad affrontare questi problemi, non vediamo alcun serio tentativo di farlo. A compimento dell'avvertimento di Maria, due leggi inique che mettono da parte il Sacramento del Matrimonio sono: 1) l'accettazione da parte di Bergoglio, di un secondo matrimonio dopo un divorzio, in Amoris Laetitia e 2) l'accettazione da parte di Bergoglio della contraccezione, il grande distruttore dei matrimoni.

Come cristiani siamo obbligati a leggere i segni dei tempi. Sappiamo per Fede che Gesù sarà sempre fedele e ci darà sempre un pastore fedele come Suo Vicario. Non è esagerato, però, dire che ciò che vediamo è un forte segno che costui che molti pensano sia il Papa, non è il Papa, perché non si comporta come uno che ha ricevuto il dono dell'ufficio di Pietro.

Gli eventi che circondano il papato continueranno a peggiorare. Ad un certo punto, quando tutto sembrerà perduto, Maria ha promesso di restaurare la Chiesa "in modo meraviglioso". Mentre questo regime disastroso si dispiega, milioni di persone stanno pregando perché ciò accada presto. Lei può risolvere il problema. Non possiamo farlo da soli. Tuttavia, possiamo gettare le basi per il suo eventuale intervento con la preghiera, specialmente il Rosario e le azioni coraggiose. Nel frattempo, è necessario mantenere la fedeltà al vero Papa. Mantenere la fedeltà a un eretico e scismatico rende eretici e scismatici.

Chiudiamo con una preghiera per il Papa Benedetto XVI - nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, Amen. Dio onnipotente ed eterno, abbi misericordia del Tuo servo Benedetto, Tuo Vicario in terra, e guidalo, secondo la Tua bontà, sulla via della salvezza eterna per tutta la Chiesa. Con il Tuo dono, possa egli desiderare sempre ciò che Ti è gradito e compierlo con tutta la sua forza, per Cristo nostro Signore. Amen.

Domande: mandatemi un'e-mail all'indirizzo brian@godsplanforlife.org. (Questo apparirà sullo schermo.)
La ringrazio tanto @AvisObservans !