12:05
Irapuato
90
Vangelo del giorno - Mc 4,26-34 - Il Regno di Dio crescerà in te! - Koinonia Giovanni Battista Secondo libro di Samuele 11,1-4a.5-10a.13-17. L'anno dopo, al tempo in cui i re sogliono andare in guer…More
Vangelo del giorno - Mc 4,26-34 - Il Regno di Dio crescerà in te! - Koinonia Giovanni Battista

Secondo libro di Samuele 11,1-4a.5-10a.13-17.
L'anno dopo, al tempo in cui i re sogliono andare in guerra, Davide mandò Ioab con i suoi servitori e con tutto Israele a devastare il paese degli Ammoniti; posero l'assedio a Rabbà mentre Davide rimaneva a Gerusalemme.
Un tardo pomeriggio Davide, alzatosi dal letto, si mise a passeggiare sulla terrazza della reggia. Dall'alto di quella terrazza egli vide una donna che faceva il bagno: la donna era molto bella di aspetto.
Davide mandò a informarsi chi fosse la donna. Gli fu detto: "È Betsabea figlia di Eliàm, moglie di Uria l'Hittita".
Allora Davide mandò messaggeri a prenderla. Essa andò da lui ed egli giacque con lei, che si era appena purificata dalla immondezza. Poi essa tornò a casa.
La donna concepì e fece sapere a Davide: "Sono incinta".
Allora Davide mandò a dire a Ioab: "Mandami Uria l'Hittita". Ioab mandò Uria da Davide.
Arrivato Uria, Davide gli chiese come stessero Ioab e la truppa e come andasse la guerra.
Poi Davide disse a Uria: "Scendi a casa tua e làvati i piedi". Uria uscì dalla reggia e gli fu mandata dietro una portata della tavola del re.
Ma Uria dormì alla porta della reggia con tutti i servi del suo signore e non scese a casa sua.
La cosa fu riferita a Davide e gli fu detto: "Uria non è sceso a casa sua". Allora Davide disse a Uria: "Non vieni forse da un viaggio? Perché dunque non sei sceso a casa tua?".
Davide lo invitò a mangiare e a bere con sé e lo fece ubriacare; la sera Uria uscì per andarsene a dormire sul suo giaciglio con i servi del suo signore e non scese a casa sua.
La mattina dopo, Davide scrisse una lettera a Ioab e gliela mandò per mano di Uria.
Nella lettera aveva scritto così: "Ponete Uria in prima fila, dove più ferve la mischia; poi ritiratevi da lui perché resti colpito e muoia".
Allora Ioab, che assediava la città, pose Uria nel luogo dove sapeva che il nemico aveva uomini valorosi.
Gli uomini della città fecero una sortita e attaccarono Ioab; parecchi della truppa e fra gli ufficiali di Davide caddero, e perì anche Uria l'Hittita.

Salmi 51(50),3-4.5-6a.6bc-7.10-11.
Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia;
nella tua grande bontà cancella il mio peccato.
Lavami da tutte le mie colpe,
mondami dal mio peccato.

Riconosco la mia colpa,
il mio peccato mi sta sempre dinanzi.
Contro di te, contro te solo ho peccato,
quello che è male ai tuoi occhi, io l'ho fatto.

perciò sei giusto quando parli,
retto nel tuo giudizio.
Ecco, nella colpa sono stato generato,
nel peccato mi ha concepito mia madre.

Fammi sentire gioia e letizia,
esulteranno le ossa che hai spezzato.
Distogli lo sguardo dai miei peccati,
cancella tutte le mie colpe.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 4,26-34.
In quel tempo, Gesù diceva alla folla: «Il regno di Dio è come un uomo che getta il seme nella terra;
dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa.
Poiché la terra produce spontaneamente, prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga.
Quando il frutto è pronto, subito si mette mano alla falce, perché è venuta la mietitura».
Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo?
Esso è come un granellino di senapa che, quando viene seminato per terra, è il più piccolo di tutti semi che sono sulla terra;
ma appena seminato cresce e diviene più grande di tutti gli ortaggi e fa rami tanto grandi che gli uccelli del cielo possono ripararsi alla sua ombra».
Con molte parabole di questo genere annunziava loro la parola secondo quello che potevano intendere.
Senza parabole non parlava loro; ma in privato, ai suoi discepoli, spiegava ogni cosa.

Copyright @ Conferenza Episcopale Italiana [2003 11 05]


Beato Maria Eugenio di Gesù Bambino (1894-1967)

carmelitano, fondatore di Notre Dame de Vie
L'unione trasformante

Il regno di Dio è come il seme che germoglia e cresce
Non possiamo chiedere alla grazia divina di rivelare tutte le sue potenzialità durante il periodo della crescita. Il seme che muore, lo stelo delicato che cresce, non dice esattamente cosa porta dentro. Tutta la germinazione e tutta la crescita avvengono nel caos, o almeno nel mistero. Solo la piena fioritura manifesta le proprietà della vita e la qualità del frutto. Dopo i periodi oscuri che ci hanno nascosto alcune delle sue proprietà, la grazia, nell'unione trasformante, deve scoprire le sue ricchezze essenziali, e mostrarci che realizza una trasformazione attraverso la somiglianza d'amore a Cristo Gesù. La fioritura esteriore di Cristo Gesù nelle anime avrà varie forme, perché questa grazia di Cristo è davvero multiforme e risplende in diversi riflessi, ma la trasformazione in Cristo deve essere reale e profonda e deve essere affermata dalla somiglianza che l'amore crea nella volontà, nei pensieri, nei sentimenti e nell'attività esteriore. (...) Divinizzazione della natura umana per essere figli di Dio, incarnazione della vita divina per essere cristiani, tale è il doppio realismo che dobbiamo esigere dall'unione trasformante per riconoscerla come vera e autenticamente cristiana.