Clicks28
Irapuato
Lo hanno chiamato “il Mozart della teologia” Ha messo la sua vita, i suoi studi e il suo ministero al servizio del grande “Compositore” Benedetto XVI La vita Joseph Ratzinger nasce a Marktl am Inn (…More
Lo hanno chiamato “il Mozart della teologia” Ha messo la sua vita, i suoi studi e il suo ministero al servizio del grande “Compositore” Benedetto XVI La vita Joseph Ratzinger nasce a Marktl am Inn (Germania) il 16 aprile del 1927, ultimo di tre fratelli Cresce in una casa ricca di fede e di musica La vicinanza al confine austriaco facilita l’influsso mozartiano Il maestro di casa è il fratello Georg, ma il futuro Papa non se la cava male col piano Ringrazio Dio per avermi posto accanto la musica quasi come compagna di viaggio che sempre mi ha offerto conforto e gioia La vita lo porta a eseguire altri spartiti A 12 anni entra in seminario e a 24 viene ordinato sacerdote, insieme al fratello Georg. È il 29 giugno 1951 il momento più importante della sua vita La teologia è la colonna sonora del suo impegno nella Chiesa in anni di grande fermento culturale Diventa un professore ricercato e un punto di riferimento in ambito teologico. Partecipa come perito al Concilio Vaticano II e poi è chiamato nella Commissione Teologica Internazionale La sua teologia non è solo rigorosa ma “bella”, poetica tanto da essere chiamato definito il “Mozart della teologia”. L’amore per Mozart lo accomuna a due amici e colleghi: Henri-Marie de Lubac e Hans Urs von Balthasar. Una sintonia musicale che è anche sintonia teologica, fino alla fondazione della rivista Communio nel 1972 Diventa vescovo e cardinale a 50 anni e sceglie come motto “Cooperatores veritatis” Quel che era e continuava a restare in gioco era seguire la verità, stare al suo servizio Nel 1981 Giovanni Paolo II lo vuole al suo fianco come prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede Nasce una collaborazione inossidabile Ratzinger diventa consigliere e amico fidato del Papa, che lo vuole al suo fianco fino alla fine. Poi tocca a lui continuare a eseguire quello spartito Nel 2005 viene eletto Papa e prende il nome di Benedetto XVI presentandosi come un semplice e umile lavoratore nella vigna del Signore. Il suo pontificato dura poco meno di 8 anni in cui la barca della Chiesa deve navigare nelle acque agitate degli scandali interni Ma all’improvviso la musica cambia L’11 febbraio 2013 Benedetto XVI annuncia di rinunciare al ministero petrino Le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino Dalle ore 20 del 28 febbraio 2013 è il primo “papa emerito” della storia Dal monastero Mater Ecclesiae continua ad accompagnare la Chiesa con la melodia silenziosa della sua preghiera. aleteia