Clicks1.5K
Danilo Quinto
3

L’emergenza di Conte – Danilo Quinto – 29 luglio 2020

L’”avvocato del popolo” non aveva alternative. Non per le ragioni che ha evocato al Senato (la prima: se non viene prorogato lo stato d’emergenza, decadono provvedimenti già presi; la seconda: il virus continua a circolare; la terza: la mancata proroga provocherebbe la cessazione dell’attività del commissario, che sta cercando i banchi per le scuole, dopo essersi occupato per mesi – e i risultati li hanno visti tutti – di guanti, mascherine e camici per i medici e gli infermieri, con i primi che hanno contato, al 31 maggio, 171 morti e i secondi, 40, più 4 suicidi), ma per garantirsi la sua permanenza a Palazzo Chigi.

Sta tutta qui la ragione della proroga dello stato d’emergenza al 15 ottobre.
Il dopo? Tutto sembra già previsto.

C’è chi – come Antonio Fauci, il consigliere sanitario di Donald Trump (non si comprende, peraltro, perchè il Presidente degli Stati Uniti lo tenga ancora al suo posto dopo la disastrosa gestione dell’emergenza) – ha dichiarato che “Un ritorno a una crescita dei casi è possibile quando in autunno e in inverno il clima cambierà. Potrebbe sovrapporsi alla stagione dell'influenza, complicando il quadro. Nel Nord Italia c'è la possibilità di una seconda ondata". Se lo dice, lui… La portavoce dell’OMS, Margaret Harris, dopo aver sollecitato l’applicazione di misure per rallentare la trasmissione che si sta diffondendo attraverso raduni di massa, ha messo in guarda dal pensare alla pandemia in termini di ondate, perché il Covid-19 non si comporta come l'influenza che tende a seguire l'andamento delle stagioni: "Sarà una grande ondata. Andrà un pò su e un pò giù. La cosa migliore è appiattirla e trasformarla in qualcosa che sfiori appena i nostri piedi", ha aggiunto. Walter Ricciardi, consulente scientifico del Ministro della Salute, dopo aver proposto un “sussidio di sostentamento” agli immigrati (sarebbe meglio dire “merce umana”, oggetto di tratta da parte delle organizzazioni criminali) contagiati dal coronavirus (non solo, quindi, li facciamo entrare nel nostro Paese, dal 20 al 27 luglio di quest’anno ne sono entrati 2.445 contro i 288 dello stesso periodo dell’anno scorso, ma dovremmo pure pagarli, oltre la diaria quotidiana che li forniamo, per poi vederli scappare dai Centri di Accoglienza, in modo da diffondere il contagio nel resto d’Italia), ha chiesto l’inasprimento delle sanzioni nei confronti degli italiani. Ha detto: “Purtroppo vedo che le multe sono lo zero virgola qualcosa rispetto al numero delle persone fermate. Così non va. Rischiamo di fare la fine della Catalogna o di Israele. Se i focolai crescono di numero e volume c’è il rischio di non riuscire più a tenerli sotto controllo. Allora potrebbe capitare di dover creare delle zone rosse anche in luoghi di villeggiatura dove si finirebbe per restare intrappolati”.

Questa è solo una parte del quadro dei pareri scientifici che “contano”. Gli altri pareri – sempre scientifici – che pur esistono e che sono di segno opposto (nel senso che certificano che lo stato di emergenza non esiste più e che il virus è clinicamente morto, come si può constatare dai numeri dei ricoverati, compresi quelli in terapia intensiva), vengono silenziati dalla quasi totalità dell’informazione di regime. Come chiamarla in altro modo? Non solo.

Scienziati, professori universitari e clinici come Zangrillo e Bassetti, che hanno curato e assistito migliaia di pazienti affetti da Covid19, per non parlare di Tarro o Montaigner - che dovrebbero essere rispettati almeno quanto gli altri - vengono definiti “negazionisti” dall’opinione e dall’informazione mainstream, quella che esprime il punto di vista dell’OMS, colpevole di aver per lungo tempo tergiversato nel dichiarare la pandemia e che con le sue delegazioni nazionali condiziona le scelte dei Governi, nella fattispecie quello italiano.

Nè vengono valorizzate le cure, che pur ci sono e che sono state scoperte grazie alle autopsie disposte da medici liberi, che si sono così sottratti al “consiglio” di non effettuarle. Qualcuno ha mai spiegato perchè?

Chi propaganda farmaci che contribuiscono a salvare vite – come la idroclorochina – viene additato come diffusore di fake news. Bene ha fatto Donald Trump, allora, a dichiarare che ha usato questo farmaco in via preventiva, bene ha fatto a pubblicizzarlo, bene ha fatto a negare ulteriori finanziamenti all’OMS, come dovrebbero iniziare a fare tutti quei Paesi che si vogliono sottrarre a questa “dittatura sanitaria”, che ha conseguenze devastanti sulla libertà personale e sui diritti delle persone. Bene fa Trump a lottare, all'interno del suo Paese e in campo internazionale, contro la Cina, che con le sue mire espansioniste e nazionaliste, oltre che con la sua feroce dittatura (solo il Vaticano non se ne accorge) costituisce il più grande pericolo che il mondo vive in questo momento. Sul piano umano, molto dipenderà dall'esito delle elezioni americane di novembre, anche per quanto riguarda l'Italia. E' inutile nasconderlo.

Tenendo presente questo contesto, affermare che il “dopo” 15 ottobre sia già scritto, non è nè una boutade nè una forzatura. Anzi qualcosa di più, perchè a parere di Conte – l’ha sostenuto in Parlamento – “è grave convincere del nuovo lockdown”. Perchè sarebbe grave? Non viene spiegato. Eppure, sappiamo che fino al 15 ottobre continueranno ad essere diffusi dati tali da mantenere la situazione di paura in cui si trova la maggioranza della popolazione, in attesa della distribuzione del vaccino (sempre Fauci, che pare sappia tutto, ha detto nei giorni scorsi che il mese di ottobre potrebbe essere quello giusto per la sua messa in commercio) e continueranno ad essere in vigore misure restrittive della libertà personale in una situazione che non ha precedenti nel nostro Paese. Neanche negli anni ’70, nella stagione del terrorismo, sono state accantonate norme di valenza costituzionale così come si sta facendo ora, da ormai 5 mesi.

Scriveva così, Carlo Deodato, Presidente di Sezione del Consiglio di Stato, sul “Sole 24 Ore” del 16 aprile 2020, in un articolo intitolato “Stat, leggi e cittadini. Il nuovo dilemma di Antigone”: “Ci si deve astenere dal regolare i comportamenti dei cittadini per prevenire la diffusione dell’epidemia? No. Si deve, allora, disobbedire alle norme vigenti? Assolutamente no. Le leggi vanno rispettate, come ammoniva Socrate prima di bere il veleno di una condanna iniqua. Ma per evitare contrasti eccessivi ed insanabili tra le regole restrittive e la sfera incomprimibile della libertà dei cittadini, chi decide le prime deve farsi carico di questa preoccupazione: che le norme non vengano percepite dai cittadini come ingiuste, sproporzionate e lesive, oltre ogni ragionevolezza, della loro aspirazione naturale alla libertà. Perchè, se fosse così, non solo non produrrebbero l’effetto voluto, ma susciterebbero quello opposto: oltre alla disobbedienza, la sfiducia verso l’autorità. E lo Stato è destinato a sgretolarsi se i cittadini perdono il rispetto per l’equità (e, quindi, per l’esigibilità delle sue decisioni). Lo Stato è per l’uomo; non l’uomo per lo Stato”.

Conte, però, può dormire sonni relativamente tranquilli, perchè alla maggioranza degli italiani sembra stia bene così, considerati i sondaggi che circolano sulla sua popolarità e sul consenso che riceve la sua azione di governo.

Dal “fronte” economico e sociale provengono le verità più evidenti della necessità di dichiarare un nuovo “lockdown”. Dopo poche ore dai “festeggiamenti” per la decisione dell’Europa d’iniziare ad erogare, a partire dalla metà del 2021, 209 miliardi, in prestito e condizionati all’assenso degli organismi europei sulle riforme che saranno proposte, si è compreso che l’euforia fosse fuori luogo.

Come ha documentalmente dimostrato Carlo Calenda nei giorni scorsi, “l’Italia

ha ‘parcheggiati’ 6,7 miliardi di fondi europei senza cofinanziamento», che potrebbe usare per l’emergenza coronavirus. Il dato corrisponde ad una stima riportata nelle ultime settimane da diverse fonti sulla quantità di risorse tra i fondi comunitari che l’Italia potrebbe riprogrammare, senza cofinanziamento nazionale, grazie alla maggiore flessibilità concessa, tra marzo e aprile, dall’Ue. La riprogrammazione di queste risorse è ancora oggetto di trattativa tra lo Stato e le amministrazioni, centrali o regionali, che le gestiscono.

Stiamo parlando di 6,7 miliardi, lo ripetiamo. Si può ragionevolmente pensare che uno Stato che da mesi non riesce ad utilizzare queste risorse, uno Stato che è in grado di utilizzare solo una parte dei fondi strutturali europei (migliaia di miliardi) relativi alla programmazione prevista ogni 6 anni, possa – dalla mattina alla sera – pur considerando, con tutto il rispetto, l’autorevole apporto che alla maggioranza potrà essere assicurato dal professor Brunetta, rappresentante di Forza Italia, che è incline a dar manforte, possa – dicevamo – presentare all’Europa un piano di riforme strutturali che riguardino i campi della giustizia, della semplificazione burocratica, degli investimenti per le grandi opere pubbliche e via dicendo?

Come vivono oggi gli italiani?


In base al Rapporto Confcommercio-Censis quasi 6 famiglie su 10 temono di perdere il posto di lavoro e il 23% ha dovuto rinunciare definitivamente all’acquisto già programmato di beni durevoli (mobili, elettrodomestici, auto). Il 48% ha rinunciato alle vacanze (week end, ponti, Pasqua, vacanze estive). Oltre la metà delle famiglie non ha programmato nulla e circa il 30% rimarrà a casa non avendo disponibilità economica (percentuale che sale al 57% per i livelli socio economici bassi). Il 42,3% delle famiglie ha visto ridursi l’attività lavorativa e il reddito, il 25,8% ha dovuto sospendere del tutto l’attività e il 23,4% è finito in Cig. In base ad un’analisi dell’Ufficio Studi Fipe, diffusa il 21 luglio, i fatturati dei pubblici esercizi italiani registrano perdite del 40%. Ad essere soddisfatti di aver riaperto poco più di 6 imprenditori su 10, circa il 61%, mentre sale la percentuale di chi ritiene che non riuscirà a tornare ai livelli di attività pre-covid (68%). Diminuisce di circa 4 punti rispetto a giugno la percentuale di chi valuta positivamente l'andamento dell’attività dopo la riapertura. Si passa dal 22,2% all’attuale 18% circa. Nel primo semestre 2020, secondo i dati del quinto “Osservatorio congiunturale dei Trasporti” elaborato dall’Ufficio studi di Confcommercio per Conftrasporto, il traffico passeggeri è calato del 53% e quello delle merci di quasi il 25%. Nonostante i 17,6 miliardi stanziati dai decreti Cura Italia e Rilancio, ci sono 2 milioni di lavoratori in attesa della cassa integrazione. Di questi, 1,5 milioni dipendono dall’Inps, mentre i restanti 500 mila circa dal Fondo degli artigiani. In molto aspettano ancora i soldi di marzo o aprile, o di entrambi i mesi. L’Istat ha diffuso a maggio le stime preliminari su occupati e disoccupati: il tasso di disoccupazione risale al 7,8%. Rispetto a maggio 2019 gli occupati in meno sono 613 mila. La Coldiretti stima in un suo rapporto che saranno 4 milioni gli italiani che rimarranno senza cibo in autunno. Il 38,4% degli italiani avrebbe risorse liquide disponibili per non più di 3 mesi per spese essenziali come cibo o riscaldamento, secondo l’indagine ISF Bankitalia condotta a maggio, dalla quale emerge anche che il 40% degli individui indebitati dichiara di avere già difficoltà nel sostenere le rate del mutuo. Fra i nuovi poveri nell’autunno 2020 – ha sottolineato la Coldiretti – ci saranno coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie.

Quest’elenco di criticità e di conseguenti – facilmente intuibili – drammi sociali, rispetto ai quali non esiste uno straccio di consapevolezza politica e di relative, necessarie e urgentissime misure per evitare che la situazione precipiti e diventi del tutto ingovernabile, potrebbe continuare a lungo. E’ inevitabile che se rispetto a questa situazione non venissero presi provvedimenti immediati, l’unica soluzione praticabile per il potere è reinnescare il meccanismo del “coprifuoco”. Una specie di “lockdown permanente”. Un nuovo modo di governare. Sarebbe “grave”, come sostiene il Presidente del Consiglio, pensare che così sia? Quali alternative e quali misure di Governo sono state presentate finora in grado di arginare una situazione la cui gravità non ha confronti con nessun periodo della storia d’Italia, neanche con il periodo post-bellico? Sono state diffuse promesse, è vero, ma le promesse non producono pane, non sfamano. Sono un’”arma di distrazione di massa”, se non hanno alcun ancoraggio – e così è – con la realtà.

L’unica certezza che si ha, in termini di produzione legislativa, non riguarda questa situazione di pre-rivolta sociale (chi deve sfamare i propri figli e non avrà risorse per farlo, non potrà rimanere ancora indifferente), ma a parte i DPCM – criticati dalla stessa Presidente del Senato: “In emergenza”, ha detto, “ricorso esagerato ai DPCM e troppe fiducie, a rischio democrazia parlamentare” – riguarda una legge su cui si è già trovato un compromesso e che sarà approvata (si stia pur certi) il prossimo 3 agosto: quella sull’omofobia.

E’ questo il “destino” che Gesù aveva previsto per Roma quando duemila fa Pietro insediò la Sua Chiesa in questo territorio? Non è grande, da questo punto di vista, la responsabilità di coloro che hanno fede? Si può continuare a rimanere inerti e indifferenti o la fede impone di testimoniare la Verità e di gridarla dai tetti, al prezzo della stessa vita, se occorre? O, invece, si deve seguire l’esempio delle guide spirituali, così ossequiose e succubi del potere civile?

__________________


Chi vuole sostenere la mia battaglia o acquistare il mio ultimo libro, “Maria e il serpente” o regalarlo ad un suo amico, scriva a pasqualedanilo.quinto@gmail.com il suo indirizzo. Lo spedirò a casa.
La donazione di 18 euro può essere fatta con queste modalità:
- PAYPAL a questo link PayPal.Me
- Bonifico sul CONTO POSTEPAY intestato Pasquale Quinto
IBAN IT 54 Y 36081 0513820 1764601769
Codice BIC/SWIFT PPAYITR1XXX (per i versamenti dall'estero)
- Ricarica POSTEPAY in posta o al tabaccaio, intestata Pasquale Quinto
Numero carta 5333 1710 7086 6807
polos
Non mi preoccupo di questo mentecatto (C. andrebbe rinchiuso in manicomio, ha dei problemi mentali molto seri, si percepisce chiaramente perfino dal timbro della sua voce...).

Non mi preoccupo del danno che ha già programmato di fare ad una nazione intera.

Non mi preoccupo per un motivo molto semplice: proprio quando la causa politica/sociale/ecclesiale sembra ormai del tutto perduta -- come …More
Non mi preoccupo di questo mentecatto (C. andrebbe rinchiuso in manicomio, ha dei problemi mentali molto seri, si percepisce chiaramente perfino dal timbro della sua voce...).

Non mi preoccupo del danno che ha già programmato di fare ad una nazione intera.

Non mi preoccupo per un motivo molto semplice: proprio quando la causa politica/sociale/ecclesiale sembra ormai del tutto perduta -- come sta succedendo or ora -- proprio quello è il momento quando il Signore e la Sua Provvidenza INTERVERRA' DIRETTAMENTE!

Aspettiamo Settembre: magari vi accadrà qualcosa che sconvolgerà il mondo intero, e per sempre...
N.S.dellaGuardia
É anche la mia speranza, più verso ottobre, mese Mariano...
nolimetangere
Golpe.