Lisi Sterndorfer

Culto divino, arriva Roche: è lui l'anti-Sarah

Dopo l'uscita di scena di Sarah il Papa nomina al vertice della Congregazione per il culto divino l'ex segretario Roche. Difficilmente si troverà in …
N.S.dellaGuardia
Il kapo vatikano pensa di essere ancora a buenos aires dove si era vendicato di quanti avevano osato mettersi contro di lui.
Non ha idea di cosa provocherà continuando a giocare con ciò che non gli appartiene.
padrepasquale
Quello che ha fatto e sta facendo tanto male all'unità della Chiesa è la polemica di certi tradizionalisti sul Vetus Ordo (considerato intoccabile) e il Novus Ordo (considerato filo protestante); sulla Tradizione preconciliare (considerata l'unica verità) e il Concilio Vaticano II (considerato eretico). Ben venga qualunque provvedimento a stroncare questa polemica e riportare la serenità nella …More
Quello che ha fatto e sta facendo tanto male all'unità della Chiesa è la polemica di certi tradizionalisti sul Vetus Ordo (considerato intoccabile) e il Novus Ordo (considerato filo protestante); sulla Tradizione preconciliare (considerata l'unica verità) e il Concilio Vaticano II (considerato eretico). Ben venga qualunque provvedimento a stroncare questa polemica e riportare la serenità nella Chiesa.
N.S.dellaGuardia
Stroncare?
Perché non eliminare direttamente? Funziona così il miserikordismo del suo kapo?:

Si giri pure dall'altra parte e continui a dormire, ma ci risparmi certe mostruosità.
Andrea Mancinella
Che poi la 'nuova Messa ' di Paolo VI, pur restando valida, sia in realtà un rito catto-anglicano è testimoniato, ad esempio, da un ex anglicano convertito al Cattolicesimo come lo scrittore Julien Green, che di fronte allo spettacolo della prima 'nuova Messa' di Paolo VI assai simile alla famigerata Anglican Mass compilata nel XVI secolo dall'eretico vescovo Thomas Cranmer e che lui ben …More
Che poi la 'nuova Messa ' di Paolo VI, pur restando valida, sia in realtà un rito catto-anglicano è testimoniato, ad esempio, da un ex anglicano convertito al Cattolicesimo come lo scrittore Julien Green, che di fronte allo spettacolo della prima 'nuova Messa' di Paolo VI assai simile alla famigerata Anglican Mass compilata nel XVI secolo dall'eretico vescovo Thomas Cranmer e che lui ben conosceva se ne uscì esterrefatto, rivolto alla sorella con lui presente, con un "ma perché ci siamo convertiti?"...
Il fatto è che la massa dei cattolici, sacerdoti compresi, non sapeva un bel nulla della "messa anglicana", ragion per cui si bevve la 'novità' di Paolo VI, credendo di 'obbedire' e di fare un atto di virtù. Triste, ma vero.
Ma il Signore Gesù e la Madonna salveranno la Santa Chiesa, nonostante tutto.
Andrea Mancinella
Purtroppo è normale che i neomodernisti vogliano attaccare la S. Messa Cattolica, distruggendo il Motu proprio di Benedetto XVI.
Tuttavia, vorrei ricordare ai miei confratelli sacerdoti, o almeno a quelli che leggeranno queste mie parole, che il DIRITTO di celebrare nel Rito Romano antico non dipende da alcun Motu proprio.
Il discorso è semplicissimo: NESSUNO potrà mai obbligare un sacerdote a …More
Purtroppo è normale che i neomodernisti vogliano attaccare la S. Messa Cattolica, distruggendo il Motu proprio di Benedetto XVI.
Tuttavia, vorrei ricordare ai miei confratelli sacerdoti, o almeno a quelli che leggeranno queste mie parole, che il DIRITTO di celebrare nel Rito Romano antico non dipende da alcun Motu proprio.
Il discorso è semplicissimo: NESSUNO potrà mai obbligare un sacerdote a celebrare con un rito cattoprotestante, o più precisamente cattoanglicano, come quello della "nuova Messa" di Paolo VI.
E siccome ogni sacerdote è obbligato, a meno che non abbia una dispensa ecclesiastica, a celebrare, ne viene di conseguenza che potrà celebrare lecitamente nel Rito antico, senza bisogno di alcun Motu proprio o permesso da parte di chicchessia.
Quindi i neomodernisti hanno fatto male i loro conti.
don Andrea Mancinella
Diodoro
Lui è l'anti-Sarah. Noi non saremo anti-Roche: saremo Roche-free