Fatima.
180

IL VANGELO DEL GIORNO COMMENTATO DA DON DOLINDO RUOTOLO:

-A noi Dio domanda: "E voi chi dite che io sia?"-

Ci sono oggi quelli che credono Gesù persino malefico (è terribile, è terribile!), e lo combattono più che non si faccia con un nemico, e Dio domanda con l'impeto del suo amore alla nostra fede: "E voi chi dite che io sia?"
Che cosa risponderemo noi? Oseremo ancora mormorare di Lui, o rimanere titubanti sulla sua infinita realtà, sulla sua sapienza e sul suo amore? Oseremo ancora giudicarlo alla stregua delle suggestioni di satana od a quelle del nostro maledetto orgoglio?
Rispondiamo con l'impeto dell'amore: "Tu sei la Verità, la Sapienza e l'Amore per essenza; Tu sei l'Eterno, l'Infinito, l'Onnipotente Padre, Figlio e Spirito Santo. Tu sei Potenza, Provvidenza e Carità, e compi tutto con forza, con soavità e con amore, o Santissima Trinità!"
Che cosa dice di Te il mio intelletto? Ti credo!
Che cosa dice la mia volontà? Ti obbedisco!
Che cosa dice il mio cuore? Ti amo!
Che cosa dico di Te nelle oscurità della vita? Ti adoro!
Che cosa dico nei dolori? Ti ringrazio e ti amo!
Che cosa dico nelle tenebre e nelle angustie? Confido in Te!
Che cosa dico quando mi chiami al compimento della tua Volontà? Adsum! Ecce Ancilla Domini fiat mihi secundum verbum tuum.
Che cosa dico quando la vita mi si rende tribolata? Sono peccatore, merito mille volte di più, ti offro tutto in riparazione!
Che cosa dirò nella morte quando tutto mi sfuggirà? Ecce venio ad Te quem amavi, quem qucesivi, quem semper optavi, ecco vengo a te che ho amato, che ho desiderato, che ho sempre voluto!
Voglio che la mia vita sia tutta un atto di fede, di speranza e di amore, voglio renderti testimonianza di verità, di sapienza e di carità, anche a costo di agonizzare; voglio essere geloso della tua gloria e difenderla contro tutto e contro tutti.
(Dal commento al Vangelo di San Luca del Sacerdote Dolindo Ruotolo)