GIORDANO. Disputa sul luogo del battesimo di Gesù

Giuseppe Caffulli lunedì 24 ottobre 2011

Le acque del Giordano si incuneano limacciose in una vasta area stepposa che sulle mappe del vicino Oriente viene indicata con il nome di Wadi Kharrar. Una delle strade per arrivarci, quasi a precipizio sul Mar Morto, scende dalle alture rocciose del Monte Nebo, il monte da cui Mosè osservò la Terra promessa senza potervi entrare. Il punto più profondo del pianeta, oltre 400 metri sotto il livello del mare, specie nei caldissimi mesi estivi è avvolto da una densa bruma che a malapena lascia intuire i contorni del grande lago salato. Sullo sfondo, una macchia verdastra, ai piedi delle brulle montagne di Giudea, indica l’oasi di Gerico.

Sul fondo del catino costituito dalla depressione del Giordano, una strada polverosa costeggia una serie infinita di campicelli e ortaglie, poi piega decisamente sul lato sinistro inoltrandosi in una sorta di paesaggio lunare. Più in là, una striscia di canneti e arbusti lascia intuire la vicinanza dell’acqua. Il Wadi Kharrar (wadi in arabo indica il letto disseccato di un fiume) è un vasto territorio che ha visto, nel corso dei millenni, mutare più e più volte il corso del Giordano. Un’ansa del fiume, in particolare, ha sempre attirato l’attenzione dei pellegrini. Quella dove, fin dagli albori del cristianesimo, si è fatta memoria del battesimo di Gesù.Oggi l’area è tagliata in due.

Una parte - la riva orientale - appartiene al Regno hashemita di Giordania. L’altra è Territorio palestinese sotto il controllo militare degli israeliani. Sulla riva giordana si trovano oggi le principali evidenze archeologiche che testimoniano un culto antichissimo. Sulla riva opposta sorgono memorie più recenti (il monastero ortodosso del Prodromo) e la piccola cappella della Custodia di Terra Santa, meta del pellegrinaggio che il 27 ottobre di ogni anno, fin dal Medioevo, percorre da Gerico i sette chilometri di distanza per arrivare alle acque del fiume. Dalla visita giubilare di Giovanni Paolo II e, successivamente, di Benedetto XVI in Giordania, Palestina e Israele, nel 2009, il governo giordano ha investito molto nell’area, che per lunghissimo tempo era rimasta inaccessibile ai pellegrini. A qualche centinaio di metri dalla chiesa ortodossa dedicata a San Giovanni, che specchia la sua cupola d’oro nelle acque verdastre del Giordano, il governo di Amman ha dato il permesso alle varie confessioni cristiane di edificare nuove chiese e centri di accoglienza per i pellegrini.

Nonostante la crisi del turismo in Medio Oriente, soprattutto a causa della cosiddetta Primavera araba, i “viaggiatori per fede” continuano ad essere un buon numero. E molti scelgono proprio la riva giordana per recarsi a fare memoria del Battesimo di Gesù.Mi incammino con un gruppo di francesi sul sentiero sterrato che, dalla cosiddetta fonte di Giovanni, si incunea nella vegetazione e conduce ai resti della basilica bizantina (riportata alla luce da padre Michele Piccirillo in lunghi anni di studi e di scavi) che le fonti antiche ci testimoniano voluta da Anastasio I sul finire del V secolo. Quella che si pensa fosse la vasca battesimale, prendeva acqua da un ramo laterale del fiume. Una lunga scala, ora riportata alla luce, collegava la basilica mosaicata con le acque raccolte nella vasca: una discesa di purificazione percorsa nei secoli da chissà quante schiere di catecumeni, rinati in questo modo ad una nuova vita nello spirito. Attorno alla basilica, sono state rinvenute altre due vasche battesimali d’epoca bizantina e edifici adibiti ad abitazioni monastiche e all’accoglienza dei pellegrini.

A poche decine di metri, dove il fiume disegna uno stretto anello (quasi una inversione di rotta) dalla moderna chiesa ortodossa dedicata al Battista si possono scendere alcuni gradini fino a toccare il pelo dell’acqua. Attorno ad grande vasca di pietra, a mo’ di battistero, un manipolo di pellegrini russi prega e canta. Sull’altra riva, quella occidentale, anche il governo israeliano ha da poco realizzato un accesso per i pellegrini, dove si affaccia, controllato da un militare israeliano, un altro gruppo di viaggiatori.La riapertura del sito sulla riva occidentale del Giordano ha indispettito le autorità di Amman, che rivendicano come unico e autentico il luogo del Battesimo situato sulla riva orientale del fiume, all’interno del proprio territorio (al-Maghtas, la Betania oltre il Giordano del Vangelo secondo Giovanni).

La presa di posizione, respinta e rintuzzata dal governo israeliano (che a sua volta sostiene ragioni storiche a favore della riva occidentale), ha innescato una polemica che ha avuto strascichi diplomatici ed echi sugli organi di stampa di diversi Paesi.Ma ai non molti fedeli presenti di questi tempi nel luogo del Battesimo, questa diatriba tra Stati - nessuno dei quali esisteva ai tempi di Gesù, che passava liberamente da una riva all’altra - non sembra interessare granché. Sia che elevino dalla riva orientale del Wadi Kharrar, sia che salgano dalla riva occidentale (dalla località chiamata Qasr al-Yaud) le preghiere si mescolano, i canti si sovrappongono, le invocazioni si elevano al cielo senza conoscere confini. E su entrambe le rive, a dispetto della politica e dei confini imposti dall’uomo, si fa memoria del Battesimo dell’uomo di Nazareth che proprio qui, nelle steppe di Moab, oltre 2000 anni fa, ha iniziato la sua vita pubblica. E la sua missione di pace e speranza.

GIORDANO. Disputa sul luogo del battesimo di Gesù
Don Andrea Mancinella
Diciamo che a mio avviso la cosa non ha troppa importanza, visto che Gesù Nostro Signore fu battezzato da Giovanni comunque dentro l'acqua e non sulla riva.
Piuttosto io metterei sull'avviso i pellegrini, che in quei luoghi non si avventurino da soli vicino ai canneti, perchè probabilmente potrebbero incappare in vipere o nei grossi scorpioni locali (non piccoli e sostanzialmente innocui come i …More
Diciamo che a mio avviso la cosa non ha troppa importanza, visto che Gesù Nostro Signore fu battezzato da Giovanni comunque dentro l'acqua e non sulla riva.
Piuttosto io metterei sull'avviso i pellegrini, che in quei luoghi non si avventurino da soli vicino ai canneti, perchè probabilmente potrebbero incappare in vipere o nei grossi scorpioni locali (non piccoli e sostanzialmente innocui come i nostri, io stesso qui in montagna ne ho avuti alcuni in casa, da cui ho dovuto 'sloggiarli') dalla puntura fatale.
Inoltre confermo: la zona del mar Morto, in estate, è quasi da incubo. Ad Engaddi, l'unica - mi pare - oasi della costa israeliana lungo quel mare, ai primi di settembre faceva un caldo insopportabile, l'aria era tremendamente greve.
Ricordo che persino i giovani soldati israeliani di guardia al punto di ristoro di Engaddi erano stravaccati a terra, con le armi accanto, mezzi morti anche loro per il caldo asfissiante (a 400 metri sotto il livello marino è terribile, sembra una fornace). Se in quel momento ci fosse stato un attacco di terroristi islamici, sarebbero stati spacciati, poveracci...
Gesù, Maria SS.ma, San Giuseppe, salvateci!
Eremita della Diocesi di Albano