Clicks2.2K

"Svegliatevi, sacerdoti, dal torpore di morte!" – Messaggio di Padre Pio al veggente Giuseppe Auricchia

SVEGLIATEVI FRATELLI MIEI SACERDOTI DA QUEL TORPORE DI MORTE

Folgaria, sabato 9 marzo 2003

Visione e Messaggio di Padre Pio a Giuseppe Auricchia.

"Era la notte fra l’otto e il nove marzo, mi trovavo nell’albergo a Folgaria, pregavo Gesù e Maria perché mi donassero la forza durante tutto il viaggio. Mi sentivo male, dopo avere trascorso una brutta giornata, non so cosa accedeva dentro di me, non so spiegarlo a nessuno. Ecco che un profumo riempì quella piccola stanza, mi guardo attorno e vedo Padre Pio che mi dice".

San Padre Pio.

"Scrivi fratello mio, voglio parlarti dei miei fratelli sacerdoti.

Io ero sulla Terra un sacerdote come voi, ricordatevi che la Potenza di Dio può confondere in un momento i suoi nemici.

Sacerdoti di Dio, chiedo a voi atti di adorazione e di riparazione per tutto il male che si compie nel mondo, svegliatevi fratelli miei, chiamate a raccolta nella preghiera, pregate ai piedi della croce .

Fratelli miei sacerdoti, anime consacrate, se tutti insieme raccoglierete questo messaggio, il castigo può essere allontanato.

Sacerdoti se voi vivete in uno stato di immolazione, Dio vi dà la forza per essere come un ponte fra il cielo e la terra, nel quale numerose schiere di anime passano dalla morte alla vita e faranno un esercito pacifico schierato sul mondo per la conquista dei fratelli perduti, a voi la risposta sacerdoti, il momento che vivete è estremamente difficile, è grave per l’umanità che sta attraversando per avere un incontro pacifico e non arido.


Violenza, scandalo e peccato sono queste le TRE POTENZE MALEFICHE che portano alla distruzione e all’aridità.

Svegliatevi fratelli miei sacerdoti da quel torpore di morte, perché un giorno vedrete cadere dal cielo zolfo infuocato, accadrà un bagliore come l’inferno e la Terra tremerà tutta come il giorno del giudizio.

SOLO ALLORA VOI CREDERETE, MA SARÀ TROPPO TARDI.

Ma sacerdoti e vescovi, siate umili anche voi perché il castigo è alla porte".


________________________

LA CREDIBILITÀ DEI MESSAGGI RICEVUTI DA GIUSEPPE AURICCHIA

NELLA VECCHIAIA UN VOCAZIONE DECISIVA

Nessuno avrebbe mai pensato che Giuseppe Auricchia, onesto contadino e nonno felice, all'età di 74 anni sarebbe diventato uno dei più grandi e longevi veggenti del panorama internazionale.

Nella prima visione avvenuta il 24 luglio 1990 nel suo appezzamento di terreno a Mammanelli la Madonna appare su di un pino, la quale, prima ancora di dettare i suoi accorati messaggi, lo invita a pregare e a far pregare: “Ancora non ti ho detto chi sono: Io sono la Madre di Dio. Pregate, recitate il mio Rosario”.

Soltanto dieci anni dopo Gesù spiega al veggente come mai l'abbia chiamato, seppure in tarda età, a una così difficile missione. Dice Gesù: “Con Noè, un vecchio, Io rinnovai il mondo, con te, che annunzi le Nostre parole, rinnoverò (ancora) il mondo, perché avverrà tutto quello che la Mia SS.ma Madre ha detto a Lucia di Fatima”.

IL LUOGO DELLE APPARIZIONI

Le apparizioni Mariane sono avvenute nella tenuta di proprietà del veggente, un piccolo appezzamento di terreno sito in una contrada della provincia di Siracusa chiamata Mammanelli, dal siciliano Mammaneddi, è considerata adesso un vero luogo santo dai pellegrini che hanno assistito e tuttora assistono a particolari manifestazioni divine.

Il luogo delle apparizioni, situato sopra una collina la cui coltivazione a oliveto mandorleto e vigneto dona una ancora più suggestiva bellezza, è a due chilometri da Avola, piccolo comune della provincia di Siracusa. Non a caso si ricordi che proprio a Siracusa, nell'agosto del 1953 un'effige di gesso, raffigurante il Cuore Immacolato di Maria, incominciò a versare lacrime nella casa dei coniugi Iannuso, infatti la Madonna del Pino non mancherà di spiegare nel corso dei suoi messaggi la continuità di significati e di spiritualità tra Avola e Siracusa e soprattutto tra Avola e Fatima; continuità che si manifesta proprio attraverso il culto del Sacratissimo Cuore di Maria. Dice la Madonna in un messaggio: “Tu sai, figlio mio, che, come a Siracusa, in tanti altri luoghi ho dato al mondo il segno del mio amore, del mio Cuore Immacolato ed afflitto, versando lacrime per richiamare tutti al ravvedimento” (cfr. mess. del 25/08/1990). Infatti suggerisce poi che “su tutti i luoghi della terra dove Io (Maria) vengo è il seguito di Fatima” – importantissimo questo concetto!, ndr. (cfr. mess. del 15/08/1993).

I SEGNI CELESTI

Sono molti i segni che Dio ha dato a Mammanelli. Riteniamo opportuno elencarne alcuni che potranno servire non solo per il personale discernimento del lettore ma anche, più in generale, per il discernimento che dovrà fare in seguito la Chiesa locale.

1° La veridicità dei messaggi di Auricchia

Innanzitutto, trattandosi di una rivelazione privata con finalità pubblica, cioè per l'interesse di tutti, in modo particolare per i cristiani, bisogna valutare la bontà delle affermazioni contenute nei messaggi della Madonna del Pino. Essi, quindi, non devono essere frutti dell'invenzione creativa del veggente, né tanto meno devono avere altre fonti che non siano di origine divina. Riguardo al primo punto ci sembra significativo dimostrare che il veggente, non avendo terminato gli studi della quinta elementare, non potrebbe mai essere in grado di inventare ciò che scrive vista la complessità e l'elevatezza degli argomenti trattati. In merito al secondo punto riteniamo che la provata integrità morale del veggente, la fedeltà nella preghiera, personale e comunitaria, e la frequenza dei sacramenti non dovrebbero lasciare spazio a fonti che non siano di origine divina. Giuseppe Auricchia, infatti, è un cristiano di provata fedeltà, cresciuto in una famiglia religiosissima che ha dato alla Chiesa anche un figlio chiamato ad essere un sacerdote.

Ebbene in uno dei primi messaggi ricevuti da Auricchia la Madonna ha confermato con le Sue parole quanto finora dimostrato: “Molti vogliono vedermi, toccare con le loro mani, vedere dei segni. Ti dico che i miei segni (principali) stanno nelle Mie parole. Voi, che mancate di fede (si riferisce in particolare al clero avolese, ndr) siete come bambini; tu, figlio mio, che hai visto e ascoltato non puoi mentire, devi comprovare sempre che Io sono la Madre di Dio” (cfr. mess. del 6/01/1991).

2° Manifestazioni simboliche di tipo celeste

Oltre alla affidabilità dei messaggi di Auricchia vi sono anche dei segni esterni alla rivelazione privata, verificabili dall'intelligenza e alla vista di tutti, che sembrano comprovarne la veridicità. Tra quest'ultimi segni vi è la “visione”, avvenuta l' 8/12/1990 e vista da ben duemila persone, di una “nuvoletta” formatasi sull'alberello dell'apparizione che si muta prima in forma di colomba (simbolo di pace) e poi in forma di pesce (simbolo di Cristo), mentre uno stormo di colombe bianche fanno tre giri intorno al famoso pino per poi risalire in alto e svanire nel nulla.

3° Il miracolo del sole

Un'altra visione del 6/01/1991, definita “il miracolo del sole”, come è avvenuto a Fatima, è stato visto da una folla di 4 mila persone e registrato persino nel verbale del brigadiere di guardia all'immensa folla assiepata a Mammanelli. Significativa è la descrizione di una testimone del miracolo del sole guarita dopo l'evento soprannaturale: “Nel mese di gennaio del 1991 durante la visione del veggente Giuseppe Auricchia, tutti i presenti, me compresa, abbiamo avuto la grande gioia di assistere al miracolo del sole. Quando il sole, ad un certo punto, ha incominciato a girare ed abbassarsi, il calore era insopportabile. Sembrava la fine del mondo. Quando tutto rientrò nella normalità, mi toccai l'orecchio malato di otite cronica purulenta, che non mi faceva più male. Qualche giorno dopo feci la visita dal medico che mi confermò l'avvenuta guarigione”.
Nel suo diario personale il veggente così riportava l'evento meraviglioso: “Il sole girava vorticosamente nella volta celeste, come un gioco d'artificio in una fiera”.

4° Le stigmate visibili ed invisibili

Della vita mistica di Giuseppe Auricchia sappiamo ancora ben poco. Il suo diario non può essere ancora pubblicato e lui, pressato dalle nostre domande, il più delle volte tace e umilmente chiede il silenzio intorno alla sua persona, ma ciò che dice ripetutamente riguardo a Maria è che Ella deve essere onorata all'interno della SS.ma Trinità, come una “mistica Perla nell'Ostrica divina” (il veggente Auricchia è deceduto pochi anni f, nel 2012. Questo contributo è antecedente alla sua morte, ndr.).

Eppure, nonostante questo silenzio, più volte nell'arco dei dodici anni dall'inizio delle apparizioni il suo corpo si è totalmente identificato al Corpo di Cristo Crocifisso. Infatti sono state viste e fotografate le sue mani bucate come da due grossi chiodi. Riferisce una testimone oculare, la signora Tina Andolina: “Il primo agosto del 1993 alla cappella delle apparizioni ho visto disteso a terra il veggente sanguinante alle mani. Rianimatosi completamente, Giuseppe Auricchia ha ringraziato per la mia sollecitudine, ma non ha detto nulla di tutto ciò che gli era accaduto. Soltanto ho potuto fotografare le sue mani piagate con la mia immancabile Polaroid, che porto sempre con me”.

Conosciamo in parte le immense sofferenze che il veggente patisce per colpa dell'indifferenza del clero avolese al richiamo amorevole della Madonna e per le tante calunnie che girano intorno alla sua persona. Inoltre ultimamente ha avuto degli attacchi da parte di alcuni maghi della zona che si lamentano della poca clientela che hanno a causa della presenza miracolosa della Madonna ad Avola, nonché dei veri e propri tentativi di assassinio da parti di alcuni sconosciuti prontamente smascherati dalle profezie della Madre del Cielo. La Madonna ha sempre avvertito Giuseppe Auricchia delle difficoltà che avrebbe incontrato nella sua missione, garantendogli sempre la sua protezione e la sua guida. Negli ultimi tempi ha ricevuto pure il conforto spirituale di Padre Pio da Pietrelcina, che oltre a comunicargli importantissimi messaggi per la salvezza dell'umanità e per la salvaguardia del sacerdozio, guida Auricchia per le difficili vie della sofferenza e dell'immolazione per il ravvedimento dei peccatori e degli increduli.

5° Le guarigioni miracolose

Sono molte le guarigioni miracolose avvenute a Mammanelli ma soltanto alcune sono state pubblicate mentre molte altre sono tenute nel segreto non solo per il pudore di coloro che sono stati miracolati, ma anche per la paura di essere al centro di morbose curiosità o per il timore di mostrarsi risibili agli occhi di cristiani un po' troppo saccenti.

Il primo ad essere miracolato è stato proprio il veggente il quale era colpito all'epoca dell'inizio delle apparizioni da una forma di invecchiamento delle cellule cerebrali, che come fa notare il giornalista Marino Parodi, è “per lo più irreversibile”.

La signora Angela Castelli ha ricevuto a Mammanelli la grazia della pacificazione della famiglia di suo figlio.

Commovente è la storia della guarigione prodigiosa del professore Geraci Francesco di Reggio Calabria, affetto da una gravissima malattia: l'anoressia cerebrale progressiva. Riferisce il miracolato che “benché incredulo, tanto per non trascurare nessuna possibilità e alla ricerca di un po’ di pace, mi recai in quella campagna dove si diceva che apparisse la Madonna. Bene, io all'interno della cappella ho visto la Madonna in ginocchio e poi in piedi. E fuori ho visto Gesù Cristo! Venendo qui (a Mammanelli) con fede otteniamo ciò che vogliamo!"”.

6° Trasudazione di olio dalla Croce di legno e da una statua della Madonna

Questi sono gli ultimi segni concessi dal Cielo per il ravvedimento di chi finora è stato scettico nei confronti della missione di Giuseppe Auricchia. Entrambi i segni sono legati dal comune fenomeno di trasudazione di olio, ma mentre il primo, la trasudazione di olio dalla Croce di legno posta a sinistra della cappella è avvenuta nel giugno 2000 alla presenza di decine di testimoni e non si è ripetuta più, la trasudazione della statua della Madonna invece è iniziata il 26/08/2001 e non cesserà sino a quando, come dice la Madonna: “non lo vedranno tutti” (cfr. mess. 06/01/2001).

I due segni dell'olio sono molto significativi per la conferma straordinaria della presenza di Dio a Mammanelli. Grazie ai messaggi ricevuti in seguito al manifestarsi di questi segni siamo a conoscenza dell'enorme importanza rivestita dall'olio soprannaturale il quale è stato analizzato da un laboratorio di analisi ed è risultato essere olio d'oliva purissimo. Dai messaggi sappiamo che l'olio è “un segno d'amore” (cfr. mess. 26/08/2001), che “va conservato come un tesoro” perché “servirà nel giorno della vostra tribolazione” (cfr. mess. 02/09/2001). L'olio “deve essere moltiplicato” (cfr. mess. 7/10/2001) e “distribuito a tutti i fedeli affinché sia riconosciuto il segno divino” (cfr. mess. 21/03/2002).

Un'inquietante ammonimento pesa sugli increduli che non riconosceranno le apparizioni della Madonna del Pino, perché Gesù Cristo ha detto che la statua “potrà trasudare sangue per colpa vostra che La rinnegate” (cfr. mess. 04/10/2001). Saranno i figli di Maria così indifferenti e ingrati di fronte a tanti prodigiosi segni da farLa piangere sangue? Sapranno i figli prediletti di Maria, cioè il vescovo e i sacerdoti, riconoscere in tempo l'azione materna, mediatrice e corredentrice, della Madonna prima della annunciata tribolazione?

LE OPERE NATE DALLA MADONNA DEL PINO

Un luogo così sacro al Signore e alla Madonna non poteva non avere un'attenzione particolare da parte dei devoti più assidui. Vista tale attenzione Giuseppe Auricchia ha avuto la felice idea di fondare nel febbraio del 2000 l'Associazione Vergine Maria SS.ma del Pino che ha come scopo di accogliere i pellegrini, di formare moralmente e spiritualmente gli associati e soprattutto ha lo scopo di diffondere il messaggio mariano rivelato attraverso Auricchia.

* * *

A questo indirizzo web: www.entraevedi.org/Chi%20e%20Giuse…, alla fine della pagina, è inoltre possibile leggere delle confortanti testimonianze sull'onesta, la bontà, la sanità mentale e spirituale del veggente Auricchia. I segni che palesano l'attendibilità e l'evangelicità del veggente costituiscono un aspetto molto, molto importante a cui va dato il rilievo che meritano.
solosole and one more user like this.
solosole likes this.
lauragafforio likes this.
Papa eretico: tre opzioni

11 ottobre 2019

Dal 6 al 27 ottobre 2019 si sta svolgendo in Città del Vaticano il Sinodo sull’Amazzonia. Pseudo papa Francesco mira a portare lo spirito del paganesimo all’interno della Chiesa. Con l’espulsione dello Spirito Santo, farà cessare il sacrificio quotidiano (cfr. Mt 24, 15; Dn 11, 30). Al posto dello Spirito Santo nella Liturgia deve regnare lo spirito …More
Papa eretico: tre opzioni

11 ottobre 2019

Dal 6 al 27 ottobre 2019 si sta svolgendo in Città del Vaticano il Sinodo sull’Amazzonia. Pseudo papa Francesco mira a portare lo spirito del paganesimo all’interno della Chiesa. Con l’espulsione dello Spirito Santo, farà cessare il sacrificio quotidiano (cfr. Mt 24, 15; Dn 11, 30). Al posto dello Spirito Santo nella Liturgia deve regnare lo spirito del paganesimo. Dietro i riti pagani c’è nascosta la venerazione del diavolo. Questo aprirà la strada alla transizione della Chiesa cattolica all’anti chiesa del New Age.

www.youtube.com/watch
Attilio abate and one more user like this.
Attilio abate likes this.
polos likes this.
mjj75 shares this.
nolimetangere likes this.