“Con questo Sinodo giunge a maturazione un lungo cammino di 30-40 anni, fatto dalla Chiesa latinoamericana, che, dal punto di non ritorno della Conferenza di Aparecida del 2007, ha plasmato la sua …More
“Con questo Sinodo giunge a maturazione un lungo cammino di 30-40 anni, fatto dalla Chiesa latinoamericana, che, dal punto di non ritorno della Conferenza di Aparecida del 2007, ha plasmato la sua coscienza sulla necessità di camminare e agire insieme ai popoli amazzonici. La consapevolezza è quella dell’importanza fondamentale che l’Amazzonia ha per il futuro dell’interno pianeta”.
agensir.it
Tesa
62

Sinodo sull'Amazzonia. Card. Barreto (Repam): "La Chiesa si è svegliata e non tornerà indietro" | …

"Con questo Sinodo giunge a maturazione un lungo cammino di 30-40 anni, fatto dalla Chiesa latinoamericana, che, dal punto di non ritorno della …
Tutto iniziò con il solito Montini (che ora vogliono farci credere che sia un santo)

La foto qui sotto scattata in occasione dell’udienza pontificia, col copricapo indiano indossato tra monsignori e «pellirosse» sorridenti, non sarebbe una casualità, una parentesi senza particolari significati; al contrario, dimostrerebbe visibilmente la situazione di una Chiesa «cinicamente abbandonata» dal «…More
Tutto iniziò con il solito Montini (che ora vogliono farci credere che sia un santo)

La foto qui sotto scattata in occasione dell’udienza pontificia, col copricapo indiano indossato tra monsignori e «pellirosse» sorridenti, non sarebbe una casualità, una parentesi senza particolari significati; al contrario, dimostrerebbe visibilmente la situazione di una Chiesa «cinicamente abbandonata» dal «nuovo potere consumistico», che progettava invece «senza tante storie, di ridurla a puro folclore». «La traumatizzante maschera del Paolo VI folcloristico che ‘gioca' con la sua «corona di penne»; i segni millenari dell’autorità papale vengono sostituiti, anche se per un istante, da una corona esotica. Il copricapo indiano sarebbe insomma «folclore», in una lettura che riformula concetti già espressi a proposito di un’altra, più celebre, immagine, la pubblicità dei jeans «Jesus»; anche qui, oltretutto, era in gioco un atto (andar dietro a un corpo femminile), marcato però da una frase evangelica («chi mi ama mi segua») degradata in battuta a doppio senso.

In realtà nella foto di Castel Gandolfo c’è un papa che indossa qualcosa (il copricapo indiano), ma c’è anche un papa che si è già spogliato. A quella del 1974, infatti, andrebbe accostata una fotografia di dieci anni prima, 13 novembre 1964, che riprende Paolo VI mentre depone sull’altare una corona, anzi la tripla corona della tiara papale: il triregno non era infatti un copricapo d’uso liturgico, ma il simbolo per eccellenza del potere papale, con cui egli stesso era stato incoronato nel 1963 e che invece non verrà più usato dai suoi successori al soglio pontificio.

«Il gesto giunto inaspettato, ha destato dapprima sorpresa e poi vari interrogativi», commenta un giornale; al termine di una cerimonia in San Pietro assieme ai Padri conciliari, il papa prese in mano la tiara che gli era stata donata dalla diocesi milanese, e la depose sull’altare del Concilio, mentre monsignor Pericle Felici annunciava che era un segno di «carità verso i poveri e i diseredati».

In questo inizio degli anni Sessanta dovette essere abolito un altro rito che aveva al centro il triregno, quello cioè dell’incoronazione dell’antica statua bronzea di san Pietro nella basilica vaticana. Una grande foto a colori su «Life» mostra un chierico mentre sistema, davanti a un gruppo di fedeli, un manto rosso sulla statua, mentre sul capo è già stato collocato il triregno con le infule pendenti. Sulla rivista americana la pagina accanto a questa fotografia è tutta di pubblicità: un grande pomodoro tagliato in due reclamizza «The newest Campbell Tomato» e spiega che si è riusciti a mantenere invariato il prezzo della «soup» da otto anni. Due sopravvivenze, ma di misura enormemente diversa, si fronteggiano: ancora si incorona la statua di Pietro e ancora il prezzo del Campbell Tomato rimane stabile; la prima sta per uscire dalla storia delle immagini, la seconda sta per entrarvi sotto gli auspici della Pop-Art.
Diodoro
gloria 61 likes this.
Bisogna essere ciechi per non vedere quello che sta accadendo: non è più la Chiesa che trasmette il suo Vangelo ai popoli ma sono i popoli che insegnano alla Chiesa e la trasformano! Vale a dire: la Chiesa non ha più il sapore di Cristo ma il sapore dei popoli dell'Amazzonia! Che ne sarà del sale che ha perso il suo sapore? Si è sostituito il mandato missionario: "andate, annunciate il Vangelo e …More
Bisogna essere ciechi per non vedere quello che sta accadendo: non è più la Chiesa che trasmette il suo Vangelo ai popoli ma sono i popoli che insegnano alla Chiesa e la trasformano! Vale a dire: la Chiesa non ha più il sapore di Cristo ma il sapore dei popoli dell'Amazzonia! Che ne sarà del sale che ha perso il suo sapore? Si è sostituito il mandato missionario: "andate, annunciate il Vangelo e battezzate" con il suo esatto contrario: "andate e imparate da loro lasciandovi trasformare da loro"! La conseguenza? La Chiesa assume la cultura dei popoli indigeni, diventa maestra dell'amore alla Madre Terra ma non sa più né parlare né donare la Vita vera e la Salvezza eterna e i mezzi che Cristo ci ha lasciato per riceverla da Lui! Una vera "mostruosità": da Sposa a Adultera! C'è solo da pregare e rimanere innestati a Cristo come i tralci alla vite. La Madre di Dio interceda per noi!
il vandea
E' solo l'inizio. Il trionfo dell'apostasia e del falso profeta. Poi ci saranno le persecuzioni dei pochi veri cattolici rimasti. Ma facciamoci coraggio... la vittoria finale sara' di Gesu'.
Marziale likes this.
Davvero pietosi e disgustosi! Torniamo in un botto al paganesimo. Il clero è davvero acciecato e traditore.
nolimetangere likes this.
Christoforus78 likes this.
Diodoro
La Chiesa si è svegliata: è passata dal Buio del Medioevo alla Luce del Paganesimo.
Fra Notre Dame (la Santa Madre di Dio) e la Dea Ragione, vuoi mettere? Fra il Creato, posto nell'esistenza da Dio Padre, con Sapienza e Amore, e Madre Natura che genera senza Padre e distrugge continuamente ciò che ha generato, che partita c'è?
Nessuna: due mondi, due sistemi, che non si parlano fra loro
Marziale and one more user like this.
Marziale likes this.
nolimetangere likes this.