Chiese chiuse, il No del vescovo di Jesi: «Lottiamo per servire il popolo»

Di Matteo Tarabelli: Gerardo Rocconi, il pastore della Diocesi, contesta aspramente le scelte del governo di posticipare la riapertura dei luoghi di culto. «Non possiamo disattendere il grido che …More
Di Matteo Tarabelli:
Gerardo Rocconi, il pastore della Diocesi, contesta aspramente le scelte del governo di posticipare la riapertura dei luoghi di culto. «Non possiamo disattendere il grido che viene dalla nostra gente»
Il vescovo di Jesi, Gerardo Rocconi
JESI – Chiese chiuse, la Cei in rivolta. La decisione del governo di posticipare la riapertura dei luoghi di culto indigna la chiesa cattolica, nonostante sia stato lo stesso Papa a chiedere prudenza. Fra i vescovi desiderosi di tornare a celebrare, al più presto, l’eucarestia anche Gerardo Rocconi, pastore della Diocesi di Jesi. Durissime le sue considerazioni. Intanto, dal governo sembra si stia valutando un dietrofront (si parla di un possibile via libera alle messe all’aperto dal 10 maggio).
«Confesso che di fronte alle parole del Presidente Conte che, domenica scorsa presentava il nuovo decreto sul “contenimento e aperture” in ordine al coronavirus, ho provato sentimenti vari. Poi ho cercato di raccogliere le idee – il …More
Massimo M.I.
Vesco coraggioso più di tanti altri
Diodoro
Non una parola sull'atroce uscita del Biancovestito, che, a trattative CEI-Governo avviate (trattative in sé riprovevoli, perché la Chiesa è pienamente libera di celebrare a norma del Concordato, ma comunque prossime a portare a uno sblocco delle Sante Messe), ha detto due paroline sulla necessità di "essere sottomessi alle direttive"
Massimo M.I.
Dice Gesù:”Non insolentite chi governa, perchè non è con la ribellione ai governanti che si fanno grandi e libere le nazioni, ma è con la condotta santa dei cittadini che si ottiene l'aiuto del Signore, il quale può toccare il cuore dei governanti o toglierli dal luogo o anche dalla vita, come più volte insegna la nostra storia d'Israele, quando passano la misura e specie quando il popolo, …More
Dice Gesù:”Non insolentite chi governa, perchè non è con la ribellione ai governanti che si fanno grandi e libere le nazioni, ma è con la condotta santa dei cittadini che si ottiene l'aiuto del Signore, il quale può toccare il cuore dei governanti o toglierli dal luogo o anche dalla vita, come più volte insegna la nostra storia d'Israele, quando passano la misura e specie quando il popolo, santificandosi, merita perdono da Dio, che perciò leva lo strumento oppressore dal collo dei puniti". 383.6 L'Evangelo - M. Valtorta CEV
Kiakiar
Quando dovremo rinunciare ai mezzi di sostentamento per non rinnegare Gesu, dovremmo organizzarci tra noi come facevano i primi cristiani, prepariamoci sin da ora; è rimasto poco tempo
Massimo M.I.
Se hai una fattoria e mi inviti, so guidare il trattore! 😉