Joshua.
1962
Suari shares this
1573
Diodoro
«È tempo per il clero e per i laici di affrontare coraggiosamente questo orrore e difendere il diritto alla vita dei più vulnerabili con la “massima determinazione”. Questa maligna propaggine dell’aborto deve finire!». (dall'Appello).
Clero: il SOLO mons. Strickland di Tyler ha detto e ripetuto che mai e poi mai si sarebbe fatto inoculare un prodotto ottenuto mettendo a morte degli esseri umani …More
«È tempo per il clero e per i laici di affrontare coraggiosamente questo orrore e difendere il diritto alla vita dei più vulnerabili con la “massima determinazione”. Questa maligna propaggine dell’aborto deve finire!». (dall'Appello).
Clero: il SOLO mons. Strickland di Tyler ha detto e ripetuto che mai e poi mai si sarebbe fatto inoculare un prodotto ottenuto mettendo a morte degli esseri umani e manipolandone i resti. Alcuni Vescovi e Cardinali hanno detto che si tratta di qualcosa di orribile e di satanico.

Laici: in gran numero portati sulla strada dell'acquiescenza e della collaborazione dal Clero (la maggioranza di Esso). Alcuni seriamente attivi nel proclamare l'ovvio e nel separarsi completamente dal Sistema satanistico.
-----------------
Dall'articlo odierno "Rischi/Benefici..." de lanuovabq:
"Il Cardinale Elio Sgreccia, nel suo fondamentale Manuale di Bioetica, faceva presente il rischio di deviare verso un’idea collettivistica di questo bilanciamento. Il contesto di riferimento riguardava la questione dei feti: un singolo feto non può essere sacrificato per il bene, presunto o reale, della collettività. Il principio però rimane valido in tutti i contesti. Sgreccia faceva presente che il sacrificio del singolo non può essere accettato, come se si trattasse di rinunciare ad una parte per salvare il tutto, «perché il soggetto singolo non è una parte dell’organismo sociale, ma è lo scopo della società; il bene comune va inteso come il bene dei singoli»".