Niko Sanpatrizio

Tempi di Maria è ostaggio degli hacker... Ma non mi arrendo!

@Tempi di Maria fa un bel lavoro per la conoscenza della Verità, non ti fermare, Dio e la Santa Vergine sono con te.

Attenti alle false profezie che parlano di una "venuta intermedia" del Signore Gesù Cristo

@Tempi di Maria il sottoscritto non è molto bravo con questi strumenti elettronici, ditemi cosa devo fare per pubblicarlo come post e se vi fa piacere lo faccio. Tra l'altro avrei tantissimi argomenti che sarebbero motivo di Santa riflessione e di luce per comprendere sempre meglio N.S.G.C.

Le profezie sul futuro della Madonna a Garabandal, luce per i nostri tempi

I nostri preconcetti verso un Papa (Paolo VI) o un qualsiasi uomo non contano nulla. Quanto un uomo vale dinnanzi a Dio tanto vale e nulla di più.

Dice la Parola di Dio: “Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie - oracolo del Signore. Quanto il cielo sovrasta la terra, tanto le mie vie sovrastano le vostre vie, i miei pensieri sovrastano i vostri …More
I nostri preconcetti verso un Papa (Paolo VI) o un qualsiasi uomo non contano nulla. Quanto un uomo vale dinnanzi a Dio tanto vale e nulla di più.

Dice la Parola di Dio: “Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie - oracolo del Signore. Quanto il cielo sovrasta la terra, tanto le mie vie sovrastano le vostre vie, i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri. (Isaia 55, 8-9)

Dagli scritti di Don Ottavio Michelini del 18 settembre 1975

Dice Gesù: “…..Il mio Vicario
Io sono in mezzo a voi, figlio, nella persona del mio Vicario (Paolo VI). A lui è stata data ogni potestà per pascere gli agnelli e le pecore. Chi ama lui, ama Me; chi non ascolta lui, non ascolta Me; chi combatte lui, combatte Me; chi disprezza lui, disprezza Me. Egli sale il suo Calvario giorno per giorno, ma molti non se ne accorgono. Versa lacrime per i figli che diventano lupi rapaci e fanno scempio del suo gregge. Come Me è fatto oggetto di scherno, di odio e di guerra.
Egli sta al timone della mia navicella in questa triste ora in cui il mare è fortemente agitato e il sordo ribollire dei marosi è presagio di vicina selvaggia tempesta. Figlio mio, bisogna stare vicini al mio Vicario, al dolce Cristo in terra, bisogna sostenerlo con la preghiera e con l'offerta della propria sofferenza. Bisogna amarlo e farlo amare. Tutto ciò che in bene e in male è fatto a lui, è fatto a Me.
Bisogna difenderlo dalle sataniche insinuazioni, così frequenti, dei suoi nemici. Io sono in lui, sono presente nella mia Chiesa nella sua persona.

L' Eucaristia Figlio, sono ancora presente nella mia Chiesa nel mistero dell'Amore e della Fede, voglio dire nel Mistero dell'Eucaristia. Sono veramente presente in Corpo, Sangue, Anima e Divinità. Questa mia presenza, se fosse creduta, sentita, vissuta in tutta la sublime meravigliosa realtà divina, da tutti i miei sacerdoti, si trasformerebbe in un tale fermento di purificazione e soprannaturalizzazione, che da soli i miei sacerdoti potrebbero rapidamente trasformare il volto della Chiesa e strappare dal mio Cuore misericordioso grazie e anche miracoli impensati.
Ma purtroppo non sono molti coloro che fermissimamente credono. I più credono debolmente, e non mancano coloro che non credono affatto alla mia presenza eucaristica. Ben a ragione il mio Vicario sulla terra ripetutamente ha parlato di crisi di fede, causa e origine di innumerevoli mali”

Le profezie della Madonna del Buon Successo: "Satana regnerà attraverso le sette massoniche"

L'uomo stolto, crede di poter combattere il "Sistema" Massonico Internazionale con azioni umane. ma dietro questi Massoni ci sono forze extra-naturali che sono molto più forti delle forze naturali umane.
Nessuno si pone la domanda su come mai questi grandi massoni sono tutti inclini ai culti esoterici? Loro che sono ricchissimi e potenti come mai si sottomettono a questi riti satanici?
La rispost…More
L'uomo stolto, crede di poter combattere il "Sistema" Massonico Internazionale con azioni umane. ma dietro questi Massoni ci sono forze extra-naturali che sono molto più forti delle forze naturali umane.
Nessuno si pone la domanda su come mai questi grandi massoni sono tutti inclini ai culti esoterici? Loro che sono ricchissimi e potenti come mai si sottomettono a questi riti satanici?
La risposta è nel Vangelo che dice: "La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti. Prendete perciò l'armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le prove" (Effesini 6, 12-13).
Questo ci fa capire che noi esseri umani siamo solo un bugiardo paravento, ma la vera battaglia è tra Angeli e Demoni. Dietro i nostri pretesti umani è la vera battaglia tra Satana e Cristo per conquistare i cuori dell'uomo.
Il problema è che i figli delle tenebre questo lo hanno capito e si ammantano delle forze del male in cambio di potere umano e ricchezza materiale, mentre i figli della luce sono rimasti stolti e credono di combattere il male con le sole buone intenzioni.

Attenti alle false profezie che parlano di una "venuta intermedia" del Signore Gesù Cristo

Secondo me, nessuno come negli scritti di Luisa Piccarreta, ha parlato tanto e approfonditamente, del Regno Del Divin Volere in cui Gesù stesso chiede al Padre che si rimanifesti sulla terra nella preghiera del Padre Nostro.
Anche negli scritti di Maria Valtorta si parla di questo Regno che si dovrà realizzare dopo una grande e terribile purificazione, a seguito del regno dell’Anticristo.

Vedi …More
Secondo me, nessuno come negli scritti di Luisa Piccarreta, ha parlato tanto e approfonditamente, del Regno Del Divin Volere in cui Gesù stesso chiede al Padre che si rimanifesti sulla terra nella preghiera del Padre Nostro.
Anche negli scritti di Maria Valtorta si parla di questo Regno che si dovrà realizzare dopo una grande e terribile purificazione, a seguito del regno dell’Anticristo.

Vedi il passo dove dice: “…..Quando avrò mondato il gregge da ciò che è falso e impuro, nel mio periodo di Re della Pace, istruirò i rimasti per l’ultima istruzione. Conosceranno Me come ora solo gli eletti mi conoscono…..” (Maria Valtorta - QUADERNI DEL 1943 - CAPITOLO 159 - 28 ottobre 1943)

Il progetto iniziale di Dio sull’uomo terreno, si vedrà realizzato dopo essere stato interrotto col Peccato Originale.
Sono tantissimi i passi in cui Gesù attraverso la Piccarreta parla di quest’era di Pace dove si realizzerà il Regno del Fiat Supremo sulla terra. Ne prendo uno su tanti:

Luisa Piccarreta - Vol 20 - Ottobre 22, 1926
Dice Gesù: “……Ecco la gran diversità del Regno della Redenzione e del Regno del Fiat Supremo: nel primo fu miracolo per i poveri sventurati come lo è tuttora che giacciono chi in una sventura e chi in un’altra e perciò Io ne diedi l’esempio anche all’esterno di dare tante diverse guarigioni che erano simbolo delle guarigioni che Io davo alle anime e che facilmente ritornano alle loro infermità. Il secondo sarà miracolo preservativo perché la mia Volontà possiede la miracolosa potenza che chiunque si fa dominare da Essa non sarà soggetta a nessun male, quindi [la mia Volontà] non avrà nessun bisogno di far miracoli perché [i suoi figli] li conserverà sempre sani, santi e belli, degni di quella bellezza che uscì dalle nostre mani creatrici nel creare la creatura. Il Regno del Fiat Divino farà il gran miracolo di sbandire tutti i mali, tutte le miserie, tutti i timori perché Essa non farà il miracolo a tempo ed a circostanze, ma si terrà [i] suoi figli del suo Regno con un atto di miracolo continuato, per preservarli da qualunque male e farli distinguere come figli del regno suo. E questo nelle anime, ma anche nel corpo ci saranno molte modifiche perché è sempre la colpa l’alimento di tutti i mali. Tolta la colpa, mancherà l’alimento al male, molto più che Volontà mia e peccato non possono esistere insieme, quindi anche la natura umana avrà i suoi benefici effetti…”.

Bene, oltre a Valtorta e alla Piccarreta, questa terza venuta intermedia di Gesù nello spirito a molti, è confermata da Gesù stesso al grande mistico Don Ottavio Michelini nel libro “Rivelazioni di Gesù ad un Sacerdote”.

Dice Gesù a Don Ottavio nel messaggio del 01/12/1977:
“Figlio mio, scrivi, sono Gesù, riprendo il discorso aperto ma tutt'altro che chiuso sulla mia Chiesa.
Io, l'ho posta nel mondo, in mezzo al mondo, perché la sua missione è rivolta a tutti i popoli e nazioni della terra, essa è costituita per Divino Volere maestra e guida di tutte le genti; questo è il posto che Le compete, questo è il posto che le sarà riconosciuto dopo la purificazione.
Indescrivibile è il suo compito in questo tempo intermedio tra la prima venuta di Cristo sulla terra col mistero dell'Incarnazione e la Sua seconda venuta, alla fine dei tempi, per giudicare i vivi e i morti; tra queste due venute rivelanti, la prima, la Misericordia di Dio, la seconda, la Giustizia Divina, la giustizia di Cristo, vero Dio e vero Uomo, come sacerdote, Re e Giudice Universale; questa terza intermedia venuta è invisibile, a differenza della prima e ultima venuta entrambe visibili.
Questa terza venuta è il Regno di Gesù nelle anime, Regno di pace, Regno di giustizia, che avrà il suo pieno e luminoso splendore dopo la purificazione….”

Rivelazioni del, Signore Gesù a Maria Valtorta sul tempo dell'Anticristo

@Marziale Come dimostrato sopra, il prof. Lamendola ha ragione ha dire che sarà "un eminente uomo di Chiesa...".

Rivelazioni del, Signore Gesù a Maria Valtorta sul tempo dell'Anticristo

Leggiamo in Maria Valtorta - QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 96 - 20 agosto 1943

Dice Gesù: “Sarà persona molto in alto, in alto come un astro. Non un astro umano che brilli in un cielo umano. Ma un astro di una sfera soprannaturale, il quale, cedendo alla lusinga del Nemico, conoscerà la superbia dopo l’umiltà, l’ateismo dopo la fede, la lussuria dopo la castità, la fame dell’oro dopo l’evangelica …More
Leggiamo in Maria Valtorta - QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 96 - 20 agosto 1943

Dice Gesù: “Sarà persona molto in alto, in alto come un astro. Non un astro umano che brilli in un cielo umano. Ma un astro di una sfera soprannaturale, il quale, cedendo alla lusinga del Nemico, conoscerà la superbia dopo l’umiltà, l’ateismo dopo la fede, la lussuria dopo la castità, la fame dell’oro dopo l’evangelica povertà, la sete degli onori dopo il nascondimento.
Meno pauroso il vedere piombare una stella dal firmamento che non vedere precipitare nelle spire di Satana questa creatura già eletta, la quale del suo padre di elezione copierà il peccato. Lucifero, per superbia, divenne il Maledetto e l’oscuro. L’Anticristo, per superbia di un’ora, diverrà il maledetto e l’oscuro dopo essere stato un astro del mio esercito.
A premio della sua abiura, che scrollerà i cieli sotto un brivido di orrore e farà tremare le colonne della mia Chiesa nello sgomento che susciterà il suo precipitare, otterrà l’aiuto completo di Satana, il quale darà ad esso le chiavi del pozzo dell’abisso perché lo apra”.

E nello stesso capitolo, in alcuni versetti dopo dice: “…..Come il Padre ha dato a Me ogni potere, così Satana darà ad esso ogni potere e specie ogni potere di seduzione, per trascinare al suo seguito i deboli e i corrosi dalle febbri delle ambizioni come lo è esso, loro capo. Ma nella sua sfrenata ambizione troverà ancora troppo scarsi gli aiuti soprannaturali di Satana e cercherà altri aiuti nei nemici del Cristo (Massoneria), i quali, armati di armi sempre più micidiali, quali la loro libidine verso il Male li poteva indurre a creare per seminare disperazione nelle folle, lo aiuteranno sinché Dio non dirà il suo "Basta" e li incenerirà col fulgore del suo aspetto”.

Vuoi sconfiggere il demonio? Invoca il Nome di Maria! (Sant’Alfonso de Liguori)

A volte penso a quanto sia cambiata la nostra società dai tempi di San Francesco o di Sant’Antonio fino ad arrivare ai nostri tempi.
Prima la maggior parte delle persone di coloro che facevano un cammino religioso, era composto in maggioranza da persone semplici e analfabete, che facevano lavori manuali molto duri e faticosi e non avevano il tempo e il presupposto di fare molta meditazione. …More
A volte penso a quanto sia cambiata la nostra società dai tempi di San Francesco o di Sant’Antonio fino ad arrivare ai nostri tempi.
Prima la maggior parte delle persone di coloro che facevano un cammino religioso, era composto in maggioranza da persone semplici e analfabete, che facevano lavori manuali molto duri e faticosi e non avevano il tempo e il presupposto di fare molta meditazione. Quindi non si poteva pretendere molto da questi poveri infelici, e bastava che nominassero con amore il nome della Mamma Celeste per ottenere Grazia!

Oggi, onestamente di tempo ne abbiamo fin troppo se vogliamo, il problema è come lo utilizziamo. Anche da un punto di vista culturale, la stragrande maggioranza delle persone hanno minimo una scuola media e quasi tutti sanno leggere e scrivere e sanno meditare se lo vogliono.
Il problema è che di tutto si parla meno che di religione e di cose dello spirito. Oggi si nomina il nome di Maria e di Gesù solo per intercalare, spesso in maniera automatica e irriflessa.

Oltre pochissime persone, quanti pur nominando Dio, non ne vogliono parlare assolutamente? Anche nelle Chiese si fa convivenza sociale, ma difficilmente si affrontano serie discussioni sulle Verità rivelate, dandole il più delle volte, come cose scontate.

Basti guardare le risposte che i fedeli danno quando sui social vengono esposte frasi Evangeliche già prestampate, le risposte sono tutte: “Amen, Così sia, Dio aiutaci, Maria salvaci ecc ecc.” ma approfondimenti, confronti per misurarsi e crescere nella Grazia, non se ne parla proprio.
Basta linkare qualcosa che sia più lungo di 4/5 parole che non ti leggono neanche, perché troppo lungo.
Io credo che la società Cristiana di oggi abbia veramente bisogno di una profonda catechesi per rinnovare e ammaestrare le coscienze di Sacerdoti e fedeli, alla Luce dello Spirito Santo. Oggi la Chiesa credo che abbia perso la sua veste Soprannaturale, per vestire quella socio-umanitaria- morale incapace di lottare contro il furore del Regno delle Tenebre.

"Confidenze di Gesù ad un sacerdote" – Messaggi profetici per la Chiesa ed il mondo di oggi

Dice Gesù a Don Michelini: ".....Ho dettato a Maria Valtorta, anima vittima, un'opera meravigliosa. Di quest'opera Io ne sono l'autore. Tu stesso ti sei reso conto delle reazioni rabbiose di Satana. Tu hai constatato la resistenza che molti sacerdoti oppongono a quest'opera che se fosse, non dico letta, ma studiata e meditata porterebbe un bene grandissimo a tante anime. Essa è fonte di seria e …More
Dice Gesù a Don Michelini: ".....Ho dettato a Maria Valtorta, anima vittima, un'opera meravigliosa. Di quest'opera Io ne sono l'autore. Tu stesso ti sei reso conto delle reazioni rabbiose di Satana. Tu hai constatato la resistenza che molti sacerdoti oppongono a quest'opera che se fosse, non dico letta, ma studiata e meditata porterebbe un bene grandissimo a tante anime. Essa è fonte di seria e solida cultura. Ma a quest'opera, a cui è riservato un grande successo nella Chiesa rigenerata, si preferisce il pattume di tante riviste e di libri di presuntuosi teologi. Ti benedico come sempre. Voglimi bene".

"Confidenze di Gesù ad un sacerdote" – Messaggi profetici per la Chiesa ed il mondo di oggi

Io non credo proprio di avere il dono del Discernimento. Ma come si fa a non vedere il Sole dell'Infinita Sapienza che parla? Se la vede un cieco peccatore come me, come può non vederla la Chiesa e i suoi Ministri? Lezioni come questa, dovrebbero essere materia di studio in tutti i seminari, per la formazione dei Ministri di Dio!

Il paradosso di Medjugorje (Qualcosa di strano sta accadendo)

Per quanto riguarda la vericità delle apparizioni: “ciò che viene da Dio si testifica per la sua durata. I fenomeni falsi presto cadono. O perché cessano o perché degenerano in atti e parole d'errore. Perciò, se la cosa dura, e dura con dignitosa serietà e santa virtù, da Dio viene, ed è preferibile accettarla e dire: "Gloria a Te, o Signore, per questo tuo manifestarti", anziché dire: "Io non …More
Per quanto riguarda la vericità delle apparizioni: “ciò che viene da Dio si testifica per la sua durata. I fenomeni falsi presto cadono. O perché cessano o perché degenerano in atti e parole d'errore. Perciò, se la cosa dura, e dura con dignitosa serietà e santa virtù, da Dio viene, ed è preferibile accettarla e dire: "Gloria a Te, o Signore, per questo tuo manifestarti", anziché dire: "Io non posso credere che Dio possa questo". (Azaria Cap. 10)

Sogno di Edson Glauber (7 agosto 2019): "Ho sognato il mondo dopo il grande castigo" / Akita confer…

MA IN ALTERNATIVA COSA PUO’ FARE IL SIGNORE SE OGGI, E LO VEDIAMO TUTTI, NON LO CONSIDERA E NON LO VUOLE PIU’ NESSUNO?

“Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna” (Mt 19, 29)

Parla la Serva di Dio Luisa Piccarreta: "Dopo aver molto stentato, il benedetto Gesù si …More
MA IN ALTERNATIVA COSA PUO’ FARE IL SIGNORE SE OGGI, E LO VEDIAMO TUTTI, NON LO CONSIDERA E NON LO VUOLE PIU’ NESSUNO?

“Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna” (Mt 19, 29)

Parla la Serva di Dio Luisa Piccarreta: "Dopo aver molto stentato, il benedetto Gesù si faceva vedere da dentro il mio interno dicendomi: “Vogliamo andare a vedere se le creature mi vogliono?”
Ed io: “Sicuro che vi vorranno, essendo voi l’Essere più amabile; chi avrà ardire di non volervi?”
E lui: “Andiamo e poi vedrai quello che faranno".
”Ci siamo andati e quando siamo giunti ad un punto dove ci stava molta gente, è uscita la sua testa da dentro il mio interno ed ha detto quelle parole che disse Pilato quando lo mostrò al popolo: “Ecce Homo.” E comprendevo che quelle parole significavano se volevano che il Signore regnasse per loro Re ed avesse il dominio nei loro cuori, nelle loro menti ed opere.
E quelli risposero: “Toglietelo, non lo vogliamo, anzi crocifiggetelo, acciocché sia distrutta ogni sua memoria.” Oh, quante volte si ripetono queste scene!

Onde il Signore ha detto a tutti: “Ecce Homo!”
Nel dire ciò è successo un mormorio, una confusione; chi diceva: “Non lo voglio per mio Re, voglio la ricchezza”;
un altro il piacere, un altro l’onore, chi le dignità e chi tante altre cose. Con ribrezzo ascoltavo queste voci, ed il Signore mi ha detto: “Hai inteso come nessuno mi vuole? Eppure questo è niente; volgiamoci al ceto religioso e vediamo se mi vogliono.”
Onde mi son trovata in mezzo ai sacerdoti, vescovi, religiose, devote; e Gesù con voce sonora ha ripetuto: “Ecce Homo!”

E quelli dicevano: “Lo vogliamo, ma vogliamo anche il nostro comodo”;
altri: “Lo vogliamo, ma unito all’interesse.
”Rispondevano altri: “Lo vogliamo, ma unito alla stima, [al]l’onore; che se ne fa un religioso senza stima?” Replicavano altri: “Lo vogliamo, ma unito a qualche soddisfazione di creatura; come si può vivere solo e senza che nessuno ci soddisfaccia?”
E certuni giungevano a volere almeno la soddisfazione nel sacramento della confessione; ma solo, solo, quasi nessuno lo voleva, non mancando pure che qualcuno non si curasse affatto di Gesù Cristo.
Onde tutto afflitto mi ha detto: “Figlia mia, ritiriamoci, hai visto come nessuno mi vuole, o al più mi vogliono unito con qualche cosa che loro piace? Io non mi contento di questo, perché il vero regnare è quando si regna solo.”
(dagli scritti di L. Piccarreta – vol. 4; Marzo 6, 1903)

Prodigi mariani, la Virgen del Pilar / "Questa colonna si eleverà in questo luogo sino alla fine …

Il Miracolo della gamba di Miguel Juan Pellicer, mi fa venire in mente "il miracolo del cieco nato" del Vangelo (Gv 9, 1-41).
Come al solito il Signore esalta sempre la fede di uno che non conta niente, un’emarginato. L’iniziativa è sempre di Gesù. Non è l’uomo che vede Dio, è Dio che vede l’uomo.

Mi vengono in mente le parole degli Apostoli che intraprendono un discorso moralista, su chi ha …More
Il Miracolo della gamba di Miguel Juan Pellicer, mi fa venire in mente "il miracolo del cieco nato" del Vangelo (Gv 9, 1-41).
Come al solito il Signore esalta sempre la fede di uno che non conta niente, un’emarginato. L’iniziativa è sempre di Gesù. Non è l’uomo che vede Dio, è Dio che vede l’uomo.

Mi vengono in mente le parole degli Apostoli che intraprendono un discorso moralista, su chi ha peccato. La malattia associata con il peccato, in quanto sempre conseguenza, se non sempre diretta, ma sempre indiretta del peccato.

Ma la risposta di Gesù è sublime e nello stesso tempo misteriosa a mente umana: “Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui le opere di Dio”. (Gv 9, 3).

E’ sconcertante vedere come quando Gesù vuole ottenere un risultato che possa affermare l’Amore assoluto che ha per la Madre, se le inventa tutte per raggiungere lo scopo.
Manco l’evangelizzazione di San Giacomo di Zebedeo, è stata tanto efficace e persuasiva quanto un Atto di Volontà di Dio, per mettere in ginocchio un “Re” umano e tantssime altre anime.
Veramente siamo tutti servi peccatori e inutili!!!
Grande è il Signore, e Meravigliose e infinite le sue Opere.
W Gesù e W Maria!

Misteri ad Anguera, un nuovo Mosè salverà la Chiesa? (profezia)

Veramente che con Dio non bisogna dare mai nulla per scontato. La sua perfettissima intelligenza e conoscenza di tutto, riesce a creare sempre il mistero nel mistero, in modo da beffare sempre il suo temibile e vecchio avversario!
Grande è il Signore padrone dell'Universo visibile e invisibile. Ogni Onore, Gloria e Benedizione per tutti i secoli dei secoli, Amen

Sintesi dei messaggi di Gesù a Maria Valtorta sugli "Ultimi Tempi"

Siamo soliti assistere nelle nostre parrocchie e diocesi a spiacevoli tristissime e continue divergenze con la maggior parte del clero ormai saturato di razionalismo - dottrina più volte condannata da Gesù nei dettati alla Serva di Dio Maria Valtorta.
Personalmente ho più volte avuto modo di sperimentare la suscettibilità di molti consacrati sulle rivelazioni private da parte di mistici, che a …More
Siamo soliti assistere nelle nostre parrocchie e diocesi a spiacevoli tristissime e continue divergenze con la maggior parte del clero ormai saturato di razionalismo - dottrina più volte condannata da Gesù nei dettati alla Serva di Dio Maria Valtorta.
Personalmente ho più volte avuto modo di sperimentare la suscettibilità di molti consacrati sulle rivelazioni private da parte di mistici, che a me personalmente e penso a tantissime altre anime, mi hanno portato sulla via di Cristo.
Nonostante questo, con tutta la veemenza e la protervia di moltissimo Sacerdoti, ormai così formati nei seminari in cui serpeggiata ogni genere di eresia, insistono a risponderci, ogni volta che gliene parliamo, che essi "NON SONO TENUTI A CREDERE A RIVELAZIONI PRIVATE" e che pertanto non vogliono nemmeno considerare e accogliere tutto ciò che noi, con VERA carità cristiana (a differenza della loro, dubbia) diciamo a loro, riguardo alla profondità spirituale che si travano in opere come quella di Maria Valtorta!
A dirla tutta, anche per apparizioni già approvate dalla stessa Chiesa Cattolica nutrono un’eccessiva prudenza e distacco, come se pur essendo approvate "CONSTAT DE SUPERNATURALITATE", vanno interpretate.
La frase che continuamente propinano è la seguente: “Si, però bisogna sempre far riferimento al Vangelo, dove nulla può essere aggiunto”.
Le apparizioni mariane non hanno influenza per aggiungere una qualche nuova verità di fede, ma hanno un’immensa influenza per conoscere ed approfondire le Verità Evangeliche sotto una nuova Luce, e richiamare le anime a vivere gli insegnamenti evangelici. Basta pensare ai milioni di persone che frequentano i più famosi santuari, o alle folle paesane che si accalcano nei santuari minori. C’è da chiedersi che cosa sarebbe stata la predicazione evangelica nell’America Latina se non ci fossero state le apparizioni di Guadalupe; a che cosa si ridurrebbe la fede dei francesi senza Lourdes, o dei portoghesi senza Fatima, o degli italiani senza i tanti santuari della Penisola.
Premesso che è compito dell’autorità ecclesiastica il potere di pronunciarsi solo quando lo ritiene opportuno; ma è altrettanto compito dei fedeli fare un giusto, cauto e prudente discernimento attraverso la Parola di Dio (se la si conosce), di dare credito o meno a presunte apparizioni o rivelazioni private.
Come diceva Padre Amort, Il più delle volte le false apparizioni sono fuochi di paglia, che si spengono da sé. Altre volte si scopre che c’è inganno, interesse, manipolazione, o che il tutto nasce da qualche mente squilibrata o esaltata. Anche in questi casi è facile ricavarne le conclusioni. Quando invece il concorso di popolo si dimostra costante, crescente per mesi e per anni, e quando i frutti sono buoni («Dai frutti si conosce la pianta», dice il vangelo), allora c’è da prendere le cose sul serio.
D’altronde se Gesù e Maria SS vengono a darci messaggi e avvertimenti, ci sarà un motivo!
A questo punto mi sento mi sento di fare una riflessione su tutte le vicende del Vangelo di Dio, ripensando a ciò che sarebbe successo, se i personaggi protagonisti di rivelazioni dal Cielo in quei detti passi evangelici, invece che rispondere a Dio col loro "Fiat!" avessero detto: "proviamo a ragionare.." oppure "andiamo dal sacerdote prima..!" oppure "non è possibile" !
Quindi la domanda è questa: CHE COSA SAREBBE SUCCESSO SE NEL VANGELO NON AVREBBERO CREDUTO ALLE RIVELAZIONI PRIVATE ....???

APPARIZIONE DELL’ARCANGELO SAN GABRIELE (Lc 1, 26-37) ALLA VERGINE MARIA: se maria non avesse creduto a questa "rivelazione privata" Dio non si sarebbe fatto carne in lei, percio' non ci sarebbe stata alcuna redenzione.
APPARIZIONE (Mt 1, 20-23) SAN GIUSEPPE: se San Giuseppe non avesse ascoltato l'angelo che gli raccomandava di accogliere maria e il frutto del suo grembo - conseguenza: maria sarebbe stata forse denunciata e lapidata col povero Bambino Divino.
APPARIZIONE (Mt 2, 13-15) DELL’ANGELO A SAN GIUSEPPE: se San Giuseppe non avesse creduto all'apparizione dell'angelo che gli comandava di prendere con se maria e il bambino per sfuggire alla ferocia di erode, a quest'ora non esisterebbe il cattolicesimo, e maria e gesu' sarebbero rimasti vittime dell'eccidio.
APPARIZIONE (Mt 2, 19-23) DELL’ANGELO A SAN GIUSEPPE: se San Giuseppe non avesse creduto all'apparizione dell'angelo che gli comandava di spostarsi con la sacra famiglia dall'egitto alla palestina, a quest'ora non si potrebbe nemmeno dire "e fu chiamato il nazareno"

Per non parlare di tutti i comandi e le ispirazioni con cui lo Spirito Santo ha guidato tutti i profeti della Bibbia.

Vi è una frase nel vangelo che mi fa molto riflettere: “Chi invece entra per la porta, è il pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore una per una e le conduce fuori. E quando ha condotto fuori tutte le sue pecore, cammina innanzi a loro, e le pecore lo seguono, perché conoscono la sua voce”. (Gv 10, 2-4)

Quindi è chiaro che le pecore, per aver sposato Dio (Ministri), conoscono la sua voce e lo seguono. Ma la domanda viene spontanea: “Conoscono veramente il loro Sposo e la sua Voce?”. Oggi tutto è interpretabile, anche la Parola di Dio. E non riconoscere la voce dello Sposo in un’Opera MERAVIGLIOSA come quella di Maria Valtorta, quale Spirito li conduce?

Sintesi dei messaggi di Gesù a Maria Valtorta sugli "Ultimi Tempi"

NO, COMMENT!!!!!!

Benedetto XVI: ecco chi è la vera madre del bambino! [Video di Mary tube]

Stiamo attraversando il momento più buio della storia del Cristianesimo. Ci sono stati altri momenti di scissioni interne, ma mai come ora, dove tutti si fanno un dio a propria immagine e somiglianza. Tutto viene interpretato, tutto viene strumentalizzato, la Verità è diventata una pura utopia, il vangelo è interpretato in tanti modi e pure una dichiarazione trasparente, semplice e limpida come …More
Stiamo attraversando il momento più buio della storia del Cristianesimo. Ci sono stati altri momenti di scissioni interne, ma mai come ora, dove tutti si fanno un dio a propria immagine e somiglianza. Tutto viene interpretato, tutto viene strumentalizzato, la Verità è diventata una pura utopia, il vangelo è interpretato in tanti modi e pure una dichiarazione trasparente, semplice e limpida come quella che ha fatto Benedetto XVI, è vista in modo enigmatico e interpretativo.

Perché Dio non incenerisce oggi la terra come fece con Sodoma e Gomorra? Una (possibile) spiegazion…

Se pensiamo che per una umanità molto meno corrotta, Dio ha permesso la Prima e la Seconda guerra mondiale, si può immaginare cosa ci aspetta!
Dio rinnova la terra ogni 2.000 anni.

Dopo i primi 2.000 anni ha rinnovato la terra con un diluvio di acque (Potenza del Padre).

Dopo i secondi 2.000 anni con un diluvio del Sangue di suo Figlio (Redenzione di N.S.G.C.).

Dopo i terzi 2.000 anni sarà …More
Se pensiamo che per una umanità molto meno corrotta, Dio ha permesso la Prima e la Seconda guerra mondiale, si può immaginare cosa ci aspetta!
Dio rinnova la terra ogni 2.000 anni.

Dopo i primi 2.000 anni ha rinnovato la terra con un diluvio di acque (Potenza del Padre).

Dopo i secondi 2.000 anni con un diluvio del Sangue di suo Figlio (Redenzione di N.S.G.C.).

Dopo i terzi 2.000 anni sarà rinnovata con un diluvio di Fuoco (Rinnovamento dello Spirito santo e Trionfo del Cuore Immacolato di Maria), dove caccerà nell'abisso infernale, Satana per 1.000 anni.

Questa purificazione avverrà subito dopo l’Abominio della Desolazione che toccherà l’apice del peccato nella Chiesa Cattolica.
Dopo si potrà realizzare quello che insieme a Gesù chiediamo nella preghiera del Padre Nostro, ovvero un rinnovato Paradiso Terrestre su questa terra, come Dio lo aveva pensato fin dall'inizio.

Pazzesco, Bergoglio ha commissariato anche Lourdes!

Piccarreta – Vol 12 - 14/10/1918 : “Figlia mia, il più grande castigo è il trionfo dei cattivi; ci vogliono ancor purghe, ed i cattivi nel loro trionfo purificheranno la mia Chiesa; e dopo li stritolerò e li disperderò come polvere al vento. Perciò, non t’impressionare dei trionfi che senti, ma piangi con Me la loro triste sorte”.

L'incredibile profezia di Padre Pio! – Vedremo il Trionfo del Cuore Immacolato? [Video]

TEMPI DELL’APOCALISSE

Anche se come dice la Parola di Dio per quanto riguarda i tempi: “Quanto a quel giorno e a quell'ora, però, nessuno lo sa, neanche gli angeli del cielo e neppure il Figlio, ma solo il Padre” (Mt 24, 36) Gesù e Maria, nella loro grande Bontà ci indicano i segni.
“Dio non fa niente senza rivelare i suoi segreti ai suoi servi i profeti” (Amos 3:7). Ed è così, Dio avverte …More
TEMPI DELL’APOCALISSE

Anche se come dice la Parola di Dio per quanto riguarda i tempi: “Quanto a quel giorno e a quell'ora, però, nessuno lo sa, neanche gli angeli del cielo e neppure il Figlio, ma solo il Padre” (Mt 24, 36) Gesù e Maria, nella loro grande Bontà ci indicano i segni.
“Dio non fa niente senza rivelare i suoi segreti ai suoi servi i profeti” (Amos 3:7). Ed è così, Dio avverte sempre. Per questo motivo, i grandi eventi che hanno trascendenza e importanza per tutta l’umanità sono stati precedentemente annunciati tanto nelle Sacre Scritture quanto attraverso molti profeti e veggenti dei nostri tempi.
Gesù prima e la Madonna e i Veggenti adesso, ci hanno indicato chiaramente attraverso i segni che stiamo vivendo (apostasia, scisma della Chiesa, il falso profeta, la massoneria finanziaria e quella ecclesiastica) in che periodo siamo. E la profezia di Padre Pio ne è un ulteriore conferma.
Però attenti, perchè il periodo più terribile avverrà solo dopo che avverrà il grande Segno come ultimo e Grande Avvertimento (che smuoverà le coscienze di ognuno di noi), di cui si è parlato a Međugorje e in tantissimi Messaggi della Madonna dati a tanti veggenti passati e presenti (Vedi: San Edmundo S. J., don Stefano Gobbi, Beata Elena Aiello, Madre Elena Leonardi, Catalina Rivas, Fra’ David Lopez, Maria Giulia Jahenny, Maria Esperanza Bianchini, Amparo Cuevas, la Beata Ana María Taigi, veggente di Medjugorje Mirjana Dragicevic, Rosa Quattrini, María Esperanza, Heede, JNS Ren Dozulé, Testigos de la Cruz, Conchita González a Garabandal ecc.).

Vediamo cosa ci indica N.S.G.C. alla Mistica maria Valtorta.

Maria Valtorta - Quaderni 27/08/1943 Cap. 103
La seconda guerra mondiale è stato il tempo dei precursori dell’Anticristo.
Poi verrà il periodo dell’Anticristo che è il precursore di Satana. Questo periodo si svolgerà nei primi anni del terzo millennio.
La Massoneria finanziaria e quella ecclesiastica si uniranno in favore di Satana. Sarà un periodo peggiore di tutti i precedenti. Percossi dallo stupore delle sette piaghe e della caduta di Babilonia, Satana sarà vinto e rinchiuso per mille anni.
Dopo verrà il periodo di Pace di circa mille anni. Così si realizzerà il progetto che Dio aveva fin dal principio per questa terra.
L’epoca anticristiana assurgerà alla sua massima potenza alla sua terza manifestazione (prima della Fine del Mondo), ossia quando vi sarà l’ultima venuta di Satana, che sarà liberato dopo mille anni, e che raccoglierà tutti i suoi adoratori dai quattro angoli della terra. Saranno più numerosi della rena del mare. (Per la fine del mondo, vedi Quaderni 22/08/1943).

13/05/1990
A Don Stefano Gobbi è stato detto: “Non mi è stata consacrata la Russia dal Papa con tutti i Vescovi e così essa non ha avuto la Grazia della conversione ed ha diffuso i suoi errori in tutte le parti del mondo, provocando guerre, violenze, rivoluzione sanguinose, persecuzioni alla chiesa ed al santo Padre.
Satana è stato il dominatore incontrastato sulle vicende di questo vostro secolo, portando l’umanità intera al rifiuto di Dio e della sua Legge d’Amore. La Chiesa, come annunciato nel Mio terzo segreto di Fatima, conoscerà l’ora della sua più grande apostasia, l’uomo iniquo si introdurrà al suo interno e siederà nel Tempio stesso di Dio, mentre il piccolo resto che rimarrà fedele sarà sottoposto alle più grandi prove e persecuzioni”.

31/12/1992
A Don Stefano Gobbi è stato detto: "...voglio aiutarvi a comprendere i segni descritti nella Divina Scrittura, che indicano ormai vicino il suo glorioso ritorno. Questi segni sono chiaramente indicati dai Vangeli, dalle Lettere di S. Pietro e di S. Paolo, e si stanno realizzando in questi anni.
- Il primo segno
è la diffusione degli errori, che portano alla perdita della fede ed all'apostasia. Questi errori vengono propagati da falsi maestri, da celebri teologi che non insegnano più le verità del Vangelo, ma perniciose eresie, basate su errati ed umani ragionamenti. È a motivo dell'insegnamento degli errori che si perde la vera fede e si diffonde ovunque la grande apostasia.
«Fate attenzione e non lasciatevi ingannare. Perché molti cercheranno di ingannare molta gente. Verranno falsi profeti ed inganneranno moltissimi». (Mt. 24, 5-9).
«Il giorno del Signore non verrà prima che ci sia stata la grande apostasia». (2 Ts. 2, 3).
«Verranno tra voi falsi maestri. Essi cercheranno di diffondere eresie disastrose e si metteranno perfino contro il Signore che li ha salvati. Molti li ascolteranno e vivranno, come loro, una vita immorale. Per colpa loro, la fede cristiana sarà disprezzata. Per il desiderio di ricchezza, vi imbroglieranno con ragionamenti sbagliati». (2 Pt. 2, 1-3).
- Il secondo segno è lo scoppio di guerre e di lotte fratricide, che portano al predominio della violenza e dell'odio ed a un generale raffreddamento della carità, mentre si fanno sempre più frequenti le catastrofi naturali come epidemie, carestie, inondazioni e terremoti.

«Quando sentirete parlare di guerre, vicine o lontane, non abbiate paura; bisogna che ciò avvenga. I popoli combatteranno l'uno contro l'altro, un regno contro un altro regno. Ci saranno carestie e terremoti in molte regioni. Tutto questo sarà solo l'inizio di sofferenze più grandi. Il male sarà tanto diffuso che l'amore di molti si raffredderà. Ma Dio salverà chi resisterà sino alla fine». (Mt. 24, 6-12).
- Il terzo segno è la sanguinosa persecuzione di coloro che si mantengono fedeli a Gesù ed al suo Vangelo e permangono forti nella vera fede. Frattanto il Vangelo viene predicato in ogni parte del mondo. Pensate, figli prediletti, alle grandi persecuzioni cui viene sottoposta la Chiesa ed allo zelo apostolico degli ultimi Papi, sopratutto del mio Papa Giovanni Paolo II, nel portare a tutte le nazioni della terra l'annuncio del Vangelo.
«Voi sarete arrestati, perseguitati ed uccisi. Sarete odiati da tutti per causa mia. Allora molti abbandoneranno la fede; si odieranno e si tradiranno l'un l'altro. Intanto il messaggio del regno di Dio sarà annunciato in tutto il mondo; tutti i popoli dovranno sentirlo. E allora verrà la fine». (Mt. 24, 9-10).
- Il quarto segno è l'orribile sacrilegio, compiuto da colui che si oppone a Cristo, cioè dall'anticristo. Entrerà nel tempio santo di Dio e siederà sul suo trono, facendosi adorare lui stesso come Dio.
«Costui verrà a mettersi contro tutto ciò che gli uomini adorano e chiamano Dio. Il malvagio verrà con la potenza di Satana, con tutta la forza di falsi miracoli e di falsi prodigi. Userà ogni genere di inganno maligno per fare del male». (2 Ts. 2, 4-9).
«Un giorno vedrete nel luogo santo colui che commette l'orribile sacrilegio. Il profeta Daniele ne ha parlato. Chi legge cerchi di comprendere». (Mt. 24, 15).
Figli prediletti, per capire in che cosa consiste questo orribile sacrilegio, leggete quanto viene predetto dal profeta Daniele.
«Va, Daniele, queste parole sono nascoste e sigillate sino al tempo della fine. Molti saranno purificati, resi candidi, integri, ma gli empi continueranno ad agire empiamente. Nessuno degli empi intenderà queste cose, ma i saggi le comprenderanno. Ora, dal tempo in cui sarà abolito il sacrificio quotidiano e sarà eretto l'abominio della desolazione, ci saranno milleduecentonovanta giorni. Beato chi aspetterà con pazienza e giungerà a milletrecentotrentacinque giorni». (Dn. 12, 9-12).
La Santa Messa è il sacrificio quotidiano, l'oblazione pura che viene offerta al Signore in ogni parte, dal sorgere al tramonto del sole. Il sacrificio della Messa rinnova quello compiuto da Gesù sul Calvario. Accogliendo la dottrina protestante, si dirà che la Messa non è un sacrificio, ma solo la sacra cena, cioè il ricordo di ciò che Gesù fece nella sua ultima cena. E così verrà soppressa la celebrazione della santa Messa. In questa abolizione del sacrificio quotidiano consiste l'orribile sacrilegio compiuto dall'anticristo, la cui durata sarà di circa tre anni e mezzo, cioè di milleduecentonovanta giorni.
- Il quinto segno è costituito da fenomeni straordinari, che avvengono nel firmamento del cielo.
«Il sole si oscurerà, la luna perderà il suo splendore, le stelle cadranno dal cielo e le potenze del cielo saranno sconvolte». (Mt. 24, 29).
Il miracolo del sole, avvenuto a Fatima durante la mia ultima apparizione, vuole indicarvi che siete ormai entrati nei tempi in cui si compiranno questi avvenimenti, che vi preparano al ritorno di Gesù nella gloria.
«Allora si vedrà nel cielo il segno del Figlio dell'uomo. Tutti i popoli della terra piangeranno, e gli uomini vedranno il Figlio dell'uomo venire sulle nubi del cielo, con grande potenza e splendore». (Mt. 20, 40).
Miei prediletti e figli consacrati al mio Cuore Immacolato, vi ho voluto ammaestrare su questi segni, che Gesù nel suo Vangelo vi ha indicati, per prepararvi alla fine dei tempi, perché essi si stanno realizzando nei vostri giorni".

Nostra Signora nel 1988 ha detto a don Stefano Gobbi che avremmo avuto davanti un periodo di dieci anni, dieci anni decisivi: "...In questo periodo di dieci anni si compirà il tempo della grande tribolazione, che vi è stata predetta dalla divina Scrittura, prima della seconda venuta di Gesù. In questo periodo di dieci anni si manifesterà il mistero di iniquità, preparato dalla diffusione sempre più grande della apostasia.
In questo periodo di dieci anni si realizzeranno tutti i segreti che Io ho rivelato ad alcuni miei figli e si compiranno tutti gli avvenimenti che vi sono stati da Me predetti". (18 Settembre 1988, messaggio della Madonna)

Sempre a Don Stefano Gobbi è stato detto: “La Croce Luminosa, che si distenderà da oriente ad occidente ed apparirà nel cielo, sarà il segno del ritorno di Gesù nella gloria... La Croce Luminosa, che apparirà nel cielo alla fine della purificazione e della grande tribolazione, sarà la porta che apre il lungo e tenebroso sepolcro in cui giace l'umanità, per condurla nel nuovo regno di vita, che Gesù porterà col suo glorioso ritorno". (1 aprile 1994, messaggio della Madonna)

29/09/1995
Sempre a Don Stefano Gobbi è stato detto: "Unisco i dolori del mio Cuore a tutte le sofferenze dei buoni, che portano con pazienza la croce di questi tempi della grande tribolazione. I dolori dei poveri e degli sfruttati, dei piccoli e degli emarginati, dei peccatori e dei lontani, degli ammalati e dei disperati, degli abbandonati e degli oppressi sono raccolti nel giardino del mio materno patire ed offerti alla divina Giustizia in segno di riparazione e di perenne intercessione".
Per la risposta che ovunque ricevo da questi Miei piccoli bambini. Io intervengo ad abbreviare i tempi della grande prova così dolorosa per voi. Quante volte sono intervenuta per spostare sempre più nel tempo, l’inizio della grande prova, per la purificazione di questa povera umanità, ormai posseduta e dominata dagli Spiriti del male. I tempi saranno abbreviati perché la grande lotta che si combatte fra Dio e il suo Avversario è soprattutto a livello di Spiriti ed avviene al di sopra di voi.

(Nota Mia: i tempi qui indicati si sono evidentemente rinviati e gli eventi annunciati sono stati spostati grazie all'intercessione della Madonna (con il contributo decisivo delle preghiere dei suoi figli) la quale in numerosi messaggi, provenienti da ogni parte del mondo, afferma di essere stata lei in più occasioni a fermare il braccio di suo figlio che vorrebbe castigare il mondo).

15/08/1996
In effetti a Don Stefano Gobbi è stato detto: “Come Mamma sono accanto a voi ad intercedere per voi. E faccio scendere dal Mio Cuore Immacolato le Grazie che vi sono necessarie, per camminare con Me sulla dolorosa strada di questi ultimi tempi. .....sono ancora riuscita a spostare nel tempo il castigo decretato dalla divina Giustizia, per una umanità che è diventata peggiore di quella del tempo del diluvio”.

Nei Messaggi della Madonna di Anguera, è precisamente nel messaggio n° 2.532 - 05.06.2005 la Madonna ci dice chiaramente che in un certo giorno succederà un qualcosa di Malefico molto evidente:
“Un uomo apparentemente buono, ossia l’anticristo, acquisterà grande potere satanico. L’azione malefica si verificherà nella festa di un grande santo, quello che quando venne chiamato da Dio cadde da cavallo e la sua vita fu trasformata”.
[6 - giugno San Norberto – Il Santo in questione fu testimoniato proprio da Pedro Regis a Don Leonardo Maria Pompei]
(Nota mia – io credo che la data esatta sia il 06/06/2022 che corrisponde al 666. Un'altra data poco probabile potrebbe essere 06/06/2031)


Se è pur vero che i tempi di Dio sono diversi da quelli dell’uomo e che come dice San Pietro: “Una cosa però non dovete perdere di vista, carissimi: davanti al Signore un giorno è come mille anni e mille anni come un giorno solo”. (2Pietro 3, 8)
E’ però anche vero come dice il Signore, di stare attenti ai segni dei tempi: “Quando si fa sera, voi dite: Bel tempo, perché il cielo rosseggia; e al mattino: Oggi burrasca, perché il cielo è rosso cupo. Sapete dunque interpretare l'aspetto del cielo e non sapete distinguere i segni dei tempi?” (Mt 16, 2-3)

Madonna delle Rose di San Damiano piacentino – Messaggio speciale per i giovani

Quando si parla di Verità, di quale Verità si parla? Ormai tutto è relativo. Satana, essere intelligentissimo, ha saputo porre interpretazioni anche nel fare la Carità, nell'interpretare la Carità, e nell'intendere la Misericordia divina. Lui non ti invita ad andare contro le Leggi di Dio, noooo, Lui ti invita ad interpretarle con l'uso della ragione umana. Lui sa benissimo che i doni dello …More
Quando si parla di Verità, di quale Verità si parla? Ormai tutto è relativo. Satana, essere intelligentissimo, ha saputo porre interpretazioni anche nel fare la Carità, nell'interpretare la Carità, e nell'intendere la Misericordia divina. Lui non ti invita ad andare contro le Leggi di Dio, noooo, Lui ti invita ad interpretarle con l'uso della ragione umana. Lui sa benissimo che i doni dello Spirito Santo di cui tanto sene parla, sono ormai merce rarissima, in questo miasma di ideologie umane tutte apparentemente buone. Dov'è il dono del discernimento? dov'è il dono della Sapienza? Dov'è il dono del consiglio? Dov'è il dono della veggenza? Oggi nei Ministri umanamente buoni (la maggior parte lo sono), puoi trovare ancora dei valori morali buoni, ma dove sono i doni Soprannaturali ricevuti insieme al loro Ministero? Oggi non si parla più del diavolo, non lo si riconosce più. E come fai a combattere un nemico che non conosci? Nei tempi di Gesù, molte malattie provenivano dal diavolo, oggi chi le sa individuare e curare? Tutto è spiegato in chiave scientifica e razionale, e chi parla di queste cose viene preso come un essere del medio-evo. Se almeno fossimo consapevoli di questo saremmo già a buon punto. Ma ahimè....siamo tanto orgogliosi e superbi da non voler ammettere manco la reale Verità evidente!

Profezie ad Anguera, misteri sul futuro: "Un uomo giusto aiuterà la Chiesa... contribuirà al Trionf…

Io credo che il Papa Santo, capo religioso che nascerà dal popolo cristiano e il capo politico che fu esiliato in gioventù e che riacquisterà la corona dei gigli, già predetto da san Cesario Di Arles (sec. VI), monaco di Lerins e poi vescovo di Arles, rappresentano i due testimoni Enoc e Elia che non saranno presenti in forma umana ma spirituale, e sarà attraverso le loro sofferenze che Dio …More
Io credo che il Papa Santo, capo religioso che nascerà dal popolo cristiano e il capo politico che fu esiliato in gioventù e che riacquisterà la corona dei gigli, già predetto da san Cesario Di Arles (sec. VI), monaco di Lerins e poi vescovo di Arles, rappresentano i due testimoni Enoc e Elia che non saranno presenti in forma umana ma spirituale, e sarà attraverso le loro sofferenze che Dio riscatterà coloro che sono ciechi alla Verità.
Lo Spirito Santo li guiderà, attraverso i Suoi nuovi leader che sorgeranno tra di noi, guidati dai Suoi Due Testimoni, Enoc ed Elia, presenti nelle Chiese Cristiane sulla Terra e nella Casa d’Israele, presto influiranno sulla predicazione dei Vangeli, in tutto il mondo.

Dice Gesù: “Voi siete la Mia Chiesa Rimanente. Voi siete la Chiesa a cui si fa riferimento nel Libro della Rivelazione. Voi siete il frutto della donna che diede alla luce un maschio e che fu scacciata nel deserto, dove voi sarete isolati, ma uniti come un sol uomo, per proclamare la Mia Santa Parola e per predicare i Veri Vangeli. La donna partorisce la Mia vera Chiesa, il Mio gregge leale, che non sarà sviato dal falso profeta.
Voi, la Mia Chiesa, sarete abbandonati per 1260 giorni, nel deserto in cui troverete rifugio. Tuttavia, attraverso il Dono dello Spirito Santo, verrete nutriti con i Frutti del Mio Amore.
Saranno i membri leali delle Mie Chiese Cristiane (Ebrei e Occidentali), tra cui i Miei servitori consacrati ed i Miei seguaci, i quali rifiuteranno il falso profeta, che dovranno tenere insieme la Mia Chiesa. Dovrete onorarMi in segreto, perché la Messa diventerà irriconoscibile sotto il governo del falso profeta.
Gli Ebrei saranno il secondo dei “due testimoni”.
Le “due lampade” sono le Mie Chiese Cristiane, la Vera Chiesa tradizionale e quelle dei Miei seguaci, che saranno bandite da parte del falso profeta.
I “due alberi di olivo” sono l’Israele della Vecchia Gerusalemme ed il Nuovo Israele".

Colui che verrà in soccorso delle province, un principe che è stato esiliato in gioventù e che riacquisterà la corona dei gigli, rappresenta il “resto di Israele rimasto fedele al Signore”. La corona dei gigli rappresenta la corona dei figli i Israele che hanno fondato la Chiesa di Cristo.
Il Giglio Santo rappresenta Gesù Cristo, come è stato più volte nominato negli scritti di Maria Valtorta.

Valtorta - QUADERNETTI CAPITOLO 781 - 14 giugno 1953

«Mia ubbidientissima sempre e mia dilettissima perciò perché tu mi sei uguale in sommissione al mio Figlio, da quando nacque a quando ascese al Cielo, e ora, nel Cielo disfa l'orlo del fazzoletto che il giglio soprannaturale ha fatto telo miracoloso e danne dei pezzetti, dopo averli ben passati sul centro del fazzoletto, al M. T., all'E. R., a M. T., alla S. B. A., alla B. P. e ad altri o sofferenti o in fastidi morali. Metterai i pezzetti di tela in bustine di carta velina gialla, ne hai tanta, e su vi scriverai: "tela del giglio santo"».

Valtorta - QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 158 - 27 ottobre 1943

Dice Gesù:
“Questo è il canto di questa mattina. Lo vedi se Chi ti ha dato il giglio sa darti tutto quanto desideri? Ho dato Me, Giglio nato da Maria che è Giglio immacolato. Ora sono insieme a te in Corpo ed Anima, in Sangue e Divinità. Sono con te come su un altare”.

Valtorta - QUADERNI DAL 1945 AL 1950 CAPITOLO 570 - 2 giugno 1946

Dice la Divinità:
«Al giglio che si immola non desiderate altra rugiada fuorché quella di un sempre più perfetto amore. Neppure l'amore del sangue vi faccia uscire dalla giustizia. Non desiderate perciò per lei altro che il più perfetto. E state lieti perché la vergine prudente alimenta la sua lampada col suo perfetto amore, e quando lo Sposo si affaccerà nella via ella sarà pronta ad uscirgli incontro.»

Tra l’altro anche negli scritti di Maria Valtorta viene avvalorata quest tesi.

Valtorta - Evamgelo - VOLUME V - CAPITOLO 349 - 3 Dicembre 1945
«Ma non deve venire Elia per preparare al tuo Regno? I rabbi dicono così».
«Elia è già venuto ed ha preparato le vie al Signore. Tutto avviene come è stato rivelato. Ma coloro che insegnano la rivelazione non la conoscono e non la comprendono, e non vedono e riconoscono i segni dei tempi e i messi di Dio. Elia è tornato una volta. La seconda verrà quando il tempo ultimo sarà vicino per preparare gli ultimi a Dio. Ma ora è venuto per preparare i primi al Cristo, e gli uomini non lo hanno voluto riconoscere e lo hanno tormentato e messo a morte (il Battista). Lo stesso faranno col Figlio dell’uomo, perché gli uomini non vogliono riconoscere ciò che è loro bene».

Valtorta - EPISTOLA AI ROMANI Lezione 46ª – 2/11/1950 – (Rm 11, 25-36)

Dice Gesù: “Uno dei segni della venuta finale di Dio a del Giudizio che seguirà alla fine del mondo, è la conversione d’Israele, che sarà l’estrema conversione del mondo a Dio.

Perché loro gli ultimi, essi che furono i primi ad esser popolo di Dio? Per decreto eterno e per decreto umano.

Né paia ingiusto il decreto eterno. Essi, che già primi - anzi: unici - erano nel conoscere le verità soprannaturali, avrebbero dovuto essere i primissimi nel nuovo popolo di Dio: il popolo dei cristiani; così come Adamo e la sua compagna avrebbero dovuto essere i primissimi del popolo celeste. Ma la volontà non buona fece dei primi gli ultimi. E mentre è detto nella Scrittura (Genesi 5, 21-24; 2Re 2, 11-12; Ebrei 11, 5) che Enoc ed Elia furono, viventi, rapiti da Dio fuor dal mondo, in un altro mondo migliore, per tornare, al giusto tempo, a predicare penitenza e combattere l’Anticristo quando il mondo sarà fatto Babilonia e Anticristo (Ap cap. 17-18) - e ciò per la loro giustizia straordinaria - altrettanto nella Scrittura è detto che per i suoi peccati Israele sarà riprovato da Dio e da primo diverrà ultimo ad entrare nel Regno di Cristo (Isaia 27, 6-13).

Adamo è ben figura di ciò che vuol dire cadere nella riprovazione di Dio. Ben egli dovette attendere secoli e millenni negli inferi (Purgatorio), nonostante avesse già lungamente espiato sulla Terra il suo peccato, avanti di rientrare nel Paradiso almeno terrestre, dove Enoc ed Elia già da secoli godevano della letificante amicizia di Dio.

Anche per il popolo ebreo, pur non essendo per esso inesorabilmente chiuso il Regno di Dio per averlo respinto quando poteva accoglierlo, dovranno passare secoli e millenni prima che Israele torni amico di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo. Prima diverranno “popolo di Dio” gli altri popoli. Ultimi essi: i giudei. Ultimi, anche se sempre da Sion verranno coloro che saranno salvezza".

Fatima, un messaggio anti-modernista

IMMANENZA E TRASCENDENZA

"Ma io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Paràclito; se invece me ne vado, lo manderò a voi." (Gv 16, 7)

Sapete perché Gesù ha detto che è un bene per noi che Lui se ne vada dalla nostra vista umana, dalla nostra esperiena naturale? Quante volte avremmo desiderato di vivere l’esperienza degli …More
IMMANENZA E TRASCENDENZA

"Ma io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Paràclito; se invece me ne vado, lo manderò a voi." (Gv 16, 7)

Sapete perché Gesù ha detto che è un bene per noi che Lui se ne vada dalla nostra vista umana, dalla nostra esperiena naturale? Quante volte avremmo desiderato di vivere l’esperienza degli Apostoli con un Gesù umanamente visibile?
Ma questa esperienza immanente, ovvero percepita dall’esterno verso l'interno, con i nostri sensi naturali che ci filtrano un Gesù fuori di noi, non ci avrebbe mai permesso di vivere intensamente il suo Amore dentro di noi in modo del tutto personale, tanto da fonderci pian piano in Lui e farlo vivere completamente in noi.
Con l’azione dello Spirito Santo, viviamo una seconda esperienza che si chiama trascendenza, che al contrario dell’immanenza, ci permette di vivere il suo Infinito Amore dal di dentro, in modo più intimo, intenso, personale ed unico.
C’è un enorme differenza tra chi conosce la dottrina di Cristo avendolo visto e ascoltato a suo tempo o letto i suoi scritti dopo la sua Ascensione, e chi possiede Cristo. L’Amore che ha chi possiede Cristo (Spirito Santo o Divina Volontà o Spirito Paraclito) è infinitamente più grande di chi lo stima con affetto avendolo conosciuto nella sua dottrina.
Per conoscere intimamente Dio, bisogna fare scopo della vita la ricerca di Dio, allora Egli si svela nel nostro cuore senza più mistero.

Mattero Salvini a sorpresa: "Affido l'Italia al Cuore Immacolato di Maria!"

A mio modesto avviso, dovremmo imparare a guardare tutto con un occhio spirituale. A prescindere le nascoste intenzioni dell’uomo che non conosciamo, vedere tutto come sapiente Provvidenza Divina, che sa usare il bene e il male per maggior sua gloria e il bene dei propri figli.
Leggiamo alcuni passi delle opere di Maria Valtorta che ci fanno ben capire questo concetto:

Valtorta - QUADERNI DEL …More
A mio modesto avviso, dovremmo imparare a guardare tutto con un occhio spirituale. A prescindere le nascoste intenzioni dell’uomo che non conosciamo, vedere tutto come sapiente Provvidenza Divina, che sa usare il bene e il male per maggior sua gloria e il bene dei propri figli.
Leggiamo alcuni passi delle opere di Maria Valtorta che ci fanno ben capire questo concetto:

Valtorta - QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 197 - 6 dicembre 1943
Dice Gesù: Le opere buone o inique dell’uomo servono sempre a un fine soprannaturale, perché la malvagità umana viene raccolta da Dio e al contatto delle sue mani si muta in strumento di bene.

Vatorta - EVANGELO – VOL. IV - Cap 244 - 5 agosto 1945.
Ma, pensatevelo sempre, non c'è la più piccola stilla di rugiada che non abbia la sua ragione buona di essere; non c'è insetto, per piccolo e noioso che sia, che non abbia la sua ragione buona di essere. E così non c'è mostruosa montagna eruttante dalle viscere fuoco e incandescenti lapilli che non abbia la sua ragione buona di essere. E non vi è ciclone senza motivo. E non vi è — passando dalle cose alle persone — e non vi è evento, non pianto, non gioia, non nascita, non morte, non sterilità o maternità abbondante, non lungo coniugio né rapida vedovanza, non sventura di miserie e malattie, come non prosperità di mezzi e di salute, che non abbia la sua ragione buona di essere, anche se tale non appaia alla miopia e alla superbia umana, che vede e giudica con tutte le cataratte e tutte le nebbie proprie delle cose imperfette. Ma l'occhio di Dio, ma il pensiero senza limitazione di Dio, vede e sa. Il segreto per vivere immuni da sterili dubbi che innervosiscono, esauriscono, avvelenano la giornata terrena, è nel saper credere che Dio fa tutto per ragione intelligente e buona, che Dio fa ciò che fa per amore, non nello stolido intento di crucciare per crucciare.

Valtorta - Evangelo – Vol. IX - cap 596
Perché, ricordatevelo tutti, anche le cose che per debolezza umana poi degenerano, come fu questa che si corruppe nell'andare dei secoli (casta dei farsei), hanno sempre qualche parte di buono e una ragione, almeno iniziale, di essere, per le quali cose l'Altissimo permette che sorgano e durino sinché, la misura della degenerazione essendo colma, l'Altissimo non le disperde.
Buona cosa è la carità con tutti, anche con i popoli che non sono della nostra fede, che non hanno i nostri usi, che ci hanno nuociuto nei secoli. Ma l'amore a questi popoli, che sono sempre nostro prossimo, non ci deve mai far rinnegare la Legge di Dio e della Patria per il calcolo di qualche utile carpito così ai vicini. No. Gli stranieri disprezzano coloro che sono servili sino al ripudio delle cose più sante della Patria. Non è col rinnegare il Padre e la Madre - Dio e la Patria - che si ottiene rispetto e libertà.
Bene dunque fu che al tempo giusto sorgessero anche i farisei a fare diga contro lo straripamento fangoso di usi e costumi stranieri. Lo ripeto: ogni cosa che sorge e che dura ha la sua ragione d'essere. E bisogna rispettarla per ciò che fece, se non per ciò che fa.
(Nota mia – non vedete una analogia con quello che sta facendo Salvini?)

Valtorta - Evangelo - VOLUME II CAPITOLO 86 - 24 gennaio 1945
Dice Gesù: “Nulla avviene senza che Dio lo permetta. Anche le dominazioni: sventure senza pari per un popolo. Ma che quasi sempre, se questo popolo con rettezza si esamina, possono dirsi volute dallo stesso, coi suoi modi di vivere contrari a Dio.

Valtorta - Evangelo vol. 1 - Cap. 27 – 04/06/1944
Ogni evento non può accadere se Dio non lo permette. Sei dunque potente? lo sei perché Dio l’ha permesso. Sei suddito? Lo sei perché Dio l’ha permesso. Ma ricordate che se Dio permette, non strapermette!

Valtorta - LIBRO DI AZARIA CAPITOLO 24 - 28 luglio 1946
Ti è stato spiegato altre volte. Dio, il Padre buono, a rendere meno malvagie le azioni di Satana e degli uomini, non le lascia passare senza trarre da esse un merito per chi le subisce.
Hai mai riflettuto, o Maria, che anche la nequizia satanica, che si crede libera di fare, padrona di torturare, capace di competere con Dio, di cui si crede uguale, e di beffare e contraddire Dio, finisce a servire ai disegni di Dio, facendo brillare più vive che mai le azioni dei figli di Dio? "Tutto è provvidenza che amorosamente segue un disegno di bene".

San Massimiliano Kolbe ha superato San Luigi Montfort! Le novità della consacrazione illimitata …

Cari lettori, voglio ricordare che l'Amore divino (Carità) è una virtù teologale, quindi un dono che proviene da Dio e che concede solo e soltanto a quelli che Lui ritiene degni di riceverlo. Non è che si può comprare o inventarsela, non è nella natura razionale e concupiscente dell'anima. L'unica cosa che possiamo fare è chiederla umilmente a chi la possiede!

Apparizioni a Ghiaie di Bonate, “autorizzati” a pregare? C'è puzza di bruciato

Ma se la Chiesa moderna avesse il dono del Discernimento degli Spiriti, vi pare che saremmo in queste condizioni?

Mattero Salvini a sorpresa: "Affido l'Italia al Cuore Immacolato di Maria!"

Guai e dico guai ad affidare la Volontà divina a favore di un potere politico. Dio non benedice un partito, ma benedice gli uomini di buona volontà che si impegnano a fare la sua volontà, punto. Invito a leggere cosa ne pensava Gesù sul partito popolare italiano, ovvero Democrazia Cristiana, ispirato alla dottrina sociale della Chiesa, fondato da don Luigi Sturzo nel 1919. Leggete Luisa Piccarre…More
Guai e dico guai ad affidare la Volontà divina a favore di un potere politico. Dio non benedice un partito, ma benedice gli uomini di buona volontà che si impegnano a fare la sua volontà, punto. Invito a leggere cosa ne pensava Gesù sul partito popolare italiano, ovvero Democrazia Cristiana, ispirato alla dottrina sociale della Chiesa, fondato da don Luigi Sturzo nel 1919. Leggete Luisa Piccarreta Vol.13 - 21/09/1921.

Mistero Anguera! – L'ultima profezia: "Un falso ingannerà un altro falso, ma i miei devoti saranno …

La Madonna di Anguera, già dai messaggi del 23/08/2008 e del 26/01/2017 ci ha avvertito del pericolo concreto che, per mezzo del falso ecumenismo, si possano aprire le porte al Sacerdozio femminile delle Chiese Anglicane. Non a caso il messaggio è stato dato a londra, capitale della Chiesa Anglicana e sede della Chiesa Nera.

Mattero Salvini a sorpresa: "Affido l'Italia al Cuore Immacolato di Maria!"

E' scritto: "Non pronunciare il nome di Dio invano". Purtroppo è palese che ormai con estrema leggerezza, per fini propagantistici, si offende e si oltraggia il secondo comandamento al pari del primo comandamento.
Questo perchè un falso misericordismo ha annullato l'idea del castigo divino nella vita delle persone.

Corso completo di preparazione per consacrarsi a Maria

Valtorta - QUADERNI DEL 1944 CAPITOLO 374 - 2 agosto 1944

Dice Gesù: "Nessuno, per grande che sia, può venire nel mio cospetto se non riconosce in Maria, Porta chiusa da cui solo Dio è entrato, la Madre del Salvatore, la Madre-Vergine, la Madre divina".

Tempi di Maria ha incontrato Pedro Regis! – Vi spiego perché Anguera è vera...

Caro @fasoms, capisco perfettamente quello che dici e non sono nessuno per difendere Don Leonardo Maria Pompei, anche perché non lo conosco personalmente. Ma, purtroppo oggi siamo vivendo un periodo di eccezionale gravità, non si era mai verificato un periodo buio come questo nella Chiesa Cattolica (sono parole della Madonna). Sicuramente non è facile per la coscienza di un “Cattolico” specie …More
Caro @fasoms, capisco perfettamente quello che dici e non sono nessuno per difendere Don Leonardo Maria Pompei, anche perché non lo conosco personalmente. Ma, purtroppo oggi siamo vivendo un periodo di eccezionale gravità, non si era mai verificato un periodo buio come questo nella Chiesa Cattolica (sono parole della Madonna). Sicuramente non è facile per la coscienza di un “Cattolico” specie se consacrato, prendere posizione contro l’attuale Vicario di Cristo, nonostante tutti i giusti presupposti che invitano a doverlo fare. Credo che sia giusto che ognuno si muove secondo coscienza e si assume le sue responsabilità, senza giudicare gli altri che assumono posizioni più prudenti e velate. Mi piacciono meno e non li approvo, coloro che buttano la pietra e vogliono nascondere la mano.
Mi permetto solo di pubblicare un video dove Don Leonardo spiega le sue posizioni nei confronti dell’attuale Chiesa: www.youtube.com/watch

Tempi di Maria ha incontrato Pedro Regis! – Vi spiego perché Anguera è vera...

Per Dio non esistono le casuali imponderabili, tutto è perfettamente calcolato in risposta alle nostre libere scelte!

Tempi di Maria ha incontrato Pedro Regis! – Vi spiego perché Anguera è vera...

Che ci piaccia o no, che lo vogliamo o no, tutti siamo piccoli ingranaggi imperfetti di un organismo perfetto che si chiama Provvidenza Divina.
Dio, che conosce tutto quanto faremo fin dall’eternità, rispettando il nostro libero arbitrio nel corso della nostra vita, sceglie tempi, luoghi e circostante per esseri tutti strumenti della sua Divina Provvidenza sia nel bene che nel male che noi …More
Che ci piaccia o no, che lo vogliamo o no, tutti siamo piccoli ingranaggi imperfetti di un organismo perfetto che si chiama Provvidenza Divina.
Dio, che conosce tutto quanto faremo fin dall’eternità, rispettando il nostro libero arbitrio nel corso della nostra vita, sceglie tempi, luoghi e circostante per esseri tutti strumenti della sua Divina Provvidenza sia nel bene che nel male che noi liberamente sceglieremo di fare.
Essendo Lui Padrone della vita e della morte, del luogo e del tempo in cui opereremo, concede ad ognuno di noi un numero di atti che noi dobbiamo svolgere secondo la Sua Volontà o la nostra volontà. In base a questi atti che sceglieremo di compiere, determineremo il destino della nostra anima eterna!
Alla fine di questo numero di atti, nulla e nessuno ci può far sfuggire dalla morte, in quanto i suoi decreti sono perfetti. Anche se questa avviene per mano di un altro essere umano o di una nostra imprudenza, è sempre Lui che firma il decreto.
O per metterti alla prova, o per usarti, o per insegnarti qualcosa, o per far tirare fuori il meglio di te, o per far tirare fuori il peggio di te affinchè tu impari a conoscerti e te ne ravveda, o per castigarti, o per purificare la tua anima, o per allietarti, o per tentarti, tutti quelli che incontrerai sul percorso della tua strada, saranno sempre strumenti voluti o permessi da Dio per il tuo bene e per maggior sua Gloria.
Perché ricorda che se Dio permette il male è sempre per dare un bene maggiore. Attenzione, questo accade se confidiamo in Lui e cerchiamo sempre di fare la Divina Volontà, così facendo ci risparmiamo tante sofferenza e troviamo Pace e Serenità più velocemente.
Se invece vogliamo fare di testa nostra, Lui è costretto a lavorare di più per riportarci sulla sua strada, e attraverso circostanze e incontri (spazio/tempo) ti fa fare quelle esperienze belle e cattive che possano portarti al pentimento e al ritorno da Lui. Se questo non avviene, sei sempre stato strumento di Satana che è a sua volta strumento di Dio, ed avrai la stessa condanna del tuo padrone. Ma in ogni caso hai espletato una funzione nell’organismo della Provvidenza.

Tempi di Maria ha incontrato Pedro Regis! – Vi spiego perché Anguera è vera...

Anche un bravo Sacerdote quale è Don Leonardo Maria Pompei, asserisce la stessa cosa. Vedere video: Le apparizioni di Anguera, Don Leonardo Maria Pompei

Intervista con l'esorcista Tagliareni – Tutto su diavoli, maghi, fatture, esorcismi, indemoniati, …

Valtorta - Evangelo - VOLUME X - CAPITOLO 634 - 20 aprile 1947.

Dice Gesù
: "Siate come Io fui con voi, come Io sono con voi. Vi ho detto: "Siate perfetti come il Padre dei Cieli". E la vostra umanità trema davanti a tal comando. Ora più ancora di quando ve lo dissi. Perché ora conoscete la vostra debolezza. Ebbene, per rincuorarvi vi dirò: "Siate come il vostro Maestro". Io sono l'Uomo. Ciò che …More
Valtorta - Evangelo - VOLUME X - CAPITOLO 634 - 20 aprile 1947.

Dice Gesù
: "Siate come Io fui con voi, come Io sono con voi. Vi ho detto: "Siate perfetti come il Padre dei Cieli". E la vostra umanità trema davanti a tal comando. Ora più ancora di quando ve lo dissi. Perché ora conoscete la vostra debolezza. Ebbene, per rincuorarvi vi dirò: "Siate come il vostro Maestro". Io sono l'Uomo. Ciò che Io ho fatto voi potete fare. Anche i miracoli. Sì. Anche quelli. Perché il mondo conosca che sono Io che vi mando, e chi soffre non pianga nello sconforto del pensiero: "Egli non è più fra noi a curare i nostri malati e a consolare i nostri dolori".
In questi giorni Io ho fatto miracoli per consolare i cuori e persuaderli che il Cristo non è distrutto perché fu messo a morte, ma anzi è più forte, eternamente forte e potente. Ma, quando Io non sarò più fra voi, voi farete ciò che Io ho fatto sin qui e che farò ancora. Però non tanto per il potere del miracolo, ma per la vostra santità crescerà l'amore alla nuova Religione. E della vostra santità, non del dono che Io vi trasmetto, dovete esser gelosamente attenti. Più sarete santi e più sarete cari al mio Cuore, e lo Spirito di Dio vi illuminerà, mentre la Bontà di Dio e la sua Potenza farà colme le vostre mani dei doni del Cielo.
Il miracolo non è atto comune e indispensabile per la vita nella fede. Anzi! Beati quelli che sapranno rimanere nella fede senza mezzi straordinari ad aiuto nel credere! Però neppure il miracolo è un atto così esclusivamente riserbato a tempi speciali che debba cessare col cessare di essi. Il miracolo sarà nel mondo. Sempre. E sempre più numeroso più saranno numerosi i giusti nel mondo. Quando si vedranno farsi molto scarsi i miracoli veri, si dica allora che la fede e la giustizia sono languenti. Perché ho detto: "Se avrete fede potrete smuovere le montagne". Perché ho detto: "I segni che accompagneranno coloro che hanno vera fede in Me saranno la vittoria sui demoni e sulle malattie, sugli elementi e le insidie". Dio è con chi lo ama. Segno di come i miei fedeli saranno in Me sarà il numero e la forza dei prodigi che faranno in Nome mio e per glorificare Iddio. Ad un mondo senza miracoli veri si potrà, senza far calunnia, dire: "Hai perduto fede e giustizia. Sei un mondo senza santi".

Testimonianza su Fatima e Padre Pio del sac. don Attilio Negrisolo

IL PECCATO CHE NON C’E’

Sapete quale è il peccato più insidioso più pericoloso più commesso e nascosto? L’atto sessuale! E sapete perché? Perché è un peccato che la nostra coscienza non lo rileva come tale, perché lo vede appartenente all’ordine naturale.
A limite ci viene qualche scrupolo quando lo facciamo con persone sposate ad altri, o quando lo facciamo con minorenni (pedofilia), ma …
More
IL PECCATO CHE NON C’E’

Sapete quale è il peccato più insidioso più pericoloso più commesso e nascosto? L’atto sessuale! E sapete perché? Perché è un peccato che la nostra coscienza non lo rileva come tale, perché lo vede appartenente all’ordine naturale.
A limite ci viene qualche scrupolo quando lo facciamo con persone sposate ad altri, o quando lo facciamo con minorenni (pedofilia), ma quando accade tra due adulti non sposati o in un matrimonio senza fine di procreazione, o tra due dello stesso sesso, ci sembra tutto normale e naturale, e la nostra coscienza non ce lo indica come peccato! Eppure è il peccato che porta più anime all’inferno!

Il Kathéchon e l’Anticristo: chi sono? – Profezie e rivelazioni

La mia modesta opinione è che il Il Kathéchon a cui si riferisce il vangelo di San Paolo, rappresenta il cuore della Chiesa Cattolica, ovvero la SS Eucarestia. Fin tanto che ci sarà la Santa Messa tradizionale e il santissimo Sacramento, l’Anticristo non potrà nuocere perfettamente.
Mentre l’Anticristo è rappresentato dalla Massoneria Finanziaria/Ecclesiastica che mira a formare un Nuovo Ordine …More
La mia modesta opinione è che il Il Kathéchon a cui si riferisce il vangelo di San Paolo, rappresenta il cuore della Chiesa Cattolica, ovvero la SS Eucarestia. Fin tanto che ci sarà la Santa Messa tradizionale e il santissimo Sacramento, l’Anticristo non potrà nuocere perfettamente.
Mentre l’Anticristo è rappresentato dalla Massoneria Finanziaria/Ecclesiastica che mira a formare un Nuovo Ordine Mondiale ed un’unica Religione, e trova la sua punta di diamante nel Falso Profeta che sarebbe il Falso Papa. Solo attraverso un falso Papa che traghetti la Chiesa per mezzo dell’apostasia e lo scisma verso una graduale metamorfosi anticristica, esso può raggiungere il suo obbiettivo.

La Vergine Maria è Corredentrice: la Chiesa ci crede – Radiotrasmissione di Tempi di Maria

Dice Gesù: “Maria converte ora i cuori più duri e salva i peccatori più ostinati, Senza Maria ss non si arriva a Gesù e non si ottiene lo Spirito Santo. Lei è la Madre divina.
Nessuno, per grande che sia, può venire nel mio cospetto se non riconosce in Maria, Porta chiusa da cui solo Dio è entrato, la Madre del Salvatore, la Madre-Vergine, la Madre divina.
Se non fosse per le cure di Maria, per …More
Dice Gesù: “Maria converte ora i cuori più duri e salva i peccatori più ostinati, Senza Maria ss non si arriva a Gesù e non si ottiene lo Spirito Santo. Lei è la Madre divina.
Nessuno, per grande che sia, può venire nel mio cospetto se non riconosce in Maria, Porta chiusa da cui solo Dio è entrato, la Madre del Salvatore, la Madre-Vergine, la Madre divina.
Se non fosse per le cure di Maria, per le preghiere di Maria, la razza umana non sarebbe più.
L’avrei cancellata perché veramente il vostro vivere ha toccato il profondo del Male e la Giustizia è ferita, e la Pazienza è colmata, e la Punizione è pronta. Ma c’è Maria che vi ripara col suo manto, e se Io posso, con un volger di sguardo, far prostrare il Paradiso e tremare gli astri, non posso nulla contro mia Madre”.

Anguera, gli ultimi messaggi e profezie: "Un fatto tenebroso accadrà [...] Vedrete orrori sulla …

Cercasi lo Spirito Santo disperatamente.

Siamo tutti “Cattolici”, ognuno prega, fa il Rosario, legge la Parola di Dio e si Comunica regolarmente.
Eppure il nostro pensiero è diverso, il nostro modo di intendere La Parola è diverso, il nostro atteggiamento verso il tema emigranti è diverso, il nostro modo di intendere il Papa è diverso.
Ma quale spirito ci conduce da essere gli uni diversi dagli …More
Cercasi lo Spirito Santo disperatamente.

Siamo tutti “Cattolici”, ognuno prega, fa il Rosario, legge la Parola di Dio e si Comunica regolarmente.
Eppure il nostro pensiero è diverso, il nostro modo di intendere La Parola è diverso, il nostro atteggiamento verso il tema emigranti è diverso, il nostro modo di intendere il Papa è diverso.
Ma quale spirito ci conduce da essere gli uni diversi dagli altri? Anche se la nostra maturazione spirituale è diversa, dove lo Spirito Santo per alcuni è assistenziale e per altri è operante, come mai il nostro cuore nello spirito e verità è così diverso tanto da creare Apostasia e Scismi all’interno della stessa Chiesa?
Come mai non riusciamo più a conoscere Dio e servirlo, come le membra di un corpo seguono il capo (Il cervello) e sanno conoscere i suoi imput nelle cose, vederlo negli avvenimenti e sapere distinguere Lui dal suo antagonista per non cadere in perdizione? Ci sta qualcosa che non funziona.

Credo che noi “Cattolici” dovremmo rimetterci tutti in discussione e esaminarci alla Luce della sua Parola (per quanto possiamo conoscerla) e supplicare lo Spirito Santo che ci guidi e che ci faccia conoscere la Verità in tutta la sua Luce.

Dio ci invita a non fare non soltanto il male, ma neanche il bene di testa nostra, ma solo quello che Lui ci chiede secondo il mandato che ognuno di noi è chiamato a svolgere quale sua missione particolare.

Questo buonismo disordinato, dove ognuno per istinto naturale cerca di fare il bene che vuole come e quando vuole, non rientra nella Volontà Divina e crea solo confusione e disordine.

Sta succedendo come in un’orchestra dove tutti gli elementi anziché suonare all'unisono guidati da un unico maestro, volessero suonare ognuno per proprio conto, come e quando quello che individualmente piace, si creerebbe solo rumore e caos.
Ordine, disciplina e ubbidienza sono i cardini essenziali per seguire il Maestro. Umiltà, Pazienza e Discernimento sono le virtù per trovarlo. Che Dio ci illumini. Amen

Satana sarà incatenato nell'abisso per 1000 anni [Apocalisse XX]. Cosa significa? – Don Dolindo …

Luisa Piccarreta – Volume 12 – 29/01/1919

Dice Gesù: “Figlia diletta mia, voglio farti sapere l’ordine della mia Provvidenza. Ogni corso di duemila anni (circa) ho rinnovato il mondo. Nei primi lo rinnovai col diluvio. Nei secondi duemila lo rinnovai con la mia venuta sulla terra, in cui manifestai la mia Umanità, [da] cui, come da tante fessure, traluceva la mia Divinità, ed i buoni e gli …More
Luisa Piccarreta – Volume 12 – 29/01/1919

Dice Gesù: “Figlia diletta mia, voglio farti sapere l’ordine della mia Provvidenza. Ogni corso di duemila anni (circa) ho rinnovato il mondo. Nei primi lo rinnovai col diluvio. Nei secondi duemila lo rinnovai con la mia venuta sulla terra, in cui manifestai la mia Umanità, [da] cui, come da tante fessure, traluceva la mia Divinità, ed i buoni e gli stessi santi dei secondi duemila anni son vissuti dei frutti della mia Umanità ed a lambicco hanno goduto della mia Divinità. Ora siamo in circa del terzo duemila anni, e ci sarà una terza rinnovazione; ecco perciò lo scompiglio generale, non è altro che il preparativo alla terza rinnovazione. E se nella seconda rinnovazione manifestai ciò che faceva e soffriva la mia Umanità e pochissimo ciò che operava la Divinità, ora, in questa terza rinnovazione, dopo che la terra sarà purgata ed in gran parte distrutta la generazione presente, sarò ancora più largo con le creature e compirò la rinnovazione col manifestare ciò che faceva la mia Divinità nella mia Umanità, come agiva il mio Voler Divino col mio voler umano, come tutto restava concatenato in Me, come tutto facevo e rifacevo, ed anche un pensiero di ciascuna creatura era rifatto da Me e suggellato col mio Voler Divino.
Il mio amore vuole sfogo e vuol far conoscere gli eccessi che operava la mia Divinità nella mia Umanità a pro delle creature, [eccessi] che superano di gran lunga gli eccessi che operava esternamente la mia Umanità. Ecco pure perché ti parlo spesso del vivere nel mio Volere, che finora non ho manifestato a nessuno. Al più hanno conosciuto l’ombra della mia Volontà, la grazia, la dolcezza che il farla Essa contiene; ma penetrarvi dentro, abbracciare l’immensità, moltiplicarsi con Me e penetrare ovunque, anche stando in terra, e in Cielo e nei cuori, deporre i modi umani ed agire coi modi divini, questo non è conosciuto ancora, tanto che a non pochi comparirà strano, e chi non tiene aperta la mente alla luce della verità non ne comprenderà un’acca; ma Io a poco a poco Mi farò strada manifestando ora una verità, ora un’altra di questo vivere nel mio Volere, che finiranno col comprenderlo”.

Luisa Piccaretta.

Io definisco la spiritualità della Piccarreta l'apice e la sintesi di tutte le spiritualità. Non ubbidire da schiavo, ma vivere da figlio la Divina Volontà. Il vero problema che qui non siamo ancora arrivati a ubbidire alla Divina Volontà figuriamoci a viverla!
Invito a leggervi un capitolo dei Quaderni di Maria Valtorta, dove già nel 1945 Gesù indicava l'umanità di quel tempo (seconda guerra …More
Io definisco la spiritualità della Piccarreta l'apice e la sintesi di tutte le spiritualità. Non ubbidire da schiavo, ma vivere da figlio la Divina Volontà. Il vero problema che qui non siamo ancora arrivati a ubbidire alla Divina Volontà figuriamoci a viverla!
Invito a leggervi un capitolo dei Quaderni di Maria Valtorta, dove già nel 1945 Gesù indicava l'umanità di quel tempo (seconda guerra mondiale), come un'umanità spiritualmente decaduta. Immaginate cosa pensa di oggi 2019. Vi invito a leggere questo capitolo: QUADERNI DAL 1945 AL 1950 CAPITOLO 507 - 7 dicembre 1945.

Una ipotesi teologica sulla biblica figura del Falso profeta, denominato incorrettamente AntiCristo…

E' vero che l'Anticristo è figura plurale, ma tutti gli Anticristi che hanno preceduto l'ultimo che sarà l'incarnazione umana di colui che riuscirà a sedere sul trono di Pietro, sono tutti precursori dell'incarnato.

QUADERNI DAL 1945 AL 1950 CAPITOLO 691 - Settembre-ottobre 1950.
Dice Gesù: “Le sette chiese. Da poco erano fondate, e fondate da quelli che erano stati mandati a fondarle diretta…More
E' vero che l'Anticristo è figura plurale, ma tutti gli Anticristi che hanno preceduto l'ultimo che sarà l'incarnazione umana di colui che riuscirà a sedere sul trono di Pietro, sono tutti precursori dell'incarnato.

QUADERNI DAL 1945 AL 1950 CAPITOLO 691 - Settembre-ottobre 1950.
Dice Gesù: “Le sette chiese. Da poco erano fondate, e fondate da quelli che erano stati mandati a fondarle direttamente da Dio: "Andate ad ammaestrare tutte le genti"; dopo che, come da divina promessa, avevano ricevuto lo Spirito Santo che "avrebbe ricordato loro ogni cosa e insegnato ogni vero" in maniera da esser compreso, ossia rendendoli capaci di intendere le cose più alte, perché: "rivestiti di potenza dall'alto" fossero capaci di essere i fondatori di una cosa così alta come il Regno di Dio tra gli uomini. E ciononostante già l'imperfezione, e anche più dell'imperfezione, s'era formata in molte di esse, perché l'Avversario o Anticristo era già spiritualmente in atto, e lavorava già per corrompere e distruggere le fortezze spirituali del Regno di Dio. Creare discordie fra le membra, insinuare sottili eresie, suscitare stolte superbie, consigliare i vili compromessi tra coscienza e legge della carne, e le restrizioni mentali, odiose a Dio il cui linguaggio è "sì, sì; no, no" e tale vuole che sia il linguaggio dei suoi figli e fedeli; raffreddare la carità, aumentare l'amore all'esistenza terrena e alle ricchezze e onori materiali”.

Non ci accorgiamo come prima di questo Papa (Francesco), i messaggi mariani (quelli accreditati) sono cambiati? Prima la Madre di Dio sempre ha invitato i fedeli di stare vicino al Papa e di ubbidirlo, mentre ora per non mancare di Carità dice sempre di attenersi al Vangelo e al Magistero della Chiesa. Solo a Međugorje, la Madonna, ricca di Santa prudenza invita i suoi fedeli a pregare per il suo Santo Papa, ma non ha mai detto di prestargli ascolto e ubbidienza in tutto come faceva prima. E non sono pochi i Messaggi dove parlava della venuta del Papa Nero (Un xino sarà sul trono contrastando molti, ma Dio è il Signore della Verità), che si sarebbe seduto al posto del suo Figlio Prediletto Benedetto XVI.

Una ipotesi teologica sulla biblica figura del Falso profeta, denominato incorrettamente AntiCristo…

Leggiamo in Maria Valtorta - QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 96 - 20 agosto 1943

Dice Gesù: “Sarà persona molto in alto, in alto come un astro. Non un astro umano che brilli in un cielo umano. Ma un astro di una sfera soprannaturale, il quale, cedendo alla lusinga del Nemico, conoscerà la superbia dopo l’umiltà, l’ateismo dopo la fede, la lussuria dopo la castità, la fame dell’oro dopo l’evangelica …More
Leggiamo in Maria Valtorta - QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 96 - 20 agosto 1943

Dice Gesù: “Sarà persona molto in alto, in alto come un astro. Non un astro umano che brilli in un cielo umano. Ma un astro di una sfera soprannaturale, il quale, cedendo alla lusinga del Nemico, conoscerà la superbia dopo l’umiltà, l’ateismo dopo la fede, la lussuria dopo la castità, la fame dell’oro dopo l’evangelica povertà, la sete degli onori dopo il nascondimento.
Meno pauroso il vedere piombare una stella dal firmamento che non vedere precipitare nelle spire di Satana questa creatura già eletta, la quale del suo padre di elezione copierà il peccato. Lucifero, per superbia, divenne il Maledetto e l’oscuro. L’Anticristo, per superbia di un’ora, diverrà il maledetto e l’oscuro dopo essere stato un astro del mio esercito.
A premio della sua abiura, che scrollerà i cieli sotto un brivido di orrore e farà tremare le colonne della mia Chiesa nello sgomento che susciterà il suo precipitare, otterrà l’aiuto completo di Satana, il quale darà ad esso le chiavi del pozzo dell’abisso perché lo apra”.

E nello stesso capitolo, in alcuni versetti dopo dice: “Come il Padre ha dato a Me ogni potere, così Satana darà ad esso ogni potere e specie ogni potere di seduzione, per trascinare al suo seguito i deboli e i corrosi dalle febbri delle ambizioni come lo è esso, loro capo. Ma nella sua sfrenata ambizione troverà ancora troppo scarsi gli aiuti soprannaturali di Satana e cercherà altri aiuti nei nemici del Cristo (Massoneria), i quali, armati di armi sempre più micidiali, quali la loro libidine verso il Male li poteva indurre a creare per seminare disperazione nelle folle, lo aiuteranno sinché Dio non dirà il suo "Basta" e li incenerirà col fulgore del suo aspetto”.

Fatima: un messaggio duro, escatologico, apocalittico – Di Vittorio Messori

DANNAZIONE E SALVEZZA

Mosso dal grande amore per la Verità, vorrei tranquillizzare i vostri timori con pronostici di felicità, dicendo a ciascuno di voi: “Rallegrati, il Paradiso è tuo; la maggior parte dei cristiani si salva, dunque, anche tu ti salverai”. Ma come potrò darvi questo dolce conforto se voi, nemici dichiarati di voi stessi, vi ribellate contro Dio? Vedo in Dio un vivo desider…More
DANNAZIONE E SALVEZZA

Mosso dal grande amore per la Verità, vorrei tranquillizzare i vostri timori con pronostici di felicità, dicendo a ciascuno di voi: “Rallegrati, il Paradiso è tuo; la maggior parte dei cristiani si salva, dunque, anche tu ti salverai”. Ma come potrò darvi questo dolce conforto se voi, nemici dichiarati di voi stessi, vi ribellate contro Dio? Vedo in Dio un vivo desiderio di salvarvi, e in voi noto una somma propensione a essere condannati. Che dirò, allora? Se parlo chiaro, vi dispiacerò; se non parlo, dispiacerò a Dio. Sto prendendo lo spunto iniziale di un grande predicatore: San Leonardo da Porto Maurizio.

“E se il giusto appena sarà salvato, dove compariranno l'empio e il peccatore?" (1Pietro 4, 18)

Il Vangelo di Luca dà una risposta chiara alla domanda: “Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?». Rispose: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, vi dico, cercheranno di entrarvi, ma non ci riusciranno” . (Lc 13, 23-24)

Ed ancora: “Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano!” (Mt 7, 13-14). L’opposizione è chiara e netta, “pochi” e “molti”. Queste sono parole di Gesù!

"Non sapete voi che noi dobbiamo stare in allerta sulla strada della salvezza? Solamente i ferventi riescono a raggiungere essa, giammai i tiepidi or coloro dormenti.". (Padre Pio)

"Caro Dio, se tutti fossero coscienti della Vostra severità oltre che della Vostra tenerezza quale creatura sarebbe così stolta da offenderVi?" (Padre Pio 27/05/1914)

"Solamente pochi ne beneficeranno, la più parte corre sulla strada della perdizione." (Padre Pio sul preziosissimo Sangue)

San Leonardo da Porto Maurizio è stato uno dei più grandi missionari nella storia della Chiesa, ed uno dei più grandi predicatori di missioni popolari. I suoi 44 anni di ministero apostolico, accompagnato da miracoli e prodigi, si svolsero percorrendo instancabilmente tutta l’Italia.
Uno dei più famosi sermoni di San Leonardo da Porto Maurizio è stato “Il piccolo numero di coloro che si salvano”.
Così la pensano San Teodoro, San Basilio, Sant’Efrem, San Giovanni Crisostomo.
Sant’Agostino afferma: “Pochi sono, pertanto, quelli che si salvano, a confronto di quelli che si condannano”.


Nelle rivelazioni della grande mistica del 20° secolo, Maria valtorta, Gesù dice: “E in verità ti dico che egli ha più fortuna di Dio. Le sue conquiste sono più numerose delle mie”. (Valtorta - QUADERNI DEL 1944 CAPITOLO 404 - 18 settembre 1944)

Continua dicendo: “E in verità vi dico che ora è un momento in cui, per ordine del padre della menzogna, i suoi figli mietono fra le anime, che erano create per Me e che inutilmente ho fertilizzate col mio Sangue. Messe abbondante più che ogni diabolica speranza concepisse, e i Cieli fremono per il pianto del Redentore che vede la rovina dei due terzi (2/3) del mondo dei cristiani. E dire due terzi è ancora poco”. (Valtorta - QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 129 - 24 settembre 1943)

Gesù conferma dicendo: “In verità ti dico che oltre due terzi (2/3) della razza umana appartengono a questa categoria che vive sotto il segno della Bestia. Per questa inutilmente Io sono morto”. (Valtorta - QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 20 - 7 giugno 1943)

Il problema vero è che oggi non si crede più all’Inferno e di conseguenza non si riflette su quanto il “dono della vita” può trasformarsi nel nostro maggir incubo eterno, tanto da poter dire come sritto nel Vangelo: “Il Figlio dell'uomo se ne va, come è scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell'uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!.” (Mt 26, 24)

Sono molte le anime dei Santi a cui Gesù ha fatto vedere con gli occhi dello spirito il terribile luogo dell’Inferno, basta leggere quello che hanno scritto sull’argomento: Santa Teresa d'Avila, Santa Maria Faustina Kowalska, San Pio da Pietralcina, San Veronica Giuliani, ecc.

Ma voglio farvi leggere un passo su quello che Gesù dice a Maria Valtorta nei QUADERNI DEL 1944 CAPITOLO 236 scritto il 15 gennaio 1944:
Dice Gesù: “Una volta ti ho fatto vedere il Mostro d’abisso. Oggi ti parlerò del suo regno (Inferno). Non ti posso sempre tenere in paradiso. Ricordati che tu hai la missione di richiamare delle verità ai fratelli che troppo le hanno dimenticate. E da queste dimenticanze, che sono in realtà sprezzi per delle verità eterne, provengono tanti mali agli uomini.
Scrivi dunque questa pagina dolorosa. Dopo sarai confortata. È la notte del venerdì. Scrivi guardando al tuo Gesù che è morto sulla croce fra tormenti tali che sono paragonabili a quelli dell’inferno, e che l’ha voluta, tale morte, per salvare gli uomini dalla Morte.
Gli uomini di questo tempo non credono più all’esistenza dell’inferno. Si sono congegnati un al di là a loro gusto e tale da essere meno terrorizzante alla loro coscienza meritevole di molto castigo. Discepoli più o meno fedeli dello Spirito del Male, sanno che la loro coscienza arretrerebbe da certi misfatti, se realmente credesse all’inferno così come la Fede insegna che sia; sanno che la loro coscienza, a misfatto compiuto, avrebbe dei ritorni in se stessa e nel rimorso troverebbe il pentimento, nella paura troverebbe il pentimento e col pentimento la via per tornare a Me.
La loro malizia, istruita da Satana, al quale sono servi o schiavi (a seconda della loro aderenza ai voleri e alle suggestioni del Maligno) non vuole questi arretramenti e questi ritorni. Annulla perciò la fede nell’inferno quale realmente è e ne fabbrica un altro, se pure se lo fabbrica, il quale non è altro che una sosta per prendere lo slancio ad altre, future elevazioni.
Spinge questa sua opinione sino a credere sacrilegamente che il più grande di tutti i peccatori dell’umanità, il figlio diletto di Satana, colui che era ladro come è detto nel Vangelo (Gv 12, 4-6), che era concupiscente e ansioso di gloria umana come dico Io, l’iscariota, che per fame della triplice concupiscenza si è fatto mercante del Figlio di Dio e per trenta monete e col segno di un bacio - un valore monetario irrisorio e un valore affettivo infinito - mi ha messo nelle mani dei carnefici, possa redimersi e giungere a Me passando per fasi successive.
No. Se egli fu il sacrilego per eccellenza, io non lo sono. Se egli fu l’ingiusto per eccellenza, io non lo sono. Se egli fu colui che sparse con sprezzo il mio Sangue, io non lo sono. E perdonare a Giuda sarebbe sacrilegio alla mia Divinità da lui tradita, sarebbe ingiustizia verso tuttigli altri uomini, sempre meno colpevoli di lui e che pure sono puniti per i loro peccati, sarebbe sprezzo al mio Sangue, sarebbe infine venire meno alle mie leggi.
Ho detto, io Dio Uno e Trino, che ciò che è destinato all’inferno dura in esso per l’eternità, perché da quella morte non si esce a nuova resurrezione. Ho detto che quel fuoco è eterno e che in esso saranno accolti tutti gli operatori di scandali e di iniquità. Né crediate che ciò sia sino al momento della fine del mondo. No, ché anzi, dopo la tremenda rassegna, più spietata si farà quella dimora di pianto e tormento, poiché ciò che ancora è concesso ai suoi ospiti di avere per loro infernale sollazzo - il poter nuocere ai viventi e il veder nuovi dannati precipitare nell’abisso - più non sarà, e la porta del regno nefando di Satana sarà ribattuta, inchiavardata dai miei angeli, per sempre, per sempre, per sempre, un sempre il cui numero di anni non ha numero e rispetto al quale, se anni divenissero i granelli di rena di tutti gli oceani della terra, sarebbero meno di un giorno di questa mia eternità immisurabile, fatta di luce e di gloria nell’alto per i benedetti, fatta di tenebre e orrore per i maledetti nel profondo.
Ti ho detto che il Purgatorio è fuoco di amore. L’Inferno è fuoco di rigore.
Il Purgatorio è luogo in cui, pensando a Dio, la cui Essenza vi è brillata nell’attimo del particolare giudizio e vi ha riempito di desiderio di possederla, voi espiate le mancanze di amore per il Signore Dio vostro. Attraverso l’amore conquistate l’Amore, e per gradi di carità sempre più accesa lavate la vostra veste sino a renderla candida e lucente per entrare nel regno della Luce i cui fulgori ti ho mostrato giorni sono.
L’inferno è luogo in cui il pensiero di Dio, il ricordo del Dio intravveduto nel particolare giudizio non è, come per i purganti, santo desiderio, nostalgia accorata ma piena di speranza, speranza piena di tranquilla attesa, di sicura pace che raggiungerà la perfezione quando diverrà conquista di Dio, ma che già dà allo spirito purgante un’ilare attività purgativa perché ogni pena, ogni attimo di pena, li avvicina a Dio, loro amore; ma è rimorso, è rovello, è dannazione, è odio. Odio verso Satana, odio verso gli uomini, odio verso se stessi.
Dopo averlo adorato, Satana, nella vita, al posto mio, ora che lo posseggono e ne vedono il vero aspetto, non più celato sotto il maliardo sorriso della carne, sotto il lucente brillio dell’oro, sotto il potente segno della supremazia, lo odiano perché causa del loro tormento.
Dopo avere, dimenticando la loro dignità di figli di Dio, adorato gli uomini sino a farsi degli assassini, dei ladri, dei barattieri, dei mercanti di immondezze per loro, adesso che ritrovano i loro padroni per i quali hanno ucciso, rubato, truffato, venduto il proprio onore e l’onore di tante creature infelici, deboli, indifese, facendone strumento al vizio che le bestie non conoscono - alla lussuria, attributo dell’uomo avvelenato da Satana - adesso li odiano perché causa del loro tormento.
Dopo avere adorato se stessi dando alla carne, al sangue, ai sette appetiti della loro carne e del loro sangue tutte le soddisfazioni, calpestando la Legge di Dio e la legge della moralità, ora si odiano perché si vedono causa del loro tormento.
La parola "Odio" tappezza quel regno smisurato; rugge in quelle fiamme; urla nei chachinni dei demoni; singhiozza e latra nei lamenti dei dannati; suona, suona, suona come una eterna campana a martello; squilla come una eterna buccina di morte; empie di sé i recessi di quella carcere; è, di suo, tormento, perché rinnovella ad ogni suo suono il ricordo dell’Amore per sempre perduto, il rimorso di averlo voluto perdere, il rovello di non poterlo mai più rivedere.
L’anima morta, fra quelle fiamme, come quei corpi gettati nei roghi o in un forno crematorio, si contorce e stride come animata di nuovo da un movimento vitale e si risveglia per comprendere il suo errore, e muore e rinasce ad ogni momento con sofferenze atroci, perché il rimorso la uccide in una bestemmia e l’uccisione la riporta al rivivere per un nuovo tormento. Tutto il delitto di aver tradito Dio nel tempo sta di10 fronte all’anima nell’eternità; tutto l’errore di aver ricusato Dio nel tempo sta per suo tormento presente ad essa per l’eternità.
Nel fuoco le fiamme simulano le larve di ciò che adorarono in vita, le passioni si dipingono in roventi pennellate coi più appetitosi aspetti, e stridono, stridono il loro memento: "Hai voluto il fuoco delle passioni. Ora abbiti il fuoco acceso da Dio il cui santo Fuoco hai deriso".
Fuoco risponde a fuoco. In Paradiso è fuoco di amore perfetto. In Purgatorio è fuoco di amore purificatore. In Inferno è fuoco di amore offeso. Poiché gli eletti amarono alla perfezione, l’Amore a loro si dona nella sua Perfezione. Poiché i purganti amarono tiepidamente, l’Amore si fa fiamma per portarli alla Perfezione. Poiché i maledetti arsero di tutti i fuochi, men che del Fuoco di Dio, il Fuoco dell’ira di Dio li arde in eterno. E nel fuoco è gelo.
Oh! che sia l’Inferno non potete immaginare. Prendete tutto quanto è tormento dell’uomo sulla terra: fuoco, fiamma, gelo, acque che sommergono, fame, sonno, sete, ferite, malattie, piaghe, morte, e fatene una unica somma e moltiplicatela milioni di volte. Non avrete che una larva di quella tremenda verità.
Nell’ardore insostenibile sarà commisto il gelo siderale. I dannati arsero di tutti i fuochi umani avendo unicamente gelo spirituale per il Signore Iddio loro. E gelo li attende per congelarli dopo che il fuoco li avrà salati come pesci messi ad arrostire su una fiamma. Tormento nel tormento questo passare dall’ardore che scioglie al gelo che condensa.
Oh! non è un linguaggio metaforico, poiché Dio può fare che le anime, pesanti delle colpe commesse, abbiano sensibilità uguali a quelle di una carne, anche prima che quella carne rivestano. Voi non sapete e non credete. Ma in verità vi dico che vi converrebbe di più subire tutti i tormenti dei miei martiri anziché un’ora di quelle torture infernali.
L’oscurità sarà il terzo tormento. Oscurità materiale e oscurità spirituale. Esser per sempre nelle tenebre dopo aver visto la luce del paradiso ed esser nell’abbraccio della Tenebra dopo aver visto la Luce che è Dio! Dibattersi in quell’orrore tenebroso in cui si illumina solo, al riverbero dello spirito arso, il nome del peccato per cui sono in esso orrore confitti! Non trovare appiglio, in quel rimestio di spiriti che si odiano e nuocciono a vicenda, altro che nella disperazione che li rende folli e sempre più maledetti. Nutrirsi di essa, appoggiarsi ad essa, uccidersi con essa. La morte nutrirà la morte, è detto. La disperazione è morte e nutrirà questi morti per l’eternità.
Io ve lo dico, io che pur l’ho creato quel luogo: quando sono sceso in esso per trarre dal Limbo coloro che attendevano la mia venuta, ho avuto orrore, io, Dio, di quell’orrore; e, se cosa fatta da Dio non fosse immutabile perché perfetta, avrei voluto renderlo meno atroce, perché sono l’Amore e di quell’orrore ho avuto dolore.
E voi ci volete andare.
Meditate, o figli, questa mia parola. Ai malati viene data amara medicina, agli affetti da cancri viene cauterizzato e reciso il male. Questa è per voi, malati e cancerosi, medicina e cauterio di chirurgo. Non rifiutatela. Usatela per guarirvi. La vita non dura per questi pochi giorni della terra. La vita incomincia quando vi pare finisca, e non ha più termine.
Fate che per voi scorra là dove la luce e la gioia di Dio fanno bella l’eternità e non dove Satana è l’eterno Suppliziatore.»

Che dite, forse se la gente sapesse la Verità tutta intera senza falsi sentimentalisti, e cominciasse a riflettere, si darebbe una smossa?

Drammatico messaggio di Gesù a Maria Valtorta: "All'Ultima Ora ¾ della Chiesa Mi rinnegherà!"

Meravigliosa Sapienza di Nostro Signore Gesù Cristo! Ma come ha fatto la Chiesa Gerarchica a non vedere questo Sole di Sapienza Divina negli scritti di Maria Valtorta? Non è mai incominciato il processo di beatificazione di questa grande Santa donna che ha tanto sofferto e si è sacrificata per dare a tutti noi questi insegnamenti straordinari che interpretano e chiariscono, in modo ineffabile, …More
Meravigliosa Sapienza di Nostro Signore Gesù Cristo! Ma come ha fatto la Chiesa Gerarchica a non vedere questo Sole di Sapienza Divina negli scritti di Maria Valtorta? Non è mai incominciato il processo di beatificazione di questa grande Santa donna che ha tanto sofferto e si è sacrificata per dare a tutti noi questi insegnamenti straordinari che interpretano e chiariscono, in modo ineffabile, il Vangelo e tutta la Parola di Dio. Se non avessi letto con attenzione questi scritti, molto probabilmente sarei un agnostico o un'ateo!

L. Piccarreta, visioni e profezie – "Figlia, vedi in che stato lacrimevole si trova la mia Chiesa, …

Finalmente, viene presa in considerazione la Serva di Dio Luisa Piccarreta. I suoi scritti sono una vera rivoluzione spirituale all'insegna del vivere la Divina Volontà.

Blasfemie su blasfemie: Avvenire oltraggia la Sacra Famiglia e attacca anche la Santa Casa di …

Anche nei Quaderni di Maria Valtorta Gesù afferma che le reliquie della casa di Nazzaret sono a Loreto. Dice Gesù:
“Potete voi dire che Io non ho amato questa terra (Italia) dove ho portato le reliquie della mia vita e della mia morte: la casa di Nazaret dove venni concepito in un abbraccio di luminoso ardore tra il Divino Spirito e la Vergine (Santuario di Loreto), e la Sindone dove il sudore …More
Anche nei Quaderni di Maria Valtorta Gesù afferma che le reliquie della casa di Nazzaret sono a Loreto. Dice Gesù:
“Potete voi dire che Io non ho amato questa terra (Italia) dove ho portato le reliquie della mia vita e della mia morte: la casa di Nazaret dove venni concepito in un abbraccio di luminoso ardore tra il Divino Spirito e la Vergine (Santuario di Loreto), e la Sindone dove il sudore della mia Morte ha impresso il segno del mio dolore, sofferto per l’umanità?” (Valtorta - QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 67 - 22 luglio 1943)

La Restaurazione – presentimenti e profezie [Santa Caterina, Sant'Ildegarda, B. Pio IX, San Pio X …

Questo è il vero oggetto della discordia nello scisma della Chiesa Moderna, leggi: www.illibraio.it/dio-patria-fami…