Clicks2

Papa Francesco e la “conversione” del sistema economico che uccide

P.Elia
Papa Francesco e la “conversione” del sistema economico che uccide Cari fratelli e sorelle, sembra che la preghiera e l’impegno concerto di Papa Francesco, della Chiesa cattolica e dei Cristiani …More
Papa Francesco e la “conversione” del sistema economico che uccide Cari fratelli e sorelle, sembra che la preghiera e l’impegno concerto di Papa Francesco, della Chiesa cattolica e dei Cristiani tutti stia provocando il miracolo della conversione del sistema economico che, secondo le parole del Papa, uccide e fa piangere i poveri e la terra. Sono tre i segnali che nella loro semplicità e profondità fanno sperare in questo miracolo di cui tanto ha bisogno il mondo di questo inizio del terzo millennio…. Il primo viene dalla Rivoluzione operata da Luxottica nei contratti di lavoro. In due direzioni. Da un lato, trasforma in "tempo indeterminato" 1.550 posti di lavoro ora coperti da giovani inquadrati come precari e in somministrazione. Dall'altra, consente ad altri 10 mila dipendenti di ridurre volontariamente il loro orario di lavoro pur mantenendo lo stesso livello di stipendio… (www.repubblica.it/…/luxottica_tempo… Il secondo viene da 18 tra i più grandi miliardari Americani che si appellano al mondo politico chiedendo una tassazione meno distratta sulle grandi ricchezze. Tra di loro Soros, il co-fondatore di Facebook, Chris Hughes, la regista Abigail Disney, nipote del co-fondatore della Disney e Liesel Simmons, della famiglia proprietaria della catena di hotel Hyatt. "Chiediamo – hanno scritto questi Paperoni - una moderata tassazione sul benessere per i più ricchi, che rappresentano l'uno per cento della popolazione. I dollari delle future tasse dovrebbero arrivare dalle nostre dichiarazioni dei redditi, non da quelle della classe media e con i redditi più bassi". (www.avvenire.it/…/tassate-noi-che…) Il terzo segnale, propio di questi giorni, viene da un documento reso pubblico da Duecento tra le più grandi Corporations americane in cui sconfessano il mantra "prima gli azionisti" che per anni ha guidato le politiche societarie. Per creare valore bisogna guardare anche all'impatto ecologico, al rispetto dei clienti e "alle condizioni dignitose offerte ai dipendenti" (www.repubblica.it/…/.basta_con_i_pr… Cari fratelli sarà anche una “risposta politica” alla crescita dei movimenti populisti e sovranisti che hanno attecchito puntando sul fatto che i governi hanno lasciato mano libera alle aziende a discapito delle condizioni sociali e ambientali. Sarà perché hanno ascoltato il grido di protesta di milioni di bambini, ragazzi e giovani che in ogni parte del mondo stanno protestando ogni Venerdì per chiedere agli adulti di rispettare il loro diritto a vivere in un mondo pulito e libero dalla devastanti conseguenze della contaminazione ambientale, fatto sta che è di questo miracolo che il mondo ha bisogno. Per quanto riguarda noi Cristiani, cari fratelli e sorelle, continuiamo a lavorare con tutti gli uomini di buona volontà a cui sta a cuore il futuro dell’umanità nella pace e nel vero progresso integrale dell’essere umano e non smettiamo di pregare per Papa Francesco e di “scendere in campo” insieme con lui per sostenerlo in tutte le iniziative che sta mettendo in cantiere per debellare quella ingiustizia che, come Lui afferma, fa piangere i poveri e la terra.