Clicks78

Subiaco 2017 - Sul Ponte Medievale San Francesco

Edificato a Subiaco intorno al trecento, il Ponte Medievale di San Francesco è situato a poca distanza dall'omonimo convento ed attraversa il fiume Aniene. Il ponte, in pietra cardellino ocra, ha …More
Edificato a Subiaco intorno al trecento, il Ponte Medievale di San Francesco è situato a poca distanza dall'omonimo convento ed attraversa il fiume Aniene. Il ponte, in pietra cardellino ocra, ha una struttura composta da una sola arcata che si sviluppa per circa 37 metri di lunghezza e 20 metri d'altezza ed è caratterizzato da un'alta torre di controllo quadrangolare. Immerso nel medievale borgo di Subiaco, il Ponte Medievale di San Francesco è uno dei luoghi più interessanti e più belli della città, meta di visitatori e turisti.
La sua costruzione viene associata ad una battaglia del 1356 tra i sublacensi ed i tiburtini, tenutasi in questa località. Il ponte sarebbe stato costruito dall'abate Ademaro con il riscatto pagato dai tiburtini per il rilascio dei propri prigionieri.
Si tratta di un ponte molto caratteristico, è uno dei luoghi tra i più interessanti e i più belli della cittadina, posto, sull’Aniene a poca distanza dall’ingresso alla città, prende il nome dal vicino convento di San Francesco. Il ponte fu costruito interamente in blocchi di una pietra locale detta “Cardellino” di colore ocra, la sua struttura è a una sola arcata, a “Schiena d’Asino”, e ha misure piuttosto importanti, la sua lunghezza, infatti, è di trentasette metri e la sua altezza è di venti metri. L’architettura di questo ponte Medioevale è ben equilibrata, l’opera è giunta fino a noi perfettamente conservata. La caratteristica principale, del ponte, è la torre di avvistamento e controllo che lo sovrasta, la quale presenta una base quadrangolare ed è posta a un capo del ponte stesso ed era vicina a dove passava la Via Sublacense. Il ponte fu costruito per volere dell’abate Ademaro, nel 1356, in questo modo volle festeggiare la vittoria che l’esercito abbaziale sublacense ebbe sui Tiburtini, nella battaglia di Campo d’Arco. La battaglia comportò anche la cattura di molti prigionieri, per il loro rilascio gli abitanti di Tivoli dovettero pagare un grosso riscatto e sembra che proprio con quei soldi Ademaro fece costruire il maestoso ponte di San Francesco. Il ponte fu restaurato nel 1789, in quest’occasione Pio VI, si recò a Subiaco per inaugurare l’Arco di Trionfo eretto in suo onore dai sublacensi e per consacrare la concattedrale di Sant’Andrea.