Clicks22

S. E. Cardinale Angelo Comastri, Jacques Fesch Giovane laico Testimone - Saint-Germain-en-Laye, Parigi, 6 aprile 1930 – Parigi, 1° ottobre 1957

Le testimonianze raccontano che nel momento di salire il patibolo Jacques Fesch pronunciò queste parole a mezza voce: "Signore, non abbandonarmi". Il 2 dicembre 2009, accompagnata dal cardinale More
Le testimonianze raccontano che nel momento di salire il patibolo Jacques Fesch pronunciò queste parole a mezza voce: "Signore, non abbandonarmi". Il 2 dicembre 2009, accompagnata dal cardinale Angelo Comastri, la sorella di Jacques Fesch, Monique Marthe Fesch, ha incontrato papa Benedetto XVI in piazza San Pietro al termine dell'udienza generale, mostrandogli lettere che Jacques aveva scritto ai genitoriit.wikipedia.org/wiki/Jacques_Fesch.

Dopo la sua morte, la sua conversione in carcere è stata costantemente oggetto di analisi religiosa. Nel 1975 la carmelitana suor Véronique fu incaricata delle prime indagini dalle autorità ecclesiastiche. Una prima pubblicazione uscì in Francia e in Italia nel 1976it.wikipedia.org/wiki/Jacques_Fesch. Successivamente sono stati dati alle stampe in italiano il diario da lui tenuto in carcereit.wikipedia.org/wiki/Jacques_Fesch e le lettere inviate agli amici e parenti dalla cella, a testimonianza della sua it.wikipedia.org/wiki/Conversione_%28….

Il salesiano Giacomo Maria Medica fu il primo a credere alla sua it.wikipedia.org/wiki/Santit%C3%A0 e fu it.wikipedia.org/wiki/Canonizzazione dell'apertura della causa di beatificazione nel 1986, inviando lettere a vescovi e cardinali. L'indagine fu avviata il 21 settembre 1987 dall'arcivescovo di Parigi cardinale Jean-Marie Lustiger e il processo diocesano è stato aperto formalmente il 24 dicembre 1993, qualificandolo come servo di Dioit.wikipedia.org/wiki/Jacques_Fesch.

it.wikipedia.org/wiki/Jacques_Fesch