Clicks1.6K

ricevere la comunione nella mano, è uno dei più grandi sacrilegi commessi oggi.

collinadelsole
10
Nella prima domenica di Avvento di vent'anni fa, il 1989, entrava in vigore la delibera della Conferenza Episcopale Italiana, che autorizzava, con l'approvazione della Santa Sede, la distribuzione …More
Nella prima domenica di Avvento di vent'anni fa, il 1989, entrava in vigore la delibera della Conferenza Episcopale Italiana, che autorizzava, con l'approvazione della Santa Sede, la distribuzione della Santa Comunione sulla mano. Nelle scorse settimane, i parroci e i rettori delle Chiese della nostra diocesi hanno ricevuto la comunicazione delle disposizioni emanate dal Cardinale Arcivescovo, a fronte di gravi abusi che si sono verificati al riguardo. In particolare il Cardinale ha disposto che nella Cattedrale di San Pietro, nella Basilica di San Petronio e nel Santuario della Madonna di San Luca, la Comunione venga distribuita ai fedeli solo sulla lingua.
La possibilità che è stata concessa di ricevere l'Ostia consacrata sulla mano può, di fatto, originare "gravi abusi", perché c'è "chi porta via le Sacre Specie per tenerle come "souvenir", "chi le vende", o peggio ancora "chi le porta via per profanarle in riti satanici". Lo scrive nella lettera ai sacerdoti che accompagna le disposizioni del Cardinale, il provicario generale, mons. Gabriele Cavina, citando uno scritto di mons. Malcom Ranjith, segretario della Congregazione per il Culto Divino e della Disciplina dei Sacramenti.
"Dobbiamo prendere atto scrive il Cardinale Caffarra che purtroppo si sono ripetuti casi di profanazione dell'Eucaristia approfittando della possibilità di accogliere il Pane consacrato sul palmo della mano, soprattutto, ma non solo, in occasione di grandi celebrazioni o in grandi chiese oggetto di passaggio di numerosi fedeli.
Per tale motivo è bene vigilare sul momento della santa Comunione partendo dall'osservanza delle comuni norme ben note a tutti".
"Durante la Comunione, si legge ancora nel decreto del Cardinale, i ministranti assistano il ministro, per quanto possibile, vigilando che ogni fedele dopo aver ricevuto il Pane consacrato lo consumi immediatamente davanti al ministro e che per nessun motivo venga portato al posto, oppure riposto nelle tasche o in borse o altrove, né cada per terra e venga calpestato".
Insieme ad una forte raccomandazione alla vigilanza che vale per tutti i sacerdoti, il cardinale ha emanato questa disposizione, per tre Chiese della diocesi: "considerata la frequenza in cui sono stati segnalati casi di comportamenti irriverenti nell'atto di ricevere l'Eucaristia, - scrive il Cardinale - disponiamo che nella Chiesa Metropolitana di San Pietro, nella Basilica di San Petronio e nel Santuario della Beata Vergine di San Luca in Bologna, i fedeli ricevano il Pane consacrato solamente dalle mani del ministro direttamente sulla lingua".
La disposizione è attenuata per le parrocchie, perché, scrive ancora mons. Cavina, "i fedeli sono in gran parte conosciuti e il parroco può essere più sicuro della loro attitudine a compiere il gesto della comunione sulla mano con il rispetto dovuto e intervenire con opportuni richiami opportuni di tanto in tanto per educare continuamente l'assemblea a partecipare alla liturgia in modo attivo e consapevole".
Walter
Giusto, siamo laici... però posso dire che voglio serietà e non i circhi post-conciliari...
Walter
Si, collinadelsole, non sono arrabbiato con te.... non mi sono neanche accorto che il video è tuo...
Pace e Bene.
collinadelsole
Noi Cattolici non siamo come i protestanti che per loro è soltanto un ricordo la Comunione, noi crediamo che l'Ostia in quel momento è consacrata dal Sacerdote tramite l'effusione dello Spirito Santo è veramente il Corpo di Cristo e la differenza è abissale.
Walter
Sicuramente, un giorno, dovranno rispondere a Dio...
Preghiamo per loro....
Walter
Ogni giorno ci sono abusi contro Cristo...
Pensiamo al Papa Benedetto XVI tradito da chi gli doveva obbedienza...
2 more comments from Walter
Walter
Presidente o Segretario della Pontificia Commissione "Ecclesia Dei":
Palazzo della Congr. per la Dottrina della Fede, 00193 Roma, Piazza del S. Uffizio, 11

Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti:
Palazzo delle Congregazioni, 00193 Roma, Piazza Pio XII, 10

Non è detto che ti rispondono... spessissimo dormono...
Walter
"Se il Sacerdote è in peccato mortale non è un nostro problema...etc..."

Bella questa!
Alea
Noi Cattolici pensiamo che il senso di ogni regola è far piacere a Dio. Per chi non ha responsabilità l'ubbidienza è grata a Dio anche se il comando può essere discutibile.
Adesso ti domando, cosa dispiacerà maggiormente a Dio, un sacerdote in peccato mortale o che un fedele in stato di Grazia obbedendo al sacerdote tocchi il suo corpo? Il peccato è del sacerdote, non del fedele. Un peccato che …More
Noi Cattolici pensiamo che il senso di ogni regola è far piacere a Dio. Per chi non ha responsabilità l'ubbidienza è grata a Dio anche se il comando può essere discutibile.
Adesso ti domando, cosa dispiacerà maggiormente a Dio, un sacerdote in peccato mortale o che un fedele in stato di Grazia obbedendo al sacerdote tocchi il suo corpo? Il peccato è del sacerdote, non del fedele. Un peccato che diventa sempre più grande perché si accosta da sacrilego (peccato mortale) all'eucarestia laico o sacerdote che sia.
collinadelsole
Noi Cattolici crediamo che l'Eucarestia è veramente il Corpo di Cristo, allora bisogna rispettare Gesù in tutti i modi, il Sacerdote è consacrato è può toccarla con le mani anche se è in peccato mortale, tutti i laici e religiosi possono essere dei Santi, ma non possono toccarla con le mani.
Alea
Peggiore sacrileggio è prendere l'eucarestia mal confessati e tiepidi. Non sanno che chi mangia indegnamente il Corpo di Cristo mangia la propria condanna?
Ecco invece che non si parla del peccato d'impurità (anche nel matrimonio), contraccezione, egoismo, ambizione. La maggior parte dei cristiani sono uguali e a volte peggiori degli atei con l'unica differenza che per maggior condanna si …More
Peggiore sacrileggio è prendere l'eucarestia mal confessati e tiepidi. Non sanno che chi mangia indegnamente il Corpo di Cristo mangia la propria condanna?
Ecco invece che non si parla del peccato d'impurità (anche nel matrimonio), contraccezione, egoismo, ambizione. La maggior parte dei cristiani sono uguali e a volte peggiori degli atei con l'unica differenza che per maggior condanna si nutrono di Cristo. In questo modo toccano il Corpo del Signore come i legionari romani e gli altri torturatori.
Tutto perché un cattivo sacerdote porta molte anime con sé all'inferno.