Clicks3.7K

Celebrazione della Passione del Signore-BENEDETTO XVI

Bob Jones papist
Venerdì 6 aprile. Il venerdì santo è il giorno della Passione e Morte del Signore e del digiuno, quale segno esteriore della nostra partecipazione al suo sacrificio. Il venerdì non si celebra l’…More
Venerdì 6 aprile. Il venerdì santo è il giorno della Passione e Morte del Signore e del digiuno, quale segno esteriore della nostra partecipazione al suo sacrificio. Il venerdì non si celebra l’Eucaristia. Ma è prevista un’azione pomeridiana per commemorare la Passione e Morte del Signore. Cristo appare come il servo di Dio, predetto dai profeti, l’agnello che si sacrifica per la salvezza di tutti. La Croce è l’elemento che domina tutta la celebrazione: illuminata dai raggi della risurrezione, si presenta come trono di gloria e strumento di vittoria; perciò è presentata all’adorazione dei fedeli.
- All’inizio della celebrazione il Santo Padre si inginocchia alcuni minuti davanti all’altare pregando in silenzio, in segno di adorazione e di richiesta di perdono e di penitenza
- Il racconto della Passione è cantato da tre diaconi con il concorso della Cappella Sistina.
- L’omelia è tenuta da Padre Raniero Cantalamessa o.f.m.capp., predicatore della Casa Pontificia
- Il Santo Padre ostende la Croce, presentandola all’adorazione dei fedeli, e poi la bacia togliendo la casula e le scarpe, sempre in segno di penitenza
- La sede papale, come già avvenuto in altre occasioni, è collocata di fronte alla statua di San Pietro, nella navata centrale della Basilica
- I Cardinali diaconi che assistono il Santo Padre sono: Francesco Coccopalmerio e Mauro Piacenza
- Il Santo Padre distribuirà la Santa Comunione ai Signori Cardinali
- Le luci soffuse della Basilica sono il segno del clima penitenziale della celebrazione
- Il servizio liturgico è svolto da alcuni studenti Passionisti e del Pontificio Collegio Nepomuceno
www.vatican.va/…/index_it.htm /
Omelia di Padre Raniero Cantalamessa, O.F.M. Cap./SETTIMANA SANTA 2012