Clicks861

Perché l'allora cardinale Ratzinger non era d'accordo alla donazione degli organi- Gloria.tv - Intervista a Josef Seifert

notiziario
Perché l'allora cardinale Ratzinger non era d'accordo - Gloria.tv - Intervista a Josef Seifert Alla conferenza del venerdì a Vienna, in Austria, il famoso filosofo Josef Seifert e il medico Doyen …More
Perché l'allora cardinale Ratzinger non era d'accordo - Gloria.tv - Intervista a Josef Seifert

Alla conferenza del venerdì a Vienna, in Austria, il famoso filosofo Josef Seifert e il medico Doyen Nguyen hanno messo in dubbio che la cosiddetta "morte cerebrale" rappresenti la vera morte di una persona. I due hanno affermato che la teoria della morte cerebrale era solo una definizione pragmatica che serviva a legittimare moralmente e legalmente la rimozione di organi da una persona vivente.

Giovanni Paolo II: dichiarazioni confuse

Seifert e Nguyen hanno detto che il Magistero della Chiesa non ha mai fatto una dichiarazione sulla teoria della morte cerebrale. Ma nel 2000 Giovanni Paolo II entrò in una china scivolosa quando si rivolse al Congresso Internazionale della Società dei Trapianti. Accettò la teoria della morte cerebrale senza usare il suo nome, ma chiese che tutte le attività cerebrali del donatore di organi dovessero essere cessate in modo irreversibile, una condizione che è inaccertabile.

Dopo che istituzioni cattoliche come l'American National Bioethics Center dichiararono che la Chiesa ora accetta la teoria della morte cerebrale. Giovanni Paolo II non li ha mai più contraddetti.

Letteratura essenziale ignorata da Giovanni Paolo II

Nguyen nota che per la sua dichiarazione del 2000, Giovanni Paolo II ignorò tutta la letteratura critica esistente sul concetto di morte cerebrale. Non si capisce perché Giovanni Paolo II abbia mai ritirato la sua dichiarazione controversa.

L'amico di Francesco e il curiale vescovo Sorondo "Non buono"

Entrambi, Seifert e Nguyen, criticano la Pontificia Accademia delle Scienze che diffonde la teoria della morte cerebrale. Secondo Nguyen, ci sono brave persone nell'Academy, ma anche coloro che -quota- "non sono buoni". Tra questi ultimi, Nguyen nomina il cancelliere dell'Accademia ed il vescovo argentino Marcelo Sánchez Sorondo.

Strategia a Zig-Zag del Vaticano

Seifert aggiunge che, oltre alla "Pontificia Accademia delle Scienze", anche la "Pontificia Accademia per la Vita", accetta la teoria della morte cerebrale. Lo stesso Seifert era membro di questa Accademia. Secondo lui anche il cardinale Elio Sgreccia, che è affidabile in altre domande di bioetica, lo ha sostenuto. Seifert racconta che durante le conferenze, l'Accademia per la vita ha sempre invitato rappresentanti di entrambi i campi e ha evitato di prendere una posizione chiara.

Ratzinger è "non una persona risoluta"

Seifert parla di un incontro con l'allora cardinale Joseph Ratzinger. Ratzinger disse a Seifert che il filosofo tedesco Robert Spaemann aveva chiesto che la Congregazione per la Dottrina della Fede pubblicasse un documento contro la teoria della morte cerebrale. Ratzinger non ha seguito questo consiglio e non ha permesso a Seifert di sapere perché. Seifert ritiene che Ratzinger sia stato personalmente critico nei confronti del concetto di morte cerebrale, ma non è stato "risoluto" abbastanza da esprimere la propria opinione verso l'esterno. Ma la spiegazione di Seifert è improbabile dal momento che Ratzinger porta con sé una carta di donatori di organi dagli anni '70.