17:19
Fausto
152
QUEL POPOLO CHE ASPETTA DI NASCERE,tra controllo demografico, aborto e falsi diritti. Il 18 maggio 2018, presso il teatro Buonarroti di Civitavecchia, si è tenuta la presentazione del libro “QUEL …More
QUEL POPOLO CHE ASPETTA DI NASCERE,tra controllo demografico, aborto e falsi diritti.

Il 18 maggio 2018, presso il teatro Buonarroti di Civitavecchia, si è tenuta la presentazione del libro “QUEL POPOLO CHE ASPETTA DI NASCERE “, curato e coordinato dal Movimento per la Vita di Civitavecchia, autori :
Prof. Gian Carlo Blangiardo, docente universitario e demografo ,
Prof. Avv. Mauro Ronco, docente diritto penale, presidente Centro Studi Livatino
Dott. Alfredo Mantovano, magistrato e politico, vicepresidente Centro Studi Livatino
On. Carlo Casini, magistrato, parlamentare, presid. emerito Mov. per la Vita it.
Prof.ssa Marina Casini, giurista, docente di Bioetica, presidente Mov. per la Vita italiano
On. Prof. Gian Luigi Gigli, Deputato, neurologo, Consiglio Direttivo Mov. per la Vita
On. Eugenia Roccella, deputato, giornalista e politica italiana
Dott.ssa Chiara Bennati, Movimento per la Vita Viterbo
Ing. Roberto Bennati, vicepresidente Nazionale Movimento per la Vita italiano.


Movimento per la vita di Civitavecchia - conferenza- presentazione del libro"Quel popolo che aspetta di nascere"- COMUNICATO DEL 20 MAGGIO 2018 “Quel popolo che aspetta di nascere. Controllo demografico, aborto e falsi diritti”: il libro, curato dal Movimento per la vita di Civitavecchia, è stato presentato venerdì scorso presso la sala Buonarroti di Civitavecchia. L’incontro è stato promosso con la collaborazione della Curia Vescovile di Civitavecchia e Tarquinia, dei Salesiani di Civitavecchia, e del Centro studi “Rosario Livatino” ( giudice ucciso dalla mafia il 21 settembre 1990 ) L'evento è stato presentato dal notaio Giuseppe Capparella e dall'artista Ombretta Del Monte, ed ha visto il saluto di monsignor Luigi Marrucci, vescovo di Civitavecchia e Tarquinia, di Marina Casini, presidente nazionale del Movimento per la vita. Di Carlo Casini (presidente emerito dell’Mpv), Roberto Bennati (vice presidente nazionale del Movimento per la vita), Alfredo Mantovano (magistrato e vice presidente del Centro studi “Rosario Livatino”), e Marina Monacchi (responsabile Segretariato sociale per la vita). Il testo prende spunto dal programma stilato nel 1969 da Frederick Jaffe (vicepresidente di Planned Parenthood International, organizzazione per la pianificazione delle nascite e l'aborto ), finalizzato alla riduzione della popolazione mondiale (in linea con la dottrina di Thomas Malthus, economista inglese, che attribuiva alla pressione demografica la diffusione della povertà e della fame nel mondo). Tale programma incoraggiava contraccezione, aborto chirurgico e chimico, tentando di alterare l'immagine della famiglia, cellula vitale nella quale la vita umana nasce e si sviluppa. La nuova mentalità anti-vita e le nuove politiche hanno colpito particolarmente l'’Italia, che è oggi il Paese con una natalità media di 1,3 figli per donna, la più bassa d' Europa : il Prof. Blangiardo, uno degli autori del libro, demografo di fama nazionale, nel testo rappresenta un quadro fosco della popolazione italiana e delle conseguenze dell'invecchiamento della popolazione ( maggiore spesa sanitaria e pensionistica, riduzione della forza lavoro complessiva, ecc.), ma prospetta anche la soluzione, che sta in programmi e politiche di sostegno, aiuto ed attenzione alla famiglia. Marina Casini in un appassionato intervento, ha ribadito la natura umana del concepito e, come anche gli altri autori, ha sottolineato la grande menzogna sottesa all'approvazione delle leggi abortiste, che negano l'umanità del concepito, soffermandosi sulla enorme diffusione della pillola del giorno dopo, in grado di impedire l'annidamento dell'ovulo qualora vi sia stata fecondazione. Sommando 6 milioni di aborti, 440.000 confezioni di pillole del giorno dopo vendute in Italia, ben si comprende il motivo per cui l'Italia,nei 2060 circa, vedrà fortemente ridotta la propria popolazione, che scenderà a circa 55 milioni (compresi i circa 15 milioni di stranieri). Il magistrato Alfredo Mantovano, più volte sottosegretario all'interno, ha stigmatizzato la deriva eutanasica proveniente dai paesi anglosassoni, dove persino dei bambini vengono sacrificati alla logica dell'utile, bambini come Alfie Evans, Charlie Gard , uccisi “nel loro interesse” hanno detto i giudici inglesi. Bambini che avrebbero potuto essere curati altrove, anche in Italia, come chiedevano i loro genitori. Una nuova filosofia, dell'utile, che tende a sopraffare il debole, i più deboli tra gli uomini. Carlo Casini ha ripercorso l'iter di approvazione della legge 194 in Italia, ricorrendo in questi giorni i quarant'anni dall'approvazione ( 22 maggio 1978), ribadendo la fretta con la quale è stata è stata approvata la legge, per timore di vuoti di potere, vivendosi in quei giorni il dramma del terrorismo e dell'assassinio di Aldo Moro ( 9 maggio 1978)."Il dato principale di quella legge è che fu fatta in fretta. Basti ricordare le parole del relatore di maggioranza dell'epoca: Giovanni Berlinguer che disse 'siamo costretti ad approvarla per evitare il referendum', poi ci ripenseremo. Si temeva che il referendum avrebbe favorito il terrorismo e dissolto la solidarietà nazionale, fu tutto troppo frettoloso" . Ed infine, la domanda che tutti dobbiamo porci :“Ma nel seno di una donna incinta o in una provetta di laboratorio dopo una fecondazione artificiale che cosa c’è? Un essere umano o una cosa? Un soggetto o un oggetto? Un anonimo grumo di cellule o un figlio?”. La scienza, la ragione ed il senso comune hanno una sola risposta, che solo l'ideologia può negare ; persino Tertulliano, scrittore romano del II secolo dopo Cristo, affermava: «E' un omicidio anticipato impedire di nascere; poco importa che si sopprima l'anima già nata o che la si faccia scomparire nel nascere. E già un uomo colui che lo sarà “. Marina Monacchi ha parlato del suo servizio a favore della vita, da molti decenni, durante i quali ha seguito 8000 casi di mamme in difficoltà nel Segretariato Sociale per la Vita. Roberto Bennati, infine ha parlato del prezioso servizio offerto dalla case di accoglienza del Movimento per la vita, dove, tra mille difficoltà, si aiutano le mamme a portare avanti la gravidanza,donando loro una casa ed un ambiente sereno e familiare ove nascerà e sarà accolto il bambino. Movimento per la vita : Foto ricordo conferenza-presentazione libro: "Un popolo che aspetta di nascere". da sinistra Alfredo Mantovano, Marina Monacchi,Giuseppe Capparella, Ombretta del Monte, Fausto Demartis,Carlo Casini, Marina Casini, Roberto Bennati, Luca Bondi Il libro, a conclusione della serata, è stato donato a molti benefattori,studenti ed artisti che collaborano da anni col Movimento per la Vita Hanno ricevuto riconoscimenti : il Vescovo di Civitavecchia,Mons Luigi Marrucci,la Fondazione Cariciv, la signora Cesarella Palomba, il prof. Luca Bondi, la dott.ssa Sabrina Franceschetti,ginecologa, il dott. Riccardo Spurio e consorte, il Dott. Antonio Guida – radiologo, la prof.ssa Maria Domenica Meloro, Fabiola DE RISI, pediatra,Eleonora DE RISI, Claudia Allegrini animatrice salesiana , Marzia Aguzzetti,FLoriana Gigli e Fabrizio Poletti,Giorgio Parisi in memoria di Rosaura Pettorino, Monica Longo, Piero Pipponzi,Pietro Giorgetti e Luigi Florio, registi, Ombretta Del Monte, Elisa Evangelista, Annalaura Lelli, Paola Liberatori, Caterina Lunati, Giada Giovani, Fabiana Amodeo, Alessandra e Laura Demartis, Simona Scappini.
Fausto
Civitavecchia, 18 maggio 2018