Fatima.
169

ULTIMI DATI UFFICIALI- Dopo la terza dose nei primi sei mesi del 2022 ictus raddoppiati rispetto al 2021. Colpiti anche i bambini

Il “Centro Andaluz de Teleictus” (CATI), che monitora e coordina l’assistenza in tutta l’Andalusia, la grande regione automa sulla costa meridionale della Spagna con otto milioni e mezzo di abitanti, ha reso pubblici gli ultimi dati sugli ictus, raddoppiati nei primi sei mesi del 2022, in coincidenza con la somministrazione massiva della terza dose.

La piattaforma telematica, gestita dai medici dell’ospedale universitario “Virgen Macarena” di Siviglia ha rilevato più di mille casi nei primi sei mesi del 2022, numero di casi che invece era raggiunto nel 2021 in un periodo doppio, dodici mesi.

L’ictus, secondo i dati riportati, è ora una malattia in forte aumento ed è già la prima causa di morte nelle donne e la seconda negli uomini. E’, inoltre, la prima causa di disabilità acquisita negli adulti e la seconda causa di demenza, dopo l’Alzheimer.

Gli ultimi dati del centro andaluso sono sconvolgenti. L’ictus non colpisce più prevalentemente anziani, ma si verifica anche nei bambini ed è diventata la prima causa di danno cerebrale in questa fascia di popolazione.

Ogni anno, più di 18.000 cittadini andalusi sono colpiti da ictus, di cui si stima che la metà rimanga con danni permanenti o muoia.

Questa cifra alta potrebbe raddoppiare nel 2022 se si manterrà il tasso di ictus diagnosticati finora quest’anno presso il Centro Andaluso (CATI), come confermato dal neurologo del Virgen Macarena Hospital, Ana Barragán, uno dei responsabili di questo centro , che è riuscita a ridurre, grazie all’azione coordinata dei centri di assistenza primaria e degli ospedali, la mortalità e l’invalidità per questa malattia.

Il Centro CATI ha curato circa quattromila pazienti nei suoi quattro lunghi anni di vita, circa un migliaio di pazienti all’anno, uguale al numero di casi che hanno ricevuto nei primi sei mesi del 2022.

“Non sappiamo esattamente cosa sia dovuto a questo aumento dei casi di ictus finora quest’anno”, afferma questo neurologo.

Non ci sono prove scientifiche che il Covid abbia qualcosa a che fare con questo aumento, anche se alcuni studi parlano di danni neurologici.

“L’ansia o l’insonnia non favoriscono una buona salute del cervello e l’isolamento ha aggravato molti di questi disturbi”, ricorda il neurologo. Altri esperti assicurano che uno dei principali nemici dell’essere umano è lo stress, sia fisico che mentale: «Si consiglia di condurre una vita serena e libera dalle tensioni che possono interessare la zona dell’ippocampo e altre aree sensibili che possano pregiudicare la perdita di memoria “, afferma Juan María Sánchez Caro, neurologo presso il Center for Advanced Neurology.

“Fa bene al cervello, fare esercizio e socializzare, andare a teatro, al cinema, ai concerti, leggere libri, fare cruciverba. Ed è importante dormire tra le sei e le otto ore e una dieta sana“, afferma Ana Barragàn del “Virgen Macarena” di Siviglia.

Félix Viñuela, neurologo presso l’Ospedale Victoria Eugenia di Siviglia, aggiunge: «Per prevenire malattie neurologiche come l’Alzheimer è bene leggere più giornali e guardare meno televisione».

Solo il 20 per cento degli ictus ha cause genetiche: “Abbiamo famiglie a Siviglia con patologie ereditate dai genitori: è come lanciare una moneta”, Joan Montaner, capo della Neurologia del “Virgen Macarena” e direttore del Centro CATI.

La diagnosi precoce dei sintomi e l’introduzione di misure terapeutiche come le unità di ictus e le terapie di riperfusione hanno rivoluzionato la gestione di questi pazienti e ridotto la loro mortalità.

I neurologi del Virgen Macarena Hospital, dove ogni anno arrivano circa 600 pazienti colpiti da ictus, spiegano che l’obiettivo è rispondere nelle prime 24 ore con uno studio completo delle cause che lo hanno determinato, compresa la risonanza magnetica e la gestione terapeutica personalizzata incentrata sulla prevenzione. «È noto che la somministrazione di antiaggreganti riduce il rischio di un nuovo ictus e se si verifica è meno grave», spiega il neurologo, il quale riconosce che «questo non veniva fatto prima al Pronto Soccorso e ora c’è un rapido circuito di trattamento con risonanza magnetica immediata e altri esami e li trattiamo al volo”.

In occasione della Giornata mondiale del cervello, che si è celebrata venerdì 22 luglio, Ana Barragán ha avvertito che la prevalenza di tutte le malattie neurologiche è in crescita. Come l’ictus, molti danni potrebbero essere evitati (o ritardati) con un’adeguata prevenzione e controllo dei fattori di rischio vascolare: ipertensione arteriosa, diabete, ipercolesterolemia, obesità, evitare una vita sedentaria, smettere di consumare tabacco e alcol, e anche controllare le precedenti malattie cardiache. “C’è molto spazio per migliorare la prevenzione se si pratica una vita più sana, si sopprimono alcol e tabacco, si limita radicalmente il consumo di grassi e dolci e si aumenta il consumo di verdura, frutta e noci”, afferma. Barragán, che consiglia anche di bere due litri d’acqua, camminare mezz’ora al giorno e fare esercizio almeno quattro volte a settimana.

È anche dimostrato che il cervello impiega più tempo a deteriorarsi se viene mantenuta una sana attività sociale: “Fa bene al nostro cervello socializzare, incontrare amici, fare sport, andare a teatro, al cinema, ai concerti, leggere libri, ecc. fare cruciverba”, dice Barragan.

Come dice Félix Viñuela, neurologo del Victoria Eugenia Hospital della Croce Rossa ed esperto di Alzheimer, “per prevenire il deterioramento del cervello, è bene leggere più giornali e guardare meno televisione”.

La maggiore incidenza di Alzheimer è in parte dovuta all’aumento dell’aspettativa di vita, ma non solo. C’è anche una crescita oggettiva dei problemi cardiovascolari, secondo Ana Barragán: “Ecco perché è così importante abbandonare abitudini tossiche come tabacco o alcol”, dice.

Riguardo ai nuovi farmaci in fase di sperimentazione, assicura che sono in fase di studio e che “purtroppo non esiste un farmaco miracoloso che inverta la malattia o ne rallenti la progressione”.

C’è una carenza di neurologi nella sanità pubblica e la maggiore prevalenza di questo tipo di malattia aggraverà le conseguenze negative di questa mancanza di professionisti in un futuro non troppo lontano. “Incoraggio gli studenti di medicina a orientarsi verso la Neurologia. È una specialità entusiasmante in cui si imparano continuamente cose nuove”, conclude il neurologo.

FONTE