Novus Ordo, Nuove Chiese

In Torino nel 1967, ai confini delle parrocchie della Speranza, di Rebaudengo e di San Gaetano furono costruite case per circa 6.000 abitanti. La Chiesa torinese ristrutturò la suddivisione territoriale e creò una nuova parrocchia la cui popolazione era costituita in parte dai parrocchiani delle tre parrocchie in parte dagli abitanti del nuovo quartiere. Una chiesa in legno, inaugurata il 6 gennaio 1968, e una baracca, anch’essa in legno, furono i locali della parrocchia per le funzioni religiose ma anche spazi aperti a usi necessari per il bene comune, per le assemblee e per lo svago. La chiesa di legno di via Perosi 11 è comunque rimasta uno spazio utilizzato dalla parrocchia e dai parrocchiani e ha mantenuto a lungo un forte valore simbolico per la comunità del quartiere, infatti quella della “chiesetta in legno”, di via Perosi angolo via Tartini, fu un’importante esperienza di socializzazione. La parrocchia della Risurrezione non era una chiesa monumentale, bensì uno spartano punto di riferimento per il rione, richiesta dalla comunità dei credenti, accordata dal vescovo Michele Pellegrino, fondata e retta a lungo da don Piero Gallo. Nel 1968 venne il momento di costruire la nuova chiesa in muratura, nella zona compresa tra via Monte Rosa e via Pergolesi, l’8.10.1968 si tenne la cerimonia della posa della prima pietra e il 30.09.1979 avvenne la consacrazione.


.
.
.
.
.
.
.
.
.

_______________________________________
Tutto questo per ritrovarci adesso con simili messe:
.
.
.

.

26:18
il vandea
Non e' una messa. E'un'' adorazione eucaristica modernistico-conciliare'.
Mascotte Signor shares this
304