Negromanzia papale in mondovisione. Bergoglio partecipa ad un rito pagano che invoca «il sacro circolo degli spiriti»

Nel quarto giorno del suo «pellegrinaggio» apostolico in Canada, papa Francesco si è unito a un rituale pagano indiano di «smudging» («purificazione») durante la sua visita in Quebec, partecipando alla pratica indigena prima di pronunciare un lungo discorso in cui ha espresso «profonda vergogna e dolore» per il ruolo svolto dai membri della Chiesa cattolica nella storia del Canada.

Arrivato a Quebec City, dopo brevi presentazioni, Bergoglio, insieme a dignitari civili, è stato accolto nella sala dei ricevimenti mentre un uomo indigeno cantava e suonava un tamburo. Secondo il presentatore, una «tradizionale lampada Inuit è stata accesa».

Come parte della prevista cerimonia di benvenuto, un anziano della nazione Huron-Wendat ha aperto il procedimento avviando quella che è nota come una «purificazione rituale nelle quattro direzioni», usando erba e piume di animali per diffondere il fumo rituale nella stanza.

Nel quarto giorno del suo «pellegrinaggio» apostolico in Canada, papa Francesco si è unito a un rituale pagano indiano di «smudging» («purificazione») durante la sua visita in Quebec, partecipando alla pratica indigena prima di pronunciare un lungo discorso in cui ha espresso «profonda vergogna e dolore» per il ruolo svolto dai membri della Chiesa cattolica nella storia del Canada.

Arrivato a Quebec City, dopo brevi presentazioni, Bergoglio, insieme a dignitari civili, è stato accolto nella sala dei ricevimenti mentre un uomo indigeno cantava e suonava un tamburo. Secondo il presentatore, una «tradizionale lampada Inuit è stata accesa».

Come parte della prevista cerimonia di benvenuto, un anziano della nazione Huron-Wendat ha aperto il procedimento avviando quella che è nota come una «purificazione rituale nelle quattro direzioni», usando erba e piume di animali per diffondere il fumo rituale nella stanza.

Come scrive il sito pro-life canadese LifeSiteNews, il rituale, che scimmiotta l’uso dei sacramenti e dei sacramentali cattolici, «è un chiaro atto di superstizione pagana», che ricorda la venerazione del Santo Padre dell’idolo pagano pdella Pachamama in Vaticano nel 2019.

Al pontefice quindi è stata presentata una piuma di tacchino e un’erba dolce, poi gli è stato chiesto a tutti di partecipare a un «cerchio in spirito», da cui «possiamo visualizzare un fuoco sacro». Ha aggiunto che «il fuoco sacro unisce tutto ciò che esiste nella creazione».

.

.

«Noi onoreremo la terra, il vento, l’acqua e il fuoco», ha dichiarato l’anziano indigeno con classiche parole esoteriche. «Noi onoreremo l’aspetto minerale, quello vegetale e quello umano».

Continuando il rituale, con schemi e contenuti tipici della magia rituale, l’anziano ha detto che «chiederà all’Est di aprire la sua porta in modo che possiamo avere accesso in quella direzione. Come per il Sud, aprirò anche la sua porta per avere accesso a quella direzione», ha aggiunto mentre sventolava ritualmente l’erba fumante con la piuma di tacchino.

«Chiederò all’Ovest e di aprire quella porta», che ha chiamato oscuramente «la porta della nonna», aggiungendo infine che «onorerà la direzione settentrionale», che l’anziano sedicente autoctono ha chiamato «la direzione dei nonni».

A tutti i presenti è stato chiesto di mettere le mani sul cuore. Le riprese video mostrano che papa Francesco, così come i vescovi e i cardinali di alto rango in prima fila tra l’udienza, eseguono tutti l’ordine cerimoniale pagano impartito loro.

Per «aprire le quattro direzioni» l’anziano sciamano ha fischiato quattro volte attraverso uno strumento in osso prima di dire: «Chiedo alla nonna occidentale di darci accesso al sacro cerchio degli spiriti in modo che possano essere con noi, così possiamo essere uniti e più forti insieme».

C’è stato un tempo, nella chiesa, che tale «accesso al sacro cerchio degli spiriti» era chiamato con un nome preciso, negromanzia. E condannato e perseguito dall’autorità cattolica. Ma ora, nella neochiesa conciliare, anche quello diventa permesso – anzi, promosso in prima persona, in mondovisione, dallo stesso romano pontefice…

Nel quarto giorno del suo «pellegrinaggio» apostolico in Canada, papa Francesco si è unito a un rituale pagano indiano di «smudging» («purificazione») durante la sua visita in Quebec, partecipando alla pratica indigena prima di pronunciare un lungo discorso in cui ha espresso «profonda vergogna e dolore» per il ruolo svolto dai membri della Chiesa cattolica nella storia del Canada.

Arrivato a Quebec City, dopo brevi presentazioni, Bergoglio, insieme a dignitari civili, è stato accolto nella sala dei ricevimenti mentre un uomo indigeno cantava e suonava un tamburo. Secondo il presentatore, una «tradizionale lampada Inuit è stata accesa».

Come parte della prevista cerimonia di benvenuto, un anziano della nazione Huron-Wendat ha aperto il procedimento avviando quella che è nota come una «purificazione rituale nelle quattro direzioni», usando erba e piume di animali per diffondere il fumo rituale nella stanza.

Come scrive il sito pro-life canadese LifeSiteNews, il rituale, che scimmiotta l’uso dei sacramenti e dei sacramentali cattolici, «è un chiaro atto di superstizione pagana», che ricorda la venerazione del Santo Padre dell’idolo pagano pdella Pachamama in Vaticano nel 2019.

Al pontefice quindi è stata presentata una piuma di tacchino e un’erba dolce, poi gli è stato chiesto a tutti di partecipare a un «cerchio in spirito», da cui «possiamo visualizzare un fuoco sacro». Ha aggiunto che «il fuoco sacro unisce tutto ciò che esiste nella creazione».

«Noi onoreremo la terra, il vento, l’acqua e il fuoco», ha dichiarato l’anziano indigeno con classiche parole esoteriche. «Noi onoreremo l’aspetto minerale, quello vegetale e quello umano».

Continuando il rituale, con schemi e contenuti tipici della magia rituale, l’anziano ha detto che «chiederà all’Est di aprire la sua porta in modo che possiamo avere accesso in quella direzione. Come per il Sud, aprirò anche la sua porta per avere accesso a quella direzione», ha aggiunto mentre sventolava ritualmente l’erba fumante con la piuma di tacchino.

«Chiederò all’Ovest e di aprire quella porta», che ha chiamato oscuramente «la porta della nonna», aggiungendo infine che «onorerà la direzione settentrionale», che l’anziano sedicente autoctono ha chiamato «la direzione dei nonni».

A tutti i presenti è stato chiesto di mettere le mani sul cuore. Le riprese video mostrano che papa Francesco, così come i vescovi e i cardinali di alto rango in prima fila tra l’udienza, eseguono tutti l’ordine cerimoniale pagano impartito loro.

Per «aprire le quattro direzioni» l’anziano sciamano ha fischiato quattro volte attraverso uno strumento in osso prima di dire: «Chiedo alla nonna occidentale di darci accesso al sacro cerchio degli spiriti in modo che possano essere con noi, così possiamo essere uniti e più forti insieme».

C’è stato un tempo, nella chiesa, che tale «accesso al sacro cerchio degli spiriti» era chiamato con un nome preciso, negromanzia. E condannato e perseguito dall’autorità cattolica. Ma ora, nella neochiesa conciliare, anche quello diventa permesso – anzi, promosso in prima persona, in mondovisione, dallo stesso romano pontefice…

C’è da comprendere come questo rituale di accesso al mondo degli spiriti sia presente in tutto l’esoterismo – cioè nel contrario della religione cattolica.

Nel quarto giorno del suo «pellegrinaggio» apostolico in Canada, papa Francesco si è unito a un rituale pagano indiano di «smudging» («purificazione») durante la sua visita in Quebec, partecipando alla pratica indigena prima di pronunciare un lungo discorso in cui ha espresso «profonda vergogna e dolore» per il ruolo svolto dai membri della Chiesa cattolica nella storia del Canada.

Arrivato a Quebec City, dopo brevi presentazioni, Bergoglio, insieme a dignitari civili, è stato accolto nella sala dei ricevimenti mentre un uomo indigeno cantava e suonava un tamburo. Secondo il presentatore, una «tradizionale lampada Inuit è stata accesa».

Come parte della prevista cerimonia di benvenuto, un anziano della nazione Huron-Wendat ha aperto il procedimento avviando quella che è nota come una «purificazione rituale nelle quattro direzioni», usando erba e piume di animali per diffondere il fumo rituale nella stanza.

Come scrive il sito pro-life canadese LifeSiteNews, il rituale, che scimmiotta l’uso dei sacramenti e dei sacramentali cattolici, «è un chiaro atto di superstizione pagana», che ricorda la venerazione del Santo Padre dell’idolo pagano pdella Pachamama in Vaticano nel 2019.

Al pontefice quindi è stata presentata una piuma di tacchino e un’erba dolce, poi gli è stato chiesto a tutti di partecipare a un «cerchio in spirito», da cui «possiamo visualizzare un fuoco sacro». Ha aggiunto che «il fuoco sacro unisce tutto ciò che esiste nella creazione».

«Noi onoreremo la terra, il vento, l’acqua e il fuoco», ha dichiarato l’anziano indigeno con classiche parole esoteriche. «Noi onoreremo l’aspetto minerale, quello vegetale e quello umano».

Continuando il rituale, con schemi e contenuti tipici della magia rituale, l’anziano ha detto che «chiederà all’Est di aprire la sua porta in modo che possiamo avere accesso in quella direzione. Come per il Sud, aprirò anche la sua porta per avere accesso a quella direzione», ha aggiunto mentre sventolava ritualmente l’erba fumante con la piuma di tacchino.

«Chiederò all’Ovest e di aprire quella porta», che ha chiamato oscuramente «la porta della nonna», aggiungendo infine che «onorerà la direzione settentrionale», che l’anziano sedicente autoctono ha chiamato «la direzione dei nonni».

A tutti i presenti è stato chiesto di mettere le mani sul cuore. Le riprese video mostrano che papa Francesco, così come i vescovi e i cardinali di alto rango in prima fila tra l’udienza, eseguono tutti l’ordine cerimoniale pagano impartito loro.

Per «aprire le quattro direzioni» l’anziano sciamano ha fischiato quattro volte attraverso uno strumento in osso prima di dire: «Chiedo alla nonna occidentale di darci accesso al sacro cerchio degli spiriti in modo che possano essere con noi, così possiamo essere uniti e più forti insieme».

C’è stato un tempo, nella chiesa, che tale «accesso al sacro cerchio degli spiriti» era chiamato con un nome preciso, negromanzia. E condannato e perseguito dall’autorità cattolica. Ma ora, nella neochiesa conciliare, anche quello diventa permesso – anzi, promosso in prima persona, in mondovisione, dallo stesso romano pontefice…

C’è da comprendere come questo rituale di accesso al mondo degli spiriti sia presente in tutto l’esoterismo – cioè nel contrario della religione cattolica. Lo si trova perfino nei riti di iniziazione della ‘Ndrangheta, dove, forse per influenza della setta massonica, si fanno invocazioni ad una «santa catena» di spiriti del triumvirato risorgimentale (cioè massonico) italiano: «Sotto la luce delle stelle e lo splendore della luna, formo la santa catena, nel nome di Garibaldi, Mazzini e La Marmora, con parole di uomo d’umiltà, formo la santa società».

Tornando allo scandalo in Canada, dopo il rituale pagano, Francesco ha pronunciato un discorso in cui condannava la «colonizzazione ideologica», lamentando una passata «mentalità colonialista» che, secondo lui, «trascurava la vita concreta delle persone e imponeva determinate modalità culturali predeterminate».

Al contrario, Bergoglio è sembrato sostenere con veemenza i riti pagani dei popoli indigeni, affermando che «la Santa Sede e le comunità cattoliche locali sono impegnate concretamente a promuovere le culture indigene attraverso forme specifiche e appropriate di accompagnamento spirituale, che prevedano l’attenzione alle loro tradizioni culturali, costumi , lingue e processi educativi, nello spirito della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni».

Proprio così: sì al paganesimo, e sotto l’egida ONU – due cose a cui il Vaticano odierno è sottomesso.

In precedenza, durante la sua visita in Canada, il papa, indossando il tradizionale copricapo indigeno, aveva assistito a una «danza di guarigione», piena di tamburi che apparentemente dovrebbero imitare «il battito del cuore di madre terra» – cioè, tradotto amazzonicamente, della Pachamama, la madre terra, l’idolo preferito di Bergoglio.

Ha detto il leader religioso indiano: «dall’Ovest abbiamo il vento, l’ossigeno che respiriamo, questo è il governo della madre terra. E sul lato nord abbiamo la madre terra, a madre terra è ciò che siamo. La madre terra è tutta la vita vegetale, la madre terra, nostra madre, è anche la madre di tutta la vita degli insetti, la madre terra è anche la madre di tutti gli animali sulla terra, nell’acqua, nell’aria».

«La madre terra, è ovviamente, la madre di tutta l’umanità», ha aggiunto il leader «spirituale».

Fonte: Home – RENOVATIO 21