Clicks3.2K

Perché molti si dannano: rivelazioni alla Ven. Maria d'Agreda

ESTRATTO DALLA MISTICA CITTÀ DI DIO, VITA DELLA VERGINE SANTISSIMA RIVELATA ALLA VENERABILE MARIA DI GESÙ D'AGREDA

Figlia mia, le penitenze corporali sono indispensabili: molti si sono persi per sempre e molti altri corrono lo stesso pericolo, perché hanno ignorato questo dovere e hanno dimenticato o addirittura disprezzato l’obbligo di abbracciare la croce. I mortali devono affliggere la loro carne innanzitutto perché sono stati concepiti nella colpa e con essa tutta la natura umana è diventata corruttibile, e le passioni inclini al male e ostili allo spirito si sono ribellate alla ragione; infatti, se si permette che queste seguano le proprie inclinazioni, trascinano l’anima facendola precipitare da un vizio all’altro.

Se però tale fiera viene soggiogata e domata col freno dell’astinenza, perde la sua forza e l’intelligenza ha il sopravvento con la luce della verità. Il secondo motivo per il quale ci si deve mortificare è che nessuno ha cessato di peccare contro Dio. Alla trasgressione deve corrispondere inevitabilmente il castigo, o in questa vita o nell’altra, e, poiché l’anima e il corpo hanno peccato insieme, devono essere puniti entrambi secondo equità; il dolore interiore non è sufficiente, se la carne per non dover patire tenta di schivare la pena adeguata. Il debito del reo è tanto grande quanto la sua capacità di rimediare è limitata e scarsa: egli non saprà mai, quantunque si sforzi ininterrottamente, se avrà potuto riparare e rendere soddisfazione al giudice, e quindi non deve smettere di impegnarsi fino alla fine dei suoi giorni.

La divina clemenza è a tal punto liberale con gli uomini che, se essi cercano come possono di espiare i loro peccati con la penitenza, sua Maestà non solo si mostra compensato delle offese subite, ma anche promette loro nuove grazie e il premio eterno. È necessario che i servi fedeli e prudenti, che amano veramente il loro Signore, procurino di aggiungere altre opere volontarie, perché al debitore che pensa solamente a pagare, senza fare più di quello che deve, benché paghi, nulla avanza ed egli resta povero, senza alcun capitale. Che cosa dunque devono fare o sperare coloro che non pagano, né compiono nulla a tal fine? Il terzo motivo per il quale ci si deve maggiormente mortificare è la sequela del nostro Maestro. Egli ed io, sebbene non avessimo né macchie né passioni disordinate, ci sacrificammo e tutta la nostra esistenza terrena trascorse nella continua afflizione dei sensi. Non bisognava che il Cristo sopportasse questi oltraggi per entrare nella gloria del suo corpo e del suo nome? Ed io lo seguii in tutto.

Ordunque, se noi ci siamo comportati in questo modo perché conveniente, quale diritto hanno i discendenti di Adamo di cercare un altro cammino e di condurre una vita comoda, molle, dilettevole e avida di piaceri, aborrendo e disprezzando tutte le fatiche, le ignominie, i digiuni e gli atti di compunzione? Quale argomento adducono per cui il soffrire dovrebbe essere solo per il mio Unigenito e per me, mentre coloro che si procurano la condanna se ne stanno con le mani in mano, dediti alle lussuriose inclinazioni della carne, e usano le forze spirituali, che hanno ricevuto da lui per porsi al suo servizio e ricalcare le sue orme, per appagare i loro piaceri e per servire satana che li ha fin là trascinati? Questa mostruosità, che ormai regna dappertutto, ha provocato l’ira e l’indignazione dell’Onnipotente.

È vero, carissima, che i tormenti di mio Figlio hanno riparato le mancanze dei meriti umani. Egli ordinò anche a me di imitare precisamente i suoi supplizi e i suoi esercizi, affinché, sebbene fossi solo una semplice creatura, cooperassi con lui facendo le veci dei mortali. Ciò però non avvenne per esonerare questi ultimi dalla penitenza, ma per incitarli ad essa; infatti, non sarebbe stato necessario patire così tanto solo per rendere soddisfazione per essi. Gesù, come vero padre e fratello, volle anche dare valore alle azioni e alle mortificazioni di chi lo avrebbe seguito, poiché le stesse sarebbero state di poco conto agli occhi dell’Altissimo senza quelle che fece lui.

E se questo vale per le opere virtuose e perfette, che sarà di quelle piene di difetti comunemente fatte dagli uomini, benché siano oggetto di virtù? Infatti, anche quelle di coloro che sono progrediti spiritualmente e giusti hanno bisogno di essere integrate e migliorate. Il nostro Salvatore ne colmò tutti i vuoti e le lacune affinché queste stesse, unite alle sue, fossero accette e gradite al sommo sovrano. Chi però non ne compie alcuna e se ne sta ozioso, non può avvalersi delle opere del suo Redentore: non si trova, infatti, in lui nulla da integrare o da ritoccare, ma al contrario molto da condannare. Ora, non mi riferisco all’esecrabile errore di quei credenti che perfino nelle pratiche di penitenza hanno introdotto la sensualità e la vanità del mondo.

Per essi è opportuno un maggior castigo più per questo che per le altre colpe, dal momento che uniscono alla contrizione fini vani ed imperfetti dimenticando quelli soprannaturali che danno merito alla mortificazione e pongono in stato di grazia. Se sarà utile, ti parlerò di tale argomento in un’altra occasione. Per ora piangi su una simile cecità e tieniti pronta a sopportare ogni fatica e dolore, e, se anche tu soffrissi come gli apostoli, i martiri e i confessori, faresti solo il tuo dovere. Castiga sempre il tuo corpo e moltiplica lo zelo nel farlo; pensa che ti mancano ancora molte cose, che la vita è così breve e debole è la tua capacità di retribuzione.
Kiakiar
Mistica citta di Dio andrebbe letto come compendio al catechismo. La Madonna ci spiega mirabilmente il vangelo attraverso la venerabile. In pochi infatti ricordano le parole di Gesu " Se non farete penitenza morirete tutti allo stesso modo " Luca 13, 3. Peccato che poi abbiano tradotto questo versetto con " se non vi convertirete ...." Certo che pero è difficile applicarsi alla rinuncia di quei …More
Mistica citta di Dio andrebbe letto come compendio al catechismo. La Madonna ci spiega mirabilmente il vangelo attraverso la venerabile. In pochi infatti ricordano le parole di Gesu " Se non farete penitenza morirete tutti allo stesso modo " Luca 13, 3. Peccato che poi abbiano tradotto questo versetto con " se non vi convertirete ...." Certo che pero è difficile applicarsi alla rinuncia di quei vizi a cui siamo piu attaccati, i buoni propositi sono tanti ma poi nella pratica, almeno a me capita di concretizzarne molto pochi.🥺
Riccardo Piva
Condivido. Il male si dilaga sempre più, assecondato dalla nostra stoltezza di vivere secondo le inclinazioni al male insite in noi e dalla nostra cecità di occhi divenuti ormai incapaci di discernere, se non lo aborriamo con la preghiera e la penitenza.
Apprezzo molto i suoi commenti, quando mi capita di leggerli. Per caso ha un suo canale? Ha una email dove poterLa contattare?
Buona e santa …More
Condivido. Il male si dilaga sempre più, assecondato dalla nostra stoltezza di vivere secondo le inclinazioni al male insite in noi e dalla nostra cecità di occhi divenuti ormai incapaci di discernere, se non lo aborriamo con la preghiera e la penitenza.
Apprezzo molto i suoi commenti, quando mi capita di leggerli. Per caso ha un suo canale? Ha una email dove poterLa contattare?
Buona e santa giornata
🙏❤️🔥🌹
vincenzo angelo
In linea generale tutto condivisibile. Presi uno per uno,nel quotidiano,la venerabile fu guidata da Maria,cosi' come sempre un religioso ha il dovere dell'obbedienza ai superiori,ma in dettaglio si trova comunque a doversi regolare da solo.Per noi laici forse é anche piu' difficile:meno "struttura"piu' liberta' ma piu' necessita' di ascoltare coscienza e cuore,eppure piu' distrazione involontaria…More
In linea generale tutto condivisibile. Presi uno per uno,nel quotidiano,la venerabile fu guidata da Maria,cosi' come sempre un religioso ha il dovere dell'obbedienza ai superiori,ma in dettaglio si trova comunque a doversi regolare da solo.Per noi laici forse é anche piu' difficile:meno "struttura"piu' liberta' ma piu' necessita' di ascoltare coscienza e cuore,eppure piu' distrazione involontaria oltreché volontaria legata alla natura umana indebolita.Per fortuna per tutti c'é una supervisione della Provvidenza,la "gelosia"di Dio.Per fortuna Dio ha voluto e vuole scrivere la Sua Legge nei cuori.Senno',a pensarci seriamente, ci sarebbe da prendersi l'esaurimento nervoso e rinunciare.