Scoperto un raro mosaico dell’Arca di Noè in un’antica sinagoga

1) anno 2016
aleteia.org/…scoperto-raro-mosaico-arca-di-noe-antica-sinagoga/

Due pannelli estremamente rari

Un gruppo di archeologi sta conducendo degli scavi dal 2011 nella sinagoga di Huqoq, un antico villaggio nella regione della Bassa Galilea, in Israele.
Il mese scorso, un’équipe a cui partecipavano studenti e personale di quattro università statunitensi ha dissotterrato quella che potrebbe essere la scoperta più sorprendente fatta finora: due pannelli di mosaici che rappresentano la storia dell’Arca di Noè e la divisione delle acque del Mar Rosso.

I pannelli, ritenuti estremamente rari per il contenuto e la qualità, decoravano il suolo della navata della sinagoga, risalente al V secolo a.C., nel tardo periodo romano.
Uno dei pannelli mostra il racconto dell’Arca di Noè (dal libro della Genesi, capitoli 6-9) con coppie di leoni, leopardi, serpenti, orsi, elefanti, struzzi, capre, pecore e altri animali.

L’altro mosaico rappresenta in modo vivido la divisione del Mar Rosso (da Esodo 14, 26), un’immagine dettagliata con enormi pesci che ingoiano soldati dell’esercito egiziano, carri rovesciati e cavalli annegati.

I mosaici sono affiorati durante la quinta stagione di scavi sul luogo.
Attualmente il progetto di scavi a Huqoq coinvolge esperti dell’Autorità per le Antichità di Israele, oltre a studenti e impiegati dell’Università Baylor, dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, dell’Università Brigham Young e dell’Università di Toronto.

...........................................................................................................................
anno 2018

ilfattostorico.com/…018/12/13/mosaici-biblici-nella-sinagoga-di-huqoq/
Giona inghiottito da un pesce nella sinagoga di Huqoq. In alto tre arpie (Jim Haberman)

L’Università della Carolina del Nord (UNC) ha rilasciato nuove immagini in alta definizione degli spettacolari mosaici scoperti nella sinagoga di Huqoq, in Israele. Gli scavi sono cominciati nel 2012 e da allora emergono scene religiose quali l’Arca di Noè, il passaggio del Mar Rosso, Giona e il grande pesce, la Torre di Babele, e anche soggetti non biblici tra cui, forse, Alessandro Magno. I mosaici risalgono al V secolo d.C., quando Huqoq era un piccolo centro rurale.

I mosaici stupiscono per il livello dei dettagli e i colori ancora vivaci (Mark Thiessen, National Geographic)

Scoperte 2018

La sinagoga di Huqoq si trovava in un villaggio vicino al Mare di Galilea. Dal 2012 la squadra di Jodi Magness (Università della Carolina del Nord a Chapel Hill) scava ogni estate il suo eccezionale pavimento a mosaico. Quest’anno, la scoperta più importante è stata il mosaico di una scena biblica tratta dal Libro dei Numeri, in cui due uomini vengono mandati da Mosè a esplorare la terra di Canaan. «L’arte ebraica antica viene spesso considerata aniconica o priva di immagini», ha dichiarato la direttrice dello scavo Magness. «Ma questi mosaici, colorati e pieni di scene figurate, attestano una ricca cultura visiva, nonché il dinamismo e la diversità del giudaismo nel tardo periodo romano e bizantino. Quello che non riesco a spiegarmi è come un edificio così magnifico possa trovarsi in un insediamento così piccolo».

Giunsero fino alla valle di Escol, dove tagliarono un tralcio con un grappolo d’uva, che portarono in due con una stanga, e presero anche melagrane e fichi.

Numeri, 13:23
Due degli uomini mandati da Mosé a esplorare il paese di Cànaan, come scritto nel Libro dei Numeri. L’iscrizione recita “un palo tra due” (Jim Haberman)

Soggetti biblici

I mosaici di Huqoq mostrano Sansone, l’Arca di Noè, la Torre di Babele, il passaggio del Mar Rosso, e Giona e il grande pesce. «Tutte le scene rappresentate a Huqoq sono molto dettagliate. Ad esempio, gli archeologi hanno individuato una dozzina di diverse specie di pesci, oltre a un polipo e a un delfino, nel pannello con Giona. La scena che descrive la costruzione della Torre di Babele presenta una varietà di lavoratori con diversi colori della pelle, abbigliamento e acconciature, che riflettono le differenze che nel racconto biblico Dio volle attribuire loro per punirli della costruzione della torre», ha scritto Kristin Romey su National Geographic.

Alessandro Magno?

Curiosamente ci sono anche dei soggetti non biblici: putti alati, maschere teatrali e soprattutto l’incontro tra due uomini – il capo di un esercito di soldati ed elefanti corazzati, e un sacerdote con un gruppo di persone vestite di bianco. Secondo gli storici Karen Britt e Ra’anan Boustan, la scena mostra la tregua raggiunta tra il Sommo sacerdote asmoneo Giovanni Ircano e il re dei Seleucidi Antioco VII, che nel 132 a.C. stava attaccando Gerusalemme. Per Jodi Magness, sono invece Alessandro Magno e il Sommo sacerdote di Gerusalemme; tale incontro non è mai avvenuto in realtà, ma la leggenda appare negli scritti di Flavio Giuseppe e nella letteratura rabbinica. Ad ogni modo, se una delle interpretazioni venisse confermata, sarebbe la più antica scena non biblica mai scoperta in una sinagoga.

In alto, gli animali dell’Arca di Noé. In basso, i soldati Egizi inghiottiti dalle acque del Mar Rosso (Oded Balilty, National Geographic)

(Jim Haberman)

I soldati del faraone spazzati via dal Mar Rosso e inghiottiti da dozzine di pesci (Jim Haberman)

In alto, i medaglioni con i 12 segni zodiacali e al centro il dio del Sole, Elio, su una quadriga. Al centro, Giona inghiottito da un pesce. In basso, la costruzione della torre di Babele (Oded Balilty, National Geographic)

(Jim Haberman)

Gli archeologi della campagna di scavo (Jim Haberman)

(Mike McNey, National Geographic)

La scena non biblica: Alessandro Magno e il Sommo Sacerdote di Gerusalemme, o Antioco VII e il Sommo sacerdote Giovanni Ircano? (Mark Thiessen, National Geographic)

Times of Israel

National Geographic

Università della Carolina del Nord a Chapel Hill

Bible History Daily
alda luisa corsini shares this
7601
alda luisa corsini
Sul mosaico delle "spie" di Mosè si veda: IL MOSAICO DELLE "SPIE"... - Daniele Mancini Archeologia
One more comment from alda luisa corsini
Don Andrea Mancinella
" «L’arte ebraica antica viene spesso considerata aniconica o priva di immagini», ha dichiarato la direttrice dello scavo Magness. «Ma questi mosaici, colorati e pieni di scene figurate, attestano una ricca cultura visiva, nonché il dinamismo e la diversità del giudaismo nel tardo periodo romano e bizantino."
Ecco, appunto, questa mi pare la scoperta più grande, oltre alla bellezza delle raffigurazioni …More
" «L’arte ebraica antica viene spesso considerata aniconica o priva di immagini», ha dichiarato la direttrice dello scavo Magness. «Ma questi mosaici, colorati e pieni di scene figurate, attestano una ricca cultura visiva, nonché il dinamismo e la diversità del giudaismo nel tardo periodo romano e bizantino."

Ecco, appunto, questa mi pare la scoperta più grande, oltre alla bellezza delle raffigurazioni musive degli eventi biblici descritti.
Avevano sempre sostenuto, molti studiosi (se non tutti), che gli ebrei si fossero sempre rifiutati di ritrarre esseri umani in obbedienza alle Sacre Scritture - male interpretate da loro, anche su questo punto - mentre invece in questa sinagoga risulta l'esatto contrario.
Non so se esistano altri esempi del genere, in Terra Santa.
Mi pare, forse, dei mosaici nell'area della Gerico erodiana, ma ora non ricordo bene.
Grazie cara Dottoressa Corsini per questo interessantissimo post!
Eremita della Diocesi di Albano
alda luisa corsini
Da Treccani, sotto voce Giudaica, Arte:"....gode di molto credito la teoria secondo cui le illustrazioni cristiane del Vecchio Testamento si sarebbero largamente ispirate a manoscritti illustrati ebraici, di cui esisteva già una tradizione consolidata, anche se nessuna di queste opere si è conservata (v. Bibbia)."
e ancora sotto la stessa voce si legga il paragrafo:
Rinvenimenti archeologici: "…More
Da Treccani, sotto voce Giudaica, Arte:"....gode di molto credito la teoria secondo cui le illustrazioni cristiane del Vecchio Testamento si sarebbero largamente ispirate a manoscritti illustrati ebraici, di cui esisteva già una tradizione consolidata, anche se nessuna di queste opere si è conservata (v. Bibbia)."
e ancora sotto la stessa voce si legga il paragrafo:

Rinvenimenti archeologici: "la Tarda Antichità e la dominazione bizantina in Palestina (324-638)" e seguenti.
alda luisa corsini
Cfr. Sinagoga di Gerico - Read italiano per il mosaico della sinagoga di Gerico.
Don Andrea Mancinella
Grazie perle precisazioni, cara Dottoressa. Riguardo a Gerico, non ricordavo esattamente il fatto.
Gesù, Maria SS.ma, San Giuseppe, salvateci!
Eremita della Diocesi di Albano