03:24
notiziario
2425
Cristo è nato - e Pachamama appare Venerdì scorso, la culla di Natale è stata svelata in Piazza San Pietro. Le figure provengono dalla comunità di Chopcca nella regione di Huancavelica nelle Ande …More
Cristo è nato - e Pachamama appare

Venerdì scorso, la culla di Natale è stata svelata in Piazza San Pietro. Le figure provengono dalla comunità di Chopcca nella regione di Huancavelica nelle Ande peruviane.

Natività del villaggio Pachamama più famoso del mondo

Villaggio Pachamama. Andrea Cionci ha chiesto su LiberoQuotidiano.it perché sia stato scelto il paese di Chopcca. La sua risposta: Il Ministero della Cultura peruviano scrive su Los Chopcca de Huancavelica che i missionari cristiani non sono riusciti a diffondere il cristianesimo e che le vecchie pratiche pagane vengono ancora portate avanti. In particolare, vi si venerano gli spiriti Apus o Wamanis e la dea della terra Pachamama.

Il presepe è la rappresentazione di un evento storico - con le pecore

Liturgia della Pachamama. Il culto della Pachamama nella regione di Huancavelica usa piccoli lama, mais, quinoa, patate, fagioli, pannocchie, vino, birra, limonata o foglie di coca. Il presepe del Vaticano è simile. Almeno 8 lama sono visibili lì, così come i frutti patate, mais, quinoa, kiwicha e cañihua.

Inflazione delle banalità, inflazione del Cristo bambino

In Italia, la strana culla natalizia è già stata ribattezzata "Pachamamica", scrive Fabio Battiston su AldoMariaValli.it. Battiston giudica il presepe piuttosto ateo. Per anni, le culle in Piazza San Pietro sono state un modo per Francesco di rappresentare la sua chiesa pan-universale - per esempio, la culla omosessuale con un uomo nudo nel 2017 o la culla del mostro del 2020. Quest'anno, la culla sta per amazzonismo ed eco-ideologia. Si tratta di abbandonare Dio e secolarizzare la Chiesa, di giustizia sociale, fraternità politica e naturalismo. Il presepe bergogliano presenta la stessa ideologia della festa invernale delle case di consumo o l'ideologia di Padre Frost nel blocco sovietico. Si celebrano i paesaggi, le luci, gli animali e le cime innevate, ma non la nascita del Signore.

Simboli, liturgia, morale, pastorale - tutto senza Dio

Per Battiston, questa strategia di desacralizzazione corre a tutti i livelli della chiesa. Include non solo la culla di Natale, ma anche il Novus Ordo nella liturgia, l'eco-ideologia nella dogmatica, e l'immigrazione di massa, il pauperismo e l'omo-fustigazione nella pastorale. Allo stesso tempo, la gente scappa in massa, soprattutto agli eventi di Francesco.