Clicks1.4K
it.news

Un pretesto: I "delitti" attribuiti agli araldi del Vangelo

Il giornale brasiliano Globo.com (20 ottobre) che appartiene a un milliardario, ha pubblicato un articolo fazioso sugli Araldi del Vangelo, accusandoli di "abusi psicologici" e "umiliazione".

Un autore anonimo, identificato come "Fantástico", ha sentito 23 ex studenti malcontenti o membri degli Araldi che gestiscono 15 scuole in Brasile con circa 700 studenti.

Ha anche prodotto un video in cui quasi tutti gli accusatori evitano di mostrare i loro volti.

Fantástico accusa il collegio di Santa Inês vicino a San Paolo dove gli Araldi hanno anche costruito un bellissimo castello e una chiesa.

Una madre sostiene che suo figlio aveva "paura di tornare a casa" perché credeva che "la salvezza era solo all'interno degli Araldi".

Un certo Alex ha trascorso [volontariamente] 18 anni come araldo e dice che "si sta ancora riprendendo dai suoi traumi". Nessuno sa quali sono i suoi veri problemi. Racconta di aver imparato a sparare.

Una donna, una ex-convittrice, ha detto che una mattina si è svegliata con la sua regione intima che sanguinava irritata e gonfia. Insinua che è stata "drogata".

Un'altra ragazza ha detto che il fondatore, padre João Clá, "l'ha baciata sulla bocca dopo la Messa, nella sacrestia".

"Questa dichiarazione di baci sulla bocca è una calunnia", rispose padre Alex Barbosa de Brito, portavoce degli Araldi.

Qualcun altro ha accusato gli Araldi di "razzismo", perché la maggior parte di loro erano "biondi con gli occhi chiari", mentre i membri più scuri sarebbero stati confinati in cucina. Tuttavia, nessuno dei superiori degli Araldi è particolarmente "biondo".

Solo l'anno scorso, un procuratore si è rifiutato di dare seguito ad accuse. Ora, gli accusatori ci hanno riprovato di nuovo. Un resoconto del procuratore è stato fatto trapelare a Fantástico, un fatto che costituisce un crimine.

Il procuratore ha scoperto che gli alunni "non possono possedere un telefono cellulare", ma hanno accesso a telefoni fissi e c'è un sistema di messaggeria.

Ha notato che nelle stanze degli alunni "non ci sono foto di parenti o amici" ma di padre Clá e di persone "esaltate dagli Araldi", probabilmente santi.

Il procuratore non ha trovato "libri di storia brasiliana" o "letteratura nazionale", il che probabilmente non costituisce un crimine.