Clicks987
signummagnum
65

Iddio salvi l'Italia! (La Scure di Elia)

Ci siamo occupati, ultimamente, di categorie protette, ossia di quelle minoranze etniche o sociali a cui, per il semplice fatto di essere quelle determinate minoranze, tutto o quasi è permesso. In virtù di una sorta di complesso di eccellenza, i loro membri son convinti di essere al di sopra delle leggi comuni e riconoscono come unica morale quella che li autorizza a far sempre e comunque quel che vogliono, a prescindere dai diritti altrui. Secondo un paradossale razzismo rovesciato, i cittadini normali, pur costituendo la stragrande maggioranza della popolazione, obbligata a lavorare in modo sempre più stressante, a pagare una delle tassazioni più esose al mondo, a fare spesso i salti mortali per arrivare a fine-mese e, di conseguenza, ad aggiungere regolarmente nuovi buchi alla cinghia, sono discriminati a casa loro, dovendo subire capricci, abusi, angherie e prevaricazioni non solo da parte dei rappresentanti delle istituzioni, che dovrebbero teoricamente tutelarli (visto che li pagano profumatamente), ma anche da parte delle minoranze privilegiate, le quali sanno di poter contare sul favore di magistrati compiacenti che applicano le leggi in modo quantomeno arbitrario. Anch’essi, in realtà, formano una casta, che comprende pure quegli psicologi, avvocati e assistenti sociali che rubano i bambini ai genitori legittimi per affidarli a pervertiti, oppure obbligano alla rieducazione coatta chiunque osi dissentire dal pensiero dominante.

Non tutte le minoranze, tuttavia, sono uguali né hanno lo stesso peso: ce n’è una che tira i fili e le altre che le servono da strumenti di destabilizzazione. Da noi, in Italia, sembrava che si fosse messo in moto un processo mirante a invertire la tendenza, almeno contenendo l’invasione di clandestini che pretendono di entrare illegalmente nel nostro territorio, traghettati dalle ONG finanziate da Soros e politicamente dirette da Francia e Germania. Poi, come un fulmine a ciel sereno, questa inopinata crisi di governo, provocata proprio da colui dal quale meno ce la si poteva aspettare. Il personaggio aveva già ampiamente esibito, purtroppo, tutta la propria inadeguatezza: oltre a una rozzezza e una volgarità assolutamente inaccettabili da parte del titolare di uno dei ministeri più importanti, le quali offendono la dignità della sua funzione e di coloro che rappresenta, a lasciare sgomenti è la disarmante mancanza di preparazione e di finezza politica. La sua mossa avventata, ora, ha consegnato il Paese all’ennesimo esecutivo abusivo di sinistra, composto di traditori al servizio di interessi estranei; la stampa di regime, del resto, già ci aveva indottrinati in questo senso.

È legittimo tentare qualche ipotesi sui motivi di questo inedito ribaltone ferragostano provocato nel momento meno indicato per il bene della Nazione, non solo per la programmazione finanziaria in vista, ma pure per l’imminente scadenza fissata dalla Corte Costituzionale in riferimento all’eutanasia. La prima spiegazione che viene in mente è che il leader della Lega, avendo perso la testa in seguito al successo elettorale di maggio, abbia tentato il fatidico passo più lungo della gamba, sicuro di diventare Presidente del Consiglio in seguito a nuove elezioni. I suoi ex-alleati, invece, da quegli avventurieri spregiudicati che sono, senza morale né competenza né pudore, si son subito gettati tra le braccia degli odiati nemici di ieri, pedine insensate della scacchiera europeista e irriducibili difensori di un regime di privilegi e corruzione che perdura da settant’anni. Ciò induce a sospettare che già prima il capo del governo facesse il doppio gioco, compiacendo di soppiatto le pretese di Bruxelles, Parigi e Berlino dietro lo schermo delle continue bagarre interne alla coalizione da lui guidata. La mossa di Salvini si potrebbe allora interpretare come un tentativo estremo di mandare in fumo tali trame; ma perché non denunciarle espressamente? L’ultima congettura è che l’ordine di far saltare tutto sia arrivato da quel livello di potere che, controllando sia la destra che la sinistra, coordina i conflitti al fine di utilizzarli, con invisibili manovre, a vantaggio dei propri scopi.

Tutto il progetto europeista, nella sua stessa ispirazione e nel suo stesso esordio, è in realtà di matrice americana (leggi: ebraica, visto che sono i banchieri a dettar la politica degli Stati Uniti d’America, sia quella ufficiale che quella “sommersa”). È da almeno un secolo che, nei circoli iniziatici più esclusivi d’Oltreoceano, si preconizzano gli Stati Uniti d’Europa, copia conforme dell’entità sorta con la rivoluzione massonica del 1776 (quella con cui la “figlia” coloniale si ribellò alla “madre” britannica). Senza un motivo e un interesse, una superpotenza non entra in due conflitti mondiali, né riversa in un altro continente un fiume di denaro con la scusa della ricostruzione (delle macerie in gran parte provocate dalla sua stessa aviazione…). A tagliar corto, basti sapere che Jean Monnet, il vero promotore e architetto dell’Unione, era a tutti gli effetti un uomo di fiducia di Washington, oltre ad essersi distinto per i servigi resi alla Corona inglese tanto da diventar baronetto.

Le numerose basi militari americane presenti sul territorio europeo, prima soltanto occidentale, poi anche orientale, costituiscono del resto un indizio sufficiente per capire chi comandi davvero da noi, al di là di quelle cortine fumogene che sono meri giochi delle parti: la guerra fredda, lo scontro di civiltà, le rivalità commerciali sulle opposte sponde del Pacifico… L’Unione Sovietica sarebbe implosa dopo appena un paio d’anni senza il massiccio flusso di “prestiti” dalle banche statunitensi (leggi ancora:ebraiche); quanto alla matrice anglo-sionista del terrorismo islamico, sarebbe addirittura banale insistervi. Riguardo alla guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti, può essere interessante sapere che neanche Mao Tse-Tung avrebbe vinto la guerra civile, se a un certo punto l’Occidente non avesse inspiegabilmente tagliato i fondi a un Chiang Kai-Sheck in netto vantaggio. Oggi la Repubblica Popolare Cinese detiene un terzo del debito pubblico americano e, con la sua tecnologia digitale, può spiare chiunque. Gli accordi siglati con il governo uscente le avrebbero permesso di sorvegliare le basi installate sul nostro suolo? Ma l’esecutivo partorito dalla crisi, teoricamente, sarà ancor più amico di Pechino e sfavorevole a Washington.

Arcani dell’occulto governo unico del mondo, suddiviso in zone d’influenza che si equilibrino a vicenda… Certe minoranze, del resto, non si sentono legate da alcun patto, malgrado le sperticate attestazioni di allineamento dispensate in Israele nel dicembre scorso. La fedeltà, peraltro, avendo a fondamento la fede e la ragione, è assente dalla struttura psichica talmudica, regolata invece dalla vendetta e dalla sete di dominio. Lo stallone italico deve aver scalciato un po’ troppo, a meno che il copione non fosse concordato fin dall’inizio. Se l’han lasciato fare per un annetto buono, è forse semplicemente perché bisognava allentare la tensione dell’esasperato popolo bue con la passeggera illusione di un cambiamento; ma non doveva durare più di tanto… Questi pizzaioli di italiani sono comunque colpevoli di aver tentato di opporsi all’inarrestabile movimento del progresso, che deve annullare le identità nazionali e culturali per ridurre tutti a schiavi felici del sistema mondialista, economico, politico e “religioso” (basti pensare all’accordo tra Cina e Vaticano, che ha gettato milioni di cattolici nel tritacarne del regime). Il populismo è ammesso soltanto nella misura in cui rende la sottomissione più emotivamente sopportabile, ma non può assolutamente produrre risultati concreti: dobbiamo togliercelo dalla testa.

Torneremo dunque a mettere la nostra Marina Militare al servizio delle organizzazioni criminali che prosperano sul traffico di esseri umani, così che aumenti a dismisura la presenza di delinquenti che, nonostante i gravi reati commessi, vengono scarcerati perché possano commetterne di più gravi? La BCE potrà continuare ad estorcere alle nostre finanze pubbliche, con il fondo salva-Stati, decine di miliardi di euro da trasfondere nel salvataggio delle banche tedesche e francesi, fino a quando non sarà necessario metter le mani sui nostri risparmi? Francia e Germania, che si autorizzano allegramente a violare le norme del patto di stabilità, ma sono poi severissime con noi, persisteranno nel gioco di modificarle a ogni piè sospinto a loro uso e consumo, rendendo così impossibile l’adeguamento da parte nostra? La colossale truffa dell’Unione Europea non può essere arrestata, perché risponde ad un piano occulto del quale i vari Mattarella, Macron, Merkel, von der Leyen… non sono altro che stolidi burattini, colpevoli però di prestarvisi.

A un gioco delle parti fa pensare, in conclusione, anche l’ultima crisi di governo. Si vocifera di un accordo segreto tra il capo della Lega e il sodomita comunista – con ascendenze giudaiche, guarda caso – a capo del PB (Partito di Bibbiano), il quale, grazie alla mossa del primo, è di colpo diventato l’ago della bilancia. Al di là di tali indiscrezioni non verificabili, in ogni caso, di certo c’è il flirt di Salvini con Steve Bannon, l’inviato di Trump in Europa, documentato fra l’altro dalla foto che li ritrae raggianti in compagnia del principale finanziatore del Movement, il faccendiere ebreo belga Mischaël Modrikamen. C’è dunque una regia sotterranea che controlla opposti schieramenti che si combattono solo in superficie? Una lettura in profondità della storia di quest’ultimo secolo – non quella propinata da scuola e università – induce inevitabilmente a pensarlo, con buona pace degli isterici che scattano automaticamente gridando al complottismo.

Che i sovranisti italici non siano in realtà così insanabilmente invisi all’establishment di Bruxelles, d’altronde, lo suggerisce l’inopinato trasferimento del ministro Fontana dalla famiglia agli affari europei, che ha lasciato orfani i pro life nostrani, di lui così entusiasti. Sono state davvero le sue “scandalose” dichiarazioni a favore della famiglia naturale a suggerirne il ricollocamento in una posizione più defilata? o una manovra che ci sfugge? Comunque sia, di colpo lo scenario è saltato per aria proprio a causa di colui che si era detto «pronto a tutto per difendere le leggi, i confini e la dignità del nostro Paese»… Tra chi, da una parte, ci ha difeso nel modo che si è visto e chi, dall’altra, invoca più Europa per arginare l’egemonia americana (sic) al costo della perdita della sovranità nazionale, si direbbe che siamo stati consegnati a un mostro senza volto che vuol continuare a stritolarci per mezzo di un regime tecnocratico al quale i popoli ad esso sottomessi sono del tutto estranei, trattandosi di una macchina costruita da fuori con la cooperazione di traditori locali. Forse è questo il castigo che ci spetta per aver abbandonato Gesù Cristo. Non si può mica viver di rendita all’infinito per il solo fatto di ospitare la sede del Successore di Pietro; visto poi chi ci s’è piazzato adesso, prepariamoci al peggio.

Fonte:

lascuredielia.blogspot.com
cettinac likes this.
Sancte Joseph
Elia!!! tratta meglio Salvini per cortesia! Che come lui c'e solo Giorgia Meloni. Preoccupati del nuovo umanesimo di Conte e leggi l'intervista di stamattina su Libero a Fontana.
maria immacolta likes this.
Telefonata della Merkel.
Il governo Conte va fatto a ogni costo.

www.ilgiornale.it/…/telefonata-merk…

Conte e le amicizie con i pesci grossi che comandano in Vaticano
chiesaepostconcilio.blogspot.com/%E2%80%A6/il-trionfo-cosi…
GRILLOCRAZIA
Ecco il rinnovamento del nuovo partito guidato da un comico, che si allea con coloro che han perso le elezioni. I cinque stelle che sembravano diversi, ma che sono diversamente uguali. Abbiamo un governo guidato da uno sconosciuto e perciò un governo tecnico appoggiato per l'ennesima volta dalla sinistra liberal-massonica. Aspettatevi di venir tolte le poche cose che e' riuscito a …More
GRILLOCRAZIA
Ecco il rinnovamento del nuovo partito guidato da un comico, che si allea con coloro che han perso le elezioni. I cinque stelle che sembravano diversi, ma che sono diversamente uguali. Abbiamo un governo guidato da uno sconosciuto e perciò un governo tecnico appoggiato per l'ennesima volta dalla sinistra liberal-massonica. Aspettatevi di venir tolte le poche cose che e' riuscito a fare Salvini: quota 100, decreto sicurezza, aiuti per gli artigiani. La sinistra di cui i 5 stelle fanno parte ora é chiaro anche a chi li ha votati c'imporranno sacrifici, tasse e stagnazione economica. Grazie italiani che quando votate, votate di pancia e non di testa! Ecco il discorso del "grillo parlante" verso il PD:
"Basta, basta, io mi rivolgo al Pd, alla base, ai ragazzi del Pd. Sarete contenti, è il vostro momento questo. Il vostro momento. Abbiamo un'occasione unica"
Ecco il comico al servizio della gerontocrazia delle sedie (PD). Prima la criticava ma era il fumo verso il popolo italiano, che lanciava agli allocchi (che ci credevano) nelle piazze.
Ecco il video:
www.lapresse.it/%E2%80%A6/2019-08-31

P.S.
Mi sono imbattuto in un articolo che fa conoscere le amicizie di Conte con uno dei componenti della "Mafia di San Gallo" gruppo ristretto di cardinali che hanno spinto per l'elezione di Bergoglio. Lo stesso cardinale Silvestrini che Conte va a commemorare e altri pesci grossi del Vaticano.
Vedi:
chiesaepostconcilio.blogspot.com/…/il-trionfo-cosi…
signummagnum
Stimo profondamente "don Elia" che con le sue analisi ci sta aiutando a fare discernimento su tante cose, e anche il suo equilibrio in merito a questioni ecclesiali delicate è preziosissimo. Però mi sento di dissentire da lui sulla linea critica nei confronti dell'operato di Salvini.

Ricordo il recente intervento sul web dell'On. Claudio Borghi 🔴 Il professor Claudio Borghi, presidente della …More
Stimo profondamente "don Elia" che con le sue analisi ci sta aiutando a fare discernimento su tante cose, e anche il suo equilibrio in merito a questioni ecclesiali delicate è preziosissimo. Però mi sento di dissentire da lui sulla linea critica nei confronti dell'operato di Salvini.

Ricordo il recente intervento sul web dell'On. Claudio Borghi 🔴 Il professor Claudio Borghi, presidente della commissione finanze della camera spiega i retroscena della caduta del governoche ha fornito delle spiegazioni chiarissime sul perché dell'atto di sfiducia di Salvini: sembra davvero che non vi fosse più possibilità reale di continuare a governare il paese nelle condizioni in cui si era giunti e non rimaneva altro da fare, dopo il fallito tentativo del rimescolamento dei ministeri, che lasciare con onore il posto in attesa che l'incompetenza di quei delinquenti ascesi nuovamente al potere porti ad una convinzione degli italiani che al momento solo una coalizione Lega / Fratelli d'Italia sia davvero in grado di fare qualcosa di valido per il Paese.

Insinuare poi che Salvini in qualche modo faccia parte del complotto non penso sia accettabile. Potrò anche sbagliare ma ho letto ed ascoltato diverse analisi prima di assumere queste convinzioni.
Pietro81
Guardi anche io sono arrivato a pensare che pure la lega sia collusa con certi poteri, mi sono dato questa spiegazione oltre a quella che possa essere stata fatta una qualche tipo di magia per far mollare questo governo a Salvini senno avrebbero fatto un errore troppo grande
Fatima. likes this.
Christoforus78
Davvero pare di vivere in un incubo, ogni giorno le tenebre scendono più profonde. Dove ci si gira si vede solo perversione e spregio a Dio. Che il Signore abbia pietà del suo popolo!
Suari likes this.
Christoforus78 and 2 more users like this.
Christoforus78 likes this.
tyrondavid likes this.
nolimetangere likes this.