Clicks497
it.news
1

Francesco in Iraq: partigiani sciiti interrompono il combattimento

Saraya Awliya al-Dam ("I guardiani del sangue"), un movimento sciita di liberazione iracheno, ha annunciato la sospensione delle operazioni durante la visita di Francesco in Iraq.

Il gruppo aveva di recente rivendicato la responsabilità per l'attacco missilistico del 15 febbraio contro le forze di occupazione statunitensi a Erbil.

Secondo BasNews.com (5 marzo), il gruppo vuole "rispettare" l'Ayatollah Supremo sciita iracheno Ali al-Sistani, aggiungendo: "Dato che siamo arabi, onoriamo gli ospiti. [...] Diamo il benvenuto al Papa del Vaticano."

Foto: Vatican Media, #newsUfbfpdvgkb

Christoforus78
Il facente funzione di papa è andato in Iraq quasi solo per incontrare i leader sciiti. Ha questa ossessione della collaborazione tra le religioni. Ma a quale scopo collaborare? Ad un progetto politico e portato avanti da chi? Le religioni sono spesso strumento del potere per controllare e gestire i popoli. La Vera Fede è un altra cosa, Dio guida chi si sceglie, Dio si rivela a chi vuole …More
Il facente funzione di papa è andato in Iraq quasi solo per incontrare i leader sciiti. Ha questa ossessione della collaborazione tra le religioni. Ma a quale scopo collaborare? Ad un progetto politico e portato avanti da chi? Le religioni sono spesso strumento del potere per controllare e gestire i popoli. La Vera Fede è un altra cosa, Dio guida chi si sceglie, Dio si rivela a chi vuole conoscerlo, Dio ci mostra la Verità. Ma il potere ripete come Pilato, "Che cosa è la verità? ". Chi insegue i propri progetti, come quasi tutti gli attuali capi politici e religiosi, non può neppure tollerale l'idea che sia Dio a guidare gli eventi, loro gli illuminati hanno una agenda da portare avanti.