Clicks1.9K

P.G.Cavalcoli, OP: (3)Aspetti pastorali e aspetti dottrinali.

Matilde
9
3 Sul concilio: Aspetti pastorali e aspetti dottrinali. P.Giovanni Cavalcoli, OP - Il Concilio Vaticano II: continuità nella riforma.More
3 Sul concilio: Aspetti pastorali e aspetti dottrinali.
P.Giovanni Cavalcoli, OP - Il Concilio Vaticano II: continuità nella riforma.
Matilde
La parola "mondo" ha molti significati. La Parola di Dio ci dice che "Dio ha tanto amato il mondo da dare suo Figlio" e che Gesù Cristo ha inviato i suoi Apostoli in tutto il mondo.
Le "dottrine di fede" del Concilio Vaticano II, essendo un Concilio della Chiesa Cattolica, sono parte del Magistero della Chiesa Cattolica.
Se poi Lei si riferisce a direttive pastorali o a successive interpretazioni…More
La parola "mondo" ha molti significati. La Parola di Dio ci dice che "Dio ha tanto amato il mondo da dare suo Figlio" e che Gesù Cristo ha inviato i suoi Apostoli in tutto il mondo.
Le "dottrine di fede" del Concilio Vaticano II, essendo un Concilio della Chiesa Cattolica, sono parte del Magistero della Chiesa Cattolica.
Se poi Lei si riferisce a direttive pastorali o a successive interpretazioni non corrispondenti alla retta fede, è chiaro che non stiamo parlando della stessa cosa.
Matilde
hpoirot
Il beato cardinal Newman diceva: "La Chiesa ... considera il mondo e tutto ciò che contiene, come un’ombra vana, come polvere e cenere, in paragone di ciò che vale anche una sola anima"

Il CVII ha voluto aprirsi al mondo e elaborare dottrine che fossero accettate dal mondo, quello stesso mondo

1) cha il beato Newmann considerava un’ombra vana, come polvere e cenere

2) di cui NSGC diceva …More
Il beato cardinal Newman diceva: "La Chiesa ... considera il mondo e tutto ciò che contiene, come un’ombra vana, come polvere e cenere, in paragone di ciò che vale anche una sola anima"

Il CVII ha voluto aprirsi al mondo e elaborare dottrine che fossero accettate dal mondo, quello stesso mondo

1) cha il beato Newmann considerava un’ombra vana, come polvere e cenere

2) di cui NSGC diceva "Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo"
Matilde
Sono P.Giovanni Cavalcoli, OP, (mail: padrecavalcoli@gmail.com). Riprendendo quello che ha già detto Matilde, vorrei chiarire che cosa intendo per sviluppo della Tradizione. Innanzitutto il contenuto della Tradizione sono le verità rivelate da Cristo e trasmesse oralmente dalla Chiesa lungo i secoli fino ad oggi. Queste verità vengono conosciute sempre meglio dalla Chiesa con l'assistenza …More
Sono P.Giovanni Cavalcoli, OP, (mail: padrecavalcoli@gmail.com). Riprendendo quello che ha già detto Matilde, vorrei chiarire che cosa intendo per sviluppo della Tradizione. Innanzitutto il contenuto della Tradizione sono le verità rivelate da Cristo e trasmesse oralmente dalla Chiesa lungo i secoli fino ad oggi. Queste verità vengono conosciute sempre meglio dalla Chiesa con l'assistenza infallibile dello Spirito Santo. Si tratta sempre delle stesse verità, le quali però vengono conosciute sempre meglio dalla Chiesa. Ciò vuol dire che una fase precedente della Tradizione non viene annullata o smentita da quella seguente, ma al contrario viene conosciuta meglio e con un maggiore approfondimento. P.G.Cavalcoli, OP
Matilde
P.Giovanni Cavalcoli Le risponderà con più calma.
Da parte mia vorrei dire due cose:
1. La Tradizione della Chiesa cattolica è radicata sulla Roccia di Pietro;
2. La Tradizione della Chiesa cattolica è viva, perchè il suo Fondatore, Gesù Cristo, che è Risorto dai morti, ha detto a Pietro: "Pasci le mie pecorelle" (Gv 21, 15-19); ed inoltre: "Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine …More
P.Giovanni Cavalcoli Le risponderà con più calma.
Da parte mia vorrei dire due cose:
1. La Tradizione della Chiesa cattolica è radicata sulla Roccia di Pietro;
2. La Tradizione della Chiesa cattolica è viva, perchè il suo Fondatore, Gesù Cristo, che è Risorto dai morti, ha detto a Pietro: "Pasci le mie pecorelle" (Gv 21, 15-19); ed inoltre: "Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo" (Mt 28, 20).
Non c'è e non ci può essere contraddizione all'interno della vera Tradizione della Chiesa cattolica. C'è uno sviluppo e un costante discernimento.
Quindi continuo a non comprendere, oltre il modo in cui Lei si esprime, anche quanto Lei dice.
Matilde
hpoirot
Nella sua risposta a P. Serafino M. Lanzetta a un certo punto lei dice...
"...giudicare il Concilio “alla luce della Tradizione”, è giusto, a patto che si intenda per “Tradizione” non la fase precedente il Concilio, ma quella piùavanzata e più progredita, stabilita dalle dottrine dello stesso Concilio. "

Bell'esempio di doppio salto carpiato con arrampicata su vetri incorporata... cosa signific…More
Nella sua risposta a P. Serafino M. Lanzetta a un certo punto lei dice...
"...giudicare il Concilio “alla luce della Tradizione”, è giusto, a patto che si intenda per “Tradizione” non la fase precedente il Concilio, ma quella piùavanzata e più progredita, stabilita dalle dottrine dello stesso Concilio. "

Bell'esempio di doppio salto carpiato con arrampicata su vetri incorporata... cosa significa ? che se la Mortalius Animos non é in accordo col CVII, non fa (più) parte della Tradizione !

Cioé come buttare alle ortiche le encicliche di sempre per salvare a tutti i costi il CVII.

Ma facciamola fare a un contadino questo studio sull'ermeneutica...
Lui ha ancora tutto il suo buon senso !
Matilde
Penso che sia necessario chiarire il significato della parola "Ecumenismo".
Leggendo quanto riportato dai precedenti "commenti", non ritrovo in pienezza quanto i Papi hanno detto su questo argomento e nemmeno ritrovo il significato che si ricava dai testi conciliari.
Matilde
hpoirot
Pio XI deploravail tentativo di unire gli uomini in nome di un vago e indistinto senso religioso, senza Cristo.

Scriveva infatti nella sua "Mortalium Animos" (1928), proprio a riguardo dei congressi ecumenici:

"Persuasi che rarissimamente si trovano uomini privi di qualsiasi sentimento religioso, sembrano trarne motivo a sperare che i popoli, per quanto dissenzienti gli uni dagli altri in …More
Pio XI deploravail tentativo di unire gli uomini in nome di un vago e indistinto senso religioso, senza Cristo.

Scriveva infatti nella sua "Mortalium Animos" (1928), proprio a riguardo dei congressi ecumenici:

"Persuasi che rarissimamente si trovano uomini privi di qualsiasi sentimento religioso, sembrano trarne motivo a sperare che i popoli, per quanto dissenzienti gli uni dagli altri in materia di religione, pure siano per convenire senza difficoltà nella professione di alcune dottrine, come su un comune fondamento di vita spirituale.

Perciò sono soliti indire congressi, riunioni, conferenze, con largo intervento di pubblico, ai quali sono invitati promiscuamente tutti a discutere: infedeli di ogni gradazione, cristiani, e persino coloro che apostatarono da Cristo o che con ostinata pertinacia negano la divinità della sua Persona e della sua missione.

Non possono certo ottenere l’approvazione dei cattolici tali tentativi fondati sulla falsa teoria che suppone buone e lodevoli tutte le religioni, in quanto tutte, sebbene in maniera diversa, manifestano e significano egualmente quel sentimento a tutti congenito per il quale ci sentiamo portati a Dio e all’ossequente riconoscimento del suo dominio.

Orbene, i seguaci di siffatta teoria, non soltanto sono nell’inganno e nell’errore, ma ripudiano la vera religione depravandone il concetto e svoltano passo passo verso il naturalismo e l’ateismo…".


Puo' farci una lezione sulle contraddizione tra la Mortalis Animum e le riunioni di Assisi ?
hpoirot
"L'écumensimo é nemico dell'immacolata"
San Massimilano Kolbe

Puo' farci una lezione su come mai GPII che difende l'ecumenismo ha fatto santo padre Kolbe che lo aveva combattuto tutta la vita ?
One more comment from hpoirot
hpoirot
Con tutto il rispetto per l'autorità Romana non mi convince per niente!

Paolo VI avrebbe fatto meglio a interessarsi come dice lei alla cultura francese non di Guitton e altri ma a quella di ...Mgr Lefebvre.

Le cause degli effetti che lei oggi cerca di spiegare a denti stretti Mgr Lefebvre le aveva indicate e le denunciava mezzo secolo fa! Era ora di alzarvi: la sveglia suona da decenni...

More
Con tutto il rispetto per l'autorità Romana non mi convince per niente!

Paolo VI avrebbe fatto meglio a interessarsi come dice lei alla cultura francese non di Guitton e altri ma a quella di ...Mgr Lefebvre.

Le cause degli effetti che lei oggi cerca di spiegare a denti stretti Mgr Lefebvre le aveva indicate e le denunciava mezzo secolo fa! Era ora di alzarvi: la sveglia suona da decenni...

Discutete ora dei problemi del Concilio, cercate di rimettere a posto i cocci, rincorrete la chimera dell'ermeneutica... ma fate prima di tutto autocritica su come mai ci sono voluti 40 anni per aprire una discussione. Oggettivamente penso che Lefebvre aveva visto giusto...

Cordialmente