Clicks564
Francesco I
9

L'esproprio proletario di Bergoglio

Se i più papisti del Papa pensavano che le preoccupazioni seguìte all’enciclica “Fratelli tutti” su una serie di aspetti, e fra questi la critica al concetto di proprietà privata, fossero le solite operazioni false e tendenziose dei cattolici non allineati alla Revolucion bergogliana, eccoli serviti. In un messaggio alla Conferenza internazionale dei giudici membri dei Comitati per i diritti sociali di Africa e America, Francesco lo ribadisce chiaro e tondo. Anzi, per restare in tema, papale papale: “Costruiamo la giustizia sociale sulla base del fatto che la tradizione cristiana non ha mai riconosciuto come assoluto e intoccabile il diritto alla proprietà privata”. Per Bergoglio, “il diritto alla proprietà è un diritto naturale secondario derivato dai diritti di cui tutti sono titolari, scaturito dai beni creati. Non vi è giustizia sociale in grado di affrontare l’iniquità che presupponga la concentrazione della ricchezza”.
Affermazioni assai scivolose, soprattutto se inquadrate nel contesto di un discorso che così esorta i giudici dei Comitati per i diritti sociali dei due continenti: “Nessuna sentenza può essere giusta, nessuna legge legittima se ciò che generano è più disuguaglianza”. Con tanto di invito finale a lottare “contro quanti negano i diritti sociali e lavorativi. Lottando contro quella cultura che porta a usare gli altri, a schiavizzare gli altri e finisce col togliere la dignità agli altri”.

Al netto di ovvietà come il rifiuto della schiavizzazione e della negazione dei diritti, che difficilmente potrebbero essere non condivise, un approccio per metà da socialismo reale in salsa sovietica e per metà da madurismo venezuelano, che alla valorizzazione dei talenti e all’etica del lavoro e della fatica quale strumento di realizzazione personale sembra preferire un rivendicazionismo redistributivo che come modello economico non ha fin qui dato grande prova di sé. Come proprio la storia di quel terzo mondo al quale Bergoglio si rivolge e al quale sembra guardare quasi come fonte di ispirazione dovrebbe invece dimostrare.

Insomma, dopo la patrimoniale di cui si sente parlare in casa nostra, l’esproprio proletario. Un passo avanti verso quella “Francesconomics” i cui contorni sono sempre più chiari e della quale ci occuperemo più diffusamente nei prossimi giorni. Intanto limitiamoci a rispondere attraverso la Dottrina sociale della Chiesa e la miliare enciclica “Rerum Novarum” di Leone XIII, rifacendoci alle osservazioni formulate su questo giornale dal professor Stefano Fontana a commento della “Fratelli tutti”.
Per quanto riguarda la concezione di disuguaglianza e inequità che per Francesco è la causa di tutti i mali, “quando la disuguaglianza è frutto dell’ingiustizia – scrive Fontana – va combattuta come ingiustizia. Ma quando la disuguaglianza è frutto o della natura o dell’impegno personale allora è una ricchezza per tutti. Anche la Rerum novarum di Leone XIII lo diceva, mettendo in guardia dalle utopie egualitariste che producono danni infinitamente maggiori di quelli che vorrebbero evitare. C’è il rischio che dalla valutazione della proprietà privata che papa Francesco esprime nell’enciclica derivino forme di statalismo populista, di pauperismo egualitario, di assistenzialismo deprimente. Bisognerebbe tornare a parlare di giustizia e non di diseguaglianza, ma per farlo bisogna superare le insufficienti dottrine moderne dell’equità (come per esempio Rawls) per tornare al concetto denso di bene comune”.


Quanto invece alle considerazioni critiche sulla proprietà privata, già formulate nella “Fratelli tutti”, la Dottrina sociale della Chiesa – ricorda il professore “ha sempre difeso il diritto naturale alla proprietà privata, frutto del lavoro, garanzia di vera libertà, tutela della famiglia, fattore propulsore dell’economia perché, diceva Leone XIII, uno si impegna di più sul suo che in quello degli altri. Il diritto naturale alla proprietà privata non contrasta con l’altro principio della destinazione universale dei beni e non ne è sottoposto e condizionato, come sembra sostenere papa Francesco. Sono sullo stesso piano o, si può dire, sono lo stesso principio. Infatti c’è un unico modo per realizzare in modo giusto e naturale la destinazione universale dei beni: diffondere la proprietà privata, che va ampliata e non ridotta, esaltata e non vilipesa, convenientemente valorizzata da un contesto etico e culturale veramente umano, ma non ridotta a questione marginale di una economia centralizzata”.
Più chiaro di così…
loccidentale.it
studer
Guardate il volto di Bergoglio - assomiglia spaccatamente a quello di Enver Hoxha, il presidente ateo militante dell'Albania del dopoguerra e come lui sottomesso e affascinato dal dispotismo orientale dei comunisti cinesi. Vi è una spintissima affinità fra questi due personaggi!
N.S.dellaGuardia
Cominci lui vendendo i suoi beni personali e della sua famiglia in Argentina, poi ne riparliamo...
Magari nel frattempo si legga la Rerum Novarum anziché i diari di che guevara o gli scritti del compagno lenin...
Francesco I
Pare che Bergoglio abbia un conto personale a Londra con un saldo di 20 milioni di sterline:
marcotosatti.com/…-una-chiesa-sempre-piu-povera/More
Pare che Bergoglio abbia un conto personale a Londra con un saldo di 20 milioni di sterline:
marcotosatti.com/…-una-chiesa-sempre-piu-povera/
SOLOVKI OLOCAUSTO IGNORATO
WALL STREET AND THE BOLSHEVIK REVOLUTION
voltairenet.org/…the_bolshevik_revolution-5.pdf
SOLOVKI OLOCAUSTO IGNORATO
Anche il vecchio "soviet" fu finanziato e imposto nel sangue alla Russia dall'OCCIDENTE. Non c'era neanche un russo nel GOLPE BOLSCEVICO, tutti di una sola etnia non russa, che odiava i russi e il cristianesimo, organizzato dalla diplomazia occidentale e pagato dalla finanza occidentale, Wall Street
il vandea
Almeno abolisci il settimo comandamento !! Ormai li ha aboliti quasi tutti !!
gianlub2
E' un essere infernale
lamprotes
Egli è la bocca dell'alta finanza che così dispone: grande reset ed annullamento della proprietà privata, insomma un nuovo "soviet" ma questa volta per l'Occidente. Chi come Orban ha fiutato l'inganno è un cattivo e maligno!
nolimetangere
Io non dó ascolto a quel che dice Bergoglio.
Non ha diritto di parlare (s) per i cattolici.