it.news
3411

Morta Alice von Hildebrand, ha difeso la Liturgia Romana

Alice von Hildebrand, vedova di Dietrich von Hildebrand (+1977), entrambi difensori della Liturgia Romana, è morta pacificamente a casa sua il 14 gennaio dopo una breve malattia.

Chiamata Lily dagli amici, era solita dire in età avanzata che i suoi stoppini si stavano sempre più accorciando. Nata l'11 marzo 1923 in Belgio, Alice arrivò a New York nel 1940 come rifugiata di guerra. Poco dopo divenne la prima studentessa di Dietrich von Hildebrand all'università Fordham, quindi sua segretaria e co-autrice di molti libri.
Dopo la morte della prima moglie di Hildebrand avvenuta nel 1957, nel 1959 Alice ed il professore si sposarono.

Una volta andata in pensione, Alice continuò a scrivere e tenere lezioni. Una delle sue frasi celebri: "Che profondo rimpianto testimoniare che l'educazione Cattolica dal Vaticano II è diventata tanto deplorevole che molto 'buoni' Cattolici sono superficialmente ignoranti non solo della Fede, ma anche dei principi di base della legge naturale che condividono con tutta l'umanità."
Riposi in pace.

#newsLylgkvstaj
Diodoro
Dietrich von Hildebrand - Wikipedia Non sapevo di questa grande persona, che fu amico del cancelliere austriaco cattolico Dollfuss (poi vittima dei Nazisti nel proprio ufficio) e fondò un settimanale intitolato "Lo Stato Corporativo Cristiano". Si trovava a Monaco di Baviera fra gli anni '50 e gli anni '60, frequentando la chiesa di cui era Cappellano don Joseph Ratzinger. In quella chiesa si …More
Dietrich von Hildebrand - Wikipedia Non sapevo di questa grande persona, che fu amico del cancelliere austriaco cattolico Dollfuss (poi vittima dei Nazisti nel proprio ufficio) e fondò un settimanale intitolato "Lo Stato Corporativo Cristiano". Si trovava a Monaco di Baviera fra gli anni '50 e gli anni '60, frequentando la chiesa di cui era Cappellano don Joseph Ratzinger. In quella chiesa si sposarono.
Alice fu essa stessa autrice di molte opere: Alice von Hildebrand - Wikipedia
Walter
N.S.dellaGuardia
Requiem aeternam.