Clicks1.4K

PROTESTA CONTRO l'ANTICRISTO : 1. FERRARA ; 2. Il DOCUMENTO ; 3. VIGANO RILANCIO

- 1 -
IL CLERO E I LAICI A PAPA FRANCESCO :
Abbiamo avuto modo di conoscere questa insanità.

di Chris Ferrara, mercoledì 13 novembre 2019

Come ha appena riportato LifeSiteNews (12 novembre): "Un gruppo internazionale di 100 sacerdoti e studiosi laici ha pubblicato oggi una dichiarazione per protestare contro il culto pagano della Pachamama che si è svolto il mese scorso durante il Sinodo amazzonico a Roma con la partecipazione attiva e l'apparente sostegno di Papa Francesco".

Sono uno dei firmatari e redattori di questo documento. Semplicemente, è una dichiarazione del clero e dei laici preoccupati che un pontificato già ribelle è andato completamente fuori strada nel regno del vero e proprio sacrilegio, in gran parte perpetrato nella stessa Basilica di San Pietro.

Se questa affermazione sembra estrema, consideri i particolari della nostra protesta, depositati qui su Internet:

1- Il 4 ottobre, papa Francesco assistette a un atto di culto idolatrico della dea pagana Pachamama. Egli permise che questo culto si svolgesse nei Giardini Vaticani, profanando così la vicinanza delle tombe dei martiri e della chiesa dell'apostolo Pietro. (Vedi, le prime due foto sopra).

2- Ha partecipato a questo atto di culto idolatrico benedicendo un'immagine in legno di Pachamama. (Vedi, prima foto sopra.)

3- Il 7 ottobre, l'idolo di Pachamama è stato posto davanti all'altare principale di San Pietro e poi portato in processione fino alla Sala del Sinodo. Papa Francesco ha pregato in una cerimonia che ha coinvolto questa immagine e poi si è unito a questa processione. (Vedi, terza foto sopra e foto pubblicata qui.)

4- Quando le immagini in legno di questa divinità pagana furono rimosse dalla chiesa di Santa Maria in Traspontina, dove erano state poste sacrilegamente, e gettate nel Tevere dai cattolici indignati da questa profanazione della chiesa, Papa Francesco, il 25 ottobre, si scusò per la loro rimozione e un'altra immagine in legno di Pachamama fu restituita alla chiesa. Così, fu iniziata una nuova profanazione.

5- Il 27 ottobre, nella Messa di chiusura del Sinodo, accettò una ciotola usata nel culto idolatrico della Pachamama e la pose sull'altare.

6- Lo stesso Papa Francesco confermò che queste immagini di legno erano idoli pagani. Nelle sue scuse per la rimozione di questi idoli da una chiesa cattolica, li chiamò specificamente Pachamama, un nome per una falsa dea della madre terra secondo la credenza religiosa pagana in Sud America.

Inoltre, come rileva l'affermazione, anche prima della sua pubblicazione, "Diversi aspetti di questo procedimento [sono stati] condannati come idolatri o sacrilego dal cardinale Walter Brandmüller, dal cardinale Gerhard Müller, dal cardinale Jorge Urosa Savino, dall'arcivescovo Carlo Maria Viganò, dal vescovo Athanasius Schneider, dal vescovo José Luis Azcona Hermoso, dal vescovo Rudolf Voderholzer e dal vescovo Marian Eleganti. Infine, il card. Raymond Burke ha dato la stessa valutazione di questo culto in un'intervista".

Tra questi prelati, però, solo l'arcivescovo Viganò, primo firmatario della dichiarazione, ha avuto il coraggio e il candore di protestare contro il coinvolgimento diretto di Francesco nello scandalo. Solo lui, tra gli episcopati del mondo intero, ha esplicitamente protestato contro la partecipazione del Papa in un palese sacrilegio e idolatria proprio nella basilica dove le spoglie di San Pietro sono custodite nel cuore del mondo cattolico.

Ciò che questa protesta tenta di fare è radunare il resto dei vescovi del mondo, che si rifiutano all'unanimità di identificare il Papa come fonte di uno scandalo iniziato dal Papa dopo l'altro. Come conclude l'affermazione: "Chiediamo rispettosamente a tutti i vescovi della Chiesa cattolica di offrire una correzione fraterna a papa Francesco per questi scandali, e di avvertire i loro greggi che, secondo l'insegnamento divinamente rivelato della fede cattolica, rischiano la dannazione eterna se seguono il suo esempio di offendere il Primo Comandamento".

Senza l'appoggio dell'episcopato, nessuna mera dichiarazione di protesta da parte dei fedeli, anche da parte di sacerdoti e diaconi, determinerà un cambiamento nel disastroso corso di questo sorprendente pontificato. Papa Francesco non solo si è dimostrato impermeabile a tali suppliche, ma al contrario si è raddoppiato sulla richiesta di imporre il suo "magistero", come se il magistero fosse di proprietà di un solo papa che sarebbe libero di ignorare il magistero perenne a cui ogni Papa è legato.

Così, come riferisce ancora LifeSiteNews, il nunzio apostolico negli Stati Uniti, l'arcivescovo Christophe Pierre, ha emesso un diktat vaticano che il "Magistero di papa Francesco" e "la spinta pastorale di questo pontificato deve raggiungere il popolo americano". Come dice Pierre: "Soprattutto perché le famiglie continuano a chiedere alle parrocchie e alle diocesi l'accompagnamento previsto da Amoris Laetitia".

Significa, naturalmente, ammettere adulteri pubblici in "secondi matrimoni" alla Santa Comunione, mentre la fabbrica di annullamento si moltiplica per ottenere il maggior numero possibile di annullamenti, secondo la richiesta di Francesco, annunciata dal decano della Rota romana, che la Chiesa subisca una "conversione", un cambiamento di mentalità che li convince e li sostiene nel seguire l'invito di Cristo, presente nel loro fratello, il Vescovo di Roma, a passare dal ristretto numero di poche migliaia di annullamenti a quell'incommensurabile numero di sfortunati che potrebbero avere una dichiarazione di nullità........”

Sì, abbiamo un Papa che osa proclamare attraverso uno dei suoi subalterni che Cristo stesso, parlando attraverso Francesco, chiede un "numero incommensurabile" di annullamenti rapidi - insieme alla Santa Comunione per gli adulteri pubblici che non hanno ancora ottenuto un timbro di gomma che annulla il loro "primo matrimonio".

I fedeli laici e numerosi sacerdoti hanno fatto il possibile per resistere a questo papato fuori controllo. Ma dove sono i vescovi, compresi alcuni cardinali che si preoccupano della "confusione" e dell'"errore" nella Chiesa senza avere la forza di affrontare il loro evidente autore primario "in faccia", come fece San Paolo con il primo Papa ad Antiochia? (Cfr Gal 2,11)

Possiamo solo sperare e pregare che questa affermazione spinga almeno alcuni vescovi, e forse uno o due cardinali, ad emulare l'esempio di San Paolo, in linea con il loro dovere di difendere la Fede contro chiunque, compreso un Papa ribelle - soprattutto un Papa ribelle - che la minerebbe.

[11 GIORNI dopo questo ARTICOLO : FLOP !]

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

- 2 -


PROTESTA CONTRO GLI ATTI SACRILEGHI DI PAPA FRANCESCO

Noi sottoscritti chierici, studiosi e intellettuali cattolici, protestiamo e condanniamo gli atti sacrileghi e superstiziosi commessi da Papa Francesco, il Successore di Pietro, durante il recente Sinodo sull’Amazzonia tenutosi a Roma.

Questi atti sacrileghi sono i seguenti :

1- Il 4 ottobre Papa Francesco ha partecipato ad un atto di adorazione idolatrica della dea pagana Pachamama.

2- Ha permesso che questo culto avesse luogo nei Giardini Vaticani, profanando così la vicinanza delle tombe dei martiri e della chiesa dell'Apostolo Pietro.

3- Ha partecipato a questo atto di adorazione idolatrica benedicendo un’immagine lignea della Pachamama.

4- Il 7 ottobre, l’idolo della Pachamama è stato posto di fronte all’altare maggiore di San Pietro e poi portato in processione nella Sala del Sinodo. Papa Francesco ha recitato preghiere durante una cerimonia che ha coinvolto questa immagine e poi si è unito a questa processione.

5- Quando le immagini in legno di questa divinità pagana sono state rimosse dalla chiesa di Santa Maria in Traspontina, dove erano state collocate sacrilegamente, e gettate nel Tevere da alcuni cattolici oltraggiati da questa profanazione della chiesa, Papa Francesco, il 25 ottobre, si è scusato per la loro rimozione, e una nuova immagine di legno della Pachamama è stata restituita alla chiesa . In tal modo è incominciata un’ulteriore profanazione.

6- Il 27 ottobre, nella Messa conclusiva del Sinodo, ha ricevuto una ciotola usata nel culto idolatrico della Pachamama e l’ha collocata sull’altare.

Lo stesso Papa Francesco ha confermato che queste immagini in legno sono idoli pagani. Nelle sue scuse per la rimozione di questi idoli da una chiesa Cattolica, li ha chiamati specificamente Pachamama , nome di una falsa dea della madre terra secondo una credenza religiosa pagana del Sud America.

Svariate caratteristiche di queste cerimonie sono state condannate come idolatriche o sacrileghe dal cardinale Walter Brandmüller, dal cardinale Gerhard Müller, dal cardinale Jorge Urosa Savino, dall’Arcivescovo Carlo Maria Viganò, dal vescovo Athanasius Schneider, dal vescovo José Luis Azcona Hermoso, dal vescovo Rudolf Voderholzer e dal vescovo Marian Eleganti . Infine, anche il cardinale Raymond Burke ha dato la stessa interpretazione in un’intervista.

Questa partecipazione all’idolatria è stata preceduta dalla dichiarazione intitolata “Documento sulla Fraternità Umana”, firmata da Papa Francesco e Ahmad Al-Tayyeb, il Grande Imam della Moschea di Al-Azhar, il 4 Febbraio 2019 . Questa dichiarazione affermava:

“Il pluralismo e la diversità di religioni, colore, sesso, razza e linguaggio sono voluti da Dio nella Sua saggezza, attraverso la quale ha creato gli esseri umani. Questa saggezza divina è la fonte da cui discende il diritto alla libertà di credo e alla libertà di essere diversi”.

Il coinvolgimento di Papa Francesco nelle cerimonie idolatriche indica che egli intendeva dare a questa affermazione un senso eterodosso, il quale consente che l’adorazione pagana di idoli venga considerata un bene voluto da Dio in senso positivo.

Inoltre, nonostante egli abbia informato privatamente il vescovo Athanasius Schneider che “Tu [il Vescovo] puoi dire che la frase in questione sulla diversità delle religioni vuole significare la volontà permissiva di Dio ...” , Francesco non ha mai corretto in questo senso l'affermazione di Abu Dhabi. Nel suo successivo discorso nell’udienza pubblica del 3 aprile 2019, Francesco, rispondendo alla domanda “Perché Dio permette che ci siano tante religioni?”, al riguardo ha fatto riferimento alla “volontà permissiva di Dio” come spiegato dalla teologia Scolastica, ma ha dato al concetto un significato positivo, dichiarando che “Dio ha voluto permetterlo” perché, nonostante “ci siano tante religioni” esse “guardano pur sempre al cielo, guardano a Dio” (enfasi nostra) . Non c’è il minimo riferimento al concetto che Dio permetta l'esistenza di false religioni, allo stesso modo in cui permette l'esistenza del male in generale. Anzi, la chiara implicazione è che Dio permette l’esistenza di “tante religioni” perché sono buone in quanto “guardano pur sempre al Cielo, guardano a Dio”.

Peggio ancora, Papa Francesco da allora ha confermato la mai smentita dichiarazione di Abu Dhabi istituendo un “comitato interreligioso” , poi ufficialmente chiamato “Alto Comitato” (“Higher Committee”) , con sede negli Emirati Arabi Uniti, per promuovere gli “obiettivi” del documento; e promuovendo una direttiva del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso indirizzata ai direttori di tutti gli Istituti superiori di istruzione cattolici, e indirettamente a tutti professori universitari cattolici, chiedendo loro di dare “la più ampia diffusione possibile” al documento, compresa la sua affermazione, mai corretta, che Dio vuole la “diversità delle religioni” proprio come vuole la diversità di colore, sesso, razza e lingua.

L’autorizzazione ad adorare chiunque o qualsiasi cosa diversa dall’unico vero Dio, la Santissima Trinità, è una violazione del Primo Comandamento. Certamente ogni partecipazione a qualsiasi forma di venerazione degli idoli è condannata da questo Comandamento ed è un peccato oggettivamente grave, indipendentemente dalla colpevolezza soggettiva, che solo Dio può giudicare.

San Paolo insegnò alla Chiesa primitiva che il sacrificio offerto agli idoli pagani non era offerto a Dio ma piuttosto ai demòni quando disse nella sua Prima Lettera ai Corinzi:

Che cosa dunque intendo dire? Che la carne immolata agli idoli è qualche cosa? O che un idolo è qualche cosa? No, ma dico che i sacrifici dei pagani sono fatti a demòni e non a Dio. Ora, io non voglio che voi entriate in comunione con i demòni; non potete bere il calice del Signore e il calice dei demòni; non potete partecipare alla mensa del Signore e alla mensa dei demòni” (1 Cor. 10, 19-21).

Con queste azioni Papa Francesco è incorso nella reprimenda emanata dal Secondo Concilio di Nicea:

Molti pastori hanno distrutto la mia vigna, hanno contaminato il mio territorio. Poichè seguirono uomini empi e, confidando nelle loro proprie follie, calunniarono la santa Chiesa, che Cristo nostro Dio ha preso per Sua sposa, e non riuscirono a distinguere il santo dal profano, affermando che le icone di nostro Signore e dei Suoi santi non fossero diverse dalle immagini lignee di idoli satanici”.

Con immenso dolore e profondo amore per la Cattedra di Pietro, imploriamo Dio Onnipotente di risparmiare ai membri colpevoli della Sua Chiesa sulla terra, la punizione che meritano per questi terribili peccati.

Chiediamo rispettosamente a Papa Francesco di pentirsi pubblicamente e senza ambiguità, di questi peccati oggettivamente gravi e di tutte le trasgressioni pubbliche che ha commesso contro Dio e la vera religione, e di riparare questi oltraggi.

Chiediamo rispettosamente a tutti i vescovi della Chiesa Cattolica di rivolgere una correzione fraterna a Papa Francesco per questi scandali, e di ammonire i loro greggi che, in base a quanto affermato dall’insegnamento della fede Cattolica divinamente rivelato, se seguiranno il suo esempio nell’offesa contro il Primo Comandamento, rischiano la dannazione eterna.

9 Novembre 2019
In Festo dedicationis Basilicae Lateranensis

“Terribilis est locus iste: hic domus Dei est et porta caeli; et vocabitur aula Dei”

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

- 3 -

VIGANÒ :
IL PAPA MINACCIA LA SOPRAVVIVENZA DELLA CHIESA CATTOLICA.


Carissimi Stilumcuriali, l’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha scritto un testo in cui spiega perché ha deciso di aderire, firmandolo, al documento preparato da cento studiosi, teologi e sacerdoti per protestare contro i recenti sacrilegi compiuti durante il Sinodo per l’Amazzonia. È un testo molto forte e sincero, come è nel carattere di chi lo scrive. Buona lettura.
(Marco Tosatti)


§§§

Durante venti secoli, la Chiesa Cattolica ha professato la fede in Gesù Cristo, unico Salvatore, giunta intatta fino a noi come l’ha ricevuta dagli Apostoli, dai Padri della Chiesa, a prezzo del sangue dei Martiri, della testimonianza dei Confessori della fede, dei Santi senza numero, di ogni lingua e popolo, tramandata dai genitori ai figli, da sacerdoti e religiosi, diffusa da ardenti missionari in tutti i continenti della terra, sotto la guida dei successori dell’apostolo Pietro che hanno garantito l’unità della Sposa di Cristo, confermando i fratelli della fede.

Da ormai quasi sette anni, il successore del Principe degli Apostoli, a cui è stato affidato il mandato di Cristo conferito a Pietro dopo la sua professione di fede – “Tu se il Cristo il Figlio del Dio vivente” (Mt 16, 18) – ha abdicato al suo ministero di confermare i fratelli nella fede. Papa Francesco non ha mai confermato nessuno. Riconosciamo con dolore quanto il suo ministero sia stato divisivo e distruttore.


Con la Dichiarazione da lui firmata ad Abu Dhabi, in cui ha dichiarato che « il pluralismo e le diversità di religione, di colore, di sesso, di razza e di lingua sono una sapiente volontà divina », e con le continue devianti condanne del così detto “proselitismo”, Francesco non ha solo mortificato ogni slancio missionario, ma di fatto ha rinnegato il mandato conferito da Cristo a tutti gli Apostoli: « Andate e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro tutto ciò che vi ho comandato. » (Mt 28, 18-20)

La strategia dell’attuale pontefice è camuffata con l’inganno e la menzogna, coperta dal silenzio, quando viene scoperto in questi suoi intenti devianti, che grande sconcerto generano fra i fedeli, mentre sono astutamente elogiati dai nemici della Chiesa.

Anche il Sinodo sull’Amazzonia fa parte di un ben più grande disegno nascosto. Non è altro che non un elemento, seppur dirompente, di un vasto progetto, elaborato sotto l’egida delle Nazioni Unite e supportato dai grandi poteri finanziari e massonici. Come si spiega infatti che l’idolo pachamama è già presente, per iniziativa dell’ONU, in testi concepiti per l’indottrinamento ideologico dei bambini?

Tutto si tiene: falsa scienza, fondata su un presunto catastrofico riscaldamento della terra, il cui principale responsabile sarebbe l’uomo; ecologia integrale, che pone al centro della creazione non l’uomo creato ad immagine e somiglianza di Dio, e chiamato a condividere la vita divina in una eternità beata con il suo Creatore, bensì la “divinità” Madre Terra, la pachamama appunto, da cui l’uomo è tratto e a cui deve tornare. Quindi anche l’idolatria sarebbe voluta da Dio, e papa Francesco la celebra alla faccia del mondo, profanando il luogo più sacro della Roma cristiana, la basilica costruita sul sepolcro dell’apostolo Pietro.

Durante il recente Sinodo, con la celebrazione inaugurale tenutasi nei Giardini vaticani e la comparsa della Pachamama in San Pietro e a Santa Maria in Traspontina, è stato consumato un grave atto sacrilego. Il culto del Dio vivo e vero, rivelato e manifestato in Gesù Cristo, che la Chiesa Cattolica adora e professa, è stato contaminato da elementi chiaramente idolatrici e sincretisti.

L’idolatria, o una sua simulazione, rappresenta il più grave attentato perpetrato contro la Divina Maestà. I martiri hanno versato il sangue e pagato con il dono supremo della vita la loro resistenza all’idolatria. Quegli stessi martiri che hanno intriso e consacrato la terra dell’antica Roma pagana, hanno visto la loro gloriosa memoria profanata dalle celebrazioni della Pachamama.

Le Scritture del Primo Testamento ci insegnano che l’idolatria è impudicizia e prostituzione, profanazione dell’Alleanza nuziale che Dio ha contratto con il suo popolo.

San Paolo, dal canto suo, ammonisce i primi cristiani di Corinto: « Un idolo è forse qualche cosa? No, ma dico che i sacrifici dei pagani sono fatti a demoni e non a Dio. Ora, io non voglio che voi entriate in comunione con i demoni. Non potete bere il calice del Signore e il calice dei demoni… O vogliamo provocare la gelosia del Signore? Siamo forse più forti di lui? » (1Cor 10, 19-22)

La Chiesa cattolica, anziché vegliare e denunciare le minacce che la insidiano e che oscurano l’orizzonte dell’intera famiglia umana, si sta prestando a fungere da cassa di risonanza di un’Ideologia utopica e anticristica, in una sudditanza spaventosa rispetto ai poteri forti che dominano la scena mondiale, attivi nel promuovere vasti processi volti all’instaurazione di un Governo Mondiale.

Di fronte a un simile scenario, in cui la sopravvivenza stessa della Chiesa Cattolica è gravemente minacciata, di fronte a tante e tali riprovevoli azioni e dichiarazioni del sommo pontefice, Cento Studiosi hanno stilato una Dichiarazione dove si chiede « rispettosamente a Papa Francesco di pentirsi pubblicamente e senza ambiguità e di riparare questi oltraggi ». Alla loro voce, ho ritenuto doveroso unire la mia. Parimenti, tutti i vescovi e porporati della Chiesa Cattolica dovrebbero sentirsi in dovere di « rivolgere una correzione fraterna a Papa Francesco per questi scandali. »

« O Dio, che nella grazia dell’adozione ci hai chiamato a diventare figli della luce, non più ci avvolga l’oscurità dell’errore; donaci di restare sempre nella tua verità, così da illuminare la notte del mondo ». (Dall’odierna Liturgia ambrosiana)

Vieni, Signore Gesù! Manifesta sulla tua Chiesa e sul mondo la tua sovrana regalità! Non respingere l’implorazione della tua Sposa e non deludere la sua attesa. E quando non concedi quello che Ti chiediamo, donaci di aspettarlo con fedele perseveranza e amore penitente.

+ Carlo Maria Viganò
Arciv. tit di Ulpiana
Nunzio Apostolico
(21 novembre 2019)
Fatima.
Aspetta e spera...
montfort.kingeshop.com likes this.
lauragafforio and one more user like this.
lauragafforio likes this.
Veritasanteomnia likes this.
Vorrei sottolineare che il Vescovo Viganò (documento 3) ha inviato lo stesso messaggio, non solo a Marco Tosatti, ma anche ad Aldo-Maria Valli e a Life Site News.
Ninoliva
Le cellule sane della Chiesa vanno sostenute e incoraggiate : Mons Viganò, Don Minutella, tutti quei sacerdoti che si sono opposti e che si oppongono alla mafia s. Gallo ... SOPRATTUTTO SONO FORZE CHE VANNO UNITE E NON DIVISE
Veritasanteomnia likes this.
Mi sento più lucido di tanti, perché questa filosofia Bergoglio l'aveva manifestata chiaramente con questo video già nel 2014, non è nulla di nuovo: " figli di un unico Dio"
Gaetano2 likes this.
Stat Crux
Mi sembra evidente che l'unico Vescovo della tempra di Sant'Atanasio sia Mons. Carlo Maria Viganò.
Montfort AJPM and 2 more users like this.
Montfort AJPM likes this.
Veritasanteomnia likes this.
alda luisa corsini likes this.
Gaetano2
"...Da ormai quasi sette anni, il successore del Principe degli Apostoli"...
Questo è il problema: considerare papa un impostore
Ninoliva and one more user like this.
Ninoliva likes this.
Veritasanteomnia likes this.
Noi preghiamo e preghiamo, preghiamo e preghiamo e va sempre peggio, sempre peggio. Certi giorni ci afferra lo sconforto grande, grande grande.

Se questa è ormai la religione cattolica conviene non frequentare più le chiese, per non addolorarsi fino a morirne di pena, per non imbastardire attraverso quelle odiose omelie cattocomuniste moderniste, la religione dei nostri padri che portiamo nel …More
Noi preghiamo e preghiamo, preghiamo e preghiamo e va sempre peggio, sempre peggio. Certi giorni ci afferra lo sconforto grande, grande grande.

Se questa è ormai la religione cattolica conviene non frequentare più le chiese, per non addolorarsi fino a morirne di pena, per non imbastardire attraverso quelle odiose omelie cattocomuniste moderniste, la religione dei nostri padri che portiamo nel cuore.

La barca, a dire il vero, mi sembra che sia bell' e che affondata. Ma la speranza è l'ultima a morire.
Considerando l'accorato appello degli esorcisti a una giornata di preghiera e digiuno di riparazione, il 6 Dicembre prossimo, per un male potente all'orizzonte, chiedo:
MA LA POTREBBERO SMETTERE di peccare così sfacciatamente ed avere il plauso dei preti modernisti, che con queste eresie, apostasia, e Pachamama hanno reso Satana più arzillo e potente che mai, e vedrete cosa rischia l'umanità a causa di questi gravi peccati.
E Satana se la piglia con i buoni, mica con loro.
Veritasanteomnia likes this.
Lo so, lo sconforto é quasi insopportabile, il cuore si liquefà, il dolore estremo. Solo chi lo prova lo può capire. E diventa ancora più acuto quando non viene compreso. Ma l‘obiettivo vero di questo falsi pastori è proprio quello di allontanarci dalla Santa Messa. Perciò dobbiamo essere perseveranti e anzi andare alla messa quotidiana, inginocchiarci e prendere l‘eucarestia sulla lingua. Noi …More
Lo so, lo sconforto é quasi insopportabile, il cuore si liquefà, il dolore estremo. Solo chi lo prova lo può capire. E diventa ancora più acuto quando non viene compreso. Ma l‘obiettivo vero di questo falsi pastori è proprio quello di allontanarci dalla Santa Messa. Perciò dobbiamo essere perseveranti e anzi andare alla messa quotidiana, inginocchiarci e prendere l‘eucarestia sulla lingua. Noi dobbiamo rendere la Messa solenne e unire il nostro dolore a Gesù, offrirglielo per glorificarlo. Nella certezza che i loro nomi non verranno neanche ricordati.
G.battista and 3 more users like this.
G.battista likes this.
fidelis eternis likes this.
N.S.dellaGuardia likes this.
Walter likes this.
Qualcuno sa cos'è il programma vaticano di "adeguamento liturgico delle cattedrali"?, un bando di concorso dal quale sono uscite 6 diocesi assegnatarie di questo strano adeguamento; ma cosa si nasconderà dietro questa fumosa ed ambigua dicitura? da quanto ho letto sembra che l'intento sia di adeguare le cattedrali-modello (quelle scelte) allo spirito del CV II ed alle direttive di papa Francesco.…More
Qualcuno sa cos'è il programma vaticano di "adeguamento liturgico delle cattedrali"?, un bando di concorso dal quale sono uscite 6 diocesi assegnatarie di questo strano adeguamento; ma cosa si nasconderà dietro questa fumosa ed ambigua dicitura? da quanto ho letto sembra che l'intento sia di adeguare le cattedrali-modello (quelle scelte) allo spirito del CV II ed alle direttive di papa Francesco. Dopo le cattedrali dormitorio, pizzeria-ristorante, sale per balletti discinti, case del popolo PD, della propaganda Lgbt, del sincretismo religioso, cosa verrà fuori adesso?
warrengrubert likes this.
liturgico.chiesacattolica.it/bando-sulladegu…
Si tratta di un bando per selezionare 6 chiese cattedrali in cui apportare delle modifiche alla zona del presbiterio, modificata in via provvisoria a seguito della missa novus ordo.
L'idea è rendere l'altare rivolto verso l'assemblea altrettanto permanente e definitivo (si parla anche di "valore artistico") di quello ad orientem.
Non sia mai che qualc…More
liturgico.chiesacattolica.it/bando-sulladegu…
Si tratta di un bando per selezionare 6 chiese cattedrali in cui apportare delle modifiche alla zona del presbiterio, modificata in via provvisoria a seguito della missa novus ordo.
L'idea è rendere l'altare rivolto verso l'assemblea altrettanto permanente e definitivo (si parla anche di "valore artistico") di quello ad orientem.
Non sia mai che qualcuno rinsavisca e decida di eliminare una volta per tutte le "tavole calde" per la mensa protestante...