Join Gloria’s Christmas Campaign. Donate now!
Clicks983

Mons. Lefebvre ha ottenuto per me un grande miracolo

di Emilie Defresne

Questa è la vita eroica di Rose Hu, che ha trascorso i migliori 26 anni della sua giovinezza nei campi di rieducazione in Cina, subendo terribili sessioni di lavaggio del cervello, torture e altre innumerevoli persecuzioni, perché ha rifiutato di rinunciare alla sua fede cattolica.

Ricevette il battesimo all'età di 17 anni. Trascorse i primi anni della sua vita a Shanghai in una famiglia benestante. Come studentessa di medicina, divenne presidente della Legione di Maria, che fece centinaia e migliaia di conversioni in Cina.

Quando il regime maoista prese il potere, i cattolici, cosa poco nota, erano gli obiettivi preferiti. Rose Hu aveva due imperdonabili difetti, la sua famiglia, sebbene molto onesta, era ricca e cattolica, e Rose si rifiutò in particolare di negare la sua fede cattolica, a differenza di molti dei suoi compagni di classe.
Il regime comunista fu particolarmente tenace e la perseguitò in questi 26 anni internandola nei "campi di rieducazione", perché voleva farla cedere, era riuscito a abbattere tanti altri cattolici giocando sulla paura , abusi, ricatti verso sentimenti e in particolare instancabili persecuzioni. Ma Rose non cedette.

Rose Hu riporta, stupita, "il mistero dei numeri" in basso, quasi alla fine del suo libro intitolato : "Con Cristo nelle carceri della Cina."

1 x 1 = 1
11 X 11 = 121
111 X 111 = 12321
1111 X 1111 = 1234321
11111 X 11111 = 123454321
111111 X 111111 = 12345654321
1111111 X 1111111 = 1234567654321

Divertente no? Come si poteva vedere nella Creazione il frutto del caso, come i suoi torturatori volevano far confessare a Rose? Tutto nella Creazione è ordinato, calcolato, annidato, da "l'infinitamente piccolo all'infinitamente grande", per usare le parole di Pascal.

Rose Hu spesso scompare in questo libro per raccontare il martirio di molti preti e fedeli che hanno resistito con determinazione al rullo compressore maoista nel corso degli anni. Tra questi molti martiri, tutti più notevoli degli altri, il caso di padre Zhang è abbastanza emblematico. L'autore confronta la sua fede con quella di San Pietro che cammina sull'acqua senza paura, con gli occhi fissi su Cristo. Questo santo sacerdote, dopo aver subito incredibili crudeltà durante gli anni più terribili del comunismo, era malato di cuore e si trovò nell'ospedale morente. È così che racconta cosa è successo in questo ospedale a Rose Hu:

"Una settimana fa, il cardiologo di questo ospedale invitò diverse volte esperti di altri ospedali. Le loro conclusioni furono unanimi, si arresero. Quando interruppero il trattamento, misi una reliquia di Padre François-Xavier Chu sotto il cuscino e pregai: "Se Dio vuole che io lavori alla sua gloria, per favore fa' un miracolo. "Il giorno dopo, quando il dottore mi visitò, fu in grado di vedere con sua sorpresa che il mio battito cardiaco era diventato regolare. I medici mi esaminarono con le stesse attrezzature mediche di prima, ma non rilevarono più un problema al cuore. Affermare che i dottori fossero sorpresi è un eufemismo ". I medici ammisero che la medicina non era stata in grado di spiegare questa improvvisa cura. Le infermiere vennero al suo capezzale, estatiche: "Padre, sappiamo che il tuo Dio ti ha salvato." Alcune di loro furono convertite.

Rose Hu tornò a fargli visita nel 1989, prima di volare negli Stati Uniti dove emigrò dopo essere stata liberata dai laogai(*) quando il regime si rilassò. E questo è ciò che il sacerdote che morì in odore della santità le profetizzò durante l'ultimo addio:

"Ci sono molte croci che vi aspettano [di nuovo]. Siate pronti ad essere aggrediti dai vostri cari stessi, dai fedeli, dai sacerdoti, dai vescovi. Un giorno potreste essere scomunicati e coloro che hanno perso la fede saranno considerati buoni. Mantieni la tua fede in ogni circostanza, ti aspetterò in Paradiso. "

"Queste parole", dice Rose Hu, "mi hanno profondamente turbato e non le ho capite fino a molto tempo dopo".

Infatti, Rose Hu, al suo ritorno dal campo di concentramento , non riconoscendo più la messa della sua giovinezza, si unirà negli Stati Uniti alla Fraternità Sacerdotale San Pio X, fondata dall'arcivescovo Lefebvre per perpetuare la Tradizione dopo la rivoluzione Concilio Vaticano II (1965) che crocifisse la Chiesa; durante la riforma liturgica perpetrata da Montini , Rose era in un laogai (gulag cinese), ed era tagliata fuori da tutto. Rimarrà lì fino al 1982.

Tra le croci che Rose Hu dovette accettare quando era stata rilasciata dal campo di concentramento, c'era il cancro che era diventato diffuso, anche per la mancanza di cure, in tutto il suo corpo nel 2002. Si sottomise alla volontà di Dio:

"Ero pronta a morire senza rimpianti", spiega. "Ma questa volta, l'arcivescovo Lefebvre mi diede un segno che mi ha incoraggiato a preservare la fede tradizionale: mi ha fatto un grande miracolo. E che benedizione! Ho pregato Monsignore e ho baciato le reliquie dei suoi capelli. Il mio cancro si è fermato in soli 10 giorni. Il mio medico mi ha detto, anche quando si assumono farmaci, nessuno può guarire così rapidamente. È senza dubbio un miracolo. "

Quell'anno, Rose Hu divenne un membro del terzo ordine della Fraternità San Pio X.
Rose Hu scrisse il libro "Avec le Christ dans les prisons de la Chine" quando era molto malata per adempiere alla volontà di padre Zhang che glielo aveva richiesto, per testimoniare il suo calvario e quello di tutti i cattolici che in Cina soffrirono nel ventesimo secolo, sotto il giogo dei comunisti, per testimoniare della loro fede, spesso, fino al martirio. Questo libro è stato scritto in cinese, tradotto in inglese sotto il controllo dell'autore. Quindi è stato tradotto in francese.

- - - - - - - - - - -

Rose Hu

Per vedere le cose in modo molto umano, ci sono persone che non hanno fortuna nella vita. Sono nati nel posto sbagliato, nel momento sbagliato, e sembra che gli elementi si stiano riunendo per farli soffrire. Per vedere le cose in modo molto umano, Rose Hu è una di quelle persone: aveva vent'anni quando la Cina divenne marxista sotto il governo brutale e crudele di Mao Tse-tung. E Rose Hu era una cattolica, appena battezzata, di una famiglia benestante, così sospettosa agli occhi del Partito Comunista.

Supponiamo che: persecuzione, processo, condanna, prigione, campi di lavoro forzato, accesso impossibile ai sacramenti della Chiesa. Ha trascorso ventisei anni in detenzione, a volte in circostanze inimmaginabili. Si esita così tanto a evocare i peggiori, che è meglio lasciarli raccontati sotto la penna dell'autore e della vittima.

Ma ecco il prodigio della grazia: mentre così tanti cristiani si indeboliscono e scendono a compromessi con il nuovo potere, altri, tra cui Rose Hu, con la forza di cui sopra, sono fedeli, accettano questa croce di incredibile peso portala con la fronte alta, l'anima raccolta, la gioia nel suo cuore e sforzati di salire sulla via del Calvario, quindi di alzarti invece di scendere, approfittando della sventura per cogliere l'opportunità divina di un'ascesa interiore.

Questa sconvolgente testimonianza non può lasciare il lettore indifferente.

Rose HU :
www.clovis-diffusion.com/PBSCProduct.asp
17,00 EUR

272 pages – 14 x 21 cm

medias-presse.info

laogai(*) campo di concentramento e di "rieducazione" comunista
Gaetano2 and 5 more users like this.
Gaetano2 likes this.
Araba-Fenice likes this.
maria immacolta likes this.
Marziale likes this.
Christoforus78 likes this.
Gabrielle Gabrielle shares this.
Mons. Lefebvre ha ottenuto per me un grande miracolo