Clicks986

La sovversione sincretista della Conferenza Episcopale italiana

Roma, 5 ottobre 2019, chiesa di Santa Maria in Traspontina: ai piedi dell'Altare maggiore il feticcio di Pachamama accanto all'immagine della Vergine di Guadalupe.

Il sincretismo indica la riunione o la fusione di dottrine tratte da diverse religioni, o anche l’accostamento di culti di origine diversa, come lo praticava per esempio il paganesimo romano, assimilando degli elementi religiosi tratti dai paesi conquistati.

Una parola sul sincretismo

Dal punto di vista cattolico, il sincretismo indica l’introduzione di elementi estranei nella dottrina o nel culto della Chiesa. Gli Apostoli e i missionari hanno spesso dovuto combattere questa tendenza perniciosa presso i popoli convertiti da recente, e questo fin dall’inizio della storia della Chiesa.
Un esempio classico è riportato nel Nuovo Testamento, quando i Giudei convertiti volevano continuare a praticare l’antica Legge. Fu necessaria l’energia di San Paolo per far cessare questa deviazione che minacciava di corrompere la vera religione, quella degli «adoratori in spirito e verità» (cfr. Gv. IV, 23), ormai liberati dalle prescrizioni mosaiche.
Nel corso dei secoli, il pericolo sincretista si è presentato regolarmente, sia nei paesi dell’Europa sia negli altri continenti. Dei missionari hanno pagato con la vita il loro zelo per la purezza della dottrina e del culto, presso popolazioni insufficientemente convertiti che non intendevano abbandonare certi costumi pagani.
Nell’America del Sud, come altrove, la Chiesa ha sempre lottato contro i diversi culti idolatri, proibendo ai fedeli ogni azione o ogni partecipazione a ciò che si opponeva alla fede o alla disciplina ecclesiastica. Ma questo prima che arrivasse la teologia della liberazione e i suoi surrogati, come la teologia indigenza.

I princípi implicati

La Chiesa si dimostra particolarmente severa e vigilante per preservare la purezza della fede. Nel corso della sua storia, essa ha lottato contro un considerevole numero di eresie, di deviazioni, di compromessi o di introduzione di elementi estranei nella sua dottrina.
La ragione è ovvia: la fede è una rivelazione soprannaturale, di origine divina, e non compete ad alcuno cambiarla o alterarla. Essa è stata data agli uomini da Gesù Cristo, il Figlio di Dio incarnato, e da tutti quelli a Lui associati, sia nell’Antico Testamento, specialmente tra i Profeti, sia nel Nuovo Testamento attraverso gli Apostoli.
Questa dottrina che viene dal Cielo, data da Dio, è assolutamente intoccabile. Nessuno può aggiungere o sottrarre alcunché a ciò che Dio stesso ha rivelato. D’altronde, vi è una ingiunzione esplicita di Dio a proposito, nel libro dell’Apocalisse: «Dichiaro a chiunque ascolta le parole profetiche di questo libro: a chi vi aggiungerà qualche cosa, Dio gli farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; e chi toglierà qualche parola di questo libro profetico, Dio lo priverà dell’albero della vita e della città santa, descritti in questo libro» (Apoc. XXII, 18-19).
Lo stesso vale per il culto, che è espressione della fede, secondo la formula ben nota di San Prospero di Aquitania: «Legem credendi lex statuat supplicandi», «La legge della fede fonda la legge della preghiera». E’ per questo che la Chiesa è estremamente gelosa della purezza del culto divino. Quando vengono celebrati i sacramenti è in giuoco la confessione della vera fede in Dio e in Gesù Cristo; ecco perché tutti gli elementi che li compongono devono essere attentamente scelti perché questa confessione sia retta, pura e integra.

«Missio» e la propaganda sincretista dei vescovi italiani

Della Conferenza Episcopale Italiana fa parte «Missio», un «organismo pastorale costituito … al fine di sostenere e promuovere, anche in collaborazione con altri enti e organismi, la dimensione missionaria della comunità ecclesiale italiana». [www.missioitalia.it/presentazione/]
Questo organismo ha pubblicato nell’aprile 2019 un opuscolo per aiutare i fedeli a preparare il Sinodo sull’Amazzonia; esso contiene numerose informazioni sull’Amazzonia, la sua terra, i suoi popoli e ovviamente sulla Chiesa in terra amazzonica, con i «suoi testimoni e i suoi martiri».
[L’opuscolo è scaricabile in pdf
cloud.3dissue.com/…/download.pdf]

A pagina 17 di questo opuscolo si trova la seguente preghiera: «Pachamama di questi luoghi, bevi e mangia a volontà questa offerta, affinché sia fruttuosa questa terra. / Pachamama, buona Madre Sii propizia! Sii propizia! / Fa’ che i buoi camminino bene, e che non si stanchino. / Fa’ che la semente spunti bene, e non le succeda nulla di male, che il gelo non la distrugga, che produca buoni alimenti. / A te lo chiediamo: donaci tutto, Sii propizia! Sii propizia!»
Si tratta della preghiera alla Madre Terra dei popoli Inca.

Questa preghiera spazza via le spiegazioni fornite dal Vaticano nel tentativo di contrastare l’accusa di incoraggiare culti idolatri durante il Sinodo sull'Amazzonia.
In effetti, non si chiede ad un’astrazione o ad un simbolo di essere propizio. Quanto alla Terra, a cui questa preghiera è rivolta, essa non è nostra madre; essa è una creatura, e un giorno sarà la nostra tomba.

Sorgono logicamente degli interrogativi.
Che ci sta a fare una preghiera idolatrica in un bollettino cattolico missionario? Per di più, la veste tipografica dell’opuscolo mette in evidenza questa preghiera al pari di altre preghiere, come quella a Dio Uno e Trino, inserita alla fine dell’enciclica “Laudato si’”. Così una preghiera ad un idolo pagano viene messa sullo stesso piano della preghiera cristiana.

La Conferenza Episcopale Italiana vorrebbe forse suggerire che i cattolici dell’Amazzonia usano questa preghiera? Che vivono in un sincretismo così rozzo che non hanno alcun problema a recitarla? Che si può mettere impunemente su un piano di parità, in una pubblicazione episcopale ufficiale, Dio e Pachamama?
E infine, i vescovi italiani intendono proporre ai loro fedeli di adottare questo sincretismo, offrendo delle preghiere alle dee sudamericane? E questi vescovi, al contrario dei loro predecessori che furono dei valenti predicatori della fede, vogliono ritornare ad una sorta di politeismo?
Il sito infoCatolica riporta in effetti che la parrocchia del Sacro Cuore di Gesù, a Verona, il 25 ottobre 2019, ha usato questa preghiera in occasione di una veglia missionaria, con tanto di annuncio parrocchiale. Il Corriere del Veneto del 29 ottobre ha fatto sapere delle proteste dei fedeli rivolte al vescovo del luogo.
[Si veda la notizia sul sito della parrocchia del Sacro Cuore di Gesù www.sacrocuoreverona.it]

Quando l’esempio viene dall’alto

Queste manifestazioni sincretiste in cui dei riti pagani sono mischiati o coesistono col culto cattolico, richiamano alla mente lo scandalo di Assisi del 1986. Organizzata da Papa Giovanni Paolo II, il 27 ottobre 1986, quella giornata di preghiera per la pace vide il “Vicario” di Cristo mettere a disposizione dei rappresentanti delle false religioni diversi luoghi di culto; con la manifestazione indubbiamente più scandalosa del collocamento da parte di un gruppo di buddistici di una mostruosa statua di Budda sul tabernacolo della chiesa di San Pietro ad Assisi.

È in quella giornata di Assisi, che è stata una terribile umiliazione della Santa Chiesa, che dobbiamo cercare l’origine dell’attuale relativismo dottrinale e liturgico; è in essa che troviamo la fonte della paganizzazione degli spiriti, che oggi è diventata sempre più manifesta.

Un vescovo che ha perduto la fede

Mons. Erwin Kraütler, per tanto tempo vescovo di Xingu, in Brasile, figura di spicco del progressismo, a pagina 25 dello stesso opuscolo viene considerato «martire vivente» (sic!) della foresta e dei popoli autoctoni; egli rappresenta un modello irrinunciabile di questa paganizzazione degli spiriti.
In un’intervista al Tagespost, egli considera gli idoli della Pachamana come «una espressione dei popoli indigeni» che potrebbe essere «integrata nella nostra liturgia»; e continua dicendo che in occasione del Sinodo sull’Amazzonia a Roma, coloro che hanno portato quelle statue di Pachamama sarebbero «dei cristiani cattolici che sono lungi dal venerarle come delle divinità» «Si tratta di un simbolo di fertilità» al quale, ricordiamo noi, costoro hanno reso un culto. «E se per molti si tratta di una divinità, aver gettato le statue nel Tevere costituisce un attacco contro l’anima di un popolo».

Ecco come Mons. Kraütler insulta la memoria della innumerevole moltitudine dei Martiri che hanno offerto la loro vita perché si sono rifiutati di venerare gli idoli o non hanno esitato a distruggerli quando i popoli evangelizzati continuavano a rivolgersi ad essi.

Questo vescovo emerito ignora, disprezza ed attacca tutta la tradizione cattolica. Egli, che ha perduto la fede in qualche parte del fiume Xingu, in questo modo distrugge la stessa fede nell’anima dei fedeli. Cieco e conduttore di ciechi.

Articolo pubblicato il 4 novembre 2019 dal sito informazioni della Fraternità San Pio X
FSSPX NEWS

@padrepasquale l'unica dimostrazione è che lei persevera nel difendere (e quindi assecondare) il Male; ad ogni modo il grado della sua responsabilità sarà giudicato dall'Altissimo. Spero tanto che lei sia completamente vessato da Satana, o che prima o poi si converta, perchè solo in questi due casi avrà la possibilità di salvarsi.
Gaetano2 and one more user like this.
Gaetano2 likes this.
nolimetangere likes this.
@padrepasquale

L'articolo di "aleteia" non è null'altro che uno sterile tentativo di giustificare l'ingiustificabile per ingraziarsi il Bergoglio. Sta di fatto che all'interno di una chiesa cristiana si è tenuto un culto pagano e demoniaco, per cui si rende necessaria la riconsacrazione della chiesa di Santa Maria in Traspontina come richiesto da Sua Eccellenza Reverendissima Mons.
Carlo Maria…More
@padrepasquale

L'articolo di "aleteia" non è null'altro che uno sterile tentativo di giustificare l'ingiustificabile per ingraziarsi il Bergoglio. Sta di fatto che all'interno di una chiesa cristiana si è tenuto un culto pagano e demoniaco, per cui si rende necessaria la riconsacrazione della chiesa di Santa Maria in Traspontina come richiesto da Sua Eccellenza Reverendissima Mons.
Carlo Maria Viganò.
Ecco il sabba delle streghe che si è tenuto nella Casa del Signore :
Ecce Crucem Domini likes this.
In "aleteia" c'è la dimostrazione che non è stato fatto alcun culto pagano e demoniaco. Insistere su questo è pervicacia.
Padre Pasquale, visto che non capiamo, ci può spiegare quando si configura il culto idolatrico?
Testimone82 and 2 more users like this.
Testimone82 likes this.
warrengrubert likes this.
nolimetangere likes this.
Padrepasquale, come le ho già scritto sotto, l'articolo da lei citato conferma tutto quanto riguardo agli idoli. Veda anche i commenti se non lo ha fatto. Eventualmente se lo rilegga, aldilà del modo suadente, con tante chiacchiere, non fa che confermare quello che tutti hanno già abbondantemente capito. Si tratta di idolatria.
nolimetangere likes this.
Gaetano2 and one more user like this.
Gaetano2 likes this.
nolimetangere likes this.
@padrepasquale
Contra facta argumenta non valent !

Sabba satanico delle streghe in Vaticano
nolimetangere likes this.
@padrepasquale rifletta, chieda perdono a Dio e si converta!
"Poveri illusi!"
...E voi, falsi ministri di Dio, che assecondate i demoni ed i loro seguaci senza difendere la Verità, voi che consapevolmente assecondate ogni forma di male, di eresia, di apostasia e di peccato pur di saziare la vostra vanità, vi siete fatti un dio umano, abbandonando Gesù Cristo e la sua Parola, vi siete prostrati …More
@padrepasquale rifletta, chieda perdono a Dio e si converta!
"Poveri illusi!"
...E voi, falsi ministri di Dio, che assecondate i demoni ed i loro seguaci senza difendere la Verità, voi che consapevolmente assecondate ogni forma di male, di eresia, di apostasia e di peccato pur di saziare la vostra vanità, vi siete fatti un dio umano, abbandonando Gesù Cristo e la sua Parola, vi siete prostrati a idoli mortali e morti, appagando il vostro io, logorando la vostra anima e quelle del vostro prossimo fino a distruggerle. Voi che dall'essere soldati di Cristo siete divenuti soldati di Satana. Voi consapevolmente traditori della Via, della Verità, della Vita, traditori del figlio dell'Uomo, traditori della promesse battesimali, non crediate di essere esenti dal Giudizio Supremo: "Chi non è con me è contro di me." [Lc 11,14-23]. Voi siete complici della distruzione delle anime stesse, siete complici di Satana e quindi divenuti suoi figli. Avete scelto di seguire il Male, di seguire l'abominio, avete scelto la dannazione eterna; e per cosa? Per qualche attimo di piacere umano? Poveri stolti! Questa vita non è che un lampo a confronto dell'eternità.
Convertitevi! Convertitevi e adorate l'unico vero Dio e trino. Abbandonate ogni forma di male e pentitevi, fino a che siete in tempo, o sarete gettati tutti nell'inferno per l'eternità.
nolimetangere and one more user like this.
nolimetangere likes this.
Francesco I likes this.
Credo e adoro Dio Padre onnipotente.... Credo nella Chiesa e nel suo Pastore
La sovversione sincretista della Conferenza Episcopale italiana

E crede anche lei negli idoli pagani come Bergoglio?
Padrepasquale, l'articolo da lei citato conferma tutto quanto riguardo agli idoli. Veda anche i commenti se non lo ha fatto. Eventualmente se lo rilegga, aldilà del modo suadente, con tante chiacchiere, non fa che confermare quello che tutti hanno già abbondantemente capito. Si tratta di idolatria.
nolimetangere likes this.
Francis Bergoglio and interreligious dialogue

www.youtube.com/watch (english)
www.youtube.com/watch /español/
www.youtube.com/watch /italiano/
Sito ufficiale: vkpatriarhat.org/en/
Gaetano2 and one more user like this.
Gaetano2 likes this.
nolimetangere likes this.
Gaetano2 likes this.
Ovviamente, con un falso papa si hanno falsi culti...
nolimetangere likes this.
Dal messaggio del 5 novembre ad Anguera:
"Non permettete che le false ideologie vi allontanino dalla verità. Molti consacrati sono stati contaminati e camminano come ciechi che guidano altri ciechi. Un tempio sarà eretto, ma nella Casa di Dio non c'è spazio per il nemico. Non potete servire due padroni. Rimanete con Gesù. Accogliete il Suo Vangelo e abbracciate gli insegnamenti del vero …More
Dal messaggio del 5 novembre ad Anguera:
"Non permettete che le false ideologie vi allontanino dalla verità. Molti consacrati sono stati contaminati e camminano come ciechi che guidano altri ciechi. Un tempio sarà eretto, ma nella Casa di Dio non c'è spazio per il nemico. Non potete servire due padroni. Rimanete con Gesù. Accogliete il Suo Vangelo e abbracciate gli insegnamenti del vero Magistero della Sua Chiesa. "
nolimetangere and 2 more users like this.
nolimetangere likes this.
Walter likes this.
Gaetano2 likes this.