vincenzo angelo
Ottimamente.L'inculturazione secondo i modernisti diventa un errore teologico(idolatria) e un errore filosofico:immanentismo e storicismo e denota assenza del dono spirituale della scienza,che fa dare a ciascun elemento il suo grado e ordine d'importanza.Ciascun cristiano a qualunque latitudine e longitudine ,se riflette con l'aiuto dello Spirito,da battezzato e cresimato,si rende conto che la …More
Ottimamente.L'inculturazione secondo i modernisti diventa un errore teologico(idolatria) e un errore filosofico:immanentismo e storicismo e denota assenza del dono spirituale della scienza,che fa dare a ciascun elemento il suo grado e ordine d'importanza.Ciascun cristiano a qualunque latitudine e longitudine ,se riflette con l'aiuto dello Spirito,da battezzato e cresimato,si rende conto che la realta', il suo vissuto serve a fare da supporto ,da humus all'azione dello Spirito che e' universale.Analogamente abbiamo una famiglia umana e una divina,dei genitori umani e dei genitori divini.Dio stesso ha voluto nascere in una famiglia umana. Su due piani diversi ,uno superiore, ma intrecciati.Minimizzare in principio o di fatto uno dei due ,a favore dell'altro,diventa idolatria immanentistica o spiritualismo idolatrico.Facce opposte dello stesso errore anticattolico.
vincenzo angelo
Quello che dice Padre Akodah va pero' precisato ,perche' di per se' e' qualcosa con cui un Bergoglio ci andrebbe malauguratamente a nozze, distorcendolo dalla sua parte modernista ed eretica.Le "rotture" di cui parla sono,in molte situazioni, la Grazia che perfeziona la natura senza contraddirla(S.Tommaso d'Aquino,alla faccia di Bergoglio che non sa neanche rispettare gl'imprenditori onesti).In …More
Quello che dice Padre Akodah va pero' precisato ,perche' di per se' e' qualcosa con cui un Bergoglio ci andrebbe malauguratamente a nozze, distorcendolo dalla sua parte modernista ed eretica.Le "rotture" di cui parla sono,in molte situazioni, la Grazia che perfeziona la natura senza contraddirla(S.Tommaso d'Aquino,alla faccia di Bergoglio che non sa neanche rispettare gl'imprenditori onesti).In concreto:Gesu' rispettava le leggi,e i confini,e ha detto chiaramente di non essere venuto ad annullare la Legge ma a compierla.Cosi' come esiste una paternita' naturale e una spirituale,per i consacrati, per esempio.Pensiamo ai martiri,ma anche ai soldati che difendono i confini di uno Stato.I confini li rispettava.Non si sarebbe messo la spilla con su scritto "Apriamo i porti".Eppure Israele era una teocrazia.Bergoglio,che s'intromette dove non vede, scioccamente e da incompetente ,ma vigliaccamente,perche' se ne guarda bene verso i potenti veri,vada piuttosto nel paese dei balocchi dei ruffiani vigliacchi se esiste che qui,se Dio vuole, ha fatto il suo tempo.Ammenoche' non debba ancora riscuotere 30 denari.