Clicks1.7K
it.news
2

Da non perdere: Intervista al professor Didier Raoult a Le Parisien del 22 marzo 2020

Contattato domenica, lo specialista delle malattie infettive si è detto convinto di aver trovato una cura per il coronavirus. Raoult dice che è "immorale" aspettare a somministrarlo e dice che "non gli importa" se viene lanciato uno studio clinico.

Didier Raoult è convinto di aver trovato "la" cura più efficace per il trattamento dei pazienti affetti da Covid-19.

Direttore dell'Institut hospitalo-universitaire Méditerranée Infection di Marsiglia (Bouches-du-Rhône), questo infettivologo, specialista in malattie infettive tropicali emergenti, afferma che la clorochina, un farmaco antimalarico utilizzato per decenni e ben noto ai viaggiatori come Nivaquine, sta avendo un effetto spettacolare sull'attuale epidemia.

Sei giorni dopo averlo somministrato a pazienti affetti da Covid-19, dice, solo il 25% era ancora portatore del virus, mentre il 90% di coloro che non avevano ricevuto il trattamento era ancora positivo.

Se alcuni dei suoi colleghi non lo prendono sul serio, mettendo in discussione i suoi metodi e i risultati delle sue sperimentazioni terapeutiche, il Ministro della Salute, Olivier Véran, ha annunciato sabato 21 marzo che questo trattamento sarà testato "su più larga scala".

Ho chiesto che lo studio del professor Raoult sia replicato... in altri ospedali, da altre équipe indipendenti", ha detto il ministro. Lo sto seguendo molto da vicino. »

Tuttavia, il governo rimane cauto, poiché i risultati del Prof. Raoult sono stati ottenuti solo su 24 pazienti, senza placebo. "Nessun paese al mondo ha mai concesso un'autorizzazione al trattamento sulla base di uno studio come questo", sottolinea Olivier Véran.


INTERVISTA AL PROFESSOR RAOULT

Il governo ha autorizzato un ampio studio clinico per testare l'effetto della clorochina sul coronavirus. È importante per voi averlo ottenuto?

DIDIER RAOULT
: No, non mi interessa. Penso che le persone vivono sulla luna che stanno confrontando i test sull'AIDS con una malattia infettiva emergente. Io, come ogni medico, una volta che un trattamento si è dimostrato efficace, trovo immorale non somministrarlo. È semplicissimo.

Come risponde ai medici che invitano alla cautela e sono riservati sulle vostre sperimentazioni e sull'effetto della clorochina, soprattutto in assenza di ulteriori studi?

DIDIER RAOULT
- Non fraintendetemi: sono uno scienziato e penso come uno scienziato con prove verificabili. Ho prodotto più dati sulle malattie infettive di chiunque altro al mondo. Sono un medico, vedo persone malate. Ho 75 pazienti ricoverati, 600 consulti al giorno.

Se sapeste come me ne fischio di che cosa pensano gli altri! Nel mio staff siamo persone pratiche, non uccelli da televisione.

Come è arrivato a lavorare sulla clorochina, dicendo a se stesso che potrebbe essere efficace nel trattamento del coronavirus?

DIDIER RAOULT
: Il problema in questo Paese è che la gente che parla è di un’ignoranza mastodontica.

Tredici anni fa ho fatto uno studio scientifico sulla clorochina e sui virus che è stato pubblicato. Da allora, altri quattro studi di altri autori hanno dimostrato che il coronavirus era sensibile alla clorochina. Tutto questo non è una novità.

È deprimente che la cerchia dei responsabili delle decisioni non sia nemmeno informata sullo stato della scienza. La potenziale efficacia della clorochina sui modelli di coltura virale era nota. Sapevamo che era un antivirale efficace.

Nei nostri esperimenti abbiamo deciso di aggiungere un trattamento di azitromicina (un antibiotico contro la polmonite batterica, NDLR) per evitare sovrainfezioni batteriche.

I risultati sono stati notevoli nei pazienti affetti da Covid-19 quando l'azitromicina è stata aggiunta all'idrossiclorochina.

Cosa vi aspettate dalle prove su larga scala sulla clorochina?

DIDIER RAOULT
- Niente di niente. Il mio team ed io crediamo di aver trovato una cura. E dal punto di vista dell'etica medica, come medico, sento di non avere il diritto di non utilizzare l'unico trattamento finora provato.

Sono convinto che alla fine tutti utilizzeranno questo trattamento. È solo questione di tempo prima che la gente sia disposta a mangiarsi il cappello del proprio orgoglio e a dire: "Questo è quello che dobbiamo fare".

In quale forma e per quanto tempo somministrate clorochina ai vostri pazienti?

DIDIER RAOULT
- Idrossiclorochina 600 mg al giorno per dieci giorni (come Plaquenil, il nome del farmaco, Nota dell'editore) è dato in forma di compressa tre volte al giorno. E azitromicina 250 mg due volte il primo giorno e poi una volta al giorno per cinque giorni.

È un trattamento che può essere preso per la prevenzione delle malattie?

DIDIER RAOULT
- Non lo sappiamo.

Quando lo si dà, quanto tempo ci vuole perché un paziente con Covid-19 si riprenda?

DIDIER RAOULT
- Quello che sappiamo per ora è che il virus scompare dopo sei giorni.

Si rende conto, tuttavia, che alcuni suoi colleghi chiedono cautela su questo trattamento?

DIDIER RAOULT
- La gente dà la sua opinione su tutto, ma io parlo solo di quello che so: non sto dando la mia opinione sulla composizione della squadra francese! Ognuno ha il suo lavoro. La comunicazione scientifica in questo paese oggi è un po' come la conversazione da bar.

Ma non ci sono regole di prudenza da rispettare prima di somministrare un nuovo trattamento?

DIDIER RAOULT
- A chi dice che sono necessari trenta studi multicentrici e un migliaio di pazienti inclusi, rispondo che se dovessimo applicare le regole degli attuali metodologi, dovremmo rifare uno studio sull'utilità del paracadute. Prendete 100 persone, metà con il paracadute e metà senza, e contate i morti alla fine per vedere cosa è più efficace.

Quando si dispone di un trattamento che funziona contro zero altri trattamenti disponibili, questo è il trattamento che dovrebbe diventare il riferimento.

Come medico ho la libertà di prescrivere. Non è necessario obbedire agli ordini dello Stato per curare i malati. Le raccomandazioni della più alta Autorità della Salute sono un'indicazione, ma non vi obbligano. Sin dai tempi di Ippocrate, il medico ha fatto del suo meglio, allo stato delle sue conoscenze e della scienza.

E i rischi di gravi effetti indesiderati legati all'assunzione di clorochina, soprattutto a dosi elevate?

DIDIER RAOULT
- Contrariamente a quanto alcuni dicono in televisione, la Nivaquina (il nome di uno dei farmaci a base di clorochina, NDLR) è piuttosto meno tossica del Doliprane o dell'aspirina assunta in dosi elevate. In ogni caso, un farmaco non deve essere preso alla leggera e deve essere sempre prescritto da un medico di base.

È consapevole che esiste un'immensa speranza di guarigione per i pazienti affetti dalla malattia?

DIDIER RAOULT
- Vedo soprattutto che ci sono medici che mi scrivono ogni giorno da tutto il mondo per scoprire come si curano le malattie con l'idrossiclorochina. Ho ricevuto telefonate dal Massachusetts General Hospital e dalla Mayo Clinic di Londra.

I due specialisti leader mondiali, uno nelle malattie infettive e l'altro nelle cure antibiotiche, mi hanno contattato per chiedermi dettagli su come impostare questo trattamento.

Anche Donald Trump ha twittato sui risultati delle nostre prove. Solo in questo paese non è chiaro chi sono! Solo perché non viviamo all'interno della circonvallazione di Parigi non significa che non facciamo scienza. Questo paese è diventato Versailles nel XVIII secolo!

Cosa intende dire?

DIDIER RAOULT
- Ci poniamo domande franco-francesi e anche parigino-parigine. Ma Parigi è completamente fuori passo con il resto del mondo.

Prendiamo l'esempio della Corea del Sud e della Cina, dove non ci sono più casi. In questi due paesi, hanno deciso molto tempo fa di effettuare test su larga scala per poter diagnosticare prima i pazienti infetti. Questo è il principio fondamentale della gestione delle malattie infettive.

Ma siamo arrivati al punto di follia in cui i medici in TV non consigliano più alla gente di diagnosticare la malattia, ma dicono alla gente di stare a casa. Questa non è medicina.

Pensa che il contenimento della popolazione non sarà efficace?

DIDIER RAOULT
- Questo non è mai stato praticato in tempi moderni. È stato fatto nel XIX secolo per il colera a Marsiglia. L'idea di confinare le persone per bloccare le malattie infettive non è mai stata provata. Non sappiamo nemmeno se funziona. È improvvisazione sociale. Non misuriamo affatto gli effetti collaterali. Cosa succederà quando le persone saranno rinchiuse nelle loro case, a porte chiuse, per 30 o 40 giorni? In Cina ci sono state segnalazioni di suicidi per paura del coronavirus. Alcuni si batteranno tra di loro.

Dobbiamo, come chiede l'Organizzazione Mondiale della Sanità, generalizzare i test in Francia?

DIDIER RAOULT
- Abbiamo il coraggio di dirlo: cucinare alla francese non funziona. La Francia esegue solo 5.000 test al giorno, mentre la Germania ne esegue 160.000 a settimana! C'è una sorta di discrepanza.

Nelle malattie infettive, diagnostichiamo le persone e, una volta ottenuti i risultati, le curiamo. Tanto più che stiamo cominciando a vedere persone che sono portatrici del virus, apparentemente senza segni clinici, ma che, in un numero non trascurabile di casi, hanno lesioni polmonari visibili sulle scansioni TAC che mostrano che sono malate.

Se queste persone non vengono curate in tempo, c'è il ragionevole rischio che si trovino in terapia intensiva, dove non vengano salvate. Esaminare le persone solo quando sono già gravemente malate è quindi un modo estremamente innaturale per aumentare la mortalità.

Le maschere devono essere ampiamente indossate?

DIDIER RAOULT
- Difficile da valutare. Sappiamo che sono importanti per il personale sanitario, perché sono le poche persone che hanno un rapporto molto, molto stretto con i pazienti quando li visitano, a volte a 20 cm dal loro volto.

Non è chiaro quanto lontano volino i virus. Ma certamente non più di un metro di distanza. Quindi, oltre quella distanza, potrebbe non avere molto senso indossare una maschera.

In ogni caso, gli ospedali sono il primo posto dove inviare queste maschere per tenere al sicuro gli assistenti. In Italia e in Cina, una percentuale estremamente elevata di pazienti erano fra gli operatori sanitari.
N.S.dellaGuardia
Si ma sembra il grande Lebowsky...
Massimo M.I.
www.ilsole24ore.com/art/ecco-farmaci-an…
È arrivata l'autorizzazione del farmaco suddetto per cure domiciliari