paolase

La parola del giorno di don Ottorino - Domenica 14 Aprile 2024

LA PACE DI CRISTO È UNA COSA DIVERSA Gesù ha detto, rivolgendosi a noi, poveri miserabili: “Pace a voi!”. Ed ha aggiunto: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace.” (Gv 14,27). La sua pace, non è la …More
LA PACE DI CRISTO È UNA COSA DIVERSA
Gesù ha detto, rivolgendosi a noi, poveri miserabili: “Pace a voi!”. Ed ha aggiunto: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace.” (Gv 14,27). La sua pace, non è la nostra, fondata sulla illusione e sull’amor proprio, né la pace del mondo così orribilmente falsificata...
CONTINUA A LEGGERE

LITURGIA DELLA DOMENICA - III DOMENICA DI PASQUA (B)

Testimoni del Risorto Gli Undici e gli altri discepoli sono persuasi che Gesù sia risorto; i due di Emmaus raccontano di averlo riconosciuto nel gesto eucaristico. Ora lui, risorto, è lì in mezzo a …More
Testimoni del Risorto
Gli Undici e gli altri discepoli sono persuasi che Gesù sia risorto; i due di Emmaus raccontano di averlo riconosciuto nel gesto eucaristico. Ora lui, risorto, è lì in mezzo a loro, e non lo riconoscono, paralizzati dalla paura davanti a un “fantasma” (Vangelo). È la fatica del credere! Gesù trepida per loro, mostra le piaghe e invita a toccarle, mangia davanti a loro; conferma la sua identità: «Sono proprio io!». È cambiato il modo della sua presenza, prima umile e ora gloriosa, e i discepoli devono cambiare il loro modo di guardare a lui; gli occhi del corpo devono cedere il passo agli occhi della fede: credere e abitare le sue parole con mente limpida e cuore puro, perché l’amore sia perfetto (II Lettura). Sulla loro salda e amorevole adesione al Risorto s’innesta la testimonianza che egli chiede. La pone in atto con franchezza l’apostolo Pietro, allorché annuncia Gesù crocifisso-risorto e con indulgenza invita i presenti al pentimento e alla conversione (I …More

LITURGIA DELLA DOMENICA - DOMENICA DI PASQUA Messa del giorno

Alleluia! Cristo è risorto e trionfa «Cristo è risorto! Alleluia»: è l’Evangelo, cioè la bella e grande notizia, che la Chiesa annuncia ogni anno; è l’inizio dell’era nuova inaugurata da Cristo, e …More
Alleluia! Cristo è risorto e trionfa
«Cristo è risorto! Alleluia»: è l’Evangelo, cioè la bella e grande notizia, che la Chiesa annuncia ogni anno; è l’inizio dell’era nuova inaugurata da Cristo, e che continua attraverso la Chiesa. Pasqua è la vittoria di Cristo che trionfa sul peccato e sulla morte. Pasqua è la letizia del cielo che si riversa sulla terra. Pasqua è la luce della speranza che rischiara e dissipa le nostre tenebre. Pasqua è la vita nuova che sboccia nel cuore dell’uomo che vuole fiorire alla vita buona in Dio. La nostra vita testimonia la fede nel Risorto? La nostra fede fa di noi dei viventi nella grazia? L’invito di Paolo è un appello pressante: «Se siete risorti con Cristo cercate le cose di lassù, non quelle della terra. La vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio» (Col 3,1-3). Pasqua è segno di vittoria, di pace, di trasformazione interiore. Sono doni che Dio elargisce a chi si apre a lui con tutto il cuore. Lasciamo esplodere oggi la nostra gioia e splenda in …More
Mario Sedevacantista Colucci shares this

LITURGIA DELLA DOMENICA- DOMENICA DELLE PALME (A, B e C)

Lasciamoci coinvolgere nel mistero dell’Amore infinito che ci ha redenti... CONTINUA A LEGGEREMore
Lasciamoci coinvolgere nel mistero dell’Amore infinito che ci ha redenti...
CONTINUA A LEGGERE

La parola del giorno di don Ottorino - Martedì 19 Marzo 2024

SAN GIUSEPPE HA LAVORATO ONESTAMENTE E CON AMORE Figlioli, la Chiesa ci presenta un uomo, il quale è sottostato anche lui alla legge delle lacrime: “Ti guadagnerai il pane col sudore della fronte” (…More
SAN GIUSEPPE HA LAVORATO ONESTAMENTE E CON AMORE
Figlioli, la Chiesa ci presenta un uomo, il quale è sottostato anche lui alla legge delle lacrime: “Ti guadagnerai il pane col sudore della fronte” (Gen 3,19). Quest’uomo si chiama Giuseppe: uomo che ha accolto veramente dalle mani di Dio il comando e ha sempre lavorato onestamente, senza imbrogliare alcuno, che ha sempre lavorato con amore, sapendo di fare la volontà di Dio...
CONTINUA A LEGGERE
paolase
76

LITURGIA DELLA DOMENICA V DOMENICA DI QUARESIMA (B)

Qui non ci sono mezze misure: anche i sordi possono capire! Siamo al cuore del cammino che la Chiesa ci invita a fare in Quaresima, tempo propizio per “rientrare in noi stessi” (cfr. Lc 15, 17) e …More
Qui non ci sono mezze misure: anche i sordi possono capire!
Siamo al cuore del cammino che la Chiesa ci invita a fare in Quaresima, tempo propizio per “rientrare in noi stessi” (cfr. Lc 15, 17) e ritornare dal Padre che ci attende a braccia aperte. Come mai ogni anno? Come mai sempre le stesse letture bibliche? Perché ciascuno di noi vive un oggi che è diverso da qualsiasi altro momento, anno, situazione...
CONTINUA A LEGGERE

La grandezza dell'anima dei bambini...

Quale consolazione devono essere state per Gesù le anime dei bambini che, nei loro cuori innocenti, seppero accogliere il suo amore e il suo vangelo molto meglio della maggior parte degli scribi e dei …More
Quale consolazione devono essere state per Gesù le anime dei bambini che, nei loro cuori innocenti, seppero accogliere il suo amore e il suo vangelo molto meglio della maggior parte degli scribi e dei farisei, guide del popolo ebraico! Per questo il Signore, pieno di riconoscenza, proruppe in quella bellissima lode che ancora oggi commuove tutti noi: “Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli”. (Mt 11,25) Anche gli apostoli dovettero sopportare il rimprovero del loro Maestro quando volevano trattenere i bambini dall'andare a Lui, "a chi è come loro, infatti, appartiene il regno dei cieli". (Mt 19,14)
Si, attraverso la loro purezza e spontaneità, spesso i bambini possono capire più facilmente e velocemente i misteri dell'amore di Dio e in genere li prendono più seriamente degli adulti. È quindi consigliabile dare molta importanza all'educazione religiosa dei bambini, perché non di rado il …More

La parola del giorno di don Ottorino - Domenica 04 Febbraio 2024 - “VUOI FARTI SANTO?”

Se vuoi farti santo conosci te stesso, renditi conto della tua miseria, accettala senza scoraggiamento e cerca di dare a Dio il meglio di te stesso... CONTINUA A LEGGEREMore
Se vuoi farti santo conosci te stesso, renditi conto della tua miseria, accettala senza scoraggiamento e cerca di dare a Dio il meglio di te stesso...
CONTINUA A LEGGERE

V Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - Il Signore risana i cuori affranti

A Giobbe bastano poche pennellate per descrivere il suo stato d’animo (I Lettura). La notte del dolore è cupa e tribolata, intessuta di illusioni e affanni; il filo della speranza è esaurito. Egli …More
A Giobbe bastano poche pennellate per descrivere il suo stato d’animo (I Lettura). La notte del dolore è cupa e tribolata, intessuta di illusioni e affanni; il filo della speranza è esaurito. Egli dovrà inchinarsi al mistero di Dio. La grandezza dell’Onnipotente lo stupirà e capirà che non la stoltezza delle parole ma il silenzio adorante s’addice al suo cospetto.
A Cafarnao Gesù incontra l’umanità sofferente (Vangelo). Per i piagati nel corpo e nello spirito egli è consolazione e speranza. Li accosta con il suo stile inconfondibile, come fa con la suocera di Simon Pietro: prende su di sé il suo dolore e la risana. «Egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori», dice il Profeta (Is 53,4). Gesù non spiega la sofferenza, ma la riempie della sua presenza.
Nella preghiera del mattino, fatta in solitudine, egli ripercorre l’intensa giornata vissuta fra la gente all’uscita della sinagoga; rivede i volti, ripensa alle domande e alle angosce. Nell’intimità si dichiara …More

IV Domenica del Tempo Ordinario - Anno B

Gesù è un maestro singolare, diverso dagli scribi (Vangelo). Il suo insegnamento stupisce chi l’ascolta: non è statico e freddo, ma dà freschezza e nuova vita alle cose di Dio; non impone, ma propone …More
Gesù è un maestro singolare, diverso dagli scribi (Vangelo). Il suo insegnamento stupisce chi l’ascolta: non è statico e freddo, ma dà freschezza e nuova vita alle cose di Dio; non impone, ma propone. La sua parola tocca nel profondo, apre orizzonti di vita, inquieta, sveglia la mente e scalda il cuore, fa crescere dentro e responsabilizza.
La gente osa dire che egli insegna con autorità: nessuna dissociazione in lui tra la parola e la vita. Gesù incarna le caratteristiche del profeta ideale preannunciato da Mosè (I Lettura). Ben se n’avvede il Maligno allorché le sue parole astutamente lusinghiere cadono nel vuoto davanti alla parola salvifica di quel profeta di Dio tra la gente. «Il Signore ha colorato la sua parola di bellezze svariate, perché coloro che la scrutano possano contemplare ciò che preferiscono.
Ha nascosto nella sua parola tutti i tesori, perché ciascuno di noi trovi una ricchezza in ciò che contempla», riflette sant’Efrem. Ne sia consapevole l’assemblea liturgica, quando …More

Un incontro molto proficuo...

Durante le riprese di un film, il famoso attore britannico sir Alec Guinness (1914-2000) poté sperimentare quanto la fiducia spontanea e innocente di un bambino possa confortare e trasformare qualcuno …More
Durante le riprese di un film, il famoso attore britannico sir Alec Guinness (1914-2000) poté sperimentare quanto la fiducia spontanea e innocente di un bambino possa confortare e trasformare qualcuno nell'intimo. La guarigione miracolosa di suo figlio condusse poi l'attore nella Chiesa Cattolica.
Alec Guinness è stato uno degli attori più geniali e versatili del XX secolo. Nel 1959, per i suoi meriti artistici, la regina Elisabetta II lo insignì del titolo nobiliare, tuttavia il semplice e riservato gentleman, nato a Londra, era di umili origini e non aveva mai potuto conoscere suo padre. Per tutta la vita Alec si portò dietro questa ferita aperta e profonda...
CONTINUA A LEGGERE

MEDITAZIONE SUL LIBRO DI GIOBBE Capitoli 1-42 di Eugenio Pramotton

“La vita dell'uomo è un dramma, e quale dramma!”, diceva don Divo Barsotti. Uno dei segni che questo dramma raggiunge livelli non comuni è quando chi vi è coinvolto preferirebbe morire piuttosto che …More
“La vita dell'uomo è un dramma, e quale dramma!”, diceva don Divo Barsotti. Uno dei segni che questo dramma raggiunge livelli non comuni è quando chi vi è coinvolto preferirebbe morire piuttosto che vivere; è allora quasi inevitabile trovarsi coinvolti in un dialogo simile a quello di Giobbe con i suoi amici. C'è negli amici un sincero e lodevole desiderio di dare un po' di conforto, di suggerire qualche atteggiamento, preghiera, proposito o considerazione nella speranza di vedere uscire quanto prima il loro amico da uno stato di sofferenza estrema...
CONTINUA A LEGGERE
paolase
369

La parola del giorno di don Ottorino - Domenica 12 Novembre 2023

LE COSE PIÙ IMPORTANTI VANNO TRATTATE DAVANTI AL TABERNACOLO... Le nostre opere, tutte le nostre opere, dovrebbero incominciare mentre siamo inginocchiati; cioè, bisogna fermarsi e progettare insieme …More
LE COSE PIÙ IMPORTANTI VANNO TRATTATE DAVANTI AL TABERNACOLO...
Le nostre opere, tutte le nostre opere, dovrebbero incominciare mentre siamo inginocchiati; cioè, bisogna fermarsi e progettare insieme con il Signore...
CONTINUA A LEGGERE
paolase
197

LITURGIA DELLA DOMENICA XXXII Domenica del Tempo Ordinario - Anno A

Che bella notizia! Apprendiamo oggi dalla Parola che, se è vero che noi ricerchiamo la sapienza di Dio, in verità è essa che ci cerca per prima. La divina sapienza va in cerca di quanti sono degni di …More
Che bella notizia! Apprendiamo oggi dalla Parola che, se è vero che noi ricerchiamo la sapienza di Dio, in verità è essa che ci cerca per prima. La divina sapienza va in cerca di quanti sono degni di lei. Vuole raggiungerci ed illuminare la nostra vita. Oggi ci viene incontro per indicarci l’orizzonte della nostra esistenza. La Parola di Dio ci rivela che il traguardo, offerto a tutti noi, è splendido: «Quelli che sono morti, Dio li radunerà per mezzo di Gesù insieme con lui». Saremo sempre con il Signore! Davvero «Quale gioia, quando mi dissero: “Andremo alla casa del Signore”». Ma questo orizzonte richiede una preparazione. Il Vangelo ci fa chiaramente capire che non si può pensare di poter comprare all’ultimo momento l’olio necessario per entrare nella sala delle nozze. Va “comprato” oggi! È oggi che bisogna orientare la nostra vita verso l’eternità. È oggi che bisogna fare delle scelte che ci portino alla vita eterna. La nostra conversione all’Amore non può aspettare! La sapienza …More
paolase
125

Vegliare nell'attesa dello Sposo divino… del Sac. Dolindo Ruotolo ( Matteo 25,1-13)

Gesù Cristo volle, con una parabola bellissima, ribadire il concetto della necessità di vigilare e di prepararsi al Giudizio finale, e presentò ai suoi uditori una scena di nozze, perché immagine viva …More
Gesù Cristo volle, con una parabola bellissima, ribadire il concetto della necessità di vigilare e di prepararsi al Giudizio finale, e presentò ai suoi uditori una scena di nozze, perché immagine viva dell'epilogo della vita della Chiesa e delle anime nell'eternità. Presso gli Ebrei la cerimonia principale del matrimonio era il corteo e la cena nuziale che lo seguiva. Si andava a prendere la sposa per condurla in casa dello sposo; il corteo era formato da amici dello sposo e da amiche della sposa che, con lampade accese, li seguivano fino alla sala del banchetto, al quale prendevano parte. È su questa gentile usanza che Gesù formò la sua parabola, una delle più belle e delicate (110).
L'applicazione del racconto è molteplice e riguarda la Chiesa e le anime consacrate a Dio. La Chiesa accompagna lo Sposo divino Gesù Cristo alla vera casa nuziale che è il Cielo e al vero banchetto nuziale che è l'eterna fruizione di Dio.
Continua a leggere...»
paolase
368

La parola del giorno di don Ottorino - Domenica 05 Novembre 2023 - IMPEGNARCI DI PIÙ PENSANDO ALL’INCONTRO FINALE CON DIO

Oggi si pensa troppo poco alle ultime realtà: morte, giudizio, Inferno e Paradiso. Io credo che la vera umiltà nasca proprio da queste meditazioni... CONTINUA A LEGGEREMore
Oggi si pensa troppo poco alle ultime realtà: morte, giudizio, Inferno e Paradiso. Io credo che la vera umiltà nasca proprio da queste meditazioni...
CONTINUA A LEGGERE
paolase
162

LITURGIA DELLA DOMENICA XXXI Domenica del Tempo Ordinario - Anno A

La Parola di Dio ci offre oggi l’esempio luminoso di Paolo e dei suoi compagni nell’apostolato, così affezionati ai fedeli che avrebbero desiderato dare loro non solo il vangelo di Dio, ma la loro …More
La Parola di Dio ci offre oggi l’esempio luminoso di Paolo e dei suoi compagni nell’apostolato, così affezionati ai fedeli che avrebbero desiderato dare loro non solo il vangelo di Dio, ma la loro stessa vita. Allo stesso tempo ci mette in guardia contro i ministri infedeli, sia quelli che allontanandosi dalla retta via sono di scandalo per molti, sia quelli che dicono e non fanno. Ci viene così ricordato quanto abbiamo bisogno di ministri santi. Questa santità, però, non dipende solo da loro, ma da noi tutti: «Non chiamate nessuno “padre” sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello del cielo», ci dice Gesù oggi. Si tratta di trovare il modo giusto di rapportarci con i nostri pastori. Di riconoscerli come nostri fratelli, guardandoci bene dal metterli su un piedestallo che li farà cadere; in una parola, di amarli, riconoscendo il dono stupendo che Dio ha deposto per noi nella loro umanità, benché povera come la nostra. E cosa, più di tutto, convertirà i pastori? La testimonianza …More
paolase
220

"Fate dunque e osservate tutto quanto essi vi dicono; ma non fate come essi operano”... Discorso settantaduesimo – Mt. 23, 1-12 di San Giovanni Crisostomo

L’evangelista inizia di nuovo con “allora”. Che vuol dire? Vuol dire: dopo che Gesù ha concluso il discorso di cui abbiamo parlato; dopo aver ridotto al silenzio i suoi avversari e averli obbligati …More
L’evangelista inizia di nuovo con “allora”. Che vuol dire? Vuol dire: dopo che Gesù ha concluso il discorso di cui abbiamo parlato; dopo aver ridotto al silenzio i suoi avversari e averli obbligati a non tentarlo più; dopo aver mostrato in modo evidente che la loro malvagità è senza rimedio. Poiché ha ricordato “Il Signore ha detto al mio Signore”, si richiama di nuovo alla legge. In realtà, voi mi direte, la legge non dice nulla di simile, ma piuttosto: “Il Signore Dio tuo è un solo Signore”. Tuttavia tenete presente che la Scrittura chiama con il nome di legge tutto l’Antico Testamento, e Cristo, d’altra parte, vuol far comprendere, con quanto dice ora, che c’è un accordo perfetto tra lui e il Padre: se fosse infatti dissenziente dal Padre, avrebbe parlato contro la legge; qui invece egli ordina che si abbia tanto rispetto per la legge e che, nonostante la corruzione di coloro che l’insegnano, ci si deve attenere ad essa mettendola in pratica con fedeltà.
Si sofferma poi a parlare …More
paolase
309

LITURGIA DELLA DOMENICA - XXX Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - Il grande comandamento

Al dottore della Legge che lo interroga sul “grande comandamento” (Vangelo), Gesù risponde che il primato dell’amore appartiene a Dio, ma subito aggiunge che c’è un altro comandamento “simile”, che …More
Al dottore della Legge che lo interroga sul “grande comandamento” (Vangelo), Gesù risponde che il primato dell’amore appartiene a Dio, ma subito aggiunge che c’è un altro comandamento “simile”, che è l’amore del prossimo. Fonda la sua risposta sull’autorità della Scrittura (Dt 6,5 e Lv 19,18) e al contempo sancisce il nesso necessario che intercorre tra i due comandamenti: la misura dell’amore di Dio è il “tutto” e impegna il credente nella ricchezza delle sue potenzialità; la misura dell’amore del prossimo è l’empatia della carità, che riversa in azioni concrete e ispirate a giustizia il “tutto” dell’amore dato a Dio (I Lettura). ’amore è la pienezza della Legge ed è la chiave per comprenderla; è il criterio che deve orientare ogni azione e il fine a cui deve tendere. L’amore ispira la creatività di chi ama; mantiene pura la mente, limpido lo sguardo, compassionevole il cuore. Per chi serve il Dio vivo e vero con retta coscienza nulla è disdicevole e tutto è buono. Una comunità, che …More
paolase
185

TUTTO DALLE MANI DEL SIGNORE...

La parola del giorno di don Ottorino - Domenica 27 Agosto 2023 Davanti alle difficoltà non è facile dire: “Il Signore ha permesso questo..., vuol dire che va bene così!”... Si fa fatica a dirlo, ma …More
La parola del giorno di don Ottorino - Domenica 27 Agosto 2023
Davanti alle difficoltà non è facile dire: “Il Signore ha permesso questo..., vuol dire che va bene così!”... Si fa fatica a dirlo, ma bisogna che tu lo dica...
CONTINUA A LEGGERE