signummagnum
127K

Finalmente! L'Arcivescovo di Parigi reagisce alle misure del governo che limitano il culto

Ce n’e voluto, ma finalmente in Francia – sulla scia delle massicce reazioni di piazza dei fedeli – anche i prelati stanno cominciando a reagire contro le imposizioni del Governo Macron che limitano la libertà religiosa.

Rispondendo all’annuncio del Presidente che, nelle festività natalizie, le Messe non potranno superare trenta persone, mons. Michel Aupetit, arcivescovo di Parigi ha dichiarato ai microfoni di Radio Notre Dame:

“È una misura totalmente stupida che va contro il buon senso. Trenta persone in una chiesetta di paese, si capisce, ma a Saint Sulpice è ridicolo! A queste Messe, in alcune parrocchie di Parigi, vengono anche duemila persone. Fermarsi a trenta è ridicolo!"

“Che certi membri del Governo ignorino la religione, sono affari loro, ma ignorare la medicina in piena pandemia, è molto grave. Abbiamo proposto di occupare un terzo della capienza abituale, lasciando uno spazio di 4,2 mq2 attorno ad ogni fedele. Ciò corrisponde perfettamente alle norme igieniche. Queste sono le norme che valgono per i negozi. È sorprendente che questi signori vietino alla Chiesa ciò che permettono ai commercianti".

“Finiamola con tutto questo! Siamo trattati come bambini, non siamo presi sul serio. Noi vescovi abbiamo dimostrato la nostra responsabilità. A parte due o tre casi isolati e subito superati, tutti i vescovi hanno ubbidito alle norme sanitarie emanate dal Governo, stilando di conseguenza un protocollo per il culto pubblico. La quasi totalità dei vescovi ha rispettato scrupolosamente le norme sanitarie. Francamente, adesso è troppo, basta! Stiamo pensando come reagire".

“Stiamo valutando se ubbidire o no. Tanto già oggi, ogni volta che entriamo nelle nostre chiese, rischiamo di essere assassinati dal terrorismo islamico. Questi ci massacrano. Massacrano persone pacifiche che vengono a pregare. Forse il signor Darmanin [ministro dell’Interno] invierà poliziotti con i manganelli durante la Messa. Sarebbe uno spettacolo incredibile. Vedremo”.


Interessante il commento di Le Figaro: “Le furie episcopali sono rare, però quando piombano, piombano come un macigno”. Il noto quotidiano parigino ha ben presente quanto pesino le parole di un successore degli Apostoli, investito dal Dio Incarnato col compito di pascere il Suo gregge. Semmai sono i prelati che a volte se ne dimenticano. Speriamo che l’attuale persecuzione laicista sollevi nei pastori almeno la reazione dell’orgoglio ferito: non possono più essere trattati come bambini da questi governi. Tanto più che nelle loro mani tengono le armi spirituali necessarie per reagire.

Fonte:

facebook.com/…che-limitano-/738710986852596/
Elisabetta Sartini
Mi piace tantissimo!!! E spero che l' esempio lanciato da Mons. LAUPETIT venga " copiato" da TUTTI i Consacrati.
Essendo italiana mi rivolgo IN PARTICOLARE ai Consacrati Cattolici italiani invitandoli ad un maggiore senso di responsabilità nei confronti del loro magistero, ricordando loro che la sorte delle anime che si perderanno graverà sul loro Giudizio Divino.
TORNATE ALLA FONTE prima che …More
Mi piace tantissimo!!! E spero che l' esempio lanciato da Mons. LAUPETIT venga " copiato" da TUTTI i Consacrati.
Essendo italiana mi rivolgo IN PARTICOLARE ai Consacrati Cattolici italiani invitandoli ad un maggiore senso di responsabilità nei confronti del loro magistero, ricordando loro che la sorte delle anime che si perderanno graverà sul loro Giudizio Divino.
TORNATE ALLA FONTE prima che sia troppo tardi
Elisabetta Sartini
Da giorni mi domando.... le nostre Chiese sono chiuse, quanto meno a numero chiuso!!! Ma le moschee e le varie sinagoghe sono anch' esse chiuse o a numero chiuso? Io la risposta la conosco ma vorrei avere una risposta da chi di dovere.
Angeloharry
Bisogna farlo leggere al Cardinal Bassetti, sempre pronto alle disposizioni del governo che mirano a sradicare la fede cristiana. È brutto dirlo, ma non vi è un'analisi diversa. La Cei sarda imita in tutto e per tutto il governo. Basta ne siamo stufi di vescovi che non difendono il gregge di Dio.
Adele Magnanini
Qcn. mandi l,"articolo a vard..Bassetti x favore, anche se penso nn sortirà, risultati. Meglio mandarlo ai vescovi.
Sandrolanteri
Noi invece ci inchiniamoal nostro governo
padrepasquale
Condivido pienamente le parole dell'arcivescovo di Parigi. Col dialogo si può trovare una risposta soddisfacente ai bisogni del culto
N.S.dellaGuardia
L'arcivescovo ha tuonato.
Col dialogo col mondo non si ottiene nulla. Pugni di mosche e ridicolo.
Veritasanteomnia
Gesù non vuole che si dialoghi col maligno
il vandea
Ho un sogno: La Vandea insorge in armi contro lo stato infernale e proclama il Regno Sociale di Gesu'. So che e' soltanto un sogno irrealizzabile (con i mezzi umani), ma per un istante ho provato una gioia immensa.
N.S.dellaGuardia
Bello.
Ci consoli sapere che nei tempi del Trionfo del Cuore Immacolato di Maria la Vandea risorgerà per combattere di nuovo per il regno dei cieli.
N.S.dellaGuardia
Purtroppo qui in Francia i vescovi si sono abituati a rispondere sullo stesso piano dei politici, anzi partendo dal presupposto di "aver sempre ubbidito" e che quindi il troppo è troppo.
Non sarebbero assolutamente presi sul serio se dovessero l'ovvio, almeno spiritualmente, cioè che l'uomo senza Dio è una specie di larva senza alcun valore né forza, e quindi che togliere Dio dalla vita equivale …More
Purtroppo qui in Francia i vescovi si sono abituati a rispondere sullo stesso piano dei politici, anzi partendo dal presupposto di "aver sempre ubbidito" e che quindi il troppo è troppo.
Non sarebbero assolutamente presi sul serio se dovessero l'ovvio, almeno spiritualmente, cioè che l'uomo senza Dio è una specie di larva senza alcun valore né forza, e quindi che togliere Dio dalla vita equivale al suicidio.
Togliere la Messa equivale a togliere Dio.
Bene ha fatto a ricordare che qui si rischia la vita ogni volta che si entra in una Chiesa, visto il numero di estremisti islamici calorosamente accolti sul territorio: non perché si integrino, ma perché ci disintegrino...
Diodoro
Lessi tempo fa, carissimo, che i Vescovi francesi, discutendo sulla grande ondata di Algerini che cercavano riparo in Francia al momento dell' "Indipendenza", cioè della sanguinosa cacciata dei Francesi (moltissimi dei quali nati in Algeria) e degli eccidi dei Musulmani non-antifrancesi, decisero di NON TENTARE L'EVANGELIZZAZIONE DEI MUSULMANI. Con questo si ponevano di fronte ai Musulmani come …More
Lessi tempo fa, carissimo, che i Vescovi francesi, discutendo sulla grande ondata di Algerini che cercavano riparo in Francia al momento dell' "Indipendenza", cioè della sanguinosa cacciata dei Francesi (moltissimi dei quali nati in Algeria) e degli eccidi dei Musulmani non-antifrancesi, decisero di NON TENTARE L'EVANGELIZZAZIONE DEI MUSULMANI. Con questo si ponevano di fronte ai Musulmani come non-credenti in Cristo, e ponevano le premesse per l'attuale tragica situazione