Clicks989
it.news
8

Nessuna "obbedienza": Enzo Bianchi rifiuta di andarsene

La Comunità Ecumenica di Bose ha annunciato: "Con profonda amarezza, la comunità ha dovuto prendere atto che fr. Enzo non si è recato a Cellole nei tempi indicatigli dal Decreto del Delegato Pontificio dello scorso 4 gennaio."

Questa soluzione, approvata da Francesco, era stata sviluppata negli ultimi mesi con l'accordo scritto di Bianchi e di alcuni membri che avevano deciso di seguirlo, informa MonasteroDiBose.it.

"Al contempo, lo spostamento di fr. Enzo a Cellole avrebbe contribuito ad allentare la tensione e la sofferenza di tutti gli avrebbe facilitato il lento cammino di riconciliazione e comprensione reciproca."

I frati di Cellole si sono già spostati a Bose una settimana fa, altri due sono andati da Bose a Cellole per preparare l'arrivo di Bianchi. "Purtroppo la mano tesa non è stata accettata," si lamenta la Comunità.

La dichiarazione si intitola: "Una sofferenza infruttuosa."

Foto: © Niccolò Caranti, CC BY-SA, #newsLtgepwdwdk

Il presagio
Ancora è vivo?
N.S.dellaGuardia
Ma lei ha letto cosa scrive costui? E le sembra "profumi di violette"???
N.S.dellaGuardia
"Renderò i loro cuori duri come pietre..."
N.S.dellaGuardia
Per i superbi non è concepibile alcuna obbedienza, soprattutto se viene da coloro che consideravano "amichetti".
lamprotes
E meno male che una virtù monastica (oltre che un voto) sarebbe l'obbedienza!
il vandea
Ma cacciarlo via a calci nel sedere...no?
lamprotes
Enzone è troppo abituato ad essere una prima donna per accettare che su di lui cali il sipario...
Christoforus78
I sacerdoti fedeli vengono pesantemente sanzionati, allontanati con la forza, quelli al limite dell'eresia restano superbamente al loro posto.