«Traditionis custodes» di Francesco "nientemeno che tradimento"

Il «Traditionis custodes» è ampiamente ignorato o non viene preso sul serio, ha notato James Bogle parlando con Gloria.tv, durante il Forum Romano di Gardone (video sotto).

Avvocato inglese, già presidente di «Una voce international», Bogle insiste che è "molto stupido" che un legislatore passi una legge che poi viene ignorata.

Bolle pensa che non rientri nei poteri di un papa abolire la Messa Romana, perché la natura stessa del papato è di conservare la tradizione. Al contrario, abolire la tradizione tramandata da Cristo agli Apostoli e alle generazioni successive significa negare il ruolo del papa e minare la Chiesa e l'ufficio papale: "Non è nientemeno che una forma di tradimento".

Bogle fa riferimento a Benedetto XVI e al «Summorum pontificum», che afferma che il Rito Romano non è mai stato abolito, mentre Francesco sta cercando proprio di abolirlo. Bolle aggiunge che qualunque corpo legislativo, figuriamoci il Magistero, che si contraddica nel giro di un decennio si rende ridicolo: "Francesco si sta rendendo ridicolo".

In Inghilterra, pochi vescovi hanno fatto davvero qualcosa contro la Messa Romana, a parte la diocesi di Clifton. I vescovi hanno interpretato il TC in modo da fare pochissimi cambiamenti. Il prefetto alla liturgia Arthur Roche sta facendo giochetti in punta di legalismo; di conseguenza, i vescovi fanno lo stesso, osserva Bogle.

La sensazione personale di Bogle è che Roche e Francesco abbiano cercato di contrastare la "enorme crescita" del Rito Romano, in particolare tra i giovani; ma il TC avrà effetto opposto. Sempre più persone ora sono interessate a ciò che Francesco sta cercando di vietare: scoprono la Messa e ne sono piacevolmente sorprese, continuando a parteciparvi.

Bogle spera che il Vaticano prenda nota di questa intervista con Gloria.tv, chiamando Bergoglio e Roche "ironicamente i migliori promotori, ogni volta che cercano di sopprimere la Messa".

#newsButrrctxkf

11:28
Fernanda Dellucci shares this
582
Ineccepibile! Eccellente sintesi sulla Messa Romana!!!
Don Andrea Mancinella
Come dice l'avvocato Bogle, ormai la S. Messa della Tradizione non potrà essere soppressa da nessuno. Non ci riuscì nemmeno Paolo VI, in quegli anni tristissimi in cui sembrava che il Vaticano II trionfasse e i Tradizionalisti fossero sul punto di scomparire.
Ma poi venne il grande Monsignor Marcel Lefebvre e scombinò tutti i piani ereticali dei neomodernisti.
Oggi i frutti marci del Vaticano II …More
Come dice l'avvocato Bogle, ormai la S. Messa della Tradizione non potrà essere soppressa da nessuno. Non ci riuscì nemmeno Paolo VI, in quegli anni tristissimi in cui sembrava che il Vaticano II trionfasse e i Tradizionalisti fossero sul punto di scomparire.
Ma poi venne il grande Monsignor Marcel Lefebvre e scombinò tutti i piani ereticali dei neomodernisti.
Oggi i frutti marci del Vaticano II sono, a differenza di allora, evidenti a tutti - tranne che agli ideologi di quel Concilio, ovviamente - e i preti, specialmente quelli giovani, riscoprono la VERA Santa Messa, vengono soggiogati dalla sua intensa spiritualità, che rimanda alla sana Dottrina di sempre e contraddice il Superconcilio.
NESSUNO, CON L'AIUTO DI DIO, RIUSCIRA' PIU' A FERMARLI.
Nè Papa Bergoglio, nè Roche, nè Grillo.
Gesù, Maria SS.ma, San Giuseppe, salvateci!
Eremita della Diocesi di Albano
Caterina Greco
Mah, toccherebbe tirarlo giù a forza Bergoglio, da dove lo hanno piazzato i massoni, altrimenti ci tocca un altro giro di antipapa eretico... se va bene.
lamprotes
Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire!
Davide Romano shares this
397
Bogle spera che il Vaticano prenda nota di questa intervista con Gloria.tv, chiamando Bergoglio e Roche "ironicamente i migliori promotori, ogni volta che cercano di sopprimere la Messa".
N.S.dellaGuardia
Come scrissi spesso "Traditoris cust-odium..."