Clicks1.2K
Marziale
1
"Dovrà esser rivelato l'uomo iniquo." Esegesi e commento di san Tommaso d'Aquino. "3 Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l'apostasia e dovrà esser rivelato l'uomo iniquo, …More
"Dovrà esser rivelato l'uomo iniquo." Esegesi e commento di san Tommaso d'Aquino.

"3 Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l'apostasia e dovrà esser rivelato l'uomo iniquo, il figlio della perdizione, 4 colui che si contrappone e s'innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio." 2Tessalonicesi 3,4:

Esegesi e commento di san Tommaso d'Aquino.

"II ° (versetto 3): "La separazione deve prima aver luogo, ecc." Qui San Paolo stabilisce ciò che è vero. Innanzitutto, spiega cosa deve accadere alla venuta di Cristo. Ci saranno due eventi, uno dei quali precederà la venuta dell'Anticristo, l'altro sarà la stessa venuta dell'Anticristo.
1. L'evento precedente è la separazione che è spiegata in vari modi nella Glossa. Innanzitutto si dice che sarà l'apostasia dalla fede. La fede, infatti, nei tempi a venire doveva essere ricevuta in tutto il mondo (Matteo XXIV, 14): "Questo vangelo del regno dei cieli sarà predicato in tutta la terra".

Ecco allora cosa precederà e, secondo sant'Agostino, ciò che non è stato ancora realizzato. Ma quando verrà il momento, molti si separeranno dalla fede, ecc. (I Tim., XV, 1): "Nei tempi a venire alcuni abbandoneranno la fede, ecc." (Matteo XXXV, 12): "La carità di molti diventerà fredda". Quindi possiamo sentire questa separazione dall'impero romano, a cui è stato quindi sottoposto l'intero universo. S. Agostino afferma che questa separazione è mostrata nel cap. II del profeta Daniele, 31-35, dalla statua che designa i quattro regni, e questi quattro regni finiti, verrà la venuta di Cristo. Questa figura era piena di verità, perché l'Impero romano fu istituito in modo che all'ombra della sua autorità, la fede potesse essere predicata in tutto l'universo.

Ma come potrebbe essere vero, quando le nazioni si sono separate da tempo dall'impero romano, senza che l'Anticristo sia ancora arrivato?
Va detto che l'Impero romano non è ancora cessato, ma che da un regno temporale che era, si è trasformato in un regno spirituale, come notò San Leone nel suo sermone sugli Apostoli. Diciamo quindi che la separazione dall'impero romano deve essere compresa, non solo in senso temporale, ma in senso spirituale, cioè dell'apostasia dalla fede cattolica nella Chiesa romana. E il segno dato è del tutto corretto, poiché proprio come Cristo venne nel momento in cui l'Impero romano governava su tutti i popoli, quindi, in senso opposto, il segno della venuta dell'Anticristo sarà la separazione del popoli dell'Impero Romano.

2. L'Apostolo predice il secondo di questi eventi futuri, cioè la venuta dell'Anticristo stesso. E prima ciò che riguarda il suo crimine e la sua punizione, poi l'entità del suo potere (versetto 9): "Colui che deve venire accompagnato dal potere di Satana, ecc." Sulla prima di queste domande, San Paolo indica innanzitutto in generale e implicitamente il crimine e la punizione dell'Anticristo; poi spiega entrambi (versetto 4): "Chi si oppone a Dio, sarà esaltato, ecc."

I ° Quindi disse (versetto 3): La separazione avrà quindi luogo per prima ", e apparirà quest'uomo di peccato, che è il figlio della perdizione, ecc." L'Anticristo è chiamato "l'uomo del peccato e il figlio della perdizione", dice la Glossa, perché poiché la pienezza della giustizia abbondava in Cristo, così la moltitudine di tutti i peccati abbonderà nell'Anticristo, e poiché Cristo è soprattutto santo nelle sue infinite perfezioni, l'Anticristo è peggio di tutti i malvagi. Questo è il motivo per cui San Paolo lo chiama "l'uomo del peccato", cioè sarà interamente abbandonato al peccato. Tuttavia, questa espressione non significa che l'Anticristo non potrebbe essere peggio, perché il male non corrompe mai completamente il bene; tuttavia, per quanto riguarda le opere, l'Anticristo non poteva peggiorare, mentre nessun uomo mortale poteva mai superare nella bontà Gesù Cristo. È anche chiamato "il Figlio della perdizione", vale a dire disceso all'ultimo grado di perdizione (Giobbe, XXI, 30): "Il malvagio è riservato al momento in cui deve perire, e Dio lo condurrà fino al giorno in cui deve riversare su di lui la sua furia. " O ancora "di perdizione", vale a dire figlio di Satana, non per natura, ma a causa dell'ultimo grado di malizia, che Satana completerà in lui. L'Apostolo dice anche: "sarà rivelato", perché proprio come tutte le buone opere e le virtù dei santi, che hanno preceduto Cristo, erano la figura di Gesù Cristo, così in tutte le persecuzioni della Chiesa , i persecutori erano come la figura dell'Anticristo che si nascondeva in loro. Tutta la malizia, quindi, che è nascosta in esse, si manifesterà in questo tempo. 2 ° Quando San Paolo dice (versetto 4): "Chi si oppone a Dio, ecc.", Egli spiega quello che ha appena detto. E prima mostra come l'Anticristo sarà l'uomo del peccato; allora come sarà il figlio della perdizione (V. 8): "E poi gli empi saranno scoperti, ecc." Quindi indica innanzitutto il crimine di cui sarà colpevole; in secondo luogo, assegna la causa (versetto 6): "E sai bene cosa impedisce, ecc." In questa prima suddivisione, per prima cosa caratterizza il crimine; poi ricorda che non sta annunciando una nuova dottrina (versetto 5): "Non ricordi che ti ho detto queste cose?"

1 ° Fa risaltare la grandiosità del crimine; quindi dà un segno per riconoscerlo (verso 4): "Fino a quando non siederà nel tempio di Dio, ecc." A) Il crimine dell'Anticristo è di due tipi.
Innanzitutto si oppone a Dio (versetto 4): "Chi si oppone" a ogni buon Spirito (Giobbe, XV, 20): "Corse contro di lui con la testa sollevata, si armò con inflessibile orgoglio ", come tutti i suoi seguaci (Isaia, III, 8):" Le loro parole e le loro opere sono alzate contro il Signore, per evitare gli occhi di Sua Maestà ".
La seconda iniquità è preferirsi a Cristo (versetto 4): "E elevarsi al di sopra di tutto ciò che si chiama Dio". Tuttavia, il nome di Dio è dato in tre sensi. Prima a causa della natura (Deuteronomio, VI, 4): “Ascolta, Israele, il Signore nostro Dio è il solo ed unico Signore!”. Poi a causa dell'opinione (Sal. CCV, 5): “Tutti gli dei delle nazioni sono demoni ". Infine, per partecipazione (Sal. LXXXI, 6): "Ho detto: siete dei e siete tutti figli dell'Altissimo." Tuttavia, l'Anticristo preferisce se stesso a tutti, chiunque essi siano (Daniele, XX, 36): "Sorgerà (Antioco 1) e porterà il fasto del suo orgoglio contro tutto Dio, parlerà insolentemente contro Dio degli dei e avrà successo finché non si adempirà l'ira di Dio ".

1. Antioco IV, soprannominato Epifane (illustre), è il più giovane dei figli di Antioco il Grande. Questo Epifane si è reso famoso per il suo implacabile odio contro gli ebrei, per la cattura di Gerusalemme, il cui tempio ha profanato, per il sacrificio che fece lì per offrire a Giove Olimpio , la rimozione delle sacre navi, il crudele martirio di Eleazaro e i sette fratelli Maccabei. Così tanti crimini lo fecero passare per l'Anticristo; invece era la figura. Sconfitto da Giuda Maccabeo e ancora infuriato per una terribile malattia intestinale, sviluppò un nuovo odio contro gli ebrei. Stava dando ordini affinché il suo viaggio fosse ulteriormente pressato, al fine di portare a termine i suoi piani di vendetta. Quando cadde dal suo carro, il suo corpo ferito emerse vermi; la sua carne stava cadendo a brandelli con un odore così disgustoso che il suo esercito non poteva sopportare l'odore. Ha quindi fatto grandi promesse, ma ispirato dalle sue paure e dal suo dolore. Il sacro scrittore disse su di lui questa terribile parola: "Ora questo cattivo pregava il Signore dal quale non avrebbe ricevuto misericordia" (II Mach., IX.)
B) L'apostolo indica il segno con cui si riconoscerà il crimine dell'Anticristo, quando dice (versetto 4): "Fino a quando non si è seduto nel tempio di Dio". Perché l'orgoglio dell'Anticristo supererà l'orgoglio di tutti coloro che lo precedono. Come riportato dall'imperatore Caligola, che durante la sua vita voleva essere adorato, ponendo la sua statua nel tempio di Gerusalemme e del re di Tiro (Ezechiele XXVI v. 2): "Perché che hai detto: io sono Dio, ecc. "
Quindi è credibile che l'Anticristo farà lo stesso, affermando di essere Dio e Uomo, e in prova (versetto 4) "siederà nel tempio di Dio, volendo passare se stesso come Dio".

2 L'imperatore Caio Caligola abusò della sua fortuna e divenne così orgoglioso che si persuase che era un Dio e voleva essere chiamato dopo di lui. Privò l'impero, con la sua crudeltà, di molti dei romani più illustri, e fece sperimentare alla Giudea gli effetti della sua terribile empietà. Mandò Petronio a Gerusalemme con un esercito e un ordine esplicito di mettere le sue statue nel tempio di Gerusalemme, per uccidere tutti gli ebrei che avrebbero avuto il coraggio di opporvisi e per ridurre in schiavitù il resto del popolo. Petronio si affrettò a obbedire, ma non poté resistere ai motivi e al dolore degli ebrei. "Dobbiamo prima", hanno gridato, "macellare la gola di tutti noi, insieme alle nostre mogli e figli." Rimandò l'esecuzione degli ordini dell'imperatore e dovette pagare caro per la sua pietà, ma prima che arrivassero le lettere imperiali, ritardate com'erano dai venti contrari, Caio fu assassinato. (Giuseppe Flavio, Guerra degli ebrei, libro II, ch. XVI)

Ma in quale tempio verrà a sedersi? Il tempio di Gerusalemme fu distrutto dai romani. Alcuni scrittori affermano che l'Anticristo appartiene alla tribù di Dan, che non è nominata tra le dodici tribù, nel settimo capitolo dell'Apocalisse, 5-8. Gli ebrei l'avrebbero ricevuto per primo, il tempio di Gerusalemme sarebbe stato ricostruito, e quindi si sarebbe adempiuto a ciò che viene detto al profeta Daniele (xx, 27): "L'abominio della desolazione sarà nel tempio; si vedrà anche il 'idolo;" (Matt., XXXV, 15): "Quando dunque vedi nel luogo santo l'abominio della desolazione che era stato predetto dal profeta Daniele, fa che chi legge ascolti bene ciò che legge". Altri scrittori sostengono che né Gerusalemme né il tempio saranno mai ricostruiti e che la desolazione durerà fino al compimento della fine. Questo è anche il sentimento di alcuni ebrei. È quindi spiegato "nel tempio di Dio" dalla Chiesa, poiché molti tra i figli della Chiesa riceveranno l'Anticristo. "

Tommaso di Aquino, Summ. theol., III, q. 8, a. 8. “Sarà uomo (non un demonio incarnato, come alcuni Scolastici opinarono); ma uomo pessimo“.

Cfr:
Falso profeta/AntiCristo, la profezia finale: come riconoscerlo fisicamente. Una ipotesi.
L'AntiCristo svelato.
Una ipotesi teologica sulla biblica figura del Falso profeta o AntiCristo capo.
Il Tempio di Gerusalemme è stato profanato!
“ Chi parla da se stesso ( l’AntiCristo) cerca la propria gloria.” Gv.7,18 Esegesi e commento.
La Donna vestita di sole e con sul capo una corona di dodicistelle. Io l'ho visto con i miei occhi. Parte prima.
Apocalisse: la prima e la seconda Bestia. Una ipotesi.

L'AntiCristo, come viene descritto nella Scrittura.
Ecco chi è Abominio della desolazione o Distruzione.