CooperatoresVeritatis
Il più grande Santo dopo Maria Vergine, il più noto, il più amato… ma lo conosciamo davvero? San Giuseppe di Nazareth è certamente caro al cuore di tutti i cattolici, ma penetrare nell’animo di quest …More
Il più grande Santo dopo Maria Vergine, il più noto, il più amato… ma lo conosciamo davvero? San Giuseppe di Nazareth è certamente caro al cuore di tutti i cattolici, ma penetrare nell’animo di quest’“uomo giusto” non è semplice. Cosa c’è dietro al suo silenzio? Quali insegnamenti trarre dalla sua vita? Come trasformare la devozione a sì gran Santo in una vera e propria imitazione delle sue sublimi virtù? Nel presente libro troviamo le risposte a questi interrogativi.
cooperatores-veritatis.org

Dalla rugiada il meglio dei cieli. San Giuseppe di Nazareth

Il più grande Santo dopo Maria Vergine, il più noto, il più amato… ma lo conosciamo davvero? San Giuseppe di Nazareth è certamente caro al …
Proponiamo ai nostri lettori un articolo di due sacerdoti americani in cui vengono elencate alcuni ragioni per cui i sacerdoti dovrebbe sempre indossare la talare, o almeno il collare romano.
cooperatores-veritatis.org

Perché il sacerdote deve indossare l’abito talare

Proponiamo ai nostri lettori un articolo di due sacerdoti americani in cui vengono elencate alcuni ragioni per cui i sacerdoti dovrebbe sempre indossare …

falso e vergognoso che un pastore della Chiesa affermi che Ella: “ha trasmesso una fede impastata di paura…

Cari Amici, premesso che quando una ferita è infetta è necessario che tutto il pus esca fuori, senza dubbio essa continua a far male ma è un dolore che deve santificarci, una sofferenza che deve …More
Cari Amici, premesso che quando una ferita è infetta è necessario che tutto il pus esca fuori, senza dubbio essa continua a far male ma è un dolore che deve santificarci, una sofferenza che deve edificarci e non dobbiamo cercare anestetizzanti, al contrario, come Gesù in Croce rifiutare quel fiele “tranquillizzante” e procedere con Lui, in Lui e per Lui, la nostra passione rimanendo ben svegli!!
In questi ultimi anni la predicazione nella Chiesa ha subito un crollo repentino e quel che fa più male è l’accusa, di certi predicatori ufficializzati, contro LA CHIESA del passato e lo fanno senza più freni inibitori, senza più vergogna, senza più un briciolo di PRUDENZA facendo, della propria superbia, il perno di forza seminando menzogne…
Essi non temono affatto il giudizio di Dio, che anzi lo vanno negando! Non temono di calpestare l’VIII Comandamento perchè non credono più neppure “La Chiesa” una e santa, cattolica ed apostolica, ossia “indefettibile”, essi credono solo in se stessi e …More
N.S.dellaGuardia
Adamo ha peccato perché aveva paura... 😂😂 Non sanno più cosa inventarsi questi burloni novelli Caronte, traghettatori per l'inferno!More
Adamo ha peccato perché aveva paura...
😂😂
Non sanno più cosa inventarsi questi burloni novelli Caronte, traghettatori per l'inferno!

Se nelle Basiliche Romane si vieta il rito antico, si ospitano falsi preti per riti protestanti…

«È inevitabile che avvengano scandali, ma guai all’uomo attraverso il quale avvengono tali scandali» Quanto segue è “cronicas” ecclesiale e non prettamente papale, un “editoriale” per quanto è …More
«È inevitabile che avvengano scandali, ma guai all’uomo attraverso il quale avvengono tali scandali»
Quanto segue è “cronicas” ecclesiale e non prettamente papale, un “editoriale” per quanto è accaduto il 18 aprile scorso niente meno che nella Basilica romana e pontificia che è la sede del primato petrino, san Giovanni in Laterano dove, infatti, un Papa appena eletto, “prende possesso” dell’augusta Sede con la santa Messa in presenza del Collegio apostolico.
Che cosa è accaduto?
Che un laico vestito da vescovo anglicano (e per giunta massone dichiarato neppure nascostamente – leggi qui su MIL dove abbiamo appreso la fonte) ha potuto celebrare (meglio dire scimmiottare) la falsa messa anglicana, indisturbato, con ben 50 altri laici vestiti da preti.
Ora, dire che siamo scandalizzati non solo è un diritto dato dalla ragione, ma è soprattutto un dovere perchè, chi non si scandalizza davanti a certe PROFANAZIONI e sacrilegi (perchè di questo si tratta), allora vuol dire che la ragione non …More
martina18
Sono esattamente dei laici travestiti! Sono profanatori delle cose sacre. Che poi usare il termine laico nemmeno si addice perchè non sono cattolici …More
Sono esattamente dei laici travestiti! Sono profanatori delle cose sacre. Che poi usare il termine laico nemmeno si addice perchè non sono cattolici ma lo usiamo per capirci.
DEFENSOR FIDEI
Comunque per la verità non è che la 'messa' anglicana (ma loro la chiamano “service”, “servizio”) sia una scimmiottatura della Messa di Bugnini/Paolo VI …More
Comunque per la verità non è che la 'messa' anglicana (ma loro la chiamano “service”, “servizio”) sia una scimmiottatura della Messa di Bugnini/Paolo VI
E' vero il contrario: cioè è la Messa di bugnini/Paolo VI che è una scimmiottatura del “service” anglicano.
Lo vide subito un ex anglicano, convertito al Cattolicesimo assieme alla sorella, Julien Green, noto scrittore franco-americano, che dopo aver assistito per la prima volta ad una 'Messa di Paolo VI' disse, rivolto alla sorella, che si trattava di
un’imitazione molto grossolana della funzione anglicana che ci era stata familiare nella nostra infanzia” : “Ma perchè ci siamo convertiti?”... (in 'Ce qui faut d'amour à l'homme', Plon, Parigi 1978, pp. 137-138).
Ma purtroppo i cattolici non conoscevano la liturgia anglicana, e così si sono bevuti 'fiduciosamente' la sbrodazza montinian/buginiana del 1969. E adesso sono guai.

Cercando di capire il gesuita modernista…

A quale Gesù Cristo crediamo? Gesù di Nazaret non è un saggio che ha lasciato un messaggio di amore, pace e fratellanza per l’umanità; non è neppure un rivoluzionario che ha cercato di liberare il …More
A quale Gesù Cristo crediamo?
Gesù di Nazaret non è un saggio che ha lasciato un messaggio di amore, pace e fratellanza per l’umanità; non è neppure un rivoluzionario che ha cercato di liberare il popolo dall’oppressione religiosa e politica del tempo.
Con questa provocazione - l'articolo in questione Cercando di capire il gesuita modernista… - cerca di chiarire come, il pensiero di questo pontificato, stia andando molto ben oltre gli stessi schemi del Concilio Vaticano II ma come, purtroppo, certe concessioni da esso sono stati permessi...
Per il sano cattolico il centro è il Cristo vivo e reale, presente realmente nell’Eucaristia, per il modernista ciò che conta è il Gesù ideale e immaginario, un Gesù spirituale che possa alimentare in qualche modo il “moto del cuore”, che mi faccia sentire ciò che voglio sentirmi dire, che non interferisca con i “NO” della legge e della morale. Non dimentichiamo che la prospettiva luterana offrì certamente ben secoli prima la via più pratica, forse …More
Intervista a Madre Nieves Garcìa sul preavviso che precede il Grande Avvertimento con il "grande Sinodo" per il resto della storia cliccare qui: Garabandal avvisava: un Sinodo prima della tribolazione …More
Intervista a Madre Nieves Garcìa sul preavviso che precede il Grande Avvertimento con il "grande Sinodo"
per il resto della storia cliccare qui: Garabandal avvisava: un Sinodo prima della tribolazione, gli eventi futuri
01:58
scricciolorosa
interessante, pero' non capisco perchè sarebbe un preavviso, cioè che dopo questo sinodo ci sara' l'avvertimento? grazie per il chiarimento se possibile
One more comment

"Desiderio Desideravi" perchè Francesco vuole distruggere il rito antico?

RICORDA CHE: "Il Papa è consapevole di essere, nelle sue grandi decisioni, legato alla grande comunità della fede di tutti i tempi, alle interpretazioni vincolanti cresciute lungo il cammino pellegrinante …More
RICORDA CHE: "Il Papa è consapevole di essere, nelle sue grandi decisioni, legato alla grande comunità della fede di tutti i tempi, alle interpretazioni vincolanti cresciute lungo il cammino pellegrinante della Chiesa. Così, il suo potere non sta al di sopra, ma è al servizio della Parola di Dio, e su di lui incombe la responsabilità di far sì che questa Parola continui a rimanere presente nella sua grandezza e a risuonare nella sua purezza, così che non venga fatta a pezzi dai continui cambiamenti delle mode…”
(Benedetto XVI – Omelia dalla Cattedra 7.5.2005)
CLICCARE QUI “Desiderio Desideravi”: perché papa Francesco desidera tanto distruggere il rito antico? per il nuovo Documento che vorrebbe abrogare definitivamente il rito antico....
lamprotes
Non c'è eretico che non abbia messo mano sulla liturgia per rovinarla....
Francesco I
Vi sembra normale una persona che fa certe dichiarazioni? Ricevere una telefonata da Bergoglio, per sentirsi augurare l’Inferno…(audio e video)More

Le inzuppate di Zuppi per una pastorale sempre più schizofrenica

“Procurate pure alle cose spirituali, a’ buoni pastori, a’ buoni rettori nelle città vostre; perocché per li mali pastori e rettori avete trovata ribellione. Poneteci dunque rimedio.. Qui ho inteso …More
“Procurate pure alle cose spirituali, a’ buoni pastori, a’ buoni rettori nelle città vostre; perocché per li mali pastori e rettori avete trovata ribellione. Poneteci dunque rimedio..
Qui ho inteso che avete fatto i Cardinali. Credo che sarebbe onore di Dio, e meglio di noi, che attendeste sempre di fare uomini virtuosi. Se si farà il contrario, sarà grande vituperio di Dio, e guastamento della santa Chiesa. Non ci maravigliamo poi, se Dio ci manda le discipline e i flagelli suoi; perocché giusta così è. Pregovi che facciate virilmente ciò che avete a fare, e con timore di Dio.“ (Santa Caterina da Siena – Lettera 185 (CLXXXV) a papa Gregorio XI)
- Che cosa è accaduto, ora? Che proprio nella diocesi bolognese, la zuppa l’è tratta!!
CLICCA QUI PER TUTTA LA QUESTIONE E I FATTI
Perché parliamo di schizofrenia all’interno della Gerarchia cattolica?
Perchè, come in altre questioni dottrinali, se davanti ad un Documento emanato ufficialmente nel 2021 pubblicato dalla CdF c’è scritto:
– Responsum …More
lamprotes
Mamma, che faccia da sacrista ubriaco!!! E questo sarebbe un cardinale!!! Dove mai sei scesa SRC?

Aiutateci a divulgare questa iniziativa: lo scandalo di Don Marco Pozza

Perché questa “cronicas” su un Sacerdote? Perché è un amico di Papa Francesco, un abituale frequentatore del residence Santa Marta e TV2000, non è un prete sconosciuto e quando lo scandalo è pubblico …More
Perché questa “cronicas” su un Sacerdote? Perché è un amico di Papa Francesco, un abituale frequentatore del residence Santa Marta e TV2000, non è un prete sconosciuto e quando lo scandalo è pubblico, anche la correzione fraterna deve essere pubblica. Lo dice la Chiesa, mica noi.
Non siamo qui a fare i moralisti e perciò non staremo a disquisire sull’unione tra due persone dello stesso sesso che è peccato mortale, ma non è questa “la notizia” o “la cronaca” e non ce ne dobbiamo occupare noi. Ciò che è davvero una notizia e pessima sono le parole con le quali, Don Marco Pozza amico di Papa Francesco, ha fatto elogio – e sproloquio – pubblico a favore di tale unione definendola persino “matrimonio” quando, lo stesso suo amico Papa Francesco è stato chiaro nel dire che – queste unioni tra persone dello stesso sesso – “non è un matrimonio”.
Eravamo molto indecisi sul fare questa “cronicas“, si pensa sempre al fatto di non dar loro pubblicità, di non fare da eco, ma c’è un limite a tutto e …More
Diodoro
Cupio dissolvi, scrisse San Paolo: "Desidero fortemente essere sciolto" (dal corpo ed essere così con Cristo). Cupio dissolvere, dice una rilevante …More
Cupio dissolvi, scrisse San Paolo: "Desidero fortemente essere sciolto" (dal corpo ed essere così con Cristo).
Cupio dissolvere, dice una rilevante parte del Clero odierno: "Desidero fortemente dissolvere" (la Chiesa, che è in mano mia, e che mi ha stancato. Una volta ridotta in polvere, potrò edificarLa a modo mio)
CooperatoresVeritatis
Che esista una “strategia” di fondo lo sappiamo bene, essa è iniziata con il Concilio Vaticano II dove ha vinto l’ala Modernista e rivoluzionaria ma …More
Che esista una “strategia” di fondo lo sappiamo bene, essa è iniziata con il Concilio Vaticano II dove ha vinto l’ala Modernista e rivoluzionaria ma non va dimenticato che, l’Autore della “NUOVA CHIESA” è stato premiato da Giovanni Paolo II, era un gesuita e si chiamava Henry de Lubac! Papa Francesco non sta facendo altro che realizzare quel progetto.
In parte ci riuscirà, sulla dottrina o contro di essa no e questo non perché siamo ottimisti ma perché crediamo nella promessa di Gesù: non praevalebunt. Chi crede per tanto in questa promessa e se può, ci aiuti a sollecitare le coscienze dei Vescovi e dei Cardinali perché, lamentarsi va bene fino ad un certo punto, si arriva al momento in cui è necessario sporcarsi le mani e fare qualcosa, noi ci stiamo provando, fatelo anche voi. Grazie 🙏
3 more comments
purtroppo il problema non è "solo" dei sedevacantisti, ma di molti gruppi che interni alla Chiesa, per esempio, sono gruppi di presunte apparizioni mariane che attribuiscono alla Vergine cose che, una …More
purtroppo il problema non è "solo" dei sedevacantisti, ma di molti gruppi che interni alla Chiesa, per esempio, sono gruppi di presunte apparizioni mariane che attribuiscono alla Vergine cose che, una autentica Apparizione, non direbbe mai contro la gerarchia... e ci sono gruppi e gruppetti che oramai fanno della Messa quel che vogliono, da una parte all'altra, sempre con il capro espiatorio che i colpevoli sono la gerarchia e di conseguenza, via alla delegittimazione... e così via ... bell'articolo, grazie...

Vuoi sapere perchè il sedevacantismo non è una teoria corretta? Leggi questa intervista

Dominicus è l’autore di un «Piccolo catechismo del sedevacantismo» che ha provocato dei vivi dibattiti, sottolineando le debolezze di questa teoria. Attaccato nell’ultimo numero di un bollettino …More
Dominicus è l’autore di un «Piccolo catechismo del sedevacantismo» che ha provocato dei vivi dibattiti, sottolineando le debolezze di questa teoria. Attaccato nell’ultimo numero di un bollettino sedevacantista, egli risponde qui alle nostre domande.
(si veda l’opuscolo tradotto in italiano da noi nel dicembre 2012 – come pubblicato nel n° 79 de Le Sel de la terre, inverno 2011-2012)
Innanzi tutto, Reverendo Padre, che cos’è il sedevacantismo?
E’ la teoria, o piuttosto un insieme di teorie (contraddittorie) che vogliono che la Chiesa oggi sia senza Papa. La sede del vescovo di Roma sarebbe vacante da una cinquantina d’anni, a causa degli errori insegnati o favoriti da Paolo VI e dai suoi successori.
E questo le sembra insostenibile?
Il Vaticano II ha aperto una crisi terribile in cui il nostro primo obiettivo dev’essere quello di conservare la Fede. Ora, il gran mezzo per conservare la fede in tempi di crisi è stato enunciato da San Vincenzo di Lerino nel IV secolo: aggrapparsi alla …More
Veritasanteomnia
Mentre ci si avvita sui vari problemi della Chiesa, Bergoglio ospita Blanco e ne fa modello per la gioventù...Per ora è meglio concentrarci su questo …More
Mentre ci si avvita sui vari problemi della Chiesa, Bergoglio ospita Blanco e ne fa modello per la gioventù...Per ora è meglio concentrarci su questo problema, francamente mi sembra urgente. Speriamo che ci cadano presto le squame dagli occhi per trovare il coraggio di dire "tu non sei il nostro Papa". Prima che si troppo tardi. Se in una finta apparizione la Madonna finta invita alla purezza, ce ne faremo una ragione. Meglio di un papa che, tramite Blanco, invita alle zozzerie del sesso libero. Prego leggete i suoi testi e ridimensionerete il problema delle finte apparizioni
BLANCO - Testi e Traduzioni

Così eleggemmo Ratzinger: l'Habemus Papam e la lettera del cardinale Biffi

Dal diario segreto di uno dei partecipanti al Conclave, pubblicato nel 2009. Emerge per la prima volta la vera storia che portò Benedetto XVI alla guida della Chiesa. Al terzo scrutinio, l’argentino …More
Dal diario segreto di uno dei partecipanti al Conclave, pubblicato nel 2009.
Emerge per la prima volta la vera storia che portò Benedetto XVI alla guida della Chiesa. Al terzo scrutinio, l’argentino Bergoglio sembrava in grado di bloccarlo. Ma poi…
CLICCARE QUI PER I TESTI E LE FOTO da scaricare, grazie
🙏😇
Iosif Rachiteanu Rachiteanu shares this
Il cambio di paradigma — ovvero mettere l’antropocentrismo pastoralista al posto del cristocentrismo ecclesiologico — e di conseguenza mettere da parte la dottrina, è caratteristico di questo pontificato …More
Il cambio di paradigma — ovvero mettere l’antropocentrismo pastoralista al posto del cristocentrismo ecclesiologico — e di conseguenza mettere da parte la dottrina, è caratteristico di questo pontificato. Ne abbiamo un’altra ennesima triste prova con la Costituzione appena uscita Praedicate Evangelium – vedi qui – sulla riforma della Curia romana, con cui Francesco espone, pure, il suo pensiero su come dev’essere la Chiesa cattolica.
cronicasdepapafrancisco.com

C’era una volta la missionionarietà della Chiesa. Il cambio di paradigma dei gesuiti è completo

Il cambio di paradigma — ovvero mettere l’antropocentrismo pastoralista al posto del cristocentrismo …

Roma-Kiev-Mosca: il fallimento dell'ecumenismo

“Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi.” (Gv.14,27-31) Roma-Kiev-Mosca: è il fallimento dell’ecumenismo I cosiddetti “papi conciliari” hanno puntato molto …More
“Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi.” (Gv.14,27-31)
Roma-Kiev-Mosca: è il fallimento dell’ecumenismo
I cosiddetti “papi conciliari” hanno puntato molto sull’ecumenismo, ottenendo quali risultati? Francesco, in modo particolare, ha voluto che l’ecumenismo e il dialogo inter-religioso fossero due cardini del proprio pontificato. Apprezziamo — e lo ringraziamo — che egli si stia muovendo in prima persona per la veloce conclusione della guerra russo-ucraina, ma non possiamo neppure nascondere che questo conflitto bellico sia anche la prova provata del fallimento dell’ecumenismo politico voluto dallo “spirito” del Vaticano II, che egli ha portato ai massimi livelli.
(..) Per questo sottoponiamo all’attenzione dei nostri lettori un articolo di mons. Nicola Bux che ben spiega il fallimento dell’ecumenismo politico di Francesco. Non concordiamo però con mons. Bux la dove sostiene che invece la strategia ecumenica di Giovanni Paolo II potrebbe funzionare …More
warrengrubert
"Senonché, papa e vescovi sono presi dal nuovo slogan della “Chiesa sinodale”, ammaliati dalla struttura sinodale ortodossa, che consiste in un …More
"Senonché, papa e vescovi sono presi dal nuovo slogan della “Chiesa sinodale”, ammaliati dalla struttura sinodale ortodossa, che consiste in un consiglio chiamato ‘santo sinodo’ attorno al patriarca, fatto di ecclesiastici e laici che lo eleggono e che di fatto ne condiziona il potere. Così, al fallimento dell’ecumenismo, si aggiungerebbe la destrutturazione ‘sinodale’ della Chiesa cattolica, che porta dritto a limitare il primato del papa nella Chiesa universale e quello del vescovo nella Chiesa particolare, entrambi di istituzione divina."
L'articolo si chiude con questa giusta considerazione.
Io resto del parere che se non superiamo lo scoglio del vat.II in cui si è incagliata la barca di Pietro, e non si ritorna alla Santa tradizione lasciando l'eresia modernista, sinodalismi, ecumenismi e altre amenità, non se ne esce. Andiamo oltre, passiamo ad un altra epoca della chiesa, chiudiamo qui la sbronza del vat.II con tutta la sua retorica ammuffita, fatta di documenti, incontrismo, …More
N.S.dellaGuardia
È il fallimento della "chiesa in ritardo di almeno 200 anni sul mondo" e che ora è fedele specchio del mondo. È il fallimento della Chiesa neoumanista …More
È il fallimento della "chiesa in ritardo di almeno 200 anni sul mondo" e che ora è fedele specchio del mondo.
È il fallimento della Chiesa neoumanista secondo i dettami post-conciliari.
È il fallimento della chiesa obbediente al mondo ed al suo "pacifismo" all'insegna dei "valori occidentali", cioè materialismo e liberismo (nella più negativa delle accezioni).
Qualcuno che toglie il disturbo per la sfilza di fallimenti, o almeno che tace??
One more comment

Francesco promuove vescovo il teologo che “arruolò” l’anti-Ratzinger

Il sacerdote torinese don Roberto Repole è il nuovo arcivescovo-metropolita di Torino. Papa Francesco lo conosce bene: è il teologo che curò la collana delle Libreria Editrice Vaticana “La teologia …More
Il sacerdote torinese don Roberto Repole è il nuovo arcivescovo-metropolita di Torino. Papa Francesco lo conosce bene: è il teologo che curò la collana delle Libreria Editrice Vaticana “La teologia di papa Francesco” che Benedetto XVI rifiutò di recensire nel 2018.
Dobbiamo fare una doverosa digressione. Nel marzo del 2018 la Libreria Editrice Vaticana pubblicò una collana di undici libretti intitolata La teologia di papa Francesco, che fu presentata con grande solennità durante una conferenza stampa da mons. Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la Comunicazione, il quale cercò di far credere all’opinione pubblica che Benedetto XVI approvasse tale iniziativa — e il nuovo paradigma teologico che presentava — manipolando la lettera con cui invece il precedente e vivente Pontefice negava addirittura la propria recensione.
Scoppiò uno scandalo internazionale, così D.E. Viganò fu costretto a dimettersi, ma papa Francesco lo “salvò”, creando un incarico proprio per lui …More
lamprotes
Chissà perché ma quando vedo il Pampero che abbraccia ridendo i "suoi" mi par di sentire un opprimente lezzo di fogna!
alda luisa corsini
Voto di scambio? Clientelarismo? Corruzione.
One more comment

Sulla Lettera di Benedetto XVI – Febbraio 2022

Ci hanno chiesto un commento alla Lettera di Benedetto XVI sulla questione degli abusi sessuali… Riflettendo brevemente, senza pretendere alcuna conclusione esaustiva, tranne alcuni chiari passaggi,…More
Ci hanno chiesto un commento alla Lettera di Benedetto XVI sulla questione degli abusi sessuali…
Riflettendo brevemente, senza pretendere alcuna conclusione esaustiva, tranne alcuni chiari passaggi, in questa Lettera cogliamo tre aspetti sui quali riflettere.
Tutto è scaricabile qui in comodo pdf, compresa la Lettera.
Offriamo il testo per quanti non potranno essere alla diretta di domani sera su CooperatoresVeritatis dalle 21:15 nella quale ne parleremo.. 🙏
Il resto dell'articolo lo troverete anche qui, grazie
😇

Alla Rai ci andrà il Papa o Bergoglio? Cosa non si farebbe per rilanciare il marketing…

MARKETING è: il complesso delle tecniche intese a porre merci e servizi a disposizione del consumatore e dell’utente in un dato mercato nel tempo, luogo e modo più adatti, ai costi più bassi per il …More
MARKETING è: il complesso delle tecniche intese a porre merci e servizi a disposizione del consumatore e dell’utente in un dato mercato nel tempo, luogo e modo più adatti, ai costi più bassi per il consumatore e nello stesso tempo remunerativi per l’impresa…
La domanda che abbiamo postato nel titolo è fondamentale per comprendere l’inopportunità di questa “strategia” papale atta a rilanciare, sul mercato mediatico, l’immagine di un pontificato sempre più in declino, giunto ai suoi minimi storici. Inopportuno anche perchè, andare alla Rai dopo lo scandaloso esordio del Festival della canzone italiana a Sanremo, pone il serio dubbio a quanto Bergoglio dirà: parlerà da Pontefice o parlerà da Bergoglio?
Certo, sappiamo bene che non si possono fare i processi alle intenzioni e che sarà necessario, purtroppo, ascoltare ciò che Bergoglio dirà… ma, quando san Paolo insegnava a Timoteo:
«Ti scongiuro davanti a Dio e a Cristo Gesù che verrà a giudicare i vivi e i morti, per la sua manifestazione …More
N.S.dellaGuardia
Ci andrà quello che appena gli danno un microfono in aereo si sente in dovere di iniziare il proprio show personale. Proprio lui, quello che dice …More
Ci andrà quello che appena gli danno un microfono in aereo si sente in dovere di iniziare il proprio show personale.
Proprio lui, quello che dice buongiorno, buonasera e buon pranzo... magari fingerà una morte e resurrezione in diretta...
Teresa Zattarin
Quello che mi stupisce e che, non abbia mai voluto ricevere, o perdere tempo per ricevere il vescovo cinese Zen, che era rimasto a Roma per un bel pò …More
Quello che mi stupisce e che, non abbia mai voluto ricevere, o perdere tempo per ricevere
il vescovo cinese Zen, che era rimasto a Roma per un bel pò di tempo, perchè aveva assolutamente
bisogno di parlare col papa, ma gli era stato negato...chissà perchè... Quando ritornò in Cina...
dove ospitava dei seminaristi per farli studiare per farli diventare sacerdoti della Chiesa cattolica, e non del governo.... erano arrivati i poliziotti con le camionette e li hanno prelevati tutti meno uno
o due, ma hanno detto che avrebbero perquisito casa per casa, per trovarli.... Chissà quali crimini
hanno commesso, per essere trattati così... Povera Chiesa Cattolica della Cina...Quanta persecuzione per essa! Io ho un DVD che fa vedere queste situazioni...non so se fanno così
tutt'ora... ma è una cosa orrenda ! Ed il papa, non avrebbe dovuto ricevere un vescovo di una
Chiesa così martoriata.. e dare una parola di conforto di speranza... ma poi cosa avrà firmato lui con la Cina, che neppure il vescovo …More
9 more comments

Benedetto XVI la Chiesa, la dottrina, il dialogo, Fatima… Dal libro intervista Luce del mondo

“… è però divenuto da tempo evidente che, accanto alla Chiesa, non si è unicamente creato un vacuum, uno spazio vuoto, ma si è costituita una sorta di anti-Chiesa… una “grande lotta ingaggiata dal …More
“… è però divenuto da tempo evidente che, accanto alla Chiesa, non si è unicamente creato un vacuum, uno spazio vuoto, ma si è costituita una sorta di anti-Chiesa… una “grande lotta ingaggiata dal laicismo contro il Cristianesimo”. Esistono modi di pensare ben rodati che devono essere imposti a tutti. (..) In realtà si tratta di uno sviluppo che conduce sempre più a una rivendicazione intollerante da parte di una nuova religione che pretende essere valida per tutti perché razionale, anzi, perché è la ragione stessa che sola conosce e che quindi determina anche ciò che è rilevante per ognuno. La vera minaccia di fronte alla quale ci troviamo è che la tolleranza venga abolita in nome della tolleranza stessa. (..) Credo necessario denunciare con forza questa minaccia. Nessuno è costretto ad essere cristiano. Ma nessuno deve essere costretto a vivere secondo la “nuova religione”, come fosse l’unica e vera, vincolante per tutta l’umanità.”
(Benedetto XVI – passaggi tratti da “Luce del mondo”) …More

J.Ratzinger “Dio e il mondo” libro-intervista del 2000

Cari Amici, per comprendere la teologia di Joseph Ratzinger-Benedetto XVI è fondamentale conoscere il suo pensiero e che cosa ha realmente detto. Leggendo dal libro “La mia vita”, vedi qui, possiamo …More
Cari Amici, per comprendere la teologia di Joseph Ratzinger-Benedetto XVI è fondamentale conoscere il suo pensiero e che cosa ha realmente detto. Leggendo dal libro “La mia vita”, vedi qui, possiamo intravvedere il suo modo di ragionare che, per quanto da lui stesso definito “progressista“, di fatto prese le distanze da questo termine, quando si rese conto di come questo lo dissociasse dal rendere un “servizio” alla Chiesa, mettendolo spesso in cattiva luce a riguardo dell’ortodossia dottrinale.
La grandezza di Ratzinger sta nel fatto di essere riuscito a portare la dottrina in “modo nuovo“, ma non per questo necessariamente accusabile di eterodossia. Quando il teologo Hans Kung apostata ed eretico, grande amico di Ratzinger in età giovanile, lo accusò di aver “tradito” la causa dei teologi renani (teologi francesi e tedeschi) i quali si prefiggevano una vera rivoluzione contro Roma, volendo imporre le proprie ideologie moderniste, Ratzinger rispose: “non sono cambiato io, sono cambiati loroMore

Benedetto XVI, nel 2014: “La rinuncia alla verità è letale per la fede”. Lo stesso diceva Pio XI

Cari Amici... con una bellissima Lectio di Benedetto XVI del 2014, che troverete integralmente qui: Benedetto XVI, nel 2014: “La rinuncia alla verità è letale per la fede”. Lo stesso diceva Pio XI -…More
Cari Amici... con una bellissima Lectio di Benedetto XVI del 2014, che troverete integralmente qui:
Benedetto XVI, nel 2014: “La rinuncia alla verità è letale per la fede”. Lo stesso diceva Pio XI
- ricordiamo che dal 18 al 25 gennaio ci ritroviamo nuovamente nella Settimana dedicata alla Preghiera per l'unità dei Cristiani...
Iniziativa nobilissima avviata da san Pio X, estesa a tutta la Chiesa da Benedetto XV, leggi qui:
Ecumania forma perversa di ecumenismo e dialogo denunciata da San Newman
- e completamente stravolta da una pastorale "ecumaniacale" di cui ci avevano messo in guardia i Pontefici, specialmente Pio XI nella sua "Mortalium animos", enciclica dedicata proprio alla difesa della Verità della fede cattolica, contro una ecumania infida ed apostata...
Ebbene, concludiamo noi, non saranno queste odierne iniziative ecumaniacali a fermare il processo di scristianizzazione dell’Europa e dell’apostasia nella Chiesa perché, l’unico atto che potrà fermare tutto è LA VERGINE DEL …More

Per il Centenario dalla morte di Benedetto XV (1854-1922)

Cari Amici, il 22 gennaio del 1922 moriva un santo Pastore della santa Chiesa, il papa Benedetto XV, Giacomo Della Chiesa. Chi ode oggi il suo nome lo associa solamente alla frase della "inutile strage …More
Cari Amici, il 22 gennaio del 1922 moriva un santo Pastore della santa Chiesa, il papa Benedetto XV, Giacomo Della Chiesa.
Chi ode oggi il suo nome lo associa solamente alla frase della "inutile strage" contro la Prima Guerra Mondiale, altri lo associano al monumento che la Turchia gli offrì, indicandolo quale Pastore della pace.... ma Benedetto XV fu molto di più.
Benedetto XV ha combattuto, col suo insegnamento, non soltanto lo “spargimento di sangue” fraterno a causa della guerra, ma soprattutto ha combattuto contro la “morte delle anime”, contro l’apostasia, il Modernismo, l’eresia; ha combattuto contro la corruzione dei governi e delle nazioni, contro le idee perverse che già minavano l’Europa Cristiana.
Ha fatto sì delle “aperture” ma specificando, appunto: “Vogliamo adunque che rimanga intatta la nota antica legge: «Nulla si innovi, se non ciò che è stato tramandato»; la quale legge, mentre da una parte deve inviolabilmente osservarsi nelle cose di Fede, deve dall’altra servire …More
Sit nomen Domini benedictum shares this